Discussione:
parmigiano
Aggiungi Risposta
cicero®
2018-05-08 14:22:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Oggi mio cuggino l'ha trovato da Carrefour:
Loading Image...
cicero®
f***@yahoo.it
2018-05-08 14:28:35 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by cicero®
https://i.imgur.com/uVDPbUD.jpg
cicero®
considera che per fare 1kg di quel formaggio, fresco
occorrono 9 litri di latte intero, poi non saprei
quanto frida in stagionatura


felicepago

pezzato rotto
.
f***@yahoo.it
2018-05-08 14:29:06 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by cicero®
https://i.imgur.com/uVDPbUD.jpg
cicero®
considera che per fare 1kg di quel formaggio, fresco
occorrono 9 litri di latte intero, poi non saprei
quanto sfrida in stagionatura


felicepago

pezzato rotto
Jk
2018-05-08 14:36:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by cicero®
https://i.imgur.com/uVDPbUD.jpg
e quindi?
Il prezzo del Parmiogiano Reggiano purtroppo è troppo basso di solito e
ne ha inizato a risentire la qualità.

Io mi rifornisco da un contadino che ha le sue vacche e fa la sua forma
che poi vende attorno ai 23€/kg il 24m

gli ho appena detto che è ora di alzare i prezzi (visto che una volta
faceva il 48m e ora fatica ad avere del 36m xkè lo vende tutto)
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
f***@yahoo.it
2018-05-08 14:38:04 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Io mi rifornisco da un contadino che ha le sue vacche e fa la sua forma
che poi vende attorno ai 23€/kg il 24m
sai mica di quanto sfrida in stagionatura ?
kg/anno


per dire
io giu' trovo del caciocavallo a 9-10 e/kg, 2-3m,
dal massaro direttamente


felicepago

sigfrido
.
Jk
2018-05-08 15:06:43 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by f***@yahoo.it
sai mica di quanto sfrida in stagionatura ?
kg/anno
posso chiedere. Ma soprattuto cala di peso per perdita di liquidi e lì
ne perde tanto-tanto

30 anni fa il differenziale con fomraggi poco stagionati era decisamente
più alto, adesso io quando trovo dei formaggi vari di 6 mesi che fanno
pagare 20€/kg che è lo stesso prezzo del P/R di 24m nella GdO mi incazzo
e non li compro.

qui da me la cultura è sempre stata quella di usarlo con molta
parsimonia, mettersi a mangiarlo a pasteggio è sempre stato una cosa da
"giorno di festa"
Invece ormai costa come un pecorino da GdO fatto con latte ignoto
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
capsy
2018-05-09 04:43:17 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by f***@yahoo.it
Post by Jk
Io mi rifornisco da un contadino che ha le sue vacche e fa la sua forma
che poi vende attorno ai 23€/kg il 24m
sai mica di quanto sfrida in stagionatura ?
kg/anno
sfrida???
--
le mie ricette:
www.peperoncinosanremorivieradeifiori.it/ricette.php
Jamie
2018-05-08 15:34:55 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by cicero®
https://i.imgur.com/uVDPbUD.jpg
e quindi?
Il prezzo del Parmiogiano Reggiano purtroppo è troppo basso di solito e
ne ha inizato a risentire la qualità.
perché dici che è troppo basso?
in ogni caso il prezzo del super non lo prenderei a modello in quanto
anche se è alto non vuole necessariamente dire che il prodotto viene
pagato bene alla fonte, anzi
di solito vuol solo dire che la gdo ci deve straguadagnare sopra
Jk
2018-05-08 15:59:09 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
perché dici che è troppo basso?
xkè conosco contadini e il nonno di mia moglie era un casaro...
Poi se vai a cercare all' interno del consorzio di tutela ecc ecc anni
fa si son fatti le loro litigate perché qualcuno poco avveduto non ha
saputo tenere come si deve il marchio ecc ecc
Morale: sono spariti molti piccoli produttori e si è un po industrializzato.
Poi per fortuna sono iniziati anche i contadini che con moto di orgoglio
hanno fatto scelte coraggiose (es la razza reggiana che produce la metà
del latte, ma è un altro pianeta se prendi un 100% da vacca rossa reggiana)
Post by Jamie
in ogni caso il prezzo del super non lo prenderei a modello in quanto
anche se è alto non vuole necessariamente dire che il prodotto viene
pagato bene alla fonte, anzi
di solito vuol solo dire che la gdo ci deve straguadagnare sopra
certo ma il prezzo al GdO è rimasto troppo basso, ad un certo punto
(parlo di un 15-20 anni fa) ha iniziato a CALARE di prezzo...
e fu un disastro.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
cicero®
2018-05-08 18:09:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
e quindi?
Pensavo che avendo scritto "cuggino"..."parmiggiano"... vedi tu.
cicero®
Mardot
2018-05-09 07:18:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Il prezzo del Parmiogiano Reggiano purtroppo è troppo basso di solito e
ne ha inizato a risentire la qualità.
A prescindere dalla qualita', e ripeto, a prescindere dalla qualita', e'
difficile, mi correggo, e' impossibile, pretendere che un prezzo arrivi
a livelli troppo elevati, se la quantita' di prodotto disponibile sul
mercato è oceanica.

