Discussione:
Una volta aperto, tenere in frigo e consumare entro tre giorni
(troppo vecchio per rispondere)
Jamie
2018-01-09 18:44:48 UTC
Permalink
Raw Message
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Ho in frigo una confezione di cetriolini sott'aceto che reca questa
indicazione e credo sia aperta da almeno una settimana o 10 giorni. A
me sembrano ancora buoni, voi come vi comportate in questi casi? Che
rischi ci sono?
Grazie!
Huyg
2018-01-09 18:55:15 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Ho in frigo una confezione di cetriolini sott'aceto che reca questa
indicazione e credo sia aperta da almeno una settimana o 10 giorni. A me
sembrano ancora buoni, voi come vi comportate in questi casi? Che rischi ci
sono?
Uh guarda, per me sono una sorta di stella polare che mi indica la via.
Credo di aver consumato dei cetriolini sottaceto aperti da mesi.
Per me vale solo la prova vista-tatto-olfatto e al limite una puntina
di gusto.
Faccio da sempre così e sto beniss fnsjknsmnjjnxmz,
Jamie
2018-01-09 18:59:17 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Uh guarda, per me sono una sorta di stella polare che mi indica la via.
Credo di aver consumato dei cetriolini sottaceto aperti da mesi.
Per me vale solo la prova vista-tatto-olfatto e al limite una puntina di
gusto.
eh ma lo sai che ci sono alterazioni che non sempre sono visibili/gustabili.
vabbè io sono un po' paranoica per queste cose, lo ammetto
Post by Huyg
Faccio da sempre così e sto beniss fnsjknsmnjjnxmz,
ahaahah
Aietes
2018-01-09 19:17:11 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Huyg
Uh guarda, per me sono una sorta di stella polare che mi indica la via.
Credo di aver consumato dei cetriolini sottaceto aperti da mesi.
Per me vale solo la prova vista-tatto-olfatto e al limite una puntina di
gusto.
eh ma lo sai che ci sono alterazioni che non sempre sono visibili/gustabili.
vabbè io sono un po' paranoica per queste cose, lo ammetto
ma l'aceto lo metti in frigo dopo averlo aperto e lo butti via dopo 3
giorni? O hai una bottiglia aperta che gira da un po', fuori dal frigo, come
qualunque altro comune mortale? :)

Concordo infatti con Huyg. Perfino se si forma in superficie una lieve
patina di lieviti, prima di buttare via tutto controllerei se i cetrioli
avessero cambiato colore, consistenza e odore, prima di lanciarli nell'umido.

Opinione personale, e ammesso che di solito non consumo verdura sotto aceto.
Alessandro
Elwood
2018-01-09 22:05:30 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
eh ma lo sai che ci sono alterazioni che non sempre sono visibili/gustabili.
vabbè io sono un po' paranoica per queste cose, lo ammetto
Se qualcosa si doveva sviluppare, di questo tipo, si era già sviluppata anche a vasetto chiuso (tipo botulino). Io i sottaceti li mangio anche dopo un mese.
--
Elwood (Peter S.)
Aietes
2018-01-10 18:08:23 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
eh ma lo sai che ci sono alterazioni che non sempre sono visibili/gustabili.
vabbÚ io sono un po' paranoica per queste cose, lo ammetto
Se qualcosa si doveva sviluppare, di questo tipo, si era già sviluppata
anche a vasetto chiuso (tipo botulino). Io i sottaceti li mangio anche dopo un
mese.
il botulino non cresce in ambiente acido, per questo si acidficano le verdure
con l'aceto
Alessandro
Elwood
2018-01-11 07:54:47 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Aietes
il botulino non cresce in ambiente acido, per questo si acidficano le verdure
con l'aceto
Questo lo sanno anche i sassi, ormai :-)
Ma all'interno di un cetriolo magari non piccolissimo, il PH non è assicurato. Però se c'era stato un problema di produzione si sarebbe sviluppato comunque prima dell'apertura.
--
Elwood (Peter S.)
PMF
2018-01-10 08:25:13 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Huyg
Uh guarda, per me sono una sorta di stella polare che mi indica la via.
Credo di aver consumato dei cetriolini sottaceto aperti da mesi.
Per me vale solo la prova vista-tatto-olfatto e al limite una puntina di
gusto.
eh ma lo sai che ci sono alterazioni che non sempre sono visibili/gustabili.
vabbè io sono un po' paranoica per queste cose, lo ammetto
Momento: una volta aperte le confezioni, quello che si sviluppa è "roba
aerobica". E le cose aerobiche sono visibili, odorabili, percepibili, eccome!
Le cose non percepibili (il CO del camino che brucia male, il botulino di
certe conserve), guardacaso sono proprio anaerobici!
come ti hanno detto, i cetriolini sono più che edibili, anche oltre la
dicitura (che è un obbligo di legge, precauzionale)

Paolo
Mardot
2018-01-10 08:50:47 UTC
Permalink
Raw Message
Post by PMF
i cetriolini sono più che edibili, anche oltre
la dicitura (che è un obbligo di legge, precauzionale)
non sono aggiornato su eventuali recenti cambiamenti, che potrebbero
esserci stati

premesso questo, non ricordavo obblighi di legge per quanto riguarda
l'indicazione del numero esatto di giorni dopo l'apertura, in tal senso
l'etichetta di Jamie appare insolita, almeno a me

piuttosto ricordavo bene le modalita' di conservazione dopo l'apertura,
tipo la conservazione in frigo (cosa che non e' necessaria prima
dell'apertura), oppure la conservazione con il liquido che sommerge
totalmente il prodotto

tutte cose tipo quelle indicate da queste due etichette di esempio, a
titolo indicativo ma non esaustivo

https://goo.gl/x4eKq5

https://goo.gl/Lv6CTZ
PMF
2018-01-10 09:26:36 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
premesso questo, non ricordavo obblighi di legge per quanto riguarda
l'indicazione del numero esatto di giorni dopo l'apertura, in tal senso
l'etichetta di Jamie appare insolita, almeno a me
non è per nulla insolita. Vi sono alimentari confezionati che riportano
non le semplici indicazioni del tuo esempio, ma anche un termine ristretto
perilc onsumo una volta aperto.
se vuoi un esempio, la pasta fresca in genere, recita:

"Modalità di conservazione
Conserva in frigorifero tra +1° e + 4° C. Non forare la confezione. Una
volta aperta la confezione consumare il prodotto entro 3 giorni..."

https://tinyurl.com/ydhe6gkh

Paolo
Mardot
2018-01-10 09:29:41 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
premesso questo, non ricordavo obblighi di legge per quanto riguarda
l'indicazione del numero esatto di giorni dopo l'apertura, in tal
senso l'etichetta di Jamie appare insolita, almeno a me
non è per nulla insolita.  Vi sono  alimentari confezionati che
riportano non le semplici indicazioni del tuo esempio, ma anche un
termine ristretto perilc onsumo una volta aperto.
"Modalità di conservazione
Conserva in frigorifero tra +1° e + 4° C. Non forare la confezione. Una
volta aperta la confezione consumare il prodotto entro 3 giorni..."
https://tinyurl.com/ydhe6gkh
secondo me, e qui magari dico una stupidaggine, quell'indicazione dei
3gg e' relazionata a consumare il prodotto quando e' ancora ottimo dal
punto di vista qualitativo/organolettico, nulla a che vedere con la
sicurezza batterica alimentare (come invece potrebbe essere per una
conserva aperta)
Jamie
2018-01-10 10:11:05 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
i cetriolini sono più che edibili, anche oltre la dicitura (che è un
obbligo di legge, precauzionale)
non sono aggiornato su eventuali recenti cambiamenti, che potrebbero
esserci stati
premesso questo, non ricordavo obblighi di legge per quanto riguarda
l'indicazione del numero esatto di giorni dopo l'apertura, in tal senso
l'etichetta di Jamie appare insolita, almeno a me
infatti non è un obbligo di legge, è una sorta di "consiglio" del
produttore al momento
Jamie
2018-01-10 10:10:28 UTC
Permalink
Raw Message
Post by PMF
Momento: una volta aperte le confezioni, quello che si sviluppa è "roba
aerobica". E le cose aerobiche sono visibili, odorabili, percepibili, eccome!
Le cose non percepibili (il CO del camino che brucia male, il botulino
di certe conserve), guardacaso sono proprio anaerobici!
come ti hanno detto, i cetriolini sono più che edibili, anche oltre la
dicitura (che è un obbligo di legge, precauzionale)
e infatti li ho EDOTTI XD
Alessandro Cara
2018-01-09 20:14:23 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Faccio da sempre così e sto beniss fnsjknsmnjjnxmz,
Chiamo, cos'e', il 117?
Fermo restando che i /cetrioli/ qualsiasi forma dimensione
e conservazione non hanno scadenza!
--
ac (x=y-1)
Aborro il Killfile
(La violenza e' l'ultimo rifugio degli incapaci -Salvor Hardin-)
Albus Dumbledore
2018-01-10 09:29:27 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Alessandro Cara
Post by Huyg
Faccio da sempre così e sto beniss fnsjknsmnjjnxmz,
Chiamo, cos'e', il 117?
??????????
E' un evasore fiscale se mangia cetrioli scaduti?

