Discussione:
Le "nuove" mode dei ristoranti
Aggiungi Risposta
Jamie
2018-06-13 12:17:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
nei nomi dei piatti ingredienti presenti in quantità trascurabili (tipo
gli aromi), che di certo non caratterizzano il piatto e probabilmente
qualche tempo fa a nessuno sarebbe venuto in mente di metterli nel nome.
Un esempio:
Totani in umido, patate, finocchietto selvatico, semi di girasole.
oppure
Carpaccio caldo di pescato su coulis di finocchio e menta, sale nero di
Cipro, cialda al pan brioche e sorbetto all’arancia.

eh son sicura che quel "sale nero di Cipro" farà tutta la differenza...

E poi magari nel piatto di quel "sorbetto all'arancia" cosa trovi? Una
goccia, non riesci nemmeno a capire che sapore ha (o, se è per questo, a
tirarla su con una posata...forse leccando il piatto?). Mi è
capitato...salse/creme elencate nel nome del piatto che poi erano
presenti in quantità lillipuziane, al punto da impedirmi di capirne il
sapore. Ora non dico che dovrebbero inondare il piatto, ma cazzo almeno
mettimene, non dico tanto, che ne so, un paio di cucchiaini in una
ciotolina... Una semplice decorazione NON merita di stare nel nome del
piatto!

Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
Michele
2018-06-13 12:33:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
nei nomi dei piatti ingredienti presenti in quantità trascurabili (tipo
gli aromi), che di certo non caratterizzano il piatto e probabilmente
qualche tempo fa a nessuno sarebbe venuto in mente di metterli nel nome.
Totani in umido, patate, finocchietto selvatico, semi di girasole.
..

Recentemente ho mangiato delle tagliatelle con fonduta di parmigiano. Per
carità, la salsa/fonduta di parmigiano era venuta bene, bella cremosa ma
del parmigiano non sono riuscito a percepirne il gusto al punto che non so
se fosse un errore del cuoco oppure una presa per il culo. (o forse le mie
papille non sono così sviluppate).

La logica è quella di tentarti con il menu scritto pensando a chissà quali
prelibatezze e, se poi uno non è attenta, si è talmente suggestionato da
trovare il piatto bbuono.
In caso contrario la delusione sarà tremenda :(

Michele
Elwood
2018-06-13 14:50:53 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Totani in umido, patate, finocchietto selvatico, semi di girasole.
oppure
Carpaccio caldo di pescato su coulis di finocchio e menta, sale nero di
Cipro, cialda al pan brioche e sorbetto all’arancia.
Solitamente questo è quello che i camerieri spiegano. E sinceramente a me interessa: cosa è quella salsa, o quella polverina?

Non ti interessa sapere cosa hai nel piatto? :)

Alla fine, per quanto poco, è qualcosa che hanno preparato ed è ragionevole lo comunichino

Io trovo molto piú fastidioso quando quello che mi portano fa ***@g@re :D
--
Elwood (Peter S.)
Jk
2018-06-13 15:33:10 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
CUT
Post by Jamie
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
AMEN!
Io sinceramente come per il "design" sto diventando selettivo e
intrainsigente: quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza nella
lista degli ingredienti o presentazione, EVITO
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-13 15:56:42 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
CUT
Post by Jamie
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
AMEN!
Io sinceramente come per il "design" sto diventando selettivo e
intrainsigente: quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza nella
lista degli ingredienti o presentazione, EVITO
Definire "troppo".
La Ferrari è una macchina con troppo design? ma ha soluzioni raffinate e
di avanguardia e (dicono che) l'esperienza di guida è esaltante, oppure
i lettori CD della bang&Olufsen degli anni '90 del secolo scorso, erano
"troppo" design? Ma il design si sposava con un suono al top tra le
soluzioni commerciali, e potrei fare mille altri esempi.
Stesso discorso per le "descrizioni" dei piatti:se mi fai una
descrizione chilometrica ma poi io quei sapori/aromi li percepisco e il
piatto è fenomenale non ti criticherò di sicuro.
Ma se in menù mi scrivi "pesce veloce del baltico" e poi mi arriva del
merluzzo mal cotto, allora mi incazzo.
GD
Jk
2018-06-13 16:16:43 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Definire "troppo".
guarda un amico usava come esempio una caffettiera, che possedeva e che
nella versione originale e premiata aveva un beccuccio creato con un
semplice taglio a V senza risalti. Motivo per cui rovesciava SEMPRE
caffè. Poi venne modificata.

Io invece se vuoi ti cito il ponte e soprattutto la stazione mediopadana
di RE fatte da Calatrava.
Oltre ai problemi di gioventù, l' altro giorno è pure saltato giù un
vetro. Fortunatamente non c'era nessunonelle vicinanze.

Ora vedi io non sono affatto contrario al bello, anzi son bello pure io
figurati se posso essere contro! :-)

Però come vedi ci sono tanti esempi di oggetti che hanno un design che
si è staccato dalle reali esigenze di funzionalità per portarsi sul "è
bello/originale/fico"

Per carità non tiro fuori il mondo delle automobili che è come sparare
ad un barelliere della CRI mentre che fa i suoi bisogni. Nelle auto sono
state prese centinaia di decisioni "è bello" che però sono andate a
scapito della funzionalità. Rimpiango spesso il design delle auto pre-1990
Post by Ghost Dog
"troppo" design? Ma il design si sposava con un suono al top tra le
soluzioni commerciali, e potrei fare mille altri esempi.
beh carissimo, io non ho mica detto che tutto quello che è curato
esteticamente sia una merda in funzionalità! Mi tiri fuori le Ferrari,
mecojoni!
Post by Ghost Dog
Stesso discorso per le "descrizioni" dei piatti:se mi fai una
descrizione chilometrica ma poi io quei sapori/aromi li percepisco e il
piatto è fenomenale non ti criticherò di sicuro.
mi pare che non stessimo parlando di questo.
basta che ti rileggi il msg di Jamie.
Post by Ghost Dog
Ma se in menù mi scrivi "pesce veloce del baltico" e poi mi arriva del
merluzzo mal cotto, allora mi incazzo.
anche, non escludo questo.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-13 16:37:27 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Definire "troppo".
guarda un amico usava come esempio una caffettiera, che possedeva e che
nella versione originale e premiata aveva un beccuccio creato con un
semplice taglio a V senza risalti. Motivo per cui rovesciava SEMPRE
caffè. Poi venne modificata.
Io invece se vuoi ti cito il ponte e soprattutto la stazione mediopadana
di RE fatte da Calatrava.
Oltre ai problemi di gioventù, l' altro giorno è pure saltato giù un
vetro. Fortunatamente non c'era nessunonelle vicinanze.
Ora vedi io non sono affatto contrario al bello, anzi son bello pure io
figurati se posso essere contro! :-)
Però come vedi ci sono tanti esempi di oggetti che hanno un design che
si è staccato dalle reali esigenze di funzionalità per portarsi sul "è
bello/originale/fico"
Quando si parla di questi argomenti consiglio sempre questo libro

http://www.giunti.it/libri/saggistica/la-caffettiera-del-masochista3/

uno dei pochi "maestri " che ho avuto all'università (perchè nella vita
ho avuto tanti professori ma pochi maestri) me lo fece leggere
all'inizio del corso di studi, e cambiò radicalmente il mio approccio
alla progettazione
Post by Jk
Per carità non tiro fuori il mondo delle automobili che è come sparare
ad un barelliere della CRI mentre che fa i suoi bisogni. Nelle auto sono
state prese centinaia di decisioni "è bello" che però sono andate a
scapito della funzionalità. Rimpiango spesso il design delle auto pre-1990
Questo anche prima del 1990, basta pensare ai fari retrattili che si
inchiodavano dopo pochi giorni, alle minigonne che si staccavano, alle
pinne inutili e rumorose etc etc.
Ma ci sono anche migliaia di microinnavazioni di stile che hanno scuola,
dalle impunture di certi sedili alle finiture cromate e via discorrendo
Post by Jk
Post by Ghost Dog
"troppo" design? Ma il design si sposava con un suono al top tra le
soluzioni commerciali, e potrei fare mille altri esempi.
beh carissimo, io non ho mica detto che tutto quello che è curato
esteticamente sia una merda in funzionalità! Mi tiri fuori le Ferrari,
mecojoni!
Le ho citate perchè secondo me si debbono distinguere i "vorrei ma non
posso" dai veri innovatori
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Stesso discorso per le "descrizioni" dei piatti:se mi fai una
descrizione chilometrica ma poi io quei sapori/aromi li percepisco e
il piatto è fenomenale non ti criticherò di sicuro.
mi pare che non stessimo parlando di questo.
basta che ti rileggi il msg di Jamie.
IMHO invece tutto si riduce a questo
Jk
2018-06-14 06:25:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Quando si parla di questi argomenti consiglio sempre questo libro
http://www.giunti.it/libri/saggistica/la-caffettiera-del-masochista3/
che solo dall' abstract direi che in pochi, pochissimi l'han letto nei
moderni designer!
Post by Ghost Dog
Questo anche prima del 1990, basta pensare ai fari retrattili che si
inchiodavano dopo pochi giorni, alle minigonne che si staccavano, alle
pinne  inutili e rumorose etc etc.
ALT!
un conto è mettere un fanale che pensi abbia un suo xkè e poi non riesci
a farlo durare.
Un altro è rendere un oggetto da nuovo meno fruibile.
Post by Ghost Dog
Le ho citate perchè secondo me si debbono distinguere i "vorrei ma non
posso" dai veri innovatori
non ho capito. Io non sto dicendo che non voglio il bello e che tutti i
designer debbano fare auto come la Volvo Polar. Dico solo che quando
guardo per dire una Nissan Juke ho subito un sospetto: che si stia
pagando una estetica e basta
In questo sinceramente mi sento molto vicino all' approccio tedesco
(solo in questo) che cambiano pochissimo alla volta e mantengono nomi e
linee estetiche generali.
Poi un bmw 320 di oggi è molto diverso da uno di 15 anni fa.
Post by Ghost Dog
Post by Jk
mi pare che non stessimo parlando di questo.
basta che ti rileggi il msg di Jamie.
IMHO invece tutto si riduce a questo
stai dicendo che Jamie ha le papille gustative interrotte?
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-14 07:05:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Quando si parla di questi argomenti consiglio sempre questo libro
http://www.giunti.it/libri/saggistica/la-caffettiera-del-masochista3/
che solo dall' abstract direi che in pochi, pochissimi l'han letto nei
moderni designer!
Queste cose le spiegano in tutti i corsi, il problema è che poi tanti
quando iniziano cedono al manierismo, alla voglia di stupire a tutti i
costi, alle facilitazioni dei moderni strumenti tecnologici....sto
parlando di design, ma questa frase la puoi tranquillamente usare per la
moda o lacucina.
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Questo anche prima del 1990, basta pensare ai fari retrattili che si
inchiodavano dopo pochi giorni, alle minigonne che si staccavano, alle
pinne  inutili e rumorose etc etc.
ALT!
un conto è mettere un fanale che pensi abbia un suo xkè e poi non riesci
a farlo durare.
Un altro è rendere un oggetto da nuovo meno fruibile.
Il "fanale" sulle auto esiste da sempre, quindi il fanale retrattile
(prima cosa che si guastava sulle vecchie porsche 944 ad esempio) è
rendere un oggetto da nuovo meno fruibile
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Le ho citate perchè secondo me si debbono distinguere i "vorrei ma non
posso" dai veri innovatori
non ho capito. Io non sto dicendo che non voglio il bello e che tutti i
designer debbano fare auto come la Volvo Polar. Dico solo che quando
guardo per dire una Nissan Juke ho subito un sospetto: che si stia
pagando una estetica e basta
pensa che io la volvo Polar la considero un oggetto bellissimo e la Juke
mi fa vomitare :)
Post by Jk
In questo sinceramente mi sento molto vicino all' approccio tedesco
(solo in questo) che cambiano pochissimo alla volta e mantengono nomi e
linee estetiche generali.
Poi un bmw 320 di oggi è molto diverso da uno di 15 anni fa.
mah...se mi parli di BMW ti do ragione, ma già l'Audi ha un apporccio
molto diverso
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Post by Jk
mi pare che non stessimo parlando di questo.
basta che ti rileggi il msg di Jamie.
IMHO invece tutto si riduce a questo
stai dicendo che Jamie ha le papille gustative interrotte?
No, a me pare che jamie si lamenti dei "vorrei ma non posso".
GD
Jk
2018-06-14 08:16:03 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Il "fanale" sulle auto esiste da sempre, quindi il fanale retrattile
(prima cosa che si guastava sulle vecchie porsche 944 ad esempio) è
rendere un oggetto da nuovo meno fruibile
c'erano motivi di aerodinamica anche
Vuoi mettere quella scelta con i mascheroni tutti verniciati senza mezza
porzione bumper che sono standard oggi? :-)
Post by Ghost Dog
pensa che io la volvo Polar la considero un oggetto bellissimo e la Juke
mi fa vomitare :)
anche un mio amico stravede per la Polar e il Pallas
Il fatto è che la Polar era molto molto razionale