Ed e' questo il caso, di Parmigiano Reggiano, in generale, il mercato ne
offre in quantita' esagerata, quindi la forcella di prezzo tra il min e
il max non puo' essere grande.

Vuoi vendere un formaggio a 30-40 euro/kg senza problemi? Dedicati a
quei formaggi locali che non hanno una distribuzione mondiale come il
parmigiano.
Jk
2018-05-09 07:51:26 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
A prescindere dalla qualita', e ripeto, a prescindere dalla qualita', e'
difficile, mi correggo, e' impossibile, pretendere che un prezzo arrivi
a livelli troppo elevati, se la quantita' di prodotto disponibile sul
mercato è oceanica.
ed è uno degli errori fatti in passato dal consorzio.
Sai qui da noi gli industriali amano darsi un tono mettendosi a fare
a) aceto balsamico tradizionale
b) parmigiano

solo che per #a col cazzo che si sono lasciati prendere per il culo, e
quando lo porti a prendere i voti puoi essere chi vuoi che prendi il
"bollino merda" invece #b hanno lasciato allentare i disciplinari.
Post by Mardot
Ed e' questo il caso, di Parmigiano Reggiano, in generale, il mercato ne
offre  in quantita' esagerata, quindi la forcella di prezzo tra il min e
il max non puo' essere grande.
quello che cercavo di spiegare al mio spacciatore è che LUI non ricade
nella tua casistica e dovrebbe fottersene del prezzo in forcella.
Post by Mardot
Vuoi vendere un formaggio a 30-40 euro/kg senza problemi? Dedicati a
quei formaggi locali che non hanno una distribuzione mondiale come il
parmigiano.
il "mito" (che ho assaggiato e non era nemmeno male, poi se piglia una
calda o se adesso è peggiorato ... non garantisco
Cmq son pezzi mi pare da 10g incartati singolarmente a funzione di snack
portatile, per quello costano così cari, il packaging.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
f***@yahoo.it
2018-05-09 08:00:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Mardot
A prescindere dalla qualita', e ripeto, a prescindere dalla qualita', e'
difficile, mi correggo, e' impossibile, pretendere che un prezzo arrivi
a livelli troppo elevati, se la quantita' di prodotto disponibile sul
mercato è oceanica.
ed è uno degli errori fatti in passato dal consorzio.
lo sai che anche per questi, due, consorzi,
vale la stessa regola per i consorzi dei prosciutti ?

e' la somma che fa il totale


felicepago

totale
.
Mardot
2018-05-09 08:08:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Mardot
Ed e' questo il caso, di Parmigiano Reggiano, in generale, il mercato
ne offre  in quantita' esagerata, quindi la forcella di prezzo tra il
min e il max non puo' essere grande.
quello che cercavo di spiegare al mio spacciatore è che LUI non ricade
nella tua casistica e dovrebbe fottersene del prezzo in forcella.
Buon per lui se fottendosene del prezzo in forcella trova a vendere il
100% del suo prodotto. In generale, penso che il parmigiano reggiano
abbia cosi' tanta concorrenza, a tutti i livelli, che l'utente medio non
sia quello che va in cerca dell'eccellenza.

Inoltre i suoi utilizzi sono spesso promiscui, non in purezza, e questo
lo penalizza alquanto.
Post by Jk
Post by Mardot
Vuoi vendere un formaggio a 30-40 euro/kg senza problemi? Dedicati a
quei formaggi locali che non hanno una distribuzione mondiale come il
parmigiano.
il "mito" (che ho assaggiato e non era nemmeno male, poi se piglia una
calda  o se adesso è peggiorato ... non garantisco
Cmq son pezzi mi pare da 10g incartati singolarmente a funzione di snack
portatile, per quello costano così cari, il packaging.
Non mi riferivo al Mito, ma al tipologico in generale. Non mi pare che
il parmigiano sia un articolo che possa permettersi di essere venduto a
certi prezzi (le ragioni sono quelle di prima, quantita' sul mercato e
utilizzo spesso non in purezza). O almeno, non "solo" a certi prezzi. Ci
saranno sicuramente gli estimatori che vanno in cerca del Vacche Rosse o
di eccellenze ancor piu' elevate, ma non mi pare, magari sbaglio, che il
mercato dell'utente medio di massa cerchi questo.