:-O
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Albus Dumbledore
2018-01-10 09:27:03 UTC
Permalink
Raw Message
Uh guarda, per me sono una sorta di stella polare che mi indica la via. Credo
di aver consumato dei cetriolini sottaceto aperti da mesi.
Quoto.
Per me vale solo la prova vista-tatto-olfatto e al limite una puntina di
gusto.
Vero.
Guarda Spelacchio...
;-)
Faccio da sempre così e sto beniss fnsjknsmnjjnxmz,
lol
Pirlone!!!

ROTFL
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Huyg
2018-01-10 11:49:58 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Albus Dumbledore
Post by Huyg
Per me vale solo la prova vista-tatto-olfatto e al limite una puntina di
gusto.
Vero.
Guarda Spelacchio...
;-)
Se uno dovesse spiegare il carattere dei romani a un foresto, il caso
Spelacchio sarebbe un compendio magnifico.

Arriva -> tutti si schifano e si indignano.
Tutti si schifano e si indignano -> scatta il meccanismo per il quale
ci viene a simpatia.
Ci viene a simpatia -> diamo fondo a tutto il nostro talento per il
"tanto vale pijalla a ride", che è quello che manda avanti questa
meravigliosa, derelitta città da quasi 2800 anni.
La pijamo a ride -> quei cretini che ci amministrano pensano di portare
il nostro spirito a loro vantaggio, che vuol dire passare da pijalla a
ride a pijalla ar c$%o.
Finale: volemo più bene a un tronco spelacchiato che a chi abbiamo
votato. E siamo ricambiati.



(in tutto questo, non è un caso che non ho fatto minimamente cenno al
fatto che Spelacchio è stato anche un sontuoso caso di malagestione dei
soldi pubblici e soprattutto di menzogne spudorate ai propri elettori e
amministrati)
Albus Dumbledore
2018-01-10 12:05:06 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Post by Albus Dumbledore
Vero.
Guarda Spelacchio...
;-)
Se uno dovesse spiegare il carattere dei romani a un foresto, il caso
Spelacchio sarebbe un compendio magnifico.
Arriva -> tutti si schifano e si indignano.
Tutti si schifano e si indignano -> scatta il meccanismo per il quale ci
viene a simpatia.
Ci viene a simpatia -> diamo fondo a tutto il nostro talento per il "tanto
vale pijalla a ride", che è quello che manda avanti questa meravigliosa,
derelitta città da quasi 2800 anni.
La pijamo a ride -> quei cretini che ci amministrano pensano di portare il
nostro spirito a loro vantaggio, che vuol dire passare da pijalla a ride a
pijalla ar c$%o.
Finale: volemo più bene a un tronco spelacchiato che a chi abbiamo votato. E
siamo ricambiati.
:-)
Post by Huyg
(in tutto questo, non è un caso che non ho fatto minimamente cenno al fatto
che Spelacchio è stato anche un sontuoso caso di malagestione dei soldi
pubblici e soprattutto di menzogne spudorate ai propri elettori e
amministrati)
:-(
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
[Claudio] Red-Block !
2018-01-10 09:31:37 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Uh guarda, per me sono una sorta di stella polare che mi indica la via.
Credo di aver consumato dei cetriolini sottaceto aperti da mesi.
Idem. anche perché se è un vero sottaceto ai tempi dei nonni col cavolo
che gli mettevano in frigo e comunque non venivano chiusi proprio. Va
sicuramente peggio con le salamoie.
Comuque sono indicazioni cautelative che garantiscono sicurezza in ogni
caso, anche se l'utonto di turno gli ha scolati e poi gli ha rimessi in
frigo a secco.
qb_pll
2018-01-09 20:32:25 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Ho in frigo una confezione di cetriolini sott'aceto che reca questa
indicazione e credo sia aperta da almeno una settimana o 10 giorni. A
me sembrano ancora buoni, voi come vi comportate in questi casi? Che
rischi ci sono?
Grazie!
se le verdure sottaceto fossero da buttare tre giorni dopo l'apertura allora vedendo il barattolo residuo dell'insalata di riso estate 2015 potrei twittare a Trump che il mio è ancora più grosso e probabilmente funziona meglio.
Mardot
2018-01-10 07:52:47 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Nromalmente queste indicazioni le leggo prima di acquistare, se trovo
un'indicazione del genere, sicuramente non acquisto il prodotto. Non e'
infatti possibile che un barattolo di sottaceti normalmente ben
confezionato vada in malora dopo 3gg dall'apertura.


PS: dico anche che la percentuale di prodotti in vasetto che compero
durante l'anno sfiora lo 0,1% della spesa totale....
Jamie
2018-01-10 10:13:26 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Nromalmente queste indicazioni le leggo prima di acquistare, se trovo
un'indicazione del genere, sicuramente non acquisto il prodotto. Non e'
infatti possibile che un barattolo di sottaceti normalmente ben
confezionato vada in malora dopo 3gg dall'apertura.
PS: dico anche che la percentuale di prodotti in vasetto che compero
durante l'anno sfiora lo 0,1% della spesa totale....
beh perché non hai provato questi:
http://www.ciao.it/Freshona_Cetriolini_Aromatizzati__4074589
Mardot
2018-01-10 10:41:07 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Nromalmente queste indicazioni le leggo prima di acquistare, se trovo
un'indicazione del genere, sicuramente non acquisto il prodotto. Non e'
infatti possibile che un barattolo di sottaceti normalmente ben
confezionato vada in malora dopo 3gg dall'apertura.
PS: dico anche che la percentuale di prodotti in vasetto che compero
durante l'anno sfiora lo 0,1% della spesa totale....
http://www.ciao.it/Freshona_Cetriolini_Aromatizzati__4074589
??
Jamie
2018-01-10 11:04:17 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Nromalmente queste indicazioni le leggo prima di acquistare, se trovo
un'indicazione del genere, sicuramente non acquisto il prodotto. Non e'
infatti possibile che un barattolo di sottaceti normalmente ben
confezionato vada in malora dopo 3gg dall'apertura.
PS: dico anche che la percentuale di prodotti in vasetto che compero
durante l'anno sfiora lo 0,1% della spesa totale....
http://www.ciao.it/Freshona_Cetriolini_Aromatizzati__4074589
??
sò bòni, accattali!
Mardot
2018-01-10 11:20:47 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Jamie
Post by Mardot
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Nromalmente queste indicazioni le leggo prima di acquistare, se trovo
un'indicazione del genere, sicuramente non acquisto il prodotto. Non e'
infatti possibile che un barattolo di sottaceti normalmente ben
confezionato vada in malora dopo 3gg dall'apertura.
PS: dico anche che la percentuale di prodotti in vasetto che compero
durante l'anno sfiora lo 0,1% della spesa totale....
http://www.ciao.it/Freshona_Cetriolini_Aromatizzati__4074589
??
sò bòni, accattali!
ah!
quando li trovo in qualche rinfresco non disdegno i sottaceti, in
famiglia avevamo pure l'abitudine di farli (mamma, nonna, ecc...)

ma ti confesso di non essere attratto dall'acquisto, non sono goloso e
rischio davvero di aprire il vasetto, mangarne qualcuno e poi lasciarlo
in frigo per diverse settimane...
Jamie
2018-01-10 12:06:30 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Jamie
sò bòni, accattali!
ah!
quando li trovo in qualche rinfresco non disdegno i sottaceti, in
famiglia avevamo pure l'abitudine di farli (mamma, nonna, ecc...)
ma ti confesso di non essere attratto dall'acquisto, non sono goloso e
rischio davvero di aprire il vasetto, mangarne qualcuno e poi lasciarlo
in frigo per diverse settimane...
ti dico che io sempre mediamente detestato i sottaceti, e altrettanto i
cetrioli, ma per questi ho cambiato idea. In molte preparazioni danno
quel tocco in più. In un'insalata di patate, su/con un hamburger, ad
esempio.
Jk
2018-01-10 10:48:48 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
http://www.ciao.it/Freshona_Cetriolini_Aromatizzati__4074589
son quelli del Lidl, giusto?
Cmq io (che adesso però ho più comodo l' Eurospin) ci ho sempre comprato
la roba che tengo in ufficio x pranzarci e talvolta son rimasti in frigo
mesi senza svilupare alcunchè, ovvio guardare e annusare sempre, ma poi
vai Trà!
Jamie
2018-01-10 11:04:38 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Jamie
http://www.ciao.it/Freshona_Cetriolini_Aromatizzati__4074589
son quelli del Lidl, giusto
yes
Huyg
2018-01-10 11:44:24 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Nromalmente queste indicazioni le leggo prima di acquistare, se trovo
un'indicazione del genere, sicuramente non acquisto il prodotto. Non e'
infatti possibile che un barattolo di sottaceti normalmente ben
confezionato vada in malora dopo 3gg dall'apertura.
PS: dico anche che la percentuale di prodotti in vasetto che compero
durante l'anno sfiora lo 0,1% della spesa totale....
http://www.ciao.it/Freshona_Cetriolini_Aromatizzati__4074589
Ti piacciono?
Boh, io li ho comprati 2-3 volte, li ho trovati buoni, ma non erano
croccanti. E per me il cetriolino è anche e forse soprattutto
consistenza, se non scrocchia godo solo a metà (come per i Fonzies).