Però hai glissato sul mio riferimento alla stazione Mediopadana di
Reggio, e sì che è più il tuo campo... avanti, spara: cosa ne pensi?
Post by Ghost Dog
No, a me pare che jamie si lamenti dei "vorrei ma non posso".
mah! Vorrebbe sentire ma nn può?
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-14 08:46:21 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Il "fanale" sulle auto esiste da sempre, quindi il fanale retrattile
(prima cosa che si guastava sulle vecchie porsche 944 ad esempio) è
rendere un oggetto da nuovo meno fruibile
c'erano motivi di aerodinamica anche
in quegli anni l'aereodinamica era :abbassiamola più che possiamo!
Post by Jk
Vuoi mettere quella scelta con i mascheroni tutti verniciati senza mezza
porzione bumper che sono standard oggi? :-)
A me piaceva, ma si sa che non funzionavano!
Post by Jk
Post by Ghost Dog
pensa che io la volvo Polar la considero un oggetto bellissimo e la
Juke mi fa vomitare :)
anche un mio amico stravede per la Polar e il Pallas
Il fatto è che la Polar era molto molto razionale
mio padre aveva un volvo 144 nei tardi anni '70 primi '80. Era una
macchina meravigliosa, all'avanguardia nella sua razionalità, e con uno
stile unico.
Post by Jk
Però hai glissato sul mio riferimento alla stazione Mediopadana di
Reggio, e sì che è più il tuo campo... avanti, spara: cosa ne pensi?
Esteticamente è molto bella, a me lo stile calatrava,hadid e compagnia
cantante piace, ma li cosidero più scultori che architetti.
l'edificio Ha dei problemi? non mi stupisce, questo tipo di edifici
richiedono manutenzioni programmate e costose che non sono nella cultura
italiana, ci vuole un manager della struttura che se ne occupi e che
allochi le risorse per programmare interventi non derogabili, e non fare
le cose solo quando si può. Se non fai così i problemi arrivano in fretta
Post by Jk
Post by Ghost Dog
No, a me pare che jamie si lamenti dei "vorrei ma non posso".
mah! Vorrebbe sentire ma nn può?
No, io ho inteso che quando legge 'ste descrizioni chilometriche e poi
il cibo ha un monogusto, si incazza. E fa bene, aggiungo.
GD
Jk
2018-06-14 09:12:13 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Jk
Però hai glissato sul mio riferimento alla stazione Mediopadana di
Reggio, e sì che è più il tuo campo... avanti, spara: cosa ne pensi?
Esteticamente è molto bella, a me lo stile calatrava,hadid e compagnia
cantante piace, ma li cosidero più scultori che architetti.
l'edificio Ha dei problemi? non mi stupisce, questo tipo di edifici
richiedono manutenzioni programmate e costose che non sono nella cultura
italiana, ci vuole un manager della struttura che se ne occupi e che
allochi le risorse per programmare interventi non derogabili, e non fare
le cose solo quando si può. Se non fai così  i problemi arrivano in fretta
i problemi ce li ha avuti fin da subito:
pioveva dentro
d' estate era una serra di vetro senza areazione forzata/naturale.
Ora se mi permettete questi sono ERRORI PROGETTUALI
PErò è bella! (vero eh? Pure il ponte!)
poi mi dite che costa più delle altre da manutenere?
E la ratio dove è?!
mica è una bella figa
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-14 09:36:35 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Post by Jk
Però hai glissato sul mio riferimento alla stazione Mediopadana di
Reggio, e sì che è più il tuo campo... avanti, spara: cosa ne pensi?
Esteticamente è molto bella, a me lo stile calatrava,hadid e compagnia
cantante piace, ma li cosidero più scultori che architetti.
l'edificio Ha dei problemi? non mi stupisce, questo tipo di edifici
richiedono manutenzioni programmate e costose che non sono nella
cultura italiana, ci vuole un manager della struttura che se ne occupi
e che allochi le risorse per programmare interventi non derogabili, e
non fare le cose solo quando si può. Se non fai così  i problemi
arrivano in fretta
pioveva dentro
d' estate era una serra di vetro senza areazione forzata/naturale.
Ora se mi permettete questi sono ERRORI PROGETTUALI
PErò è bella! (vero eh? Pure il ponte!)
poi mi dite che costa più delle altre da manutenere?
E la ratio dove è?!
mica è una bella figa
Se ci sono questi problemi Calatrava ha fatto una (delle sue tante) cazzate.
Anche il ponte a Venezia, per dire, è una cazzata: gradini di vetro in
ambiente umido=femore fratturato assicurato.
Come ti ho già scritto non li considero architetti (Calatrava peraltro è
ingnegnere) ma scultori, e sono dei fessi quelli che si rivolgono
all'Archistar di turno senza pretendere garanzie (leggi:avere organi di
valutazione/validazione del progetto competenti)
Per quanto riguarda la manutenzione, l'approccio moderno alle grandi
opere prevede che venga progettata anche la manutenzione, nell'ottica di
una previsione dei costi nel tempo,ma anche qui, sono dati che
andrebbero valutati da persone comeptenti e non da burocrati incapaci.
Jk
2018-06-14 12:19:46 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Se ci sono questi problemi Calatrava ha fatto una (delle sue tante) cazzate.
Anche il ponte a Venezia, per dire, è una cazzata: gradini di vetro in
ambiente umido=femore fratturato assicurato.
ecco, appunto
Post by Ghost Dog
Come ti ho già scritto non li considero architetti (Calatrava peraltro è
ingnegnere)
azz!
Post by Ghost Dog
all'Archistar di turno senza pretendere garanzie (leggi:avere organi di
valutazione/validazione del progetto competenti)
Per quanto riguarda la manutenzione, l'approccio moderno alle grandi
opere prevede che venga progettata anche la manutenzione, nell'ottica di
una previsione dei costi nel tempo,ma anche qui, sono dati che
andrebbero valutati da persone comeptenti e non da burocrati incapaci.
beh se spari su Delrio io mi siedo e apro una birra godendomi lo spettacolo.
Detto questo anche se fosse stato un geometra, Calatrava ha le sue belle
e grosse responsabilità, per quanto siano incapaci inetti ecc i
politici, per me il responsabile è cmq lui.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-14 12:33:34 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Se ci sono questi problemi Calatrava ha fatto una (delle sue tante) cazzate.
Anche il ponte a Venezia, per dire, è una cazzata: gradini di vetro in
ambiente umido=femore fratturato assicurato.
ecco, appunto
Post by Ghost Dog
Come ti ho già scritto non li considero architetti (Calatrava peraltro
è ingnegnere)
azz!
Post by Ghost Dog
all'Archistar di turno senza pretendere garanzie (leggi:avere organi
di valutazione/validazione del progetto competenti)
Per quanto riguarda la manutenzione, l'approccio moderno alle grandi
opere prevede che venga progettata anche la manutenzione, nell'ottica
di una previsione dei costi nel tempo,ma anche qui, sono dati che
andrebbero valutati da persone comeptenti e non da burocrati incapaci.
beh se spari su Delrio io mi siedo e apro una birra godendomi lo spettacolo.
Detto questo anche se fosse stato un geometra, Calatrava ha le sue belle
e grosse responsabilità, per quanto siano incapaci inetti ecc i
politici, per me il responsabile è cmq lui.
Il problema non è il ministro, ma il sistema.
La legge italiana sui lavori pubblici premia il massimo ribasso per i
costruttori, mentre i concorsi di progettazione sono delle farse, in cui
le commissioni giudicatrici hanno, quando va bene, competenze al massimo
estetiche ma nessuna competenza tecnica.
Il concorso premia il grande nome, la soluzione più scenica,senza nessun
controllo tecnico/tecnologico di preingegnerizzazione 8perchè iburocrati
che dovrebbero farlo non sono in grado), soluzione che poi viene
appaltata con l'obbligo della redazione dell'esecutivo da parte del
costruttore, che di solito entra in conflitto con il progettista e la
schifezza è assicurata.
Da anni ormai non lavoro più con il pubblico...poi lo scorso anno una
ammnistrazione mi ha chiesto il completamento di una piccola opera che
avevo progettato all'inizio della carriera e ancora maledico il giorno
in cui ho detto di si!
Jk
2018-06-14 12:44:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Il problema non è il ministro, ma il sistema.
era il sindaco.
Post by Ghost Dog
La legge italiana sui lavori pubblici premia il massimo ribasso per i
costruttori, mentre i concorsi di progettazione sono delle farse, in cui
le commissioni giudicatrici hanno, quando va bene, competenze al massimo
estetiche ma nessuna competenza tecnica.
beh qui non sono certamente andati al minimo prezzo, s'è polemizzato a
lungo prima per il costo eccessivo
In compenso (son stato ieri sera a prendere mio cognato) è ancora un
casino x collegamenti e parcheggi. Una "visione" politica decisamente
lungimirante, non c'è che dire.
Delrio è uno di quelli del PD che mi ha convinto che politicamente avevo
finora sopravvalutato molti politici...
Post by Ghost Dog
Il concorso premia il grande nome, la soluzione più scenica,senza nessun
controllo tecnico/tecnologico di preingegnerizzazione 8perchè iburocrati
che dovrebbero farlo non sono in grado), soluzione che poi viene
appaltata con l'obbligo della redazione dell'esecutivo da parte del
costruttore, che di solito entra in conflitto con il progettista e la
schifezza è assicurata.
mah sia la stazione che il ponte son venuti su senza grossi intoppi.
Ah l' ascensore. E' stato fermo a lungo per un porblema tecnico. Una
radio locale che fa giornalismo vero (dei rompicoglioni!!) è andata
fino alla ditta che ha fatto il lavoro "eh oh ragazzi è un ascensore
fuori standard con sta forma tondeggiante, nessuno ha esperienza e i
pezzi vannno fatti fare apposta"