Cosa invece che accade per tanti altri formaggi tipici, dove l'utente
medio e' quello disposto a pagare 25-30 euro/kg, anche per un formaggio
fresco o stagionato poche settimane.
Jk
2018-05-09 08:25:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Buon per lui se fottendosene del prezzo in forcella trova a vendere il
100% del suo prodotto. In generale, penso che il parmigiano reggiano
abbia cosi' tanta concorrenza, a tutti i livelli, che l'utente medio non
sia quello che va in cerca dell'eccellenza.
quello che dici tu va alla GdO a prenderlo
o anche in molti caselli.
Poi ci sono le "bottega del formaggio" o ancora peggio la distro che usa
il mio che o lo prendi da pochi negozi specializzati o pigli e vai da
lui il giov. pom o il sab mattina
capirai che è un po selezionata come clientela..
Post by Mardot
Inoltre i suoi utilizzi sono spesso promiscui, non in purezza, e questo
lo penalizza alquanto.
ma infatti dicevo prima: è sempre stato usato non in purezza
ma invece magari con 2 gocce di aceto balsamico è perfetto anche in
purezza, purchè di qualità
Post by Mardot
Non mi riferivo al Mito, ma al tipologico in generale. Non mi pare che
il parmigiano sia un articolo che possa permettersi di essere venduto a
certi prezzi (le ragioni sono quelle di prima, quantita' sul mercato e
utilizzo spesso non in purezza). O almeno, non "solo" a certi prezzi. Ci
la causa è stata la politica del consorzio però. Ad un certo punto hanno
preferito la q.tà alla qualità. Errore IMHO.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Mardot
2018-05-09 08:40:12 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
magari con 2 gocce di aceto balsamico è perfetto anche in
purezza, purchè di qualità
certo, ma questo lo stabilisce il gusto del pubblico, questo tipo di
utilizzo lo vedo "caldeggiare" dagli esperti da sempre, ma non mi pare
che prenda cosi' tanto piede

io (ndr: non mi ritengo affatto un esperto, diciamo che mi ritengo
centrato sulla gaussiana statistica dei clienti) sono il primo che
magari si porta una noce di parmigiano in tasca quando giro in bici (e
in quell'occasione mi va bene che sia di qualunque livello), di sicuro
lo uso per le varie ricette promiscue (e compro il 24 mesi di buona
qualita' ma non cerco l'eccellenza), magari ne mangio qualche pezzetto
mentre cucino per golosita' o fame chimica, ma.... quando devo mettere
un piatto di signori formaggi in tavola, il Parmigiano Reggiano resta
nel frigo, o magari lo metto lo stesso a fianco degli altri, ma alla
fine e' sempre quello che avanza, eppure in tavola c'e' l'aceto
balsamico buono... le marmellatine.... il miele buono.... ecc....

e ripeto, ne consumo abbastanza eh, non esagerato, pero' diciamo che un
kilozzo al mese lo faccio andare, ma di sicuro mi sta bene che non costi
una follia, per quanto sopra
Post by Jk
Ad un certo punto hanno
preferito la q.tà alla qualità. Errore IMHO.
ma anche no, stiamo parlando di un prodotto che si fa in pianure, non a
4mila metri di quota, come fai a non pensare di dare lavoro a tanti
potenziali produttori? se devi dare lavoro a milioni di miliardi di
produttori, col cazzo che se punti solo sulla qualita' ci riesci, e come
fai a stabilire a priori che solo chi fa qualita' ha diritto a stare sul
mercato?