Comunque, scherzi a parte: l'unico prodotto per il quale sono tassativo
(con scritta data d'apertura a pennarello sul tappo, ecc.) è il latte
in polvere per mio figlio neonato. Anche perché da tatto, vista e gusto
si capisce poco, e l'odore è pestilenziale comunque...

Per il resto, la settimana scorsa ho mangiato uno yogurt scaduto prima
di Natale, e sto benissknfjngmvkckmc








(vabbè, mo' è inflazionata come battuta, la smetto)
Jamie
2018-01-10 12:08:44 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Ti piacciono?
Boh, io li ho comprati 2-3 volte, li ho trovati buoni, ma non erano
croccanti. E per me il cetriolino è anche e forse soprattutto
consistenza, se non scrocchia godo solo a metà (come per i Fonzies).
è vero la croccantezza è importante, ed in effetti ogni tanto capita che
non tutti lo siano, forse dipenderà pure dalla freschezza, boh, però li
trovo buoni ugualmente, e sono una che non amava né i cetrioli né i
sottaceti
Post by Huyg
Comunque, scherzi a parte: l'unico prodotto per il quale sono tassativo
(con scritta data d'apertura a pennarello sul tappo, ecc.) è il latte in
polvere per mio figlio neonato. Anche perché da tatto, vista e gusto si
capisce poco, e l'odore è pestilenziale comunque...
Per il resto, la settimana scorsa ho mangiato uno yogurt scaduto prima
di Natale, e sto benissknfjngmvkckmc
(vabbè, mo' è inflazionata come battuta, la smetto)
infatti, ormai già è passata :P
comunque con lo yogurt mediamente non ci sono problemi, se non presenta
alterazioni visibili, ovviamente però i fermenti, che sono quelli che lo
rendono un alimento "sano", saranno belli che deceduti
PapalePapale
2018-01-10 10:47:44 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Ho in frigo una confezione di cetriolini sott'aceto che reca questa
indicazione e credo sia aperta da almeno una settimana  o 10 giorni. A
me sembrano ancora buoni, voi come vi comportate in questi casi? Che
rischi ci sono?
Grazie!
A me avevano regalato il 25/12 una confezione di salmone affumicato
"decongelato" e c'era scritto consumare dopo tre giorni da quando aperto
e non oltre il 28/01 boh!!!!
Massy
2018-01-10 13:01:43 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Ho in frigo una confezione di cetriolini sott'aceto che reca questa
indicazione e credo sia aperta da almeno una settimana  o 10 giorni. A
me sembrano ancora buoni, voi come vi comportate in questi casi? Che
rischi ci sono?
Grazie!
Boh io penso di essere eccessivamente fiscale con queste scadenze. E
spesso con questi prodotti con scritto consumare entro 3 gg.
dall'apertura mi ingozzo pur di finirli (ultimamente melanzane sott'olio
e peperoni sott'olio dell'eurospin).
Ieri sera, ad es., ho buttato via 3 confezioni da un etto e mezzo di
salmone affumicato con data di scadenza 28.12. Avrò fatto male?! :(
Jamie
2018-01-10 13:11:28 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Massy
Boh io penso di essere eccessivamente fiscale con queste scadenze. E
spesso con questi prodotti con scritto consumare entro 3 gg.
dall'apertura mi ingozzo pur di finirli (ultimamente melanzane sott'olio
e peperoni sott'olio dell'eurospin).
Ieri sera, ad es., ho buttato via 3 confezioni da un etto e mezzo di
salmone affumicato con data di scadenza 28.12. Avrò fatto male?! :(
Ahem, tu sei matto eh! 3 confezioni di salmone buttate via? con quello
che costa? Devi decisamente calibrare i tuoi acquisti. Penso tu abbia
fatto bene però a buttarlo, perché col salmone non ci scherzerei, anche
se posso dirti che il mio compagno tempo fa ha consumato del salmone
affumicato scaduto da qualche giorno, ma non credo fossero 13 però,
senza problemi di sorta.
Ad onor del vero era quello del Lidl, che mi pare di notare fra quelli
in commercio è uno di quelli con la scadenza più ravvicinata, di solito
arrivano a non più di una settimana, mentre altri salmoni affumicati di
altre marche hanno scadenza fino anche a 2-3 mesi dopo. Mi sono sempre
chiesta perché.
Huyg
2018-01-10 14:40:06 UTC
Permalink
Raw Message
Ieri sera, ad es., ho buttato via 3 confezioni da un etto e mezzo di salmone
affumicato con data di scadenza 28.12. Avrò fatto male?! :(
Secondo me sì, ma vai a sapere. Ciò detto, in questi casi, forse
sbaglio, ma piuttosto che buttarlo lo cuocio. Magari a lungo: un bel
sugone per farci la pasta, che poi magari surgeli pure tanto per essere
più tranquillo. Io se proprio devo fare la pasta col salmone affumicato
la preferisco in bianco, ma piuttosto che buttarlo...
Mardot
2018-01-10 14:56:41 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Post by Massy
Ieri sera, ad es., ho buttato via 3 confezioni da un etto e mezzo di
salmone affumicato con data di scadenza 28.12. Avrò fatto male?! :(
Secondo me sì, ma vai a sapere. Ciò detto, in questi casi, forse
sbaglio, ma piuttosto che buttarlo lo cuocio. Magari a lungo: un bel
sugone per farci la pasta, che poi magari surgeli pure tanto per essere
più tranquillo. Io se proprio devo fare la pasta col salmone affumicato
la preferisco in bianco, ma piuttosto che buttarlo...
ma vai a sapere... !!!!

dai su si e' mai vista una cosa che affumicata scade da un giorno all'altro?

tra l'altro il salmone affumicato lo confezionano sottovuoto e si
conserva in frigo!

secondo me lo puoi mangiare tranquillamente anche dopo 2 mesi dalla
scadenza.....
Huyg
2018-01-10 15:07:04 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Massy
Ieri sera, ad es., ho buttato via 3 confezioni da un etto e mezzo di
salmone affumicato con data di scadenza 28.12. Avrò fatto male?! :(
Secondo me sì, ma vai a sapere. Ciò detto, in questi casi, forse sbaglio,
ma piuttosto che buttarlo lo cuocio. Magari a lungo: un bel sugone per
farci la pasta, che poi magari surgeli pure tanto per essere più
tranquillo. Io se proprio devo fare la pasta col salmone affumicato la
preferisco in bianco, ma piuttosto che buttarlo...
ma vai a sapere... !!!!
dai su si e' mai vista una cosa che affumicata scade da un giorno all'altro?
tra l'altro il salmone affumicato lo confezionano sottovuoto e si conserva in
frigo!
secondo me lo puoi mangiare tranquillamente anche dopo 2 mesi dalla
scadenza.....
Vabbè ma non è tecnicamente crudo? Almeno, così mi dissero quando la
signora era in gravidanza...
Mardot
2018-01-10 15:18:19 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Post by Mardot
Post by Huyg
Post by Massy
Ieri sera, ad es., ho buttato via 3 confezioni da un etto e mezzo di
salmone affumicato con data di scadenza 28.12. Avrò fatto male?! :(
Secondo me sì, ma vai a sapere. Ciò detto, in questi casi, forse
sbaglio, ma piuttosto che buttarlo lo cuocio. Magari a lungo: un bel
sugone per farci la pasta, che poi magari surgeli pure tanto per
essere più tranquillo. Io se proprio devo fare la pasta col salmone
affumicato la preferisco in bianco, ma piuttosto che buttarlo...
ma vai a sapere... !!!!
dai su si e' mai vista una cosa che affumicata scade da un giorno all'altro?
tra l'altro il salmone affumicato lo confezionano sottovuoto e si
conserva in frigo!
secondo me lo puoi mangiare tranquillamente anche dopo 2 mesi dalla
scadenza.....
Vabbè ma non è tecnicamente crudo? Almeno, così mi dissero quando la
signora era in gravidanza...
Per la gravidanza non so nemmeno se si puo' mangiare prima della
scadenza....
Jamie
2018-01-10 15:19:32 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Huyg
Vabbè ma non è tecnicamente crudo? Almeno, così mi dissero quando la
signora era in gravidanza...
Lo è. L'affumicatura non garantisce molto.
http://www.ilfattoalimentare.it/rischi-salmone-affumicato-listeria.html
PMF
2018-01-10 15:33:29 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Huyg
Vabbè ma non è tecnicamente crudo? Almeno, così mi dissero quando la
signora era in gravidanza...
Lo è. L'affumicatura non garantisce molto.
http://www.ilfattoalimentare.it/rischi-salmone-affumicato-listeria.html
Mardot in gravidanza?
Questa si che è una notizia... gh!