manco fossi Gaudì, a Calatrà! Ma xkè non te ne vai affan...
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-14 13:22:38 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Il problema non è il ministro, ma il sistema.
era il sindaco.
Post by Ghost Dog
La legge italiana sui lavori pubblici premia il massimo ribasso per i
costruttori, mentre i concorsi di progettazione sono delle farse, in
cui le commissioni giudicatrici hanno, quando va bene, competenze al
massimo estetiche ma nessuna competenza tecnica.
beh qui non sono certamente andati al minimo prezzo, s'è polemizzato a
lungo prima per il costo eccessivo
In compenso (son stato ieri sera a prendere mio cognato) è ancora un
casino x collegamenti e parcheggi. Una "visione" politica decisamente
lungimirante, non c'è che dire.
Delrio è uno di quelli del PD che mi ha convinto che politicamente avevo
finora sopravvalutato molti politici...
il costo eccessivo è stato comunque appaltato al minimo prezzo come da
normativa (la baggianata dell'offerta media è pura fuffa).
Non conosco le modalità con cui hanno appaltato il progetto, quindi non
ho elementi per esprimermi
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Il concorso premia il grande nome, la soluzione più scenica,senza
nessun controllo tecnico/tecnologico di preingegnerizzazione 8perchè
iburocrati che dovrebbero farlo non sono in grado), soluzione che poi
viene appaltata con l'obbligo della redazione dell'esecutivo da parte
del costruttore, che di solito entra in conflitto con il progettista e
la schifezza è assicurata.
mah sia la stazione che il ponte son venuti su senza grossi intoppi.
Ah l' ascensore. E' stato fermo a lungo per un porblema tecnico. Una
radio locale che fa giornalismo  vero (dei rompicoglioni!!) è andata
fino alla ditta che ha fatto il lavoro "eh oh ragazzi è un ascensore
fuori standard con sta forma tondeggiante, nessuno ha esperienza e i
pezzi vannno fatti fare apposta"
Classica scusa da fornitore quando lo vai a cercare: il progetto lo ha
visto prima e ha deciso in piena libertà di prendere il lavoro, quindi
se no ha fatto riserve scritte prima la colpa è anche sua.
Post by Jk
manco fossi Gaudì, a Calatrà! Ma xkè non te ne vai affan...
Non mi citare gaudì come esempio di cose che funzionano, le sua
meravigliose opere hanno una marea di problemi
Jk
2018-06-14 14:01:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Classica scusa da fornitore quando lo vai a cercare: il progetto lo ha
visto prima e ha deciso in piena libertà di prendere il lavoro, quindi
se no ha fatto riserve scritte prima la colpa è anche sua.
non hai capito: non è la ditta che ha fatto l' ascensore. E' quella che
hanno chiamato DOPO per cercare di risolvere dei problemi.
Post by Ghost Dog
Post by Jk
manco fossi Gaudì, a Calatrà! Ma xkè non te ne vai affan...
Non mi citare gaudì come esempio di cose che funzionano, le sua
meravigliose opere hanno una marea di problemi
ma va benissimo! Cazzo quello era un artista e un visionario e NON
faceva ponti e stazioni ferroviarie.
spingendo ancora in là il concetto: se fai un monumento ed ha dei
problemi (es la fontana di RE, già rifatta ex novo dopo manco 10 anni)
basta che non caschi in testa a qualcuno!
Ma se fai una stazione deve prima di tutto assolvere alla sua funzione!
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-14 15:32:34 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Classica scusa da fornitore quando lo vai a cercare: il progetto lo ha
visto prima e ha deciso in piena libertà di prendere il lavoro, quindi
se no ha fatto riserve scritte prima la colpa è anche sua.
non hai capito: non è la ditta che ha fatto l' ascensore. E' quella che
hanno chiamato DOPO per cercare di risolvere dei problemi.
E che vadano a prendere chi ha fatto i lavori...ah no, i nostri
burocrati non chiedono mai delle cask alla fine dei lavori, chissà come mai.
Ma chissà come mai 'ste cose non succedono quasi mai all'estero: forse
perchè hanno normative un po' più furbe.
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Post by Jk
manco fossi Gaudì, a Calatrà! Ma xkè non te ne vai affan...
Non mi citare gaudì come esempio di cose che funzionano, le sua
meravigliose opere hanno una marea di problemi
ma va benissimo! Cazzo quello era un artista e un visionario e NON
faceva ponti e stazioni ferroviarie.
cosa centra? una cosa o funzio na o non funziona, le sue case, seppur
meravigliose, non funzionano.
Post by Jk
spingendo ancora in là il concetto: se fai un monumento ed ha dei
problemi (es la fontana di RE, già rifatta ex novo dopo manco 10 anni)
basta che non caschi in testa a qualcuno!
Ma se fai una stazione deve prima di tutto assolvere alla sua funzione!
Cioè nella stazione di calatrava i treni non riescono ad entrare?
Albus Dumbledore
2018-06-14 08:59:04 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
RE fatte da Calatrava.
Questo e' un architetto, eh.

;-)
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Mardot
2018-06-14 12:34:12 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza
nella lista degli ingredienti o presentazione, EVITO
Definire "troppo".
rigore a porta vuota senza portiere....

progetto fatto da Ing. quindi che funziona, va bene

progetto fatto da Arch. quindi che potrebbe essere bello e che
sicuramente non funziona, troppo

:-P
Ghost Dog
2018-06-14 13:24:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza nella lista degli
ingredienti o presentazione, EVITO
Definire "troppo".
rigore a porta vuota senza portiere....
progetto fatto da Ing. quindi che funziona, va bene
progetto fatto da Arch. quindi che potrebbe essere bello e che
sicuramente non funziona, troppo
:-P
Ingfatti Calatrava è ingeNiere...
hai preso il palo!!!
Shan
2018-06-14 13:31:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza nella lista degli
ingredienti o presentazione, EVITO
Definire "troppo".
rigore a porta vuota senza portiere....
progetto fatto da Ing. quindi che funziona, va bene
progetto fatto da Arch. quindi che potrebbe essere bello e che sicuramente
non funziona, troppo
:-P
Ingfatti Calatrava è ingeNiere...
hai preso il palo!!!
Eh, no! Prima si è laureato in architettura, poi ha rubato la laurea in
Ingenegneria...
--
Shan
----------------------
Sic Parvis Magna
----------------------
Mardot
2018-06-14 13:36:21 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza nella lista degli
ingredienti o presentazione, EVITO
Definire "troppo".
rigore a porta vuota senza portiere....
progetto fatto da Ing. quindi che funziona, va bene
progetto fatto da Arch. quindi che potrebbe essere bello e che
sicuramente non funziona, troppo
:-P
Ingfatti Calatrava è ingeNiere...
hai preso il palo!!!
calma Johnson .... vedi forse menzionato Calatrava nel mio quoting?

da buon Ing. io parto dal tipologico..... non dal caso specifico

2 - 0 palla al centro :-)
Jamie
2018-06-14 14:58:19 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
calma Johnson .... vedi forse menzionato Calatrava nel mio quoting?
da buon Ing. io parto dal tipologico..... non dal caso specifico
2 - 0 palla al centro :-)
vi serve un arbitro per caso? XD
Mardot
2018-06-14 15:10:43 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
calma Johnson .... vedi forse menzionato Calatrava nel mio quoting?
da buon Ing. io parto dal tipologico..... non dal caso specifico
2 - 0 palla al centro :-)
vi serve un arbitro per caso? XD
certo, vieni con noi! :-))))
Ghost Dog
2018-06-14 15:33:51 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza nella lista
degli ingredienti o presentazione, EVITO
Definire "troppo".
rigore a porta vuota senza portiere....
progetto fatto da Ing. quindi che funziona, va bene
progetto fatto da Arch. quindi che potrebbe essere bello e che
sicuramente non funziona, troppo
:-P
Ingfatti Calatrava è ingeNiere...
hai preso il palo!!!
calma Johnson .... vedi forse menzionato Calatrava nel mio quoting?
da buon Ing. io parto dal tipologico..... non dal caso specifico
2 - 0 palla al centro :-)
i buoni ingeNieri non fanno di tutta una erba un fascio...
tiro da 3 punti!
Mardot
2018-06-15 06:49:34 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
quando c'è troppo design o cmq troppa ricercatezza nella lista
degli ingredienti o presentazione, EVITO
Definire "troppo".
rigore a porta vuota senza portiere....
progetto fatto da Ing. quindi che funziona, va bene
progetto fatto da Arch. quindi che potrebbe essere bello e che
sicuramente non funziona, troppo
:-P
Ingfatti Calatrava è ingeNiere...
hai preso il palo!!!
calma Johnson .... vedi forse menzionato Calatrava nel mio quoting?
da buon Ing. io parto dal tipologico..... non dal caso specifico
2 - 0 palla al centro :-)
i buoni ingeNieri non fanno di tutta una erba un fascio...
il fascio noi lo facciamo con gli arch. e poi ce li fumiamo
Post by Ghost Dog
tiro da 3 punti!
.... :-D
Ghost Dog
2018-06-15 07:40:01 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
i buoni ingeNieri non fanno di tutta una erba un fascio...
il fascio noi lo facciamo con gli arch. e poi ce li fumiamo
pensavo fossi ligure, non giamaicano :)
Mardot
2018-06-15 08:56:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
i buoni ingeNieri non fanno di tutta una erba un fascio...
il fascio noi lo facciamo con gli arch. e poi ce li fumiamo
pensavo fossi ligure, non giamaicano :)
eh eh eh in effetti per i capelli rasta avrei bisogno di una parrucca :-)
Jamie
2018-06-13 16:12:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Elwood
Solitamente questo è quello che i camerieri spiegano. E sinceramente a
me interessa: cosa è >quella salsa, o quella polverina?
Post by Elwood
Non ti interessa sapere cosa hai nel piatto? :)
Sì certo, anzi a volte sono io a chiedere lumi, financo ricette :D
Però a volte si sfiora il ridicolo e basta, nella smania di ostentare
ricercatezza. Ma la ricercatezza ma le devi dimostrare nell'esecuzione
del piatto, nella scelta delle materie prime e degli accostamenti etc.,
non già con menu chilometrici e dai nomi fantasiosi. Inoltre, ribadisco,
se nella nomenclatura del piatto mi scrivi che c'è la salsa alla mela
verde, io mi aspetto che la salsa alla mela verde nel piatto abbia un
suo posto, non dico d'onore, ma manco deve essere quasi invisibile... va
bene che l'hanno preparata, ma almeno me la facessero assaggiare!!
In queste situazioni io mi sento presa per il culo. Una decorazione è
una decorazione, e se è presente in quantità infinitesimali, tali da non
fartela quasi riuscire a percepire, a mio avviso non merita di figurare
nel nome del piatto.
ahah beh questo è sostanzialmente ovvio :)
Elwood
2018-06-13 18:03:16 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
In queste situazioni io mi sento presa per il culo. Una decorazione è
una decorazione, e se è presente in quantità infinitesimali, tali da non
fartela quasi riuscire a percepire, a mio avviso non merita di figurare
nel nome del piatto.
Boh, mi sembra che si sia troppo suscettibili qua dentro :)

Secondo me nella descrizione del piatto è giusto che ci sia scritto tutto, anzi, metti che a me la mela verde non piaccia, e anche quel cucchiaino di composta mi rovini il piatto?
Tipo io ho un amico che detesta i cetrioli, proprio non riesce nemmeno a sentirne l'odore per sbaglio :)

I nomi dei piatti sono un'altra cosa, che all'estero ho trovato molto di rado, fra l'altro. O forse sono io che non so cogliere.