un consorzio e' fatto dai produttori, sono loro stessi i primi a
guadagnarci oppure a rimetterci da questo tipo di politiche
Jk
2018-05-09 09:13:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
ma anche no, stiamo parlando di un prodotto che si fa in pianure, non a
4mila metri di quota, come fai a non pensare di dare lavoro a tanti
potenziali produttori?
c'è stato il calo dei produttori. Si sono concentrati in stalle grandi.
Post by Mardot
se devi dare lavoro a milioni di miliardi di
produttori, col cazzo che se punti solo sulla qualita' ci riesci, e come
fai a stabilire a priori che solo chi fa qualita' ha diritto a stare sul
mercato?
beh ricordo di aver letto sul loro giornalino che facendo test in giro,
se ne trovano tanti che sarebbero praticamente fuori disciplinare...
Non dico "tutti a vacche rosse al pascolo" come fa il mio.
Ma almeno il minimo del disciplinare...
Post by Mardot
un consorzio e' fatto dai produttori, sono loro stessi i primi a
guadagnarci oppure a rimetterci da questo tipo di politiche
ci furono dimissioni e casini vari.
IMHO (xkè non è che ho seguito tutto) è capitato che il solito pirla si
è fatto portare a spasso da lobbysti e poi se trovato col culo per terra
e tutti i suoi vecchi produttori che lo volevano frustare.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Fatina_degli_Elfi
2018-05-09 20:43:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Ed e' questo il caso, di Parmigiano Reggiano, in generale, il mercato ne
offre  in quantita' esagerata, quindi la forcella di prezzo tra il min e
il max non puo' essere grande.
Ho sempre riflettutto molto sulla cosa, in effetti. Da quanto so, ma
potrei errare o aver capito male, il parmigiano reggiano come il grana
padano vengono prodotti con latte selezionato proveniente dalle zone di
denominazione dop del prodotto, ossia le stesse ove viene realizzato.
Certamente gli allevamenti sono tanti, ma possibile tanti e tali da
poter consentire il processo di enormi quantità di latte per produrre
tali formaggi? O, come temo, il latte utilizzato non venga reperito
anche da altre zone?
magari il mio è solo un dubbio errante, completamente fuori binario.
Ad esempio il pecorino romano è prodotto anche con latte sardo, seppur
diverso dallo stesso pecorino sardo. Ma qui si parla di latte di pecora,
minore produzione rispetto al vaccino.
Post by Mardot
Vuoi vendere un formaggio a 30-40 euro/kg senza problemi? Dedicati a
quei formaggi locali che non hanno una distribuzione mondiale come il
parmigiano.
Ce ne sono tanti in Italia, alcuni li ho scoperti nella mia regione,
formaggi dei quali proprio ignoravo l'esistenza.
Come un puzzone erborinato della zona di Orvieto, lo fanno in
pochissimi, alta stagionatura, non troppo piccante.
Ha nomea dialettale che non ricordo, poco commercio in quanto
sconosciuto ai locali, apprezzato pradossalmente dai turisti.
Così in tutta Italia, tante piccole perle da assaporare.
Oppure il tipico con i vermi, chi ha stomaco debole non può mangiarlo ;-)
Jk
2018-05-10 06:52:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
il parmigiano reggiano come il grana padano
PLONK!
:-D
Certamente gli allevamenti sono tanti, ma possibile tanti e tali da
poter consentire il processo di enormi quantità di latte per produrre
tali formaggi? O, come temo, il latte utilizzato non venga reperito
anche da altre zone?
No, su questo possiamo andare piuttosto tranquilli.
Non verrebbe con latte che non è stato processato subito e il Consorzio
non è così stupido
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
f***@yahoo.it
2018-05-10 06:58:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Fatina_degli_Elfi
Certamente gli allevamenti sono tanti, ma possibile tanti e tali da
poter consentire il processo di enormi quantità di latte per produrre
tali formaggi? O, come temo, il latte utilizzato non venga reperito
anche da altre zone?
No, su questo possiamo andare piuttosto tranquilli.
Non verrebbe con latte che non è stato processato subito e il Consorzio
non è così stupido
finalmente uno informato :)

mi diresti quante forme di parmigiano reggiano,
vengono prodotte ogni anno, dagli appartenenti
al consorzio ?

quante sono le vacche dalle quali si munge quel latte ?

una volta dovevano essere solo rosse,
adesso dai tuoi post sembra che non sia piu' cosi


felicepago

360
.
Jk
2018-05-10 07:36:04 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by f***@yahoo.it
mi diresti quante forme di parmigiano reggiano,
vengono prodotte ogni anno, dagli appartenenti
al consorzio ?
no non lo so
Post by f***@yahoo.it
quante sono le vacche dalle quali si munge quel latte ?
una volta dovevano essere solo rosse,
adesso dai tuoi post sembra che non sia piu' cosi
le Rosse sono tornate recentemente x cercare di valorizzare, sennò erano
decenni ch eusano le pezzate olandesi.
cmq credo che tutti questi dati si trovino
Noi qui siamo troppo impegnati a cercare di non venire asfaltati dai
camioncini del latte che vanno che paiono spie
giusto 3gg fa un incidente con 1 morto e 1 ferito grave (anche se il
lattaro aveva la precedenza)
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
f***@yahoo.it
2018-05-10 08:03:49 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
cmq credo che tutti questi dati si trovino
ok:

latte prodotto nel 2017 in tutta italia in tonnelate, 11.948.647:
https://www.clal.it/index.php?section=consegne_reg_it

forme di pr prodotte, nel 2017 3.650.569:
https://www.clal.it/index.php?section=parmigiano_altimetria

per fare una forma di pr, occorrono 360 litri
40kg x 9 litri/kg



felicepago

lattefresco
.
Jk
2018-05-10 08:18:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by f***@yahoo.it
https://www.clal.it/index.php?section=consegne_reg_it
in E/R sono 2 milioni.
cioè 2 miliardi di litri. dal tuo link
sufficienti per fare 5.5 milioni di forme.
Post by f***@yahoo.it
https://www.clal.it/index.php?section=parmigiano_altimetria
quindi qualche bastardo non usa il nostro latte per fare Parmigiano
Reggiano! Se lo becco!!! :-))
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
f***@yahoo.it
2018-05-10 08:25:12 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
quindi qualche bastardo non usa il nostro latte per fare Parmigiano
Reggiano! Se lo becco!!! :-))
poi bisogna fare il grana, 360 litri/forma
sai anche loro hanno un consorzio, poi bisogna fare
mille formaggi che vengono prodotti ogni giorno