Paolo
Mardot
2018-01-10 15:45:15 UTC
Permalink
Raw Message
Post by PMF
Post by Jamie
Post by Huyg
Vabbè ma non è tecnicamente crudo? Almeno, così mi dissero quando la
signora era in gravidanza...
Lo è. L'affumicatura non garantisce molto.
http://www.ilfattoalimentare.it/rischi-salmone-affumicato-listeria.html
Mardot in gravidanza?
  Questa si che è una notizia... gh!
LOL
Massy
2018-01-10 15:36:04 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
ma vai a sapere... !!!!
dai su si e' mai vista una cosa che affumicata scade da un giorno all'altro?
tra l'altro il salmone affumicato lo confezionano sottovuoto e si
conserva in frigo!
secondo me lo puoi mangiare tranquillamente anche dopo 2 mesi dalla
scadenza.....
Insomma una quindicina di euro buttati inutilmente... :\
Mardot
2018-01-10 15:46:50 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Massy
Post by Mardot
ma vai a sapere... !!!!
dai su si e' mai vista una cosa che affumicata scade da un giorno all'altro?
tra l'altro il salmone affumicato lo confezionano sottovuoto e si
conserva in frigo!
secondo me lo puoi mangiare tranquillamente anche dopo 2 mesi dalla
scadenza.....
Insomma una quindicina di euro buttati inutilmente... :\
bell'articolo questo:
http://www.ilfattoalimentare.it/wp-content/uploads/2016/01/Fish-18-Dossier.pdf

in realta' il prodotto si presta anche a dei rischi, ma lo scarto dei
tempi di conservazione (da 21gg a 90gg) da produttore a produttore fa
capire che dopo la scadenza non ci dovrebbero essere problemi urgenti

certo, da quel che si legge il metodo di lavorazione e' essenziale,
quindi forse conta anche il prezzo che lo si paga....
Fatina_degli_Elfi
2018-01-10 15:38:37 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Ma voi le rispettate questo genere di indicazioni?
Ho in frigo una confezione di cetriolini sott'aceto che reca questa
indicazione e credo sia aperta da almeno una settimana  o 10 giorni. A
me sembrano ancora buoni, voi come vi comportate in questi casi? Che
rischi ci sono?
Grazie!
Dipende dal prodotto aperto. Ovviamente la questione è la conservabilità
in giorni, appurato che si parla di prodotti che debbono essere, una
volta aperti, conservati in frigo.
Per le confetture fatte da me o acquistate alla gdo o comunque
'industriali' anche se bio e di tutto rispetto, mi attengo alla
conservabilità non oltre i 30 gg verificando che il prodotto non abbia
modificato le sue caratteristiche. Generalmente se sosta oltre i 15 gg
lo utilizzo per fare crostate e dunque in cottura.
Per il latte specifico che in casa, non bevendolo io, un litro dura
almeno 7 gg e mi dicono sia ancora buono da bere, parlo di uht, per il
fresco massimo 5 gg. Per il resto cerco di seguire i consigli in
etichetta con qualche margine di giorno in più. Legumi conservati:
rispetto le etichette, altri cibi conservati quali tofu, pesce, carne
etc... sempre entro pochissimi giorni, e finora non hanno causato danni,
ma non andrei oltre i 4 gg, che sono anche troppi a mio avviso.
Il rischio è che si sviluppino micotossine assai pericolose per la
nostra salute, ma in questo entra in gioco anche il corretto
funzionamento del frigo ed un monitoraggio accurato, ma non paranoico,
delle temperature interne adattandole alle caratteristiche di ogni
singolo alimento. Tipo: non conservare le verdure nel reparto freddo,
differentemente non conservare i latticini nel reparto verdura etc...
Insomma regole banali, ma molto efficaci.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Albus Dumbledore
2018-01-10 15:56:51 UTC
Permalink
Raw Message
per il fresco massimo 5 gg.
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale, ma quello della Centrale di Milano e' ancora bevibile
dopo 10 giorni dalla scadenza.
Oltre non sono mai andato.
:-)
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Giampaolo Natali
2018-01-10 18:04:45 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Albus Dumbledore
per il fresco massimo 5 gg.
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale, ma quello della Centrale di Milano e' ancora bevibile
dopo 10 giorni dalla scadenza.
Oltre non sono mai andato.
:-)
Il mio record per il latte fresco è di DUE mesi oltre la scadenza.
Contenitore ben chiuso e tenuto in frigorifero (al mare).
Vado a fine novembre a fare un giro e trovo questo litro di latte.
Apro il cartone, l'odore è buono, l'aspetto pure..
Decido di tentare: mezza tazza di latte freddo e biscotti.
Nessuna reazione intestinale dopo 12 ore abbondanti.
Tazza intera e biscotti: idem come sopra.
Il terzo giorno ho scolato il latte tal quale bevendolo direttamente dal
contenitore.
Problemi?
Assolutamente no.
Latte fresco italiano venduto da Lidl (loro marchio).
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Aietes
2018-01-10 18:20:53 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Albus Dumbledore
per il fresco massimo 5 gg.
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale, ma quello della Centrale di Milano e' ancora bevibile
dopo 10 giorni dalla scadenza.
Oltre non sono mai andato.
:-)
Il mio record per il latte fresco è di DUE mesi oltre la scadenza.
Contenitore ben chiuso e tenuto in frigorifero (al mare).
Vado a fine novembre a fare un giro e trovo questo litro di latte.
Apro il cartone, l'odore è buono, l'aspetto pure..
Decido di tentare: mezza tazza di latte freddo e biscotti.
Nessuna reazione intestinale dopo 12 ore abbondanti.
Tazza intera e biscotti: idem come sopra.
Il terzo giorno ho scolato il latte tal quale bevendolo direttamente dal
contenitore.
Problemi?
Assolutamente no.
Latte fresco italiano venduto da Lidl (loro marchio).
Scusa Giampaolo, ma non concordo e ritengo che tu sia stato fortunato.

L'UHT è fatto per durare, poi la legge fissa un termine massimo (per esempio
in Svizzera è più corto il tempo minimo di conservazione amesso per il latte
UHT, di quello che si permette in Italia)

Il latte fresco non ha le stesse garanzie di durata, perché il trattamento non
abbatte la carica microbica, ma la riduce soltanto, e la conservazione in
frigo ne riduce quasi a zero la riproduzione.
Cmq non sono biologicamente sterili e non si sa mai cosa ci sia rimasto e che
potrebbe attivarsi (batteri capaci di crescere a 2-4°C ce ne possono essere
rimasti).

Per cui, benché non sia un fanatico del rispetto delle date indicate sui
prodotti, resto convinto che bere un latte fresco scaduto (termine in quesot
caso corretto perché è un prodotto deperibile) non è raccomandabile, anche se
conservato alle opportune condizioni.