Invece inventarsi nomi azzardati è una cosa fine a sè stessa, che però mi lascia indifferente.
--
Elwood (Peter S.)
Jk
2018-06-14 06:31:29 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Elwood
Boh, mi sembra che si sia troppo suscettibili qua dentro :)
non mi pare abbia picchiato il cuoco!
cmq se vuoi in passato ho trovato piatti simili come descrizione dove ad
essere in q.tà infinitesimali era l' ingrediente che doveva essere
principale.
"Capesante gratinate con salsa di salcazzo accompagnate da vattelapesca"
C'erano delle gran conchiglie ma le capesante le aveva mangiate un
altro...in un piatto ce ne saranno state 2.

Guarda caso era un ristorante "di moda" a MiMa.
Io per non sbagliarmi cmq a Mima non ci mangio più.
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Jamie
2018-06-14 09:33:51 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Elwood
Boh, mi sembra che si sia troppo suscettibili qua dentro :)
non mi pare abbia picchiato il cuoco!
ahah ma ci mancherebbe, il mio era solo un pour parler
Post by Jk
cmq se vuoi in passato ho trovato piatti simili come descrizione dove ad
essere in q.tà infinitesimali era  l' ingrediente che doveva essere
principale.
"Capesante gratinate con salsa di salcazzo accompagnate da vattelapesca"
C'erano delle gran conchiglie ma le capesante le aveva mangiate un
altro...in un piatto ce ne saranno state 2.
Visto il costo non ho mai visto un ristorante in cui servono più di 2
capesante in un piatto!
Fatina_degli_Elfi
2018-06-13 17:23:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
Condivido, ma profitto per far notare un'altra consuetudine da qualche
anno presente in molti ristoranti, probabilmente non i più 'blasonati' o
raffinati. Mi riferisco alla possibilità offerta al cliente di portarsi
a casa gli avanzi del pasto, a richiesta, in appositi contenitori.
So che negli Usa è modus agendi da sempre, le persone lo trovano
normale, eppure a me risulta ancora 'strano' per non dire di cattivo
gusto, o meglio ancora... non avrei mai e mai il coraggio e la faccia
tosta di richiedere gli avanzi del pasto, è una cosa completamente al di
fuori della mia educazione/percezione/carattere etc... Poi sicuramente
sono io a sbagliare ;-), ma ancora mi rusulta difficile abituarmi
all'idea e quando vedo altre persone che lo fanno resto sempre basita, i
primi tempi addirittura inorridita. Cosa ne pensate? sicuramente è un
buon modo per non sprecare cibo, sotto questo aspetto ammiro l'iniziativa.

ps: Jamie perdonami se ho preso spunto dal tuo post per aggiungere
questa ulteriore tematica, sono curiosa di leggere anche pareri in
merito alla tua giusta osservazione :-)

Buona vita a tutti, siate felici!

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie
2018-06-13 17:32:40 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
Condivido, ma profitto per far notare un'altra consuetudine da qualche
anno presente in molti ristoranti, probabilmente non i più 'blasonati' o
raffinati. Mi riferisco alla possibilità offerta al cliente di portarsi
a casa gli avanzi del pasto, a richiesta, in appositi contenitori.
So che negli Usa è modus agendi da sempre, le persone lo trovano
normale, eppure a me risulta ancora 'strano' per non dire di cattivo
gusto, o meglio ancora... non avrei mai e mai il coraggio e la faccia
tosta di richiedere gli avanzi del pasto, è una cosa completamente al di
fuori della mia educazione/percezione/carattere etc... Poi sicuramente
sono io a sbagliare ;-), ma ancora mi rusulta difficile abituarmi
all'idea e quando vedo altre persone che lo fanno resto sempre basita, i
primi tempi addirittura inorridita. Cosa ne pensate? sicuramente è un
buon modo per non sprecare cibo, sotto questo aspetto ammiro l'iniziativa.
che non mi è mai capitato, perché non vado al ristorante per lasciare la
roba nel piatto :D e se anche non riesco a finire il mio, trovo sempre
qualcuno che si offre volontario...
ma non mi inorridisce né sconvolge, la trovo una cosa di buonsenso, e
l'ho vista fare ad alcuni miei amici persino con della pizza avanzata
Post by Fatina_degli_Elfi
ps: Jamie perdonami se ho preso spunto dal tuo post per aggiungere
questa ulteriore tematica, sono curiosa di leggere anche pareri in
merito alla tua giusta osservazione :-)
non c'è niente da perdonare :)
Ghost Dog
2018-06-14 07:29:16 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
Post by Jamie
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
Condivido, ma profitto per far notare un'altra consuetudine da qualche
anno presente in molti ristoranti, probabilmente non i più 'blasonati' o
raffinati. Mi riferisco alla possibilità offerta al cliente di portarsi
a casa gli avanzi del pasto, a richiesta, in appositi contenitori.
So che negli Usa è modus agendi da sempre, le persone lo trovano
normale, eppure a me risulta ancora 'strano' per non dire di cattivo
gusto, o meglio ancora... non avrei mai e mai il coraggio e la faccia
tosta di richiedere gli avanzi del pasto, è una cosa completamente al di
fuori della mia educazione/percezione/carattere etc... Poi sicuramente
sono io a sbagliare ;-), ma ancora mi rusulta difficile abituarmi
all'idea e quando vedo altre persone che lo fanno resto sempre basita, i
primi tempi addirittura inorridita. Cosa ne pensate? sicuramente è un
buon modo per non sprecare cibo, sotto questo aspetto ammiro l'iniziativa.
La mia compagna ha vissuto qualche anno in USA e li ha preso questa
abitudine, che all'inizio mi imbarazzava un po', mentre ora la trovo
cosa buona e giusta.
E'cibo che hai pagato e che il ristorante butterebbe, preferisco
portarlo a casa e mangiarmelo io oppure darlo al gatto, in ogni caso
evito uno spreco.
va detto, peraltro, che mi è apitato spesso di scoprire che riscaldato,
il giorno dopo, è pure meglio che al ristorante :)
GD
Mardot
2018-06-14 10:41:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
un'altra consuetudine da qualche
anno presente in molti ristoranti, probabilmente non i più 'blasonati' o
raffinati. Mi riferisco alla possibilità offerta al cliente di portarsi
a casa gli avanzi del pasto, a richiesta, in appositi contenitori.
So che negli Usa è modus agendi da sempre, le persone lo trovano
normale, eppure a me risulta ancora 'strano' per non dire di cattivo
gusto, o meglio ancora... non avrei mai e mai il coraggio e la faccia
tosta di richiedere gli avanzi del pasto, è una cosa completamente al di
fuori della mia educazione/percezione/carattere etc...
martedi' sera sono andato a Finale da Stefano a festeggiare con moglie e
figlio la fine dell'anno scolastico

mangiata bestiale di pesce fresco, suddiviso in tre antipasti e un
gigantesco frittomisto (quello completo con tutti i pesci, non le solite
schifezze di soli totani)

e' avanzato un po' di frittomisto (anche' perche' dovevo tenere lo
spazio per la sontuosa zuppa inglese di Martino), me lo hanno
confezionato modello fabbrica in una perfetta vaschetta alu cuki, con
tanto di carta assorbente, ieri a pranzo mia moglie e mio figlio hanno
pranzato con un secondo fantastico, il fritto fatto bene nel MW ritorna
davvero molto piu' che accettabile, direi buono
Post by Fatina_degli_Elfi
Poi sicuramente
sono io a sbagliare ;-)
Ovviamente, e' un pregiudizio il tuo (oltre ad essere tuo il pasto,
visto che l'hai pagato) ;-)
Jamie
2018-06-14 10:47:40 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Ovviamente, e' un pregiudizio il tuo (oltre ad essere tuo il pasto,
visto che l'hai pagato) ;-)
non è un pregiudizio, significa solo preoccuparsi troppo di ciò che
possono pensare gli altri, è la paura che gli altri pensino che siamo
dei pezzenti

io che di quello che pensano gli altri me ne son sempre sbattuta, non
avrei nessun problema a farmi incartare gli avanzi
Fatina_degli_Elfi
2018-06-14 16:03:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
non è un pregiudizio, significa solo preoccuparsi troppo di ciò che
possono pensare gli altri, è la paura che gli altri pensino che siamo
dei pezzenti
No, nel mio caso non è neppure questo, non mi interessa quello che
possono pensare gli altri. Anzi, probabilmente mi ritengono una scema
cronica in quanto mi rifiuto di farlo, più che una snob sicuramente una
'tonta'. Però non ci riesco, è più forte di me, insito nel mio dna il
galateo della buona tavola (dei tempi che furono :-) e preferisco sempre
lasciare qualcosa nel piatto. Non tanto per cortesia, ma perchè di
solito non riesco mai a terminare quanto mi portano.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie
2018-06-14 16:45:17 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
No, nel mio caso non è neppure questo, non mi interessa quello che
possono pensare gli altri. Anzi, probabilmente mi ritengono una scema
cronica in quanto mi rifiuto di farlo, più che una snob sicuramente una
'tonta'. Però non ci riesco, è più forte di me, insito nel mio dna il
galateo della buona tavola (dei tempi che furono :-) e preferisco sempre
lasciare qualcosa nel piatto.
Quale galateo ha mai implicato il fatto di lasciare qualcosa nel piatto?
Ed il galateo in sé, non è forse una significativa espressione di un
meccanismo che dà valore a ciò che gli altri pensano di noi?
Comportarsi in un certo modo perché "il galateo lo richiede" significa
esattamente aver paura del giudizio degli altri. Faccio un esempio
estremo. Immagino che non rutteresti mai in pubblico. Perché?
Semplicemente perché ti vergogni. Ti vergogni perché gli altri
penserebbero qualcosa di male su di te. In privato un rutto lo fai,
perché lo devi fare, è una cosa fisiologica, non è un sintomo di
maleducazione né qualcosa di cui vergognarsi. Lo è diventato perché così
qualcuno ha deciso, almeno in certe culture. Ma fare un rutto non
cagiona danno ad alcuno (beh, a meno che non hai mangiato cipolla e lo
fai giusto giusto in faccia a qualcuno XD) per cui non si può nemmeno
usare la scusa (molto legittima, sicuramente alla base di una società
che voglia definirsi civile) "non voglio recare danno a chicchessia".
Non si fa in pubblico perché si ha paura del giudizio altrui, sic et
simpliciter.
Fatina_degli_Elfi
2018-06-14 17:48:15 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Non si fa in pubblico perché si ha paura del giudizio altrui, sic et
simpliciter.
Ehmm... Jamie pippone a parte, ho scritto (pezzo finale non repostato da
te) che lascio cose sul piatto non per galateo, ma perché ho lo stomaco
'easy' ;-) ri-ehmmm...
Segui un consiglio sincero: rasserenati, è estate :-D

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie
2018-06-14 18:07:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
Post by Jamie
Non si fa in pubblico perché si ha paura del giudizio altrui, sic et
simpliciter.
Ehmm... Jamie pippone a parte, ho scritto (pezzo finale non repostato da
te) che lascio cose sul piatto non per galateo, ma perché ho lo stomaco
'easy' ;-) ri-ehmmm...
Segui un consiglio sincero: rasserenati, è estate :-D
Ma io sono serenissima! Esprimevo semplicemente un mio pensiero. Certe
volte mi rendo conto solo a posteriori che il tono dei miei scritti può
sembrare più 'duro' di quel che in realtà nelle intenzioni non sia.
Ma tanto per concludere... ho ben visto che hai scritto che lasci le
cose sul piatto perché non ti vanno più, ma si stava parlando
dell'ipotesi di chiedere una sportina per portarsele a casa ed io ho
semplicemente esplicitato i meccanismi che secondo me sono dietro a
certi tipi di comportamenti. Del resto sei stata tu a dire che ti sembra
brutto farlo per una sorta di pudore.