POI
alla fine resta il latte fresco per consumo umano,
facciamo 200cl per abitante/giorno ?
12.000.000 litri latte consumato fresco al giorno

poi c'e' l'industria dolciaria

poi marendo


felicepago

mio
.
Jk
2018-05-10 08:37:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by f***@yahoo.it
poi bisogna fare il grana, 360 litri/forma
in E/R non credo proprio ce ne sia di latte che va in Grana.
c'è latte da bere certamente
ne avanzano 700 milioni di litri eh...
TUTTO quello che viene dai nostri caselli è fatto DOPO il P/R
(burro ricotta)
Post by f***@yahoo.it
mille formaggi che vengono prodotti ogni giorno
quelli freschi rendono decisamente di più, mica 9litri al kg...
Post by f***@yahoo.it
facciamo 200cl per abitante/giorno ?
12.000.000 litri latte consumato fresco al giorno
e dovete per forza berer tutto il latte dell' E/R?
Io in Coop guardo le etichette...
E lì sì molto latte viene da fuori It.
Post by f***@yahoo.it
poi c'e' l'industria dolciaria
tutto estero.

Non faccio P/R io, non lo difendo per partito preso. Mi hanno spiegato
che NON VIENE da latte che non sia stato preso fresco e da vacche
alimentate in un certo modo.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Mardot
2018-05-10 08:43:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Non faccio P/R io, non lo difendo per partito preso. Mi hanno spiegato
che NON VIENE da latte che non sia stato preso fresco e da vacche
alimentate in un certo modo.
fresco non significa "munto da un'ora"
Giampaolo Natali
2018-05-10 09:24:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Jk
Non faccio P/R io, non lo difendo per partito preso. Mi hanno spiegato
che NON VIENE da latte che non sia stato preso fresco e da vacche
alimentate in un certo modo.
fresco non significa "munto da un'ora"
Io so che il latte viene prelevato tutti i giorni e fornito alle centrali
entro al massimo 24 ore dalla mungitura.
Per inciso il latte appena munto viene conservato in serbatoi frigoriferi.
Se il latte fosse di provenienza lontana non sarebbe possibile usarlo per il
parmigiano o il padano.
Ho un cliente, a 5 km da casa mia, che ha una stalla di un centinaio di
capi, e abito pure a 15 km dalla sede/stabilimento della Granarolo.
Il latte ad alta qualità, se non risponde a precisi parametri, Granarolo non
lo accetta come tale e andrà destinato al latte uht o all'industria, ma non
per i formaggi o per il consumo fresco. Il latte uht Granarolo lo fa anche
con latte estero, francese o tedesco in genere.
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Mardot
2018-05-10 09:46:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Mardot
Post by Jk
Non faccio P/R io, non lo difendo per partito preso. Mi hanno spiegato
che NON VIENE da latte che non sia stato preso fresco e da vacche
alimentate in un certo modo.
fresco non significa "munto da un'ora"
Io so che il latte viene prelevato tutti i giorni e fornito alle
centrali entro al massimo 24 ore dalla mungitura.
Il che e' compatibile con una logistica proveniente da quasi tutta Italia.
Post by Giampaolo Natali
Per inciso il latte appena munto viene conservato in serbatoi frigoriferi.
Se il latte fosse di provenienza lontana non sarebbe possibile usarlo
per il parmigiano o il padano.
CI sono cisterna da TIR refrigerate come i serbatoi da 5l
Post by Giampaolo Natali
Ho un cliente, a 5 km da casa mia, che ha una stalla di un centinaio di
capi, e abito pure a 15 km dalla sede/stabilimento della Granarolo.
Il latte ad alta qualità, se non risponde a precisi parametri, Granarolo
non lo accetta come tale e andrà destinato al latte uht o all'industria,
ma non per i formaggi o per il consumo fresco. Il latte uht Granarolo lo
fa anche con latte estero, francese o tedesco in genere.
Beh se per te Granarolo significa alta qualita'..... io il latte
Granarolo lo compero quando nel banco frigo tutte le altre marche sono
finite, chissa' come mai lui e' l'ultimo che finisce....
Giampaolo Natali
2018-05-10 13:44:38 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Giampaolo Natali
Post by Mardot
Post by Jk
Non faccio P/R io, non lo difendo per partito preso. Mi hanno spiegato
che NON VIENE da latte che non sia stato preso fresco e da vacche
alimentate in un certo modo.
fresco non significa "munto da un'ora"
Io so che il latte viene prelevato tutti i giorni e fornito alle
centrali entro al massimo 24 ore dalla mungitura.
Il che e' compatibile con una logistica proveniente da quasi tutta Italia.
Post by Giampaolo Natali
Per inciso il latte appena munto viene conservato in serbatoi
frigoriferi.
Se il latte fosse di provenienza lontana non sarebbe possibile usarlo
per il parmigiano o il padano.
CI sono cisterna da TIR refrigerate come i serbatoi da 5l
Post by Giampaolo Natali
Ho un cliente, a 5 km da casa mia, che ha una stalla di un centinaio di
capi, e abito pure a 15 km dalla sede/stabilimento della Granarolo.
Il latte ad alta qualità, se non risponde a precisi parametri, Granarolo
non lo accetta come tale e andrà destinato al latte uht o all'industria,
ma non per i formaggi o per il consumo fresco. Il latte uht Granarolo lo
fa anche con latte estero, francese o tedesco in genere.
Beh se per te Granarolo significa alta qualita'..... io il latte
Granarolo lo compero quando nel banco frigo tutte le altre marche sono
finite, chissa' come mai lui e' l'ultimo che finisce....
Ho scritto che il latte ad alta qualità che acquista dagli allevatori deve
avere caratteristiche ben precise, altrimenti lo dirotta all'uht e non ai
formaggi o al fresco.
Personalmente non bevo latte granarolo.
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
f***@yahoo.it
2018-05-10 13:50:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Il giorno giovedì 10 maggio 2018 15:43:35 UTC+2, Giampaolo Natali ha
Post by Giampaolo Natali
Personalmente non bevo latte granarolo.
neanche io,
ma sulla bottiglia del latte che compro,
c'e' scritto prodotto in :
Via Cadriano, 27/2, 40127 Bologna BO