IMHO
Alessandro
Jamie
2018-01-10 20:04:44 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Aietes
Il latte fresco non ha le stesse garanzie di durata, perché il trattamento non
abbatte la carica microbica, ma la riduce soltanto, e la conservazione in
frigo ne riduce quasi a zero la riproduzione.
Cmq non sono biologicamente sterili e non si sa mai cosa ci sia rimasto e che
potrebbe attivarsi (batteri capaci di crescere a 2-4°C ce ne possono essere
rimasti).
Per cui, benché non sia un fanatico del rispetto delle date indicate sui
prodotti, resto convinto che bere un latte fresco scaduto (termine in quesot
caso corretto perché è un prodotto deperibile) non è raccomandabile, anche se
conservato alle opportune condizioni.
Concordo. E comunque un singolo (ma anche 100) casi in cui tutto è
andato bene non fanno testo.
In ogni caso possiamo concludere che Giampaolo non avrà mai problemi di
ipocondria XD
Giampaolo Natali
2018-01-11 03:02:02 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Aietes
Post by Giampaolo Natali
Post by Albus Dumbledore
per il fresco massimo 5 gg.
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale, ma quello della Centrale di Milano e' ancora bevibile
dopo 10 giorni dalla scadenza.
Oltre non sono mai andato.
:-)
Il mio record per il latte fresco è di DUE mesi oltre la scadenza.
Contenitore ben chiuso e tenuto in frigorifero (al mare).
Vado a fine novembre a fare un giro e trovo questo litro di latte.
Apro il cartone, l'odore è buono, l'aspetto pure..
Decido di tentare: mezza tazza di latte freddo e biscotti.
Nessuna reazione intestinale dopo 12 ore abbondanti.
Tazza intera e biscotti: idem come sopra.
Il terzo giorno ho scolato il latte tal quale bevendolo direttamente dal
contenitore.
Problemi?
Assolutamente no.
Latte fresco italiano venduto da Lidl (loro marchio).
Scusa Giampaolo, ma non concordo e ritengo che tu sia stato fortunato.
L'UHT è fatto per durare, poi la legge fissa un termine massimo (per esempio
in Svizzera è più corto il tempo minimo di conservazione amesso per il latte
UHT, di quello che si permette in Italia)
Il latte fresco non ha le stesse garanzie di durata, perché il trattamento non
abbatte la carica microbica, ma la riduce soltanto, e la conservazione in
frigo ne riduce quasi a zero la riproduzione.
Cmq non sono biologicamente sterili e non si sa mai cosa ci sia rimasto e che
potrebbe attivarsi (batteri capaci di crescere a 2-4°C ce ne possono essere
rimasti).
Per cui, benché non sia un fanatico del rispetto delle date indicate sui
prodotti, resto convinto che bere un latte fresco scaduto (termine in quesot
caso corretto perché è un prodotto deperibile) non è raccomandabile, anche se
conservato alle opportune condizioni.
IMHO
Alessandro
Chiaro che non ho abitudine di bere latte fresco scaduto da 60 giorni.
Ho provato in quel caso dopo aver visto l'aspetto estetico e verificato
l'assenza di odori "strani".
Il primo approccio è stato comunque modesto, nell'ordine di 100 ml più o
meno.
Proprio per prudenza. Non sono masochista e non ho tentazioni suicide :-)
:-)
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Albus Dumbledore
2018-01-11 07:44:27 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Aietes
Per cui, benché non sia un fanatico del rispetto delle date indicate sui
prodotti, resto convinto che bere un latte fresco scaduto (termine in quesot
caso corretto perché è un prodotto deperibile) non è raccomandabile, anche se
conservato alle opportune condizioni.
Come detto, da un punto di vista nutrizionale, dopo 5 giorni il fresco
inizia a deperire.
Tuttavia, negli ultimi anni i processi di pastorizzazione hanno subito
un incremento migliorativo enorme.

Per dirti, alla fine degli anni '80, il latte prodotto dalla Centrale
di Monza (era ancora comunale), 12 ore dopo la scadenza era del tutto
inutilizzabile (coagulazione, odore).
Nello steso periodo, quello della Centrale di Milano resisteva 2/3
giorni oltre la scadenza, prima di subire lo stesso deperimento.
Oggi, come detto, entrambi (non piu' comunali; sara' questo il motivo?)
mostrano una miglior resistenza.
E io, che non ho voglia di andare a comprare il latte ogni 2/3 giorni,
lo consumo regolarmente oltre la scadenza da svariati anni, ormai.
Credo che come dato sia piu' che attendibile.
Oh, parlo di 5/6 giorni, in media, con punte di 9/10, come ho scritto.
Mai andato oltre.
Vale per:
Centrale Milano (10 giorni; Granarolo, mi pare)
Monza (4-5, mai provato oltre, memore dei tempi passati; non mi ricordo
piu' di chi e', oggi. Parmalat?)
Lactis (4 giorni; pure questa non e' piu' bergamasca, se ricordo bene.
Forse Granarolo anche lei?)
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Renato_VBI
2018-01-11 08:46:56 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Albus Dumbledore
Post by Aietes
Per cui, benché non sia un fanatico del rispetto delle date indicate sui
prodotti, resto convinto che bere un latte fresco scaduto (termine in quesot
caso corretto perché è un prodotto deperibile) non è raccomandabile, anche se
conservato alle opportune condizioni.
Come detto, da un punto di vista nutrizionale, dopo 5 giorni il fresco
inizia a deperire.
Tuttavia, negli ultimi anni i processi di pastorizzazione hanno subito
un incremento migliorativo enorme.
Per dirti, alla fine degli anni '80, il latte prodotto dalla Centrale di
Monza (era ancora comunale), 12 ore dopo la scadenza era del tutto
inutilizzabile (coagulazione, odore).
Nello steso periodo, quello della Centrale di Milano resisteva 2/3
giorni oltre la scadenza, prima di subire lo stesso deperimento.
Oggi, come detto, entrambi (non piu' comunali; sara' questo il motivo?)
mostrano una miglior resistenza.
E io, che non ho voglia di andare a comprare il latte ogni 2/3 giorni,
lo consumo regolarmente oltre la scadenza da svariati anni, ormai. Credo
che come dato sia piu' che attendibile.
Oh, parlo di 5/6 giorni, in media, con punte di 9/10, come ho scritto.
Mai andato oltre.
Centrale Milano (10 giorni; Granarolo, mi pare)
Monza (4-5, mai provato oltre, memore dei tempi passati; non mi ricordo
piu' di chi e', oggi. Parmalat?)
Lactis (4 giorni; pure questa non e' piu' bergamasca, se ricordo bene.
Forse Granarolo anche lei?)
Sono dell'opinione che questo accade perche', a differenza di tempi
passati, quello che si acquista non e' piu' vero latte fresco ma un
qualcosa che si avvicina al latte, considerato che dal *vero* latte
hanno tolto di tutto e di piu'.....

Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del
latte crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
--
Ciao, Renato
Mardot
2018-01-11 09:01:54 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Renato_VBI
Sono dell'opinione che questo accade perche', a differenza di tempi
passati, quello che si acquista non e' piu' vero latte fresco ma un
qualcosa che si avvicina al latte, considerato che dal *vero* latte
hanno tolto di tutto e di piu'.....
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del
latte crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Sono d'accordo con te.

Del resto, sicuramnete le tecniche moderne di conservazione saranno pur
migliorate, ma se prendi ottimi prodotti naturali e provi a verificare
il tempo entro il quale restano "buoni", vedi che tale tempo e'
incredibilmente breve, in generale.

La verdura poi e' emblematica.

Prendi un'insalata dell'orto, la metti in frigo, il giorno seguente ha
gia' le foglie appassite. Poi se la metti in acqua un'ora un po'
rinviene, ma nessun miracolo.

Prendi la stessa insalata al supermarket, appassisce in frigo dopo 7gg
e, dopo che e' appassita, se la butti in acqua torna fresca come il
giorno che l'hai comprata.

Non sto dicendo che questi trattamenti siano tutti dannosi, benche'
utili a conservare il prodotto, sto dicendo che di sicuro ci sono dei
tattamenti. Quindi tra tutti, alcuni saranno anche indifferenti al
nostro benessere, ma tanti altri no. Io se so che il latte che compero
dopo due mesi e' ancora buono, non lo compero piu', questo e' sicuro.
Renato_VBI
2018-01-11 09:18:29 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Renato_VBI
Sono dell'opinione che questo accade perche', a differenza di tempi
passati, quello che si acquista non e' piu' vero latte fresco ma un
qualcosa che si avvicina al latte, considerato che dal *vero* latte
hanno tolto di tutto e di piu'.....
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del
latte crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Sono d'accordo con te.
Del resto, sicuramnete le tecniche moderne di conservazione saranno pur
migliorate, ma se prendi ottimi prodotti naturali e provi a verificare
il tempo entro il quale restano "buoni", vedi che tale tempo e'
incredibilmente breve, in generale.
La verdura poi e' emblematica.
Prendi un'insalata dell'orto, la metti in frigo, il giorno seguente ha
gia' le foglie appassite. Poi se la metti in acqua un'ora un po'
rinviene, ma nessun miracolo.
Prendi la stessa insalata al supermarket, appassisce in frigo dopo 7gg
e, dopo che e' appassita, se la butti in acqua torna fresca come il
giorno che l'hai comprata.
Non sto dicendo che questi trattamenti siano tutti dannosi, benche'
utili a conservare il prodotto, sto dicendo che di sicuro ci sono dei
tattamenti. Quindi tra tutti, alcuni saranno anche indifferenti al
nostro benessere, ma tanti altri no. Io se so che il latte che compero
dopo due mesi e' ancora buono, non lo compero piu', questo e' sicuro.
Ti do torto su tutta la linea perche' se ti do ragione ti preoccupi....
:-)
:-P