E comunque l'estate non è foriera di serenità per me...visto che detesto
il caldo :D
DDV
2018-06-14 18:55:29 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Fatina_degli_Elfi
No, nel mio caso non è neppure questo, non mi interessa quello che
possono pensare gli altri. Anzi, probabilmente mi ritengono una scema
cronica in quanto mi rifiuto di farlo, più che una snob sicuramente una
'tonta'. Però non ci riesco, è più forte di me, insito nel mio dna il
galateo della buona tavola (dei tempi che furono :-) e preferisco sempre
lasciare qualcosa nel piatto.
Quale galateo ha mai implicato il fatto di lasciare qualcosa nel piatto?
Se ad un certo punto NON lasci un po' di riso nel piatto in Cina, pensano che tu voglia comunicare che il cibo offerto NON à stato sufficiente e li offendi profondamente...

A me invece hanno insegnato che lasciare qualcosa nel piatto è segno di grande maleducazione (va be', al ristorante amen) quindi ad ognuno il proprio galateo.
Post by Jamie
Ed il galateo in sé, non è forse una significativa espressione di un
meccanismo che dà valore a ciò che gli altri pensano di noi?
Ossignur, il galateo non è forse il "comun sentire" che ci permette di comportarci in modo adeguato nel nostro contesto abituale?
Per questo motivo sarebbe necessario informarci sulle usanze di una determinata nazione, prima di far delle figure da cioccolatai e offendere gli autoctoni.
Post by Jamie
Comportarsi in un certo modo perché "il galateo lo richiede" significa
esattamente aver paura del giudizio degli altri.
Ma per piacere:-(
Post by Jamie
Faccio un esempio estremo. Immagino che non rutteresti mai in pubblico. >Perché?
Perché da noi è ritenuto maleducato, mentre in moltissime altre culture è ritenuto maleducato NON FARLO ed è meglio farlo BELLO GROSSO.
Post by Jamie
Semplicemente perché ti vergogni. Ti vergogni perché gli altri
penserebbero qualcosa di male su di te. In privato un rutto lo fai,
perché lo devi fare, è una cosa fisiologica, non è un sintomo di
maleducazione né qualcosa di cui vergognarsi. Lo è diventato perché così
qualcuno ha deciso, almeno in certe culture. Ma fare un rutto non
cagiona danno ad alcuno (beh, a meno che non hai mangiato cipolla e lo
fai giusto giusto in faccia a qualcuno XD) per cui non si può nemmeno
usare la scusa (molto legittima, sicuramente alla base di una società
che voglia definirsi civile) "non voglio recare danno a chicchessia".
Non si fa in pubblico perché si ha paura del giudizio altrui, sic et
simpliciter.
Perché se l'avessi fatto mia nonna mi avrebbe detto:

Peto risata, rutto porcata.

E ti pongo un'altra domanda: quando sei da sola ti dai al rutto libero come Fantozzi e se sì ti senti più realizzata?

DDV
Fatina_degli_Elfi
2018-06-14 21:03:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by DDV
Ossignur, il galateo non è forse il "comun sentire" che ci permette di comportarci in modo adeguato nel nostro contesto abituale?
Per questo motivo sarebbe necessario informarci sulle usanze di una determinata nazione, prima di far delle figure da cioccolatai e offendere gli autoctoni.
Anni fa avevo a cena ospiti russi, una coppia con bambini.
Dopo la cena la signora si offerta con un certo zelo di aiutarmi a
riordinare, a nulla sono valse le mie proteste affermando che avrei
pulito tutto l'indomani (per non risultare scortese assentandomi). Alla
fine ha persino pulito in terra. E' stata molto utile, ma ci è sembrato
strano (e per noi sarebbe maleducato un comportamento del genere) e a
distanza di anni tornano da noi. Abbiamo anche mangiato in casa loro
accettando inviti (guai a rifiutarli! si offendono) solo una volta è
capitato, uno sformato di pasta fillo e formaggio (mi pare...) non lo
mangiai in quanto troppo sazia, il marito uscì subito di casa andando a
comperare altro cibo credendo che non avessi gradito :-(
Poi ho chiarito, mi eva venuta una qualche angoscia!