felicepago

bol
.
Giampaolo Natali
2018-05-10 17:19:30 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by f***@yahoo.it
Il giorno giovedì 10 maggio 2018 15:43:35 UTC+2, Giampaolo Natali ha
Post by Giampaolo Natali
Personalmente non bevo latte granarolo.
neanche io,
ma sulla bottiglia del latte che compro,
Via Cadriano, 27/2, 40127 Bologna BO
felicepago
bol
.
Probabilmente bevi latte coop :-) :-)

Io invece bevo latte intero UHT Milbona (orrore, vero?) o se "fresco" il
latte intero della Lidl o anche quello di D+

E' pur vero che non ho il palato da gastrofighetto, del resto si capisce
benissimo senza che io lo scriva :-) :-)
Giusto?
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Jk
2018-05-10 09:53:51 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Io so che il latte viene prelevato tutti i giorni e fornito alle
centrali entro al massimo 24 ore dalla mungitura.
per il P/R le "prese" sono 2 al giorno.
e purtroppo adesso il nonno RIP e non posso chiedergli dettagli ma sulle
prese... le vedo.
Post by Giampaolo Natali
Per inciso il latte appena munto viene conservato in serbatoi frigoriferi.
ormai tutti i contadini hanno il frigorifero pure loro, il fratello di
un mio collega è un ispettore non ricordo bene per cosa ma so che gira
tutte le stalle della provincia, posso chiedere
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
PMF
2018-05-10 10:02:54 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Giampaolo Natali
Io so che il latte viene prelevato tutti i giorni e fornito alle centrali
entro al massimo 24 ore dalla mungitura.
per il P/R le "prese" sono 2 al giorno.
precisamente. pomeridiana (circa le 17) e mattutina all'alba
Post by Jk
e purtroppo adesso il nonno RIP e non posso chiedergli dettagli ma sulle
prese... le vedo.
Post by Giampaolo Natali
Per inciso il latte appena munto viene conservato in serbatoi frigoriferi.
non esattamente. per il parmigiano si parla di Atermici a 18° max

la lavorazione all'incirca è così:
mungitura serale consegnata al caseificio, e messa nelle "vasche di
riposo" per tutta la notte, per permettre l'affioramento
la mattina, prima della seconda consegna, l'affioramento viene tolto con
gli appositi attrezzi, e diventa la "panna da affioramento per burrificazione"
arriva la mungitura mattutina, si versa nelle stese vasche, e si procede
con il versamento nelle caldaie per la produzione

la conservazione in frigo, a regola, è per il latte che non viene destinato
alla rpoduzione del parmigiano reggiano

Paolo
Jk
2018-05-11 07:26:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
precisamente.  pomeridiana (circa le 17) e mattutina all'alba
esatto incontravo sempre un camioncino alle 6 e li si vede di nuovo
sotto sera
non esattamente.  per il parmigiano si parla di Atermici a 18° max
ah, ok non ho mai approfondito, ho solo visto una volta un circuito
sulla linea di mungitura e mi hanno accennato a qualcosa ma non ricordo
bene, grazie
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
PMF
2018-05-10 08:35:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
quindi qualche bastardo non usa il nostro latte per fare Parmigiano
Reggiano! Se lo becco!!! :-))
Sono io che compero il latte suddetto come latte fresco, ai distributori, e
me lo bevo o lo uso in cucina


Cosa che conviene moltissimissimo agli allevatori, per una semplice ragione:
- latte parmigiano: conferimento al caseificio, pagamento trimestrale dopo
DUE trimestri, al prezzo medio della borsa merci (attualmente veleggia su
0,40/l.).
- latte al distributore automatico: incasso giornaliero (il latte viene
rinnovato max ogni 48 ore), al prezzo di 1,20/l., soldini sonanticontanti a
fine giornata.