Ovviamente quoto tutto..... Separati in culla io e te.... :-P
--
Ciao, Renato
Albus Dumbledore
2018-01-11 09:33:53 UTC
Permalink
Raw Message
Sono dell'opinione che questo accade perche', a differenza di tempi passati,
quello che si acquista non e' piu' vero latte fresco ma un qualcosa che si
avvicina al latte, considerato che dal *vero* latte hanno tolto di tutto e di
piu'.....
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del latte
crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Probabile, si'.
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Albus Dumbledore
2018-01-11 09:39:00 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Albus Dumbledore
Post by Renato_VBI
Sono dell'opinione che questo accade perche', a differenza di tempi
passati, quello che si acquista non e' piu' vero latte fresco ma un
qualcosa che si avvicina al latte, considerato che dal *vero* latte hanno
tolto di tutto e di piu'.....
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del latte
crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Probabile, si'.
Ah, un attimo.
Io parlo del parzialmente scremato.
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Fatina_degli_Elfi
2018-01-16 17:55:23 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Renato_VBI
Sono dell'opinione che questo accade perche', a differenza di tempi
passati, quello che si acquista non e' piu' vero latte fresco ma un
qualcosa che si avvicina al latte, considerato che dal *vero* latte
hanno tolto di tutto e di piu'.....
Non solo. Tieni presente che una mucca in allattamento produceva nel
secondo dopoguerra e prima al massimo 10 litri di latte al giorno,
di cui una parte destinata ai cuccioli, la restante a consumo umano.
Oggi una mucca da allevamento intensivo produce oltre 60 litri di latte
al giorno, con tutti i medicamenti annessi: antibiotici,
antiinfiammatori, vaccini etc... un mix di farmacopea quotidiana.
E questo è il latte fresco, ben medicato, aggiungi poi che per la
conservazione viene pastorizzato ed ottieni il latte odierno.
Sul processo di pastorizzazione non discuto, anzi lo approvo e sono
felice che il progresso abbia portato a questa maggiore attenzione alla
sicurezza alimentare, ma questo latte del vero latte di una volta, da
mucca sana e felice, ha ben poco.
Non voglio fare la solita polemica animalista, non ci penso proprio,
questi sono solo dati di fatto. Un latte con un mix di farmaci
all'interno sempre sotto la soglia di legge, ma presente.
Sicuramente controllato, ma non puro e vero latte.
Inoltre il gusto rispetto a quello che consumavo da bambina, fresco di
latteria tutti i giorni, è profondamente diverso, quando va bene ha un
gusto gradevole.
Lo si beve in quanto piace o per abitudine, si può farne tranquillamente
a meno, specie se intolleranti. Il formaggio non è più 'sano' da questo
punto di vista e sicuramente non più genuino.
Va detto anche che in Italia questi prodotti sono controllati e se
assunti in porzioni moderate aiutano a stare in salute, ma di questi
dobbiamo accontentarci.
Che il latte duri tanti giorni in più, non a caso esiste proprio un
latte denomimato 'fresco più giorni' prodotto da note aziende, non mi
stupisce. Sono certa che una volta aperto potrebbe stazionare in frigo
anche due mesi senza temere alcuna modificazione di consistenza e gusto.
Questo merito dei processi di lavorazione, del mix farmacologico e di
tanto altro ancora.
Post by Renato_VBI
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del
latte crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Appunto, ma devi conoscere anche la mucca ed essere certo che sia
alimentata seguendo la sua natura e libera di scorrazzare per i pascoli,
felice. Libera anche di allattare i suoi cuccioli e di restare incinta
quando le pare.



---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Aietes
2018-01-16 19:46:46 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
Post by Renato_VBI
Sono dell'opinione che questo accade perche', a differenza di tempi
passati, quello che si acquista non e' piu' vero latte fresco ma un
qualcosa che si avvicina al latte, considerato che dal *vero* latte
hanno tolto di tutto e di piu'.....
Non solo. Tieni presente che una mucca in allattamento produceva nel
secondo dopoguerra e prima al massimo 10 litri di latte al giorno,
di cui una parte destinata ai cuccioli, la restante a consumo umano.
Oggi una mucca da allevamento intensivo produce oltre 60 litri di latte
in verità, sono razze diverse. Parli delle frisone, in particolare della frisona
canadese, che è stato il sogno degli allevatori nel secondo dopoguerra.
in rapporto a tale frisona, che ha imperversato e continua ad imperversare negli
allevamenti, con l'abbaglio delle alte performance, le brune alpine sarebbero a
ridotta montata lattea, e le pezzate rosse friulane quasi non lo saprebbero fare
il latte. Ma le cose stanno lentamente cambiando: perfino la selezione sulle
frisone ha preso una piega diversa, considerato il limite imposto con le quote
latte.
Ci sono inoltre gruppi che allevano razze locali, proprio per avere produzioni
migliori, "di nicchia" con razze più adatte al territorio.
Post by Fatina_degli_Elfi
al giorno, con tutti i medicamenti annessi: antibiotici,
antiinfiammatori, vaccini etc... un mix di farmacopea quotidiana.
di sicuro qualche esemplare trattato scappa, ma esiste una regolamentazione
stretta che vieta di trattare animali in produzione lattea. Se non si può fare
altrimenti, il latte non può essere utilizzato per l'alimentazione.

E non si vaccinano le vacche, ma i vaccini non lascerebbero residui...
Post by Fatina_degli_Elfi
Che il latte duri tanti giorni in più, non a caso esiste proprio un
latte denomimato 'fresco più giorni' prodotto da note aziende, non mi
stupisce. Sono certa che una volta aperto potrebbe stazionare in frigo
anche due mesi senza temere alcuna modificazione di consistenza e gusto.
Questo merito dei processi di lavorazione, del mix farmacologico e di
tanto altro ancora.
veramente sarebbe merito di allevamenti certificati, con alti standard di
gestione degli animali, con riduzione al minimo di mastiti, problemi podali e
altre magagne che accadono e di frequente in allevamenti di vecchio stampo.
Uno dei problemi sulla conservabilità del latte è legato anche al numero di
cellule di sfaldamento della mammella. Meno ce ne sono, più dura il latte.
Mastiti subcliniche sono ciò che si mira ad evitare in allevamenti certificati,
ché sono quelle più difficili da vedere e influiscono sulla qualità del latte.
Post by Fatina_degli_Elfi
Post by Renato_VBI
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del
latte crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Appunto, ma devi conoscere anche la mucca ed essere certo che sia
alimentata seguendo la sua natura e libera di scorrazzare per i pascoli,
felice. Libera anche di allattare i suoi cuccioli e di restare incinta
quando le pare.
sono animali ad alte performance, praticamente delle atlete, e con i capezzoli
adattati alla mungitrice automatica, non più al vitello... il quadretto bucolico
che hai disegnato non esiste per le razze di allevamenti intensivi, anche se ad
alto standard di qualità.

Infine vanno chiamate vacche, esemplari femminili della specie mucca, senza
temere nessuna accezione spregiativa, che non c'è. Come nessuno chiama mucca un
toro, così si devono chiamare vitelle e vacche, a seconda dell'età.

Saluti
Alessandro
Albus Dumbledore
2018-01-17 08:16:57 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Aietes
Saluti
Alessandro
Grazie.
Chiarissimo.
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Renato_VBI
2018-01-17 07:22:44 UTC
Permalink
Raw Message
Il 16/01/2018 18:55, Fatina_degli_Elfi ha scritto:

[C U T]
Post by Fatina_degli_Elfi
Appunto, ma devi conoscere anche la mucca ed essere certo che sia
alimentata seguendo la sua natura e libera di scorrazzare per i pascoli,
felice.
La fattrice la conosco ed il fattore che l'accudisce, contadino d'altri
tempi, ha la mia massima fiducia.
Post by Fatina_degli_Elfi
Libera anche di allattare i suoi cuccioli
Per questo mi trovo talvolta in difficolta' ad avere latte crudo in
quantita' "usabili" per caciottine home made di primo sale....
Post by Fatina_degli_Elfi
e di restare incinta quando le pare.
A questo ci pensa il toro, una volta all'anno, altrimenti come farei ad
avere - come ho gia' scritto altre volte - la mia scorta annuale di
carne di vitello da latte?
--
Ciao, Renato
Albus Dumbledore
2018-01-17 08:15:10 UTC
Permalink
Raw Message
Che il latte duri tanti giorni in più, non a caso esiste proprio un latte
denomimato 'fresco più giorni' prodotto da note aziende, non mi stupisce.
Sono certa che una volta aperto potrebbe stazionare in frigo anche due mesi
senza temere alcuna modificazione di consistenza e gusto.
No, questo no.
Oh Dio, non so oggi, ma fino a un 4-5 anni fa, un paio di giorni dopo
la scadenza iniziava a rovinarsi. A volte anche un po' prima della
scadenza.
Parlo del Granarolo.
E, comunque, e' preparato in modo diverso (microfiltrato).
Questo, da un punto di vista nutrizionale, e' molto, ma molto piu'
povero del latte fresco.
Questo merito dei processi di lavorazione, del mix farmacologico e di tanto
altro ancora.
Mah, guarda, fino a quando i limiti di legge sono rispettati, la cosa
non mi sconvolge piu' di tanto.
Ci sono ben altre cose di cui preoccuparsi, onestamente, oggi.
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del latte
crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Appunto, ma devi conoscere anche la mucca ed essere certo che sia alimentata
seguendo la sua natura e libera di scorrazzare per i pascoli, felice. Libera
anche di allattare i suoi cuccioli e di restare incinta
quando le pare.
La conosco!!
LA LOLA!!!!11!1!!
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Elwood
2018-01-20 13:31:33 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
Non solo. Tieni presente che una mucca in allattamento produceva nel
secondo dopoguerra e prima al massimo 10 litri di latte al giorno,
di cui una parte destinata ai cuccioli, la restante a consumo umano.
Oggi una mucca da allevamento intensivo produce oltre 60 litri di latte
al giorno, con tutti i medicamenti annessi: antibiotici,
antiinfiammatori,
non credo ci sia correlazione fra quantitá di latte prodotta e quantitaá di farmaci da assumere. É correlato alla modalità di allevamento.
Post by Fatina_degli_Elfi
vaccini etc...
Beh questi direi che sono tutto di guadagnato.
--
Elwood (Peter S.)
Elwood
2018-01-20 13:26:16 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Renato_VBI
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del
latte crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Conosci la mucca? :)
IMHO non è che conoscere il contadino riduca la possibilità di prendersi malattie, eh? Magari per l'epatite A sei vaccinato, ma ci sono altre rogne.