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie
2018-06-14 22:38:15 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by DDV
Se ad un certo punto NON lasci un po' di riso nel piatto in Cina, pensano che tu voglia comunicare che il cibo offerto NON à stato sufficiente e li offendi profondamente...
Appunto, in Cina. Io sto parlando di galateo nostrano.
Post by DDV
Ossignur, il galateo non è forse il "comun sentire" che ci permette di comportarci in modo adeguato nel nostro contesto abituale?
Dipende da cosa si intende per galateo. Un sacco di cose di "galateo"
per me sono emerite cazzate. Altre hanno ragione di esistere per una
mera convivenza civile. Ma io sono una persona estremamente pragmatica e
faccio davvero poco testo.
Post by DDV
Per questo motivo sarebbe necessario informarci sulle usanze di una determinata nazione, prima di far delle figure da cioccolatai e offendere gli autoctoni.
Dalle mie parti si dice...chi s'offenn è fetent
Post by DDV
Post by Jamie
Comportarsi in un certo modo perché "il galateo lo richiede" significa
esattamente aver paura del giudizio degli altri.
Ma per piacere:-(
Post by Jamie
Faccio un esempio estremo. Immagino che non rutteresti mai in pubblico. >Perché?
Perché da noi è ritenuto maleducato, mentre in moltissime altre culture è ritenuto maleducato NON FARLO ed è meglio farlo BELLO GROSSO.
Ecco. E' ritenuto maleducato. Ciò significa che qualcuno ha stabilito
che ci si debba vergognare di farlo, e la vergogna è strettamente legata
al sentimento di cui parlo: la paura del giudizio altrui. Ci puoi girare
intorno quanto vuoi, ma di quello si tratta.
Post by DDV
Peto risata, rutto porcata.
Quindi ti preoccupa il giudizio di tua nonna, fondamentalmente.
Il suo detto mi fa ridere, comunque :D
Post by DDV
E ti pongo un'altra domanda: quando sei da sola ti dai al rutto libero come Fantozzi e se sì ti senti più realizzata?
Oddio e perché mai dovrei sentirmi "realizzata" per una cosa del genere?
Mardot
2018-06-15 06:54:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by DDV
quando sei da sola ti dai al rutto libero
come Fantozzi e se sì ti senti più realizzata?
Oddio e perché mai dovrei sentirmi "realizzata" per una cosa del genere?
Prova e vedrai! :-P
Jamie
2018-06-15 10:35:57 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Jamie
Post by DDV
quando sei da sola ti dai al rutto libero come Fantozzi e se sì ti
senti più realizzata?
Oddio e perché mai dovrei sentirmi "realizzata" per una cosa del genere?
Prova e vedrai! :-P
sembri esperto :P
Mardot
2018-06-15 12:18:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
Post by Jamie
Post by DDV
quando sei da sola ti dai al rutto libero come Fantozzi e se sì ti
senti più realizzata?
Oddio e perché mai dovrei sentirmi "realizzata" per una cosa del genere?
Prova e vedrai! :-P
sembri esperto :P
parlo solo di cio' che conosco, oramai dovresti saperlo! :-)
Albus Dumbledore
2018-06-14 11:45:40 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
ancora... non avrei mai e mai il coraggio e la faccia tosta di richiedere gli
avanzi del pasto, è una cosa completamente al di fuori della mia
educazione/percezione/carattere etc... Poi sicuramente sono io a sbagliare
;-), ma ancora mi rusulta difficile abituarmi all'idea e quando vedo altre
persone che lo fanno resto sempre basita, i primi tempi addirittura
inorridita. Cosa ne pensate?
Assolutamente d'accordo.
A volte lo faccio anche in Italia.
In nord America e' normale, anzi, se avanzi roba, prima di portarti via
il piatto, in molti posti ti portano, senza nemmeno chiederlo, lo
scatolino.
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
adamski
2018-06-15 11:43:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fatina_degli_Elfi
Poi sicuramente
sono io a sbagliare ;-), ma ancora mi rusulta difficile abituarmi
all'idea e quando vedo altre persone che lo fanno resto sempre basita, i
primi tempi addirittura inorridita. Cosa ne pensate? sicuramente è un
buon modo per non sprecare cibo, sotto questo aspetto ammiro l'iniziativa.
Io la trovo una cosa ottima. Ovviamente non ti porti via uno spaghetto alle vongole. Ma uno stufato, un cannellone, un pesce di taglia non finito, perché no? A Olevano Romano c'è un ristorante abbastanza famoso, Sora Maria e Arcangelo, che ha tra i suoi punti di forza i cannelloni. Una porzione sono due cannelloni, che a finirli ti stoppano completamente lo stomaco. Ma io VOGLIO assaggiare i cannelloni ogni volta. E così uno me lo riporto a casa, insieme a mezza porzione di maialino al forno di mio figlio.
Er Capoccetta
2018-06-13 21:23:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
nei nomi dei piatti ingredienti presenti in quantità trascurabili (tipo
gli aromi), che di certo non caratterizzano il piatto e probabilmente
qualche tempo fa a nessuno sarebbe venuto in mente di metterli nel nome.
secondo me in linea di principio il piatto con tutte queste componenti è "divertente" da mangiare.
però mi sono fatto l'idea che su 10 ristoranti 9 sciorinino una sfilza di "componenti" tanto per darsi un tono e aderire a questa moda, e spesso si tratta di salse o polveri che nulla aggiungono e magari sono anche realizzate sciattamente o presenti in tracce come dici te.
nel decimo invece quantità, sapori, accostamenti sono calibrati e studiati con cognizione di causa e allora godi
Jk
2018-06-14 06:26:19 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er Capoccetta
secondo me in linea di principio il piatto con tutte queste componenti è "divertente" da mangiare.
però mi sono fatto l'idea che su 10 ristoranti 9 sciorinino una sfilza di "componenti" tanto per darsi un tono e aderire a questa moda, e spesso si tratta di salse o polveri che nulla aggiungono e magari sono anche realizzate sciattamente o presenti in tracce come dici te.
nel decimo invece quantità, sapori, accostamenti sono calibrati e studiati con cognizione di causa e allora godi
quoto!
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Jamie
2018-06-14 09:30:01 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er Capoccetta
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
nei nomi dei piatti ingredienti presenti in quantità trascurabili (tipo
gli aromi), che di certo non caratterizzano il piatto e probabilmente
qualche tempo fa a nessuno sarebbe venuto in mente di metterli nel nome.
secondo me in linea di principio il piatto con tutte queste componenti è "divertente" da mangiare.
però mi sono fatto l'idea che su 10 ristoranti 9 sciorinino una sfilza di "componenti" tanto per darsi un tono e aderire a questa moda, e spesso si tratta di salse o polveri che nulla aggiungono e magari sono anche realizzate sciattamente o presenti in tracce come dici te.
nel decimo invece quantità, sapori, accostamenti sono calibrati e studiati con cognizione di causa e allora godi
A me è capitato che di quella salsa elencata nel nome del piatto, quindi
si presume presente in quantità tale da diciamo caratterizzarlo
abbastanza, ci fossero due e dico due gocce e dico gocce spruzzate sul
piatto a mo' di decorazione. Io di questo mi lamento, sostanzialmente.
Ne avrei voluta di più! Perché mi aspetto che se un ingrediente me lo
metti nel nome del piatto allora deve essere presente in quantità
ragionevole e non omeopatica!
Ghost Dog
2018-06-14 09:45:13 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
A me è capitato che di quella salsa elencata nel nome del piatto, quindi
si presume presente in quantità tale da diciamo caratterizzarlo
abbastanza, ci fossero due e dico due gocce e dico gocce spruzzate sul
piatto a mo' di decorazione. Io di questo mi  lamento, sostanzialmente.
Ne avrei voluta di più! Perché mi aspetto che se un ingrediente me lo
metti nel nome del piatto allora deve essere presente in quantità
ragionevole e non omeopatica!
Se le gocce hanno dato una minima esperienza sensoriale, IMHO ha senso
metterle.
Se non si sentono, o lo chef ha sbagliato il piatto o ha sbagliato mestiere.
Er Capoccetta
2018-06-14 09:55:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Jamie
A me è capitato che di quella salsa elencata nel nome del piatto, quindi
si presume presente in quantità tale da diciamo caratterizzarlo
abbastanza, ci fossero due e dico due gocce e dico gocce spruzzate sul
piatto a mo' di decorazione. Io di questo mi  lamento, sostanzialmente.
Ne avrei voluta di più! Perché mi aspetto che se un ingrediente me lo
metti nel nome del piatto allora deve essere presente in quantità
ragionevole e non omeopatica!
Se le gocce hanno dato una minima esperienza sensoriale, IMHO ha senso
metterle.
Se non si sentono, o lo chef ha sbagliato il piatto o ha sbagliato mestiere.
quotissimo
Jamie
2018-06-14 10:07:48 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Se le gocce hanno dato una minima esperienza sensoriale, IMHO ha senso
metterle.
Se non si sentono, o lo chef ha sbagliato il piatto o ha sbagliato mestiere.
ma che esperienza sensoriale vuoi avere con qualcosa di cui riesci ad
assaggiare, se sei fortunato, quello che riesci a tirar su con la punta
di un rebbio di una forchetta?
Ghost Dog
2018-06-14 10:14:21 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Se le gocce hanno dato una minima esperienza sensoriale, IMHO ha senso
metterle.
Se non si sentono, o lo chef ha sbagliato il piatto o ha sbagliato mestiere.
ma che esperienza sensoriale vuoi avere con qualcosa di cui riesci ad
assaggiare, se sei fortunato, quello che riesci a tirar su con la punta
di un rebbio di una forchetta?
esperienza sensoriale significa sentire il gusto.
Senti il gusto? fan bene a scrivere l'ingrediente nel nome.
non lo senti: hanno fatto una cazzata.
Se poi questa minima quantità va mischiata con il cibo, il cameriere te
lo deve dire come usarlo quando serve il piatto.
io ormai è da anni che, quando mi arriva un piatto complesso con diversi
elementi separati, se ho dei dubbi e il cameriere non mi spiega nulla
gli chiedo come devo mangiarlo.
A volte rimangono stupiti (e li mi rendo conto che ho sbagliato
ristorante) altre invece mi spiegano cosa devo fare.
va detto che nei ristoranti di livello (come qualità/innovazione, non
necessariamente come prezzo) spiegare il piatto quando è inusuale è la
prassi.
Jamie
2018-06-14 10:21:35 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
esperienza sensoriale significa sentire il gusto.
Senti  il gusto? fan bene  a scrivere l'ingrediente nel nome.
non lo senti: hanno fatto una cazzata.
non vado a mangiare fuori per avere *soltanto* un'esperienza sensoriale
di mezzo secondo: voglio anche mangiare :D godermela, assaporare un
piatto in una maniera tale che quando l'ho finito il mio primo pensiero
non è "ne vorrei ancora" ma "ho goduto". E non è che io sia una
mangiona, anzi, prediligo sempre porzioni moderate ed alla quantità
preferisco sempre la varietà e la qualità.
Post by Ghost Dog
Se poi questa minima quantità va mischiata con il cibo, il cameriere te
lo deve dire come usarlo quando serve il piatto.
io ormai è da anni che, quando mi arriva un piatto complesso con diversi
elementi separati, se ho dei dubbi e il cameriere non mi spiega nulla
gli chiedo come devo mangiarlo.
A volte rimangono stupiti (e li mi rendo conto che ho sbagliato
ristorante) altre invece mi spiegano cosa devo fare.
va detto che nei ristoranti di livello (come qualità/innovazione, non
necessariamente come prezzo) spiegare il piatto quando è inusuale è la
prassi.
mi fai un esempio di piatto complesso, che va mangiato in un certo modo?
Ghost Dog
2018-06-14 10:27:08 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
esperienza sensoriale significa sentire il gusto.
Senti  il gusto? fan bene  a scrivere l'ingrediente nel nome.
non lo senti: hanno fatto una cazzata.
non vado a mangiare fuori per avere *soltanto* un'esperienza sensoriale
di mezzo secondo: voglio anche mangiare :D godermela, assaporare un
piatto in una maniera tale che quando l'ho finito il mio primo pensiero
non è "ne vorrei ancora" ma "ho goduto". E non è che io sia una
mangiona, anzi, prediligo sempre porzioni moderate ed alla quantità
preferisco sempre la varietà e la qualità.
mi sembra che stiamo parlando di due cose diverse: il mio concetto è che
se in una descrizione mi metti il nome di alcuni igredienti presenti in
dosi ridottissime e poi le senti secondo me è giusto. Da quello che
scrivi ora, sembra che tu pretendi che tutti gli ingredienti, se citati,
siano presenti in parti uguali...
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Se poi questa minima quantità va mischiata con il cibo, il cameriere
te lo deve dire come usarlo quando serve il piatto.
io ormai è da anni che, quando mi arriva un piatto complesso con
diversi elementi separati, se ho dei dubbi e il cameriere non mi
spiega nulla gli chiedo come devo mangiarlo.
A volte rimangono stupiti (e li mi rendo conto che ho sbagliato
ristorante) altre invece mi spiegano cosa devo fare.
va detto che nei ristoranti di livello (come qualità/innovazione, non
necessariamente come prezzo) spiegare il piatto quando è inusuale è la
prassi.
mi fai un esempio di piatto complesso, che va mangiato in un certo modo?
ti faccio un esempio dei dubbi che avolte ho,quindi crudi di pesce che
ti arrivano con intingoli vari (vanno bene per tutti i pesci o solo per
alcuni?) ai piatti con polveri/salse varie sparse per il piatto
(mischio?puccio?soffio via?èlo sporco del piatto?), piatti con guazzetti
serviti separatamente (lo verso di fianco e lo lascio galleggiare o lo
verso sopra all'ingrediente principale) etc etc.
GD
Alessandro Cara
2018-06-13 22:29:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
Le nuove mode dei ristoranti datano ormai 50+ anni
Da quando la nostra societa' e' cambiata.
Da paese povero, uscito dalla guerra, a paese del miracolo economico
A paese del bengodi mostrato e pubblicizzato da TV commerciali.
Alla rivoluzine della comunicazione.
A programmi (che non vedo) in cui ,posso sbagliare, si inventano
delizie inenarrabili.
Ciononostante se e quando vado in un ristorante in cui menuizzano
/trionfi/ di questo o di quello e' una mia scelta ed e' una /mia/
scelta voler annusare o meno.
Posso sempre chiedere un burro e parmigiano o /ajo ojo e peperocino/
--
ac (x=y-1)
Aborro il Killfile
(La violenza e' l'ultimo rifugio degli incapaci -Salvor Hardin-)
Gianni
2018-06-14 05:14:35 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
nei nomi dei piatti ingredienti presenti in quantità trascurabili (tipo
gli aromi), che di certo non caratterizzano il piatto e probabilmente
qualche tempo fa a nessuno sarebbe venuto in mente di metterli nel nome.
Totani in umido, patate, finocchietto selvatico, semi di girasole.
oppure
Carpaccio caldo di pescato su coulis di finocchio e menta, sale nero di
Cipro, cialda al pan brioche e sorbetto all’arancia.
eh son sicura che quel "sale nero di Cipro" farà tutta la differenza...
E poi magari nel piatto di quel "sorbetto all'arancia" cosa trovi? Una
goccia, non riesci nemmeno a capire che sapore ha (o, se è per questo, a
tirarla su con una posata...forse leccando il piatto?). Mi è
capitato...salse/creme elencate nel nome del piatto che poi erano
presenti in quantità lillipuziane, al punto da impedirmi di capirne il
sapore. Ora non dico che dovrebbero inondare il piatto, ma cazzo almeno
mettimene, non dico tanto, che ne so, un paio di cucchiaini in una
ciotolina... Una semplice decorazione NON merita di stare nel nome del
piatto!
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
E se il cliente è allergico ad uno degli ingredienti e non lo sa, cosa succede? Tutto sommato credo
sia meglio sapere cosa ci hanno messo nel mio piatto che il contrario. A volte anche dosi
infinitesimali possono nuocere ad un soggeto iperallergico.
CIao
Er Capoccetta
2018-06-14 05:27:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
E se il cliente è allergico ad uno degli ingredienti e non lo sa, cosa succede? Tutto sommato credo
sia meglio sapere cosa ci hanno messo nel mio piatto che il contrario. A volte anche dosi
infinitesimali possono nuocere ad un soggeto iperallergico.
CIao

La segnalazione degli allergeni é obbligatoria e non c'entra niente col tipo di cucina, magari ci sono molti piu ingredienti ignoti in un piatto di pappardelle al cinghiale o di minestrone
Gianni
2018-06-15 05:18:55 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianni
E se il cliente è allergico ad uno degli ingredienti e non lo sa, cosa succede? Tutto sommato credo
sia meglio sapere cosa ci hanno messo nel mio piatto che il contrario. A volte anche dosi
infinitesimali possono nuocere ad un soggeto iperallergico.
CIao
La segnalazione degli allergeni é obbligatoria e non c'entra niente col tipo di cucina, magari ci sono molti piu ingredienti ignoti in un piatto di pappardelle al cinghiale o di minestrone
Giusto, non ci avevo pensato. Ciò non toglie che sarebbe opportuno dichiarare tutti i componenti
anche perché, a parte i problemi di allergia, ci potrebbero essere elementi non di gusto del
cliente.
Er Capoccetta
2018-06-15 07:23:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianni
Post by Gianni
E se il cliente è allergico ad uno degli ingredienti e non lo sa, cosa succede? Tutto sommato credo
sia meglio sapere cosa ci hanno messo nel mio piatto che il contrario. A volte anche dosi
infinitesimali possono nuocere ad un soggeto iperallergico.
CIao
La segnalazione degli allergeni é obbligatoria e non c'entra niente col tipo di cucina, magari ci sono molti piu ingredienti ignoti in un piatto di pappardelle al cinghiale o di minestrone
Giusto, non ci avevo pensato. Ciò non toglie che sarebbe opportuno dichiarare tutti i componenti
anche perché, a parte i problemi di allergia, ci potrebbero essere elementi non di gusto del
cliente.
se si parla di gusti direi che è più semplice che il cliente chieda se nei piatti ci sono gli ingredienti che non gli piacciono. ad ogni modo in quel senso i nomi dei piatti "completi" aiutano.
Mardot
2018-06-15 07:37:21 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er Capoccetta
ad ogni modo in quel senso i nomi dei piatti "completi" aiutano.
per me, in generale, sono una cagata pazzesca, ti faccio un esempio:

due ristoranti propongono la parmigiana di melanzane, lasciamo per un
attimo perdere il discorso della ricetta tipica ecc... che per questo
piatto e' pure un po' stucchevole, come discorso, pa veniamo all'esempio

Risto1 la fa con la mozza, fiordilatte il basilico e il parmigiano,
Risto2 la fa con scamorza, origano e mix parmigiano e pecorino.