Paolo
Mardot
2018-05-10 08:46:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by PMF
Post by Jk
quindi qualche bastardo non usa il nostro latte per fare Parmigiano
Reggiano! Se lo becco!!! :-))
Sono io che compero il latte suddetto come latte fresco, ai
distributori, e me lo bevo o lo uso in cucina
  Cosa che conviene moltissimissimo agli allevatori, per una semplice
-  latte parmigiano:  conferimento al caseificio, pagamento trimestrale
dopo DUE trimestri, al prezzo medio della borsa merci (attualmente
veleggia su 0,40/l.).
-  latte al distributore automatico:  incasso giornaliero (il latte
viene rinnovato max ogni 48 ore), al prezzo di 1,20/l., soldini
sonanticontanti a fine giornata.
Che e' quello che non capiscono qui.

Molti distributori stanno chiudendo, lo vendevano a 1 euro/litro.

Siccome il fresco (produzione Piemonte) costa al dettaglio 1,60-1,80 al
litro, potrebbero venderlo anche a 1,20 e la gente lo acquisterebbe
ugualmente, invece no, chiudono i distributori.

Credo sia una questione di costi logistici e igiene.
PMF
2018-05-10 09:00:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Che e' quello che non capiscono qui.
Molti distributori stanno chiudendo, lo vendevano a 1 euro/litro.
Siccome il fresco (produzione Piemonte) costa al dettaglio 1,60-1,80 al
litro, potrebbero venderlo anche a 1,20 e la gente lo acquisterebbe
ugualmente, invece no, chiudono i distributori.
Credo sia una questione di costi logistici e igiene.
E' in corso una lotta FURIOSA e senza quartiere da parte della
"concorrenza": in particolare GdO e produttori di latte confezionato (alta
qualità e non): grazie alle risorse che possono mettere in campo, di fatto
esercitano uno stalking asfisiante sui piccoli produttori che aprono i
distributori di latte fresco.
Qui, ad esempio, sono riusciti a costringere la presenza del solo latte
pastorizzato (quindi la stalal deve avere un apstorizzatore a norma, invece
dell'iniziale latte crudo con avvertenza "da consumarsi solo dopo bollitura".
Poi basta convincere, con insistenti esposti, i molteplici soggetti
coinvolti, dalle ASL, alla igiene pubblica, ai nas e i veterinari per i
controlli in stalla: al primo filo di fieno fuori posto ti ritrovi multe
sorprendenti, che ti costringono ad abbassare la testa.
Trattasi di fatto di veri e propri pizzini, più che di scelta di chiusura.

Paolo
f***@yahoo.it
2018-05-10 09:01:21 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by PMF
DUE trimestri, al prezzo medio della borsa merci (attualmente veleggia su
0,40/l.).
che fanno 3.6€/kg di pr fresco

facendo finta che sia il latte richiesto dal disciplinare


felicepago

industriale
.
PMF
2018-05-10 07:40:43 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
denominazione dop del prodotto, ossia le stesse ove viene realizzato.
Certamente gli allevamenti sono tanti, ma possibile tanti e tali da poter
consentire il processo di enormi quantità di latte per produrre tali
formaggi? O, come temo, il latte utilizzato non venga reperito anche da
altre zone?
no, come ti hanno detto, questo non avviene. la filiera è tracciata, dalla
mungitura in stalla (dove lavorano famiglie Sikh, che la domenica giocano a
cricket nei campi della bassa padana), fino al magazzino di matura<ione.
Anzi, il controllo si estende alla verifica dell'alimentazione delle
mucche in stalla.
Post by Fatina_degli_Elfi
Ad esempio il pecorino romano è prodotto anche con latte sardo, seppur
diverso dallo stesso pecorino sardo. Ma qui si parla di latte di pecora,
minore produzione rispetto al vaccino.
Il pecorino romano non è prodotto "anche" con il latte sardo, ma
praticamente "solo" con il latte sardo. Forse ti è sfuggito che LA SEDE del
"consorzio pecorino Romano" è a Macomer, sin dalla sua costituzione;
inoltre i produttori laziali di pecorino romano DOP sono rimasti... credo le
dita di una mano. Non c'è nessuna stranezza, se non nel nome che si sono
dati al momento della costituzione del consorzio.
Paolo
Mardot
2018-05-10 08:42:08 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
Ho sempre riflettutto molto sulla cosa, in effetti. Da quanto so, ma
potrei errare o aver capito male, il parmigiano reggiano come il grana
padano vengono prodotti con latte selezionato proveniente dalle zone di
denominazione dop del prodotto, ossia le stesse ove viene realizzato.
La teoria dice questo.
Post by Fatina_degli_Elfi
Certamente gli allevamenti sono tanti, ma possibile tanti e tali da
poter consentire il processo di enormi quantità di latte per produrre
tali formaggi? O, come temo, il latte utilizzato non venga reperito
anche da altre zone?
La pratica dice questo.
Post by Fatina_degli_Elfi
magari il mio è solo un dubbio errante, completamente fuori binario.
Purtroppo non e' fuori binario, e' la realta'.