Come in ogni altra cosa, affidarsi alla scienza è sempre la scelta che garantisce risultati sicuri. E la risposta della scienza alla perdita di qualità del latte sottoposto alla pastorizzazione è la pastorizzazione a bassa temperatura, non più di 62 gradi. Purtroppo difficile da trovare.
Se sei appassionarto di latte, però, potresti considerare di investire in un sous vide, o altri modi per bagni a temperatura controllata, e pastorizzartelo te.
--
Elwood (Peter S.)
Renato_VBI
2018-01-21 11:10:47 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Elwood
Post by Renato_VBI
Poi saro' io polemico, ci puo' stare, ma quando riesco ad avere del
latte crudo (solo da chi conosco personalmente) vedo e sento l'enorme
differenza.....
Conosci la mucca? :)
Siiiii.....e' la Lola di casa mia....
Post by Elwood
IMHO non è che conoscere il contadino riduca la possibilità di prendersi malattie, eh? Magari per l'epatite A sei vaccinato, ma ci sono altre rogne.
Quassu' da noi abbiamo dei protocolli molto rigidi ed il latte viene
controllato giornalmente.
Post by Elwood
Come in ogni altra cosa, affidarsi alla scienza è sempre la scelta che garantisce risultati sicuri. E la risposta della scienza alla perdita di qualità del latte sottoposto alla pastorizzazione è la pastorizzazione a bassa temperatura, non più di 62 gradi. Purtroppo difficile da trovare.
Se sei appassionarto di latte, però, potresti considerare di investire in un sous vide, o altri modi per bagni a temperatura controllata, e pastorizzartelo te.
Ringrazio per il consiglio maq piuttosto che intervenire successivamente
preferisco gli interventi preventivi.
Se il bestiame e' ben nutrito, controllato e "contento" certe
"patologie" IMO non prevalgono.....
--
Ciao, Renato
Elwood
2018-01-22 17:18:03 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Renato_VBI
Quassu' da noi abbiamo dei protocolli molto rigidi ed il latte viene
controllato giornalmente.
Penso che siano identici a quelli che abbiamo in terronia (nel Bellunese). Comunque se ti senti tranquillo, non voglio certo farti cambiare idea.

Volevo solo sfatare il mito che conoscere il produttore di qualcosa automaticamente permetta di capire la qualità del prodotto, dal punto di vista sanitario, e che produzioni più piccole assicurino migliore sicurezza.

Poi, non so come sia su da voi, ma nel bellunese (alpeggi a parte) di vacche all'aperto se ne vedono gran poche.
--
Elwood (Peter S.)
Renato_VBI
2018-01-22 17:32:02 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Elwood
Post by Renato_VBI
Quassu' da noi abbiamo dei protocolli molto rigidi ed il latte viene
controllato giornalmente.
Penso che siano identici a quelli che abbiamo in terronia (nel Bellunese). Comunque se ti senti tranquillo, non voglio certo farti cambiare idea.
Sono tranquillo perche' il contadino e la sua compagna li considero
quasi di famiglia.
Post by Elwood
Volevo solo sfatare il mito che conoscere il produttore di qualcosa automaticamente permetta di capire la qualità del prodotto, dal punto di vista sanitario, e che produzioni più piccole assicurino migliore sicurezza.
Poi, non so come sia su da voi, ma nel bellunese (alpeggi a parte) di vacche all'aperto se ne vedono gran poche.
Da noi la situazione, grazie anche alle politiche agricole che
funzionano ed ad un turismo che crede molto nella cura del territorio,
e' decisamente buona.

Ricordo ancora quando, in alto Comelico, si vedevano decine di mucche
pascolare liberamente ed i prati, regolarmente tagliati, facevano
apparire il paesaggio come qui in Alto Adige.

Ora si vedono solo paesi mezzi abbandonati con i prati non tagliati ed
il bosco che scende quasi fino alle case.....
Ed i figli di quella gente orgogliosa e tenace, per non soffrire,
cercano lavoro da noi o all'estero.

Dispiace..... molto.
--
Ciao, Renato
Jamie
2018-01-10 20:02:56 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Il mio record per il latte fresco è di DUE mesi oltre la scadenza.
Contenitore ben chiuso e tenuto in frigorifero (al mare).
Vado a fine novembre a fare un giro e trovo questo litro di latte.
Apro il cartone, l'odore è buono, l'aspetto pure..
Decido di tentare: mezza tazza di latte freddo e biscotti.
Nessuna reazione intestinale dopo 12 ore abbondanti.
Tazza intera e biscotti: idem come sopra.
Il terzo giorno ho scolato il latte tal quale bevendolo direttamente dal
contenitore.
Problemi?
Assolutamente no.
Latte fresco italiano venduto da Lidl (loro marchio).
Mia mamma son già tre volte che becca al Lidl latte fresco (quello senza
lattosio) che quaglia, appena comprato eh, e neanche vagamente scaduto.
Fatina_degli_Elfi
2018-01-10 21:31:06 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Mia mamma son già tre volte che becca al Lidl latte fresco (quello senza
lattosio) che quaglia, appena comprato eh, e neanche vagamente scaduto.
Non so se sia una coincidenza o vi sia una spiegazione
logico-scientifica. Di recente Granarolo ha ritirato 19 lotti di latte
uht Accadì senza lattosio per formazione di grumi se riscaldato, Coop ha
ritirato alcuni lotti del latte Benesì senza lattosio, uht, per la
presenza di grumi. Nessun rischio per la salute del consumatore, mi
sorge il dubbio che il tutto sia dovuto al processo di
de-lattosizzazione o scissione del lattosio (per emulazione a caldo
di lattasi enzimatica). Potrebbe essere? Bressanini, se ci sei batti un
colpo ;-)

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Albus Dumbledore
2018-01-11 07:49:48 UTC
Permalink
Raw Message
Non so se sia una coincidenza o vi sia una spiegazione logico-scientifica. Di
recente Granarolo ha ritirato 19 lotti di latte uht Accadì senza lattosio per
formazione di grumi se riscaldato, Coop ha ritirato alcuni lotti del latte
Benesì senza lattosio, uht, per la presenza di grumi.
Siamo certi che la provenienza sia differente?
Nessun rischio per la
salute del consumatore, mi sorge il dubbio che il tutto sia dovuto al
processo di de-lattosizzazione o scissione del lattosio (per emulazione a
caldo di lattasi enzimatica).
Possibile.
Un malfunzionamento del programma in fase di produzione (basta una
sonda di temperatura tarata male, una valvola di immissione di qualche
reagente che chiude male...) o una materia prima /diversa/ dal solito.
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Giampaolo Natali
2018-01-11 08:10:55 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Albus Dumbledore
per il fresco massimo 5 gg.
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale, ma quello della Centrale di Milano e' ancora bevibile
dopo 10 giorni dalla scadenza.
Oltre non sono mai andato.
:-)
Il mio record per il latte fresco è di DUE mesi oltre la scadenza.
Contenitore ben chiuso e tenuto in frigorifero (al mare).
Vado a fine novembre a fare un giro e trovo questo litro di latte.
Apro il cartone, l'odore è buono, l'aspetto pure..
Decido di tentare: mezza tazza di latte freddo e biscotti.
Nessuna reazione intestinale dopo 12 ore abbondanti.
Tazza intera e biscotti: idem come sopra.
Il terzo giorno ho scolato il latte tal quale bevendolo direttamente dal
contenitore.
Problemi?
Assolutamente no.
Latte fresco italiano venduto da Lidl (loro marchio).
Mi sovviene un altro episodio:

In cantina (la mia minicoop) avevo un barattolo di macedonia di frutta
Freshona (lidl) da tempo immemore.
Sapendo che era vecchissimo non mi decidevo a buttarlo ma nemmeno ad
aprirlo.
Poi un giorno lo prendo in mano e leggo la data di scadenza: CINQUE anni
prima !!
A quel punto decido di buttarlo, ma causa la raccolta differenziata prima lo
apro per separare la destinazione del contenuto e del contenitore,
aspettandomi chissà quali schifezze.
Sorpresa: contenuto apparentemente integro, di ottimo aspetto e profumo di
prodotto fresco.
Che faccio, butto tutto o lo assaggio prima?
Lo assaggio, buono!
Ne mangio un po' (poco)
Metto il barattolo in frigorifero e aspetto il giorno dopo.
Nessuna reazione dal mio organismo e, per farla breve, tutto il contenuto è
stato buttato dentro lo stomaco del sottoscritto.
:-) :-) :-) :-)
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Mardot
2018-01-11 08:38:23 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Giampaolo Natali
Il mio record per il latte fresco è di DUE mesi oltre la scadenza.
Latte fresco italiano venduto da Lidl (loro marchio).
In cantina (la mia minicoop) avevo un barattolo di macedonia di frutta
Freshona (lidl) da tempo immemore.
Queste sono due ottime testimonianze sul perche' il Lidl dovrebbe essere
evitato come la peste.
Jamie
2018-01-11 10:45:57 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
In cantina (la mia minicoop) avevo un barattolo di macedonia di frutta
Freshona (lidl) da tempo immemore.
Sapendo che era vecchissimo non mi decidevo a buttarlo ma nemmeno ad
aprirlo.
Poi un giorno lo prendo in mano e leggo la data di scadenza: CINQUE anni
prima !!
A quel punto decido di buttarlo, ma causa la raccolta differenziata
prima lo apro per separare la destinazione del contenuto e del
contenitore, aspettandomi chissà quali schifezze.
Sorpresa: contenuto apparentemente integro, di ottimo aspetto e profumo
di prodotto fresco.
Che faccio, butto tutto o lo assaggio prima?
Lo assaggio, buono!
Ne mangio un po' (poco)
Metto il barattolo in frigorifero e aspetto il giorno dopo.
Nessuna reazione dal mio organismo e, per farla breve, tutto il
contenuto è stato buttato dentro lo stomaco del sottoscritto.
:-) :-) :-) :-)
D'accordo, ma cosa stavi mangiando lì? Zuccheri e basta. Niente per cui
valga la pena rischiare, a mio avviso.
Giampaolo Natali
2018-01-11 15:13:54 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Giampaolo Natali
In cantina (la mia minicoop) avevo un barattolo di macedonia di frutta
Freshona (lidl) da tempo immemore.
Sapendo che era vecchissimo non mi decidevo a buttarlo ma nemmeno ad
aprirlo.
Poi un giorno lo prendo in mano e leggo la data di scadenza: CINQUE anni
prima !!
A quel punto decido di buttarlo, ma causa la raccolta differenziata
prima lo apro per separare la destinazione del contenuto e del
contenitore, aspettandomi chissà quali schifezze.
Sorpresa: contenuto apparentemente integro, di ottimo aspetto e profumo
di prodotto fresco.
Che faccio, butto tutto o lo assaggio prima?
Lo assaggio, buono!
Ne mangio un po' (poco)
Metto il barattolo in frigorifero e aspetto il giorno dopo.
Nessuna reazione dal mio organismo e, per farla breve, tutto il
contenuto è stato buttato dentro lo stomaco del sottoscritto.
:-) :-) :-) :-)
D'accordo, ma cosa stavi mangiando lì? Zuccheri e basta. Niente per cui
valga la pena rischiare, a mio avviso.
Non hai mica tutti i torti, se è per quello.
Ma se non provi non saprai mai se il prodotto è ancora passabile oppure no.
E visto che era ancora perfettamente commestibile come appena
acquistata..........:-)
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Aietes
2018-01-10 18:12:22 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Albus Dumbledore
per il fresco massimo 5 gg.
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale,
organolettico ;-)
i macronutrienti non variano, forse se ne vanno un po' di vitamine, ma non
per 10 giorni in più
Post by Albus Dumbledore
ma quello della Centrale di Milano e' ancora bevibile
dopo 10 giorni dalla scadenza.
Oltre non sono mai andato.
:-)
yogurt a 3 mesi dalla scadenza, ma una mia amica giura di averne mangiato
uno scaduto da un anno (dimenticato in frigo).

Con rispetto scrivendo e tanti saluti :D
Alessandro
Albus Dumbledore
2018-01-11 07:47:22 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Aietes
Post by Albus Dumbledore
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale,
organolettico ;-)
No.
Post by Aietes
i macronutrienti non variano,
La degradazione riguarda /anche/ i macro.
la coagulazione e' per le proteine.
La puzza, i grassi.
Post by Aietes
forse se ne vanno un po' di vitamine,
Sono le prime.
Post by Aietes
ma non per 10 giorni in più
Oh, yes.
Post by Aietes
Post by Albus Dumbledore
ma quello della Centrale di Milano e' ancora bevibile
dopo 10 giorni dalla scadenza.
Oltre non sono mai andato.
:-)
yogurt a 3 mesi dalla scadenza, ma una mia amica giura di averne mangiato
uno scaduto da un anno (dimenticato in frigo).
Possibile.
Un lotto particolarmente ben pastorizzato.
Non certamente una regola, ma un caso, possibile, si'.
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Aietes
2018-01-11 13:20:37 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Albus Dumbledore
Post by Aietes
Post by Albus Dumbledore
La scadenza del fresco e' ufficialmente di 5 giorni.
Dopo questo periodo, inizia a decadere da un punto di vista
nutrizionale,
organolettico ;-)
No.
Post by Aietes
i macronutrienti non variano,
La degradazione riguarda /anche/ i macro.
la coagulazione e' per le proteine.
La puzza, i grassi.
Post by Aietes
forse se ne vanno un po' di vitamine,
Sono le prime.
Post by Aietes
ma non per 10 giorni in più
Oh, yes.
ops, avevo velocemente letto l'intero post e inteso che parlassi di latte UHT
concordo eccome con te se si tratta di latte fresco

cenere sul capo, mi redimi?
Post by Albus Dumbledore
Post by Aietes
yogurt a 3 mesi dalla scadenza, ma una mia amica giura di averne mangiato
uno scaduto da un anno (dimenticato in frigo).
Possibile.
Un lotto particolarmente ben pastorizzato.
mmmm... rischio un altro anatema: se ci sono batteri fermentanti, sono
praticamente in cultura unica
uno yogurt non aperto non subisce altra contaminazione e i batteri dentro hanno
impedito a chiunque altro di crescere
e nemmeno loro crescono, perché sono termofili, basta tenere lo yogurt in frigo

non serve pastorizzare in questo caso. Ti sembra strampalata come ipotesi?
Post by Albus Dumbledore
Non certamente una regola, ma un caso, possibile, si'.
avevo già scritto che avevo scoperto che uno yogurt che compravo, ma che era più
buono se lo lasciavo scadere, perché ne aumentava la densità.
era l'unico caso che cercavo quelli a scadenza più vicina ;) mai stato male

Ora son fissato col Bifidus, così non compro più lo yogurt di cui sopra, ma lo
farei di nuovo se ritornassi a quella marca.

Mi scomunichi o me la passi? ;)
Alessandro
Albus Dumbledore
2018-01-11 13:31:16 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Aietes
ops, avevo velocemente letto l'intero post e inteso che parlassi di latte UHT
Bleah...
Sai che non riesco proprio a berlo?
Quel saporaccio di cotto e' disgustoso, per me.
Post by Aietes
concordo eccome con te se si tratta di latte fresco
cenere sul capo, mi redimi?
Ma figurati...

:-*
Post by Aietes
Post by Albus Dumbledore
Post by Aietes
yogurt a 3 mesi dalla scadenza, ma una mia amica giura di averne mangiato
uno scaduto da un anno (dimenticato in frigo).
Possibile.
Un lotto particolarmente ben pastorizzato.
mmmm... rischio un altro anatema: se ci sono batteri fermentanti, sono
praticamente in cultura unica
OK.
Post by Aietes
uno yogurt non aperto non subisce altra contaminazione e i batteri dentro
hanno impedito a chiunque altro di crescere
e nemmeno loro crescono, perché sono termofili, basta tenere lo yogurt in frigo
non serve pastorizzare in questo caso. Ti sembra strampalata come ipotesi?
Uhm...
No.
Post by Aietes
Post by Albus Dumbledore
Non certamente una regola, ma un caso, possibile, si'.
avevo già scritto che avevo scoperto che uno yogurt che compravo, ma che era
più buono se lo lasciavo scadere, perché ne aumentava la densità.
era l'unico caso che cercavo quelli a scadenza più vicina ;) mai stato male
Ora esco un po' dal seminato.
Giusto un 2-3 giorni fa, mi moglie ha scovato in frigorifero uno yogurt
di capra, scaduto da Natale.
Era un po' gonfio, ma, poi, perfettamente edule.
;-)

OK, latte di capra, ma la famiglia dovrebbe essere piu' o meno la
stessa.
Post by Aietes
Ora son fissato col Bifidus,
Regularis?

;-)
Post by Aietes
così non compro più lo yogurt di cui sopra, ma
lo farei di nuovo se ritornassi a quella marca.
E pure gli yogurt, a dirla tutta, non mi piacciono.
Odore sgradevole, per me.

:-/
--
Se negli header appare "Message-ID: <***@asdf.it>", sono io.
Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Loading...