Troveresti giusto specificare questi aspetti nel menu'?

Io no, preferisco trovare "parmigiana di melanzane" su entrambi i menu',
e a posteriori queste differenze possono essere uno dei motivi per cui
un cliente puo' scegliere Risto1 piuttosto che Risto2 o viceversa, in
base a quanto l'ha apprezzata.
Er Capoccetta
2018-06-15 07:43:46 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er Capoccetta
ad ogni modo in quel senso i nomi dei piatti "completi" aiutano.
no aspetta io mi riferivo ai ristoranti coi piatti "composti" dal nome complicato oggetto del thread.
in generale è chiaro che nel menu compare il nome e poi ciascuno prepara il piatto come meglio crede
Jamie
2018-06-15 10:34:06 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
due ristoranti propongono la parmigiana di melanzane, lasciamo per un
attimo perdere il discorso della ricetta tipica ecc... che per questo
piatto e' pure un po' stucchevole, come discorso, pa veniamo all'esempio
Risto1 la fa con la mozza, fiordilatte il basilico e il parmigiano,
Risto2 la fa con scamorza, origano e mix parmigiano e pecorino.
ecco, invece per me questa distinzione avrebbe senso, perché stai
parlando di un piatto "classico" che però presenta delle variazioni, e
perché, almeno per scamorza e fiordilatte, si tratta di ingredienti
presenti in quantità non trascurabile; per esempio io detesto la
parmigiana con la mozzarella e/o il fiordilatte e/o scamorza, da noi
come formaggio solo parmigiano. Quindi se mi venisse voglia di ordinare
una parmigiana al ristorante (cosa che comunque non farei mai perché lo
ritengo un piatto da "casa", per così dire...non vado mai al ristorante
per ordinare questo genere di cose diciamo semplici) vorrei sapere quale
"variante" è.
Post by Mardot
Troveresti giusto specificare questi aspetti nel menu'?
Io no, preferisco trovare "parmigiana di melanzane" su entrambi i menu',
e a posteriori queste differenze possono essere uno dei motivi per cui
un cliente puo' scegliere Risto1 piuttosto che Risto2 o viceversa, in
base a quanto l'ha apprezzata.
e cosa cambia rispetto all'averlo saputo prima?
Mardot
2018-06-15 12:17:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
due ristoranti propongono la parmigiana di melanzane, lasciamo per un
attimo perdere il discorso della ricetta tipica ecc... che per questo
piatto e' pure un po' stucchevole, come discorso, pa veniamo all'esempio
Risto1 la fa con la mozza, fiordilatte il basilico e il parmigiano,
Risto2 la fa con scamorza, origano e mix parmigiano e pecorino.
ecco, invece per me questa distinzione avrebbe senso, perché stai
parlando di un piatto "classico" che però presenta delle variazioni, e
perché, almeno per scamorza e fiordilatte, si tratta di ingredienti
presenti in quantità non trascurabile; per esempio io detesto la
parmigiana con la mozzarella e/o il fiordilatte e/o scamorza, da noi
come formaggio solo parmigiano. Quindi se mi venisse voglia di ordinare
una parmigiana al ristorante (cosa che comunque non farei mai perché lo
ritengo un piatto da "casa", per così dire...non vado mai al ristorante
per ordinare questo genere di cose diciamo semplici) vorrei sapere quale
"variante" è.
esattamente per questo motivo io non trovo intelligente dirlo prima
Post by Jamie
Post by Mardot
Troveresti giusto specificare questi aspetti nel menu'?
Io no, preferisco trovare "parmigiana di melanzane" su entrambi i
menu', e a posteriori queste differenze possono essere uno dei motivi
per cui un cliente puo' scegliere Risto1 piuttosto che Risto2 o
viceversa, in base a quanto l'ha apprezzata.
e cosa cambia rispetto all'averlo saputo prima?
cambia che una buona parte di persone, tipo te, non provano il piatto
che a causa di quella descrizione non li ispira

perche' una buona parte di persone (ora non sto parlando di te che non
ti conosco) non e' avvezza a sperimentare, il loro cervello pigro tende
a fare/mangiare/ecc... sempre le stesse cose
Jamie
2018-06-14 09:31:34 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianni
E se il cliente è allergico ad uno degli ingredienti e non lo sa, cosa succede? Tutto sommato credo
sia meglio sapere cosa ci hanno messo nel mio piatto che il contrario. A volte anche dosi
infinitesimali possono nuocere ad un soggeto iperallergico.
CIao
Ma che c'entra? In quel caso serve la lista degli ingredienti completa.
Mardot
2018-06-14 12:35:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianni
E se il cliente è allergico ad uno degli ingredienti e non lo sa, cosa succede?
Succede che la prossima volta sta piu' attento e non si limita a legere
il titolo di un piatto in un menu'.
Miliuccio
2018-06-14 06:55:42 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
nei nomi dei piatti ingredienti presenti in quantità trascurabili (tipo gli
aromi), che di certo non caratterizzano il piatto e probabilmente qualche
tempo fa a nessuno sarebbe venuto in mente di metterli nel nome.
Personalmente invece, lo trovo molto interessante,
anzi mi piacerebbe avere la lista sott'occhio anche durante la degustazione,
per poter capire ogni componente del piatto man mano che lo mangio.
La complessità dei piatti in certi ristoranti, a volte ti fa sfuggire quel
particolare
che poi non riesci a riprodurre se non hai indicazioni precise, e domandare
ogni volta al cameriere
risulterebbe abbastanza fastidioso


-- --------------<o>-------------
e solitario godo
http://www.emiliocella.com
Mardot
2018-06-14 12:31:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Non è una novità, certo. Per darsi un tono, molti ristoranti inseriscono
nei nomi dei piatti ingredienti presenti in quantità trascurabili (tipo
gli aromi), che di certo non caratterizzano il piatto e probabilmente
qualche tempo fa a nessuno sarebbe venuto in mente di metterli nel nome.
Totani in umido, patate, finocchietto selvatico, semi di girasole.
oppure
Carpaccio caldo di pescato su coulis di finocchio e menta, sale nero di
Cipro, cialda al pan brioche e sorbetto all’arancia.
eh son sicura che quel "sale nero di Cipro" farà tutta la differenza...
E poi magari nel piatto di quel "sorbetto all'arancia" cosa trovi? Una
goccia, non riesci nemmeno a capire che sapore ha (o, se è per questo, a
tirarla su con una posata...forse leccando il piatto?). Mi è
capitato...salse/creme elencate nel nome del piatto che poi erano
presenti in quantità lillipuziane, al punto da impedirmi di capirne il
sapore. Ora non dico che dovrebbero inondare il piatto, ma cazzo almeno
mettimene, non dico tanto, che ne so, un paio di cucchiaini in una
ciotolina... Una semplice decorazione NON merita di stare nel nome del
piatto!
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto". Ecchisenefrega se poi quella roba figa te la faccio a malapena
annusare.
Con qualche sfumatura di qua e di la' sono comunque d'accordo con te al 100%

Sfumature che per lo piu' dipendono da quanto avverto l'ingrediente. Nel
senso che se il finocchietto selvatico fa la differenza, puo' anche
starci nella descrizione, cosi' come il sale della Caledonia....,
altrimenti no.

Il finocchietto ad esempio, per me, e' la discrimante n.1 per la
salsiccia. Per fortuna che qui chi la mette lo specifica, perche' a me
la salsiccia con il finocchio fa letteralmente schifo.

Comunque una semplice decorazione NON merita di stare nel nome del
piatto, concordo assolutamente.
Giacobino da Tradate
2018-06-18 16:00:14 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Sostanzialmente lo trovo ridicolo ed a tratti fastidioso, un modo per
dire "te lo sto facendo pagare tanto, però guarda quanta roba figa ci
metto".
Penso anch'io.

Se una cosa mi piace, chiedo cosa c'e' dentro e come la fanno, ma devo
chiederlo io dopo, non loro prima.

Una volta ho mangiato da uno stellato un piatto di ravioli 12 mesi. 12
ravioli, ancora giuntati fra di loro, ognuno con un ripieno diverso.

nel piatto c'erano n. 12 ravioli, c'e' voluto un minuto a illustrarlo
tutto, 15 secondi a mangiarli.
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Pericle
2018-06-18 16:21:48 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
adamski
2018-06-19 14:12:54 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Pericle
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
Ehm... Cosa useresti al posto di "Sentori di idrocarburi"?
Ghost Dog
2018-06-19 15:43:43 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by adamski
Post by Pericle
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
Ehm... Cosa useresti al posto di "Sentori di idrocarburi"?
ma infatti:sono definizioni codificate, un nome a quell'odore devono
pure darglielo.
Mardot
2018-06-19 15:58:12 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by adamski
Post by Pericle
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
Ehm... Cosa useresti al posto di "Sentori di idrocarburi"?
ma infatti:sono definizioni codificate, un nome a quell'odore devono
pure darglielo.
se sei un esperto non dovresti stare sul generico, ma dovresti dire:
sentore di benzina
sentore di kerosene
sentore di acetilene
sentore di gasolio
ecc...

e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
Ghost Dog
2018-06-19 16:06:12 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by adamski
Post by Pericle
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
Ehm... Cosa useresti al posto di "Sentori di idrocarburi"?
ma infatti:sono definizioni codificate, un nome a quell'odore devono
pure darglielo.
sentore di benzina
sentore di kerosene
sentore di acetilene
sentore di gasolio
ecc...
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
Er Capoccetta
2018-06-19 16:55:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by adamski
Post by Pericle
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
Ehm... Cosa useresti al posto di "Sentori di idrocarburi"?
ma infatti:sono definizioni codificate, un nome a quell'odore devono
pure darglielo.
sentore di benzina
sentore di kerosene
sentore di acetilene
sentore di gasolio
ecc...
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
io capisco pochissimo di vino e colgo solo alcune differenze basilari. però sono consapevole che ci vuole un linguaggio per esprimere le varie caratteristiche dei vini, e che non essendoci l'equivalente dei colori, ci si deve appoggiare a queste similitudini che suonano un pò buffe.
detto questo, sono del parere che tra tutti quelli che sproloquiano di sentori di frutti di bosco e di pietra focaia solo pochi siano davvero competenti. però ci sono
Er Capoccetta
2018-06-19 16:55:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er Capoccetta
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by adamski
Post by Pericle
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
Ehm... Cosa useresti al posto di "Sentori di idrocarburi"?
ma infatti:sono definizioni codificate, un nome a quell'odore devono
pure darglielo.
sentore di benzina
sentore di kerosene
sentore di acetilene
sentore di gasolio
ecc...
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
io capisco pochissimo di vino e colgo solo alcune differenze basilari. però sono consapevole che ci vuole un linguaggio per esprimere le varie caratteristiche dei vini, e che non essendoci l'equivalente dei colori, ci si deve appoggiare a queste similitudini che suonano un pò buffe.
detto questo, sono del parere che tra tutti quelli che sproloquiano di sentori di frutti di bosco e di pietra focaia solo pochi siano davvero competenti. però ci sono
comunque:

Mardot
2018-06-20 07:25:17 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by adamski
Post by Pericle
Post by Jamie
finocchietto selvatico, semi di girasole.
E a quelli che scrivono 'Sentori di Idrocarburi' nella scheda di un
vino cosa gli vogliamo dire ?!?
Ehm... Cosa useresti al posto di "Sentori di idrocarburi"?
ma infatti:sono definizioni codificate, un nome a quell'odore devono
pure darglielo.
sentore di benzina
sentore di kerosene
sentore di acetilene
sentore di gasolio
ecc...
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
scherzi a parte, io non mi ritengo un esperto di vini, tuttavia ho avuto
l'occasione di assaggiarne tanti e credo di sapermi districare almeno
attraverso i macrotipi e le macrodifferenze, di sicuro so cosa mi piace
e cosa no

se c'e' un "sentore" che non ho mai avvertito, questo e' proprio quello
di idrocarburi, forse qualche deviazione verso lo zolfo che ho avvertito
su alcuni bianchi meridionali, ma idrocarbusi mai

domanda: il sentore di idrocarburi e' un pregio, una semplice
caratteristica, un difetto, altro?

domanda 2: in che tipi di vino e' possibile sentirlo?
adamski
2018-06-20 11:04:46 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
domanda: il sentore di idrocarburi e' un pregio, una semplice
caratteristica, un difetto, altro?
Sono tutti "descrittori", non hanno valenza positiva o negativa. In alcuni champagne si avverte "urina di gatto".
Ghost Dog
2018-06-20 12:30:54 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
scherzi a parte, io non mi ritengo un esperto di vini, tuttavia ho avuto
l'occasione di assaggiarne tanti e credo di sapermi districare almeno
attraverso i macrotipi e le macrodifferenze, di sicuro so cosa mi piace
e cosa no
se c'e' un "sentore" che non ho mai avvertito, questo e' proprio quello
di idrocarburi, forse qualche deviazione verso lo zolfo che ho avvertito
su alcuni bianchi meridionali, ma idrocarbusi mai
domanda: il sentore di idrocarburi e' un pregio, una semplice
caratteristica, un difetto, altro?
dipende dal vino
Post by Mardot
domanda 2: in che tipi di vino e' possibile sentirlo?
Il riesling è uno dei più tipici.
pensa che fino a quando qualche dotto esperto non mi ha spiegato che è
"sentore di idrocarburo" io lo chiamavo "odore di ferrovia in piena estate"
Jamie
2018-06-20 12:06:14 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
meno per meno fa più
Mardot
2018-06-20 12:24:14 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
meno per meno fa più
+ melo -
+ vengo -
x non venir + -
non melo - +
Ghost Dog
2018-06-20 12:27:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
meno per meno fa più
meno per meno fa debiti...
Giampaolo Natali
2018-06-20 16:46:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
meno per meno fa più
meno per meno fa debiti...
Cioè meno per meno fa + debiti, quindi stavolta Jamie ha ragione :-) :-)
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Jamie
2018-06-20 17:37:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
meno per meno fa più
 meno per meno fa debiti...
Cioè meno per meno fa + debiti, quindi stavolta Jamie ha ragione :-) :-)
ottomila a zero per me :-))))
Giampaolo Natali
2018-06-20 23:29:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Giampaolo Natali
Post by Ghost Dog
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
meno per meno fa più
meno per meno fa debiti...
Cioè meno per meno fa + debiti, quindi stavolta Jamie ha ragione :-) :-)
ottomila a zero per me :-))))
Vorresti dire che hai appena fatto un debito di 8.000 euro, oppure bitcoin,
oppure ......................?
:-) :-) :-)
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Jamie
2018-06-21 08:17:16 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Jamie
ottomila a zero per me :-))))
Vorresti dire che hai appena fatto un debito di 8.000 euro, oppure
bitcoin, oppure ......................?
:-) :-) :-)
no, ho un credito di 8000 cosi :P
Mardot
2018-06-21 06:43:53 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
e magari nel caso della benzina specificare pure gli ottani
nel più ci sta il meno
meno per meno fa più
 meno per meno fa debiti...
Cioè meno per meno fa + debiti, quindi stavolta Jamie ha ragione :-) :-)
Si ma anche voi.... prendervela con un architetto su argomenti come
questi.... ;-))))

Ve la ricordate la Mira lanza?
https://it.wikipedia.org/wiki/Mira_Lanza

Le famose figurine che trovavi nei detersivi e valevano punti, poi con
quei punti potevi scegliere un regalo....
http://marcoeula.tripod.com/id13.html

Mia madre ad esempio prese una lucidatrice, ed era pure validissima,
durò decenni!

Bene.... qui da noi si narra che gli architetti con quei punti davano
Analisi I :-))))))
Jk
2018-06-21 06:52:09 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Bene.... qui da noi si narra che gli architetti con quei punti davano
Analisi I :-))))))
mi stavo perdendo questo sotto thread, oh avvertite cazzo! :-D
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Ghost Dog
2018-06-21 07:05:30 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Si ma anche voi.... prendervela con un architetto su argomenti come
questi.... ;-))))
Ve la ricordate la Mira lanza?
https://it.wikipedia.org/wiki/Mira_Lanza
Le famose figurine che trovavi nei detersivi e valevano punti, poi con
quei punti potevi scegliere un regalo....
http://marcoeula.tripod.com/id13.html
Mia madre ad esempio prese una lucidatrice, ed era pure validissima,
durò decenni!
Bene.... qui da noi si narra che gli architetti con quei punti davano
Analisi I :-))))))
Tipico esempio di umorismo da ingegneri, che all'università li
riconoscevi subito, erano quelli che venivano a guardare le archiTETTE e
poi finivano in un angolo a giocare tra di loro...con le figurine della
Miralanza che gli aveva dato la mamma!!! :)
Er Capoccetta
2018-06-21 07:08:12 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Si ma anche voi.... prendervela con un architetto su argomenti come
questi.... ;-))))
Ve la ricordate la Mira lanza?
https://it.wikipedia.org/wiki/Mira_Lanza
Le famose figurine che trovavi nei detersivi e valevano punti, poi con
quei punti potevi scegliere un regalo....
http://marcoeula.tripod.com/id13.html
Mia madre ad esempio prese una lucidatrice, ed era pure validissima,
durò decenni!
Bene.... qui da noi si narra che gli architetti con quei punti davano
Analisi I :-))))))
Tipico esempio di umorismo da ingegneri, che all'università li
riconoscevi subito, erano quelli che venivano a guardare le archiTETTE e
poi finivano in un angolo a giocare tra di loro...con le figurine della
Miralanza che gli aveva dato la mamma!!! :)
mai fatto queste porcherie


eravamo segregati in un plesso a parte
Ghost Dog
2018-06-21 07:11:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er Capoccetta
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Si ma anche voi.... prendervela con un architetto su argomenti come
questi.... ;-))))
Ve la ricordate la Mira lanza?
https://it.wikipedia.org/wiki/Mira_Lanza
Le famose figurine che trovavi nei detersivi e valevano punti, poi con
quei punti potevi scegliere un regalo....
http://marcoeula.tripod.com/id13.html
Mia madre ad esempio prese una lucidatrice, ed era pure validissima,
durò decenni!
Bene.... qui da noi si narra che gli architetti con quei punti davano
Analisi I :-))))))
Tipico esempio di umorismo da ingegneri, che all'università li
riconoscevi subito, erano quelli che venivano a guardare le archiTETTE e
poi finivano in un angolo a giocare tra di loro...con le figurine della
Miralanza che gli aveva dato la mamma!!! :)
mai fatto queste porcherie
eravamo segregati in un plesso a parte
A Milano tolleravamo i poveretti, di noi Architetti puoi dire tutto ma
non che non siamo compassionevoli, pensa che so di colleghe che han
persino sposato degli ingegneri!!! ;)
Mardot
2018-06-21 07:54:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Ghost Dog
Post by Er Capoccetta
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Si ma anche voi.... prendervela con un architetto su argomenti come
questi.... ;-))))
Ve la ricordate la Mira lanza?
https://it.wikipedia.org/wiki/Mira_Lanza
Le famose figurine che trovavi nei detersivi e valevano punti, poi con
quei punti potevi scegliere un regalo....
http://marcoeula.tripod.com/id13.html
Mia madre ad esempio prese una lucidatrice, ed era pure validissima,
durò decenni!
Bene.... qui da noi si narra che gli architetti con quei punti davano
Analisi I :-))))))
Tipico esempio di umorismo da ingegneri, che all'università li
riconoscevi subito, erano quelli che venivano a guardare le archiTETTE e
poi finivano in un angolo a giocare tra di loro...con le figurine della
Miralanza che gli aveva dato la mamma!!! :)
Confermo e sottoscrivo, da noi le uniche donne che avevamo facevano
concorrenza ai banchi dell'aula magna.....
Post by Ghost Dog
Post by Er Capoccetta
mai fatto queste porcherie
eravamo segregati in un plesso a parte
A Milano tolleravamo i poveretti,
Anche a Genova vigeva la tolleranza, quella che era Architettura un bel
giorno divenne un dipartimento di Ingegneria, forse perché eravamo lì
tutti i giorni, solo apparentemente senza motivo..... ;-)
Post by Ghost Dog
di noi Architetti puoi dire tutto ma
non che non siamo compassionevoli, pensa che so di colleghe che han
persino sposato degli ingegneri!!! ;)
gne gne gne.... doveva pur imparare a far di conto prima o poi!
Jamie
2018-06-21 08:16:17 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Confermo e sottoscrivo, da noi le uniche donne che avevamo facevano
concorrenza ai banchi dell'aula magna.....
te pensa che mia nipote è una bellissima ragazza (e non lo dico perché
sono la zia...sono obiettiva, è proprio bella!) e sta per laurearsi alla
triennale di ingegneria meccanica... mi ha detto che in aula saranno 5-6
ragazze su non so quanti maschi!
Mardot
2018-06-21 08:24:19 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
Confermo e sottoscrivo, da noi le uniche donne che avevamo facevano
concorrenza ai banchi dell'aula magna.....
te pensa che mia nipote è una bellissima ragazza (e non lo dico perché
sono la zia...sono obiettiva, è proprio bella!) e sta per laurearsi alla
triennale di ingegneria meccanica... mi ha detto che in aula saranno 5-6
ragazze su non so quanti maschi!
la sbraneranno! :-)

pensa che ai miei tempi c'era una sola ragazza davvero notevole, bionda,
alta, bellissima, il suo nome e cognome era noto praticamente in tutta
l'Universita', praticamente era diventata una creatura mitologica ;-)
Jamie
2018-06-21 08:18:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Si ma anche voi.... prendervela con un architetto su argomenti come
questi.... ;-))))
ci piace vincere facile
Post by Mardot
Ve la ricordate la Mira lanza?
https://it.wikipedia.org/wiki/Mira_Lanza
Le famose figurine che trovavi nei detersivi e valevano punti, poi con
quei punti potevi scegliere un regalo....
http://marcoeula.tripod.com/id13.html
marò :)
Post by Mardot
Mia madre ad esempio prese una lucidatrice, ed era pure validissima,
durò decenni!
la lucidatrice!! ahaha oggidì penso che non la compri più nessuno
Post by Mardot
Bene.... qui da noi si narra che gli architetti con quei punti davano
Analisi I :-))))))
anche gli informatici, fidati
almeno, QUESTA informatica ahahah
Loading...