In una produzione cosi' vasta e' impossibile che non ci sia qualche
produttore che non rispetti le regole, la semplice statistica gli va
contro, ancor piu' se fai semplici calcoli come quelli di Felice.

Il fatto che la filiera sia tracciata significa solo che la carta, ossia
i documenti, sono a posto, il che e' ben diverso dal fatto che nella
realta' la materia prima sia realmente quella.

Vale questo in molti contesti, anche totalmente avulsi dall'ambiente
enogastronmico. Ed e' il risultato di tutti i sistemi di gestione della
qualita' basati unicamente sul supporto cartaceo, mirati a proteggere le
persone fisiche responsabili piuttosto che a garantire il prodotto.

In tutti i cantieri d'Italia i documenti sono a posto, pero' la gente
muore negli incidenti, il cemento e' magro, l'acciaio non ha la classe
prevista a progetto, ecc... eppure i documenti sono tutti a posto, tutto
tracciato, dall'acciaieria che ha prodotto il tondino al carpentiere che
lo ha infilato nel calcestruzzo............. e cosi' per il grana... per
il vino... ecc......
Post by Fatina_degli_Elfi
Ad esempio il pecorino romano è prodotto anche con latte sardo, seppur
diverso dallo stesso pecorino sardo. Ma qui si parla di latte di pecora,
minore produzione rispetto al vaccino.
Il Pecorino Sardo ha un nome fuorviante, come ti ha spiegato bene Paolo.
Post by Fatina_degli_Elfi
Ce ne sono tanti in Italia, alcuni li ho scoperti nella mia regione,
formaggi dei quali proprio ignoravo l'esistenza.
Come un puzzone erborinato della zona di Orvieto, lo fanno in
pochissimi,  alta stagionatura, non troppo piccante.
Ha nomea dialettale che non ricordo, poco commercio in quanto
sconosciuto ai locali, apprezzato pradossalmente dai turisti.
Da questo punto di vista l'Italia e' unavera miniera.
Post by Fatina_degli_Elfi
Così in tutta Italia, tante piccole perle da assaporare.
Oppure il tipico con i vermi, chi ha stomaco debole non può mangiarlo ;-)
Tranquilla, ormai la normativa proibisce di vendere il formaggio coi
vermi, sono tutti quasi finti. Forse il Casu Marzu si puo' ancora
vendere coi vermi, ma non ne sono sicurissimo. Di sicuro il Brusso no,
va venduto senza, quindi finto....
Giovanni Polito
2018-05-08 16:57:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by cicero®
https://i.imgur.com/uVDPbUD.jpg
cicero®
Da chi scrive "parmiggiano" non comprerei nemmeno una spilla vecchia.

Giovanno Polito

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Deh!
2018-05-08 17:25:34 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giovanni Polito
Post by cicero®
https://i.imgur.com/uVDPbUD.jpg
cicero®
Da chi scrive "parmiggiano" non comprerei nemmeno una spilla vecchia.
Giovanno Polito
---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
E se non fosse un errore di scrittura, ma un modo per evitare denunce, (
dop, ecc. ecc., ma non e' Parmigiano Reggiano, e' parmiggiano reggggiano!).
Angelo
Jk
2018-05-09 07:46:07 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Deh!
E se non fosse un errore di scrittura, ma un modo per evitare denunce, (
dop, ecc. ecc., ma non e' Parmigiano Reggiano, e' parmiggiano reggggiano!).
no xkè i "mito" sono con approvazione del consorzio
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
PMF
2018-05-09 08:17:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Deh!
E se non fosse un errore di scrittura, ma un modo per evitare denunce, (
dop, ecc. ecc., ma non e' Parmigiano Reggiano, e' parmiggiano reggggiano!).
Angelo
Questo avrebbe senso in un altro paese. In Italia sono molto occhiuti, e un
"sound alike" come questo non passerebbe.
propendo davvero per un errore dell'etichettatore

Paolo
Loading...