Discussione:
Aragosta e arancia
Aggiungi Risposta
Mardot
2017-12-28 20:16:13 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
La discussione sui gamberoni fiammati al Cointreau mi ha ricordato una
delle maggiori prelibatezze che ho mai mangiato in vita mia.

Ero un South Africa, nel 1995, nei pressi di Paternoster, West Coast a
un centinaio abbondante di km da Cape Town, per la costruzione
dell'acciaieria di Saldanha.

I pescatori sulla spiaggia accendevano un grosso falo', sopra al quale
posavano delle grosse pietre piatte, che diventavano roventi.

A quel punto si posavano le aragoste sulle pietre e si cospargevano di
gocce di spremuta d'arancia durante la cottura, girandole di tanto in
tanto; una volta cotte (poco) ti venivano servite con arancia a cubi e
un bicchiere di spremuta, solamente aragosta e arancia, nient'altro.

Indimenticabile
James T.Kirk
2017-12-28 20:27:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Indimenticabile
Ostrega!
Elwood
2017-12-29 09:05:15 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
La discussione sui gamberoni fiammati al Cointreau mi ha ricordato una
delle maggiori prelibatezze che ho mai mangiato in vita mia.
[cut]

Ah, l'imperialismo non era così male, dopotutto :-D
--
Elwood (Peter S.)
Mardot
2017-12-29 17:29:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Elwood
Post by Mardot
La discussione sui gamberoni fiammati al Cointreau mi ha ricordato una
delle maggiori prelibatezze che ho mai mangiato in vita mia.
[cut]
Ah, l'imperialismo non era così male, dopotutto :-D
Non posso darti torto ;-)
Jamie
2017-12-29 09:51:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
La discussione sui gamberoni fiammati al Cointreau mi ha ricordato una
delle maggiori prelibatezze che ho mai mangiato in vita mia.
Ero un South Africa, nel 1995, nei pressi di Paternoster, West Coast a
un centinaio abbondante di km da Cape Town, per la costruzione
dell'acciaieria di Saldanha.
I pescatori sulla spiaggia accendevano un grosso falo', sopra al quale
posavano delle grosse pietre piatte, che diventavano roventi.
A quel punto si posavano le aragoste sulle pietre e si cospargevano di
gocce di spremuta d'arancia durante la cottura, girandole di tanto in
tanto; una volta cotte (poco) ti venivano servite con arancia a cubi e
un bicchiere di spremuta, solamente aragosta e arancia, nient'altro.
Indimenticabile
wow, che invidia :D
Mardot
2017-12-29 17:30:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jamie
Post by Mardot
La discussione sui gamberoni fiammati al Cointreau mi ha ricordato una
delle maggiori prelibatezze che ho mai mangiato in vita mia.
Ero un South Africa, nel 1995, nei pressi di Paternoster, West Coast a
un centinaio abbondante di km da Cape Town, per la costruzione
dell'acciaieria di Saldanha.
I pescatori sulla spiaggia accendevano un grosso falo', sopra al quale
posavano delle grosse pietre piatte, che diventavano roventi.
A quel punto si posavano le aragoste sulle pietre e si cospargevano di
gocce di spremuta d'arancia durante la cottura, girandole di tanto in
tanto; una volta cotte (poco) ti venivano servite con arancia a cubi e
un bicchiere di spremuta, solamente aragosta e arancia, nient'altro.
Indimenticabile
wow, che invidia :D
che poi la cosa piu' incredibile era la dimensione delle aragoste, dei
bambini! :-D
EC
2017-12-29 10:34:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Indimenticabile
Credo che l'atmosfera influisca molto anche sui sapori. Detto questo
comunque l'aragosta sudafricana (Jasus lalandii), anche se non
paragonabile alla nostra (Palinurus elephas) che è addirittura un altro
genere, è buonissima se appena pescata mentre dopo diventa un sasso. La
nostra invece o le altre del mediterraneo o anche quella yucatana
(Panulirus argus) e quella americana del versante pacifico o le asiatiche
(sempre genere Panulirus) possono anche subire lunghi viaggi senza che la
carne indurisca molto. Altre aragoste che vanno mangiate subito appena
pescate sono le australiane, neozelandesi o sudamericane, insomma tutte
quelle dell'emisfero australe dove domina il genere Jasus.

Ciao Enrico
Elwood
2017-12-29 11:46:04 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by EC
(Panulirus argus) e quella americana del versante pacifico o le asiatiche
(sempre genere Panulirus) possono anche subire lunghi viaggi senza che la
carne indurisca molto.
Sempre da vive, intendi?
Perchè io astici o aragoste (ok, mai comprata aragosta) se non sono vivi non li compro.
--
Elwood (Peter S.)
EC
2017-12-30 02:54:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Elwood
Sempre da vive, intendi?
PerchÚ io astici o aragoste (ok, mai comprata aragosta) se non sono vivi
non li compro.
Intendevo da congelate. Possono anche essere trasportate vive e poi tenute
in acquario. Parlando con i pescatori yucatechi mi dicevano che una parte
delle aragoste pescate finiscono in spagna, francia e italia (negli stati
uniti preferiscono le loro o meglio i loro astici giganti) ma non ho mai
trovato traccia nei negozi di aragoste di provenienza messicana. Che poi in
quella zona i prezzi sono gonfiatissimi dalla presenza del turismo europeo-
americano. Invece se vai sul lato pacifico messicano fra marquelia e
zipolite per esempio, con 5€ ti servono 4 aragoste.

Ciao Enrico

carletto
2017-12-29 14:28:12 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by EC
Credo che l'atmosfera influisca molto anche sui sapori.
Anche l'eta', e la spensierata gioventu' credo che abbiano la loro (larga)
fetta di importanza, nelle percezioni...

carletto
Mardot
2017-12-29 17:38:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by EC
Post by Mardot
Indimenticabile
Credo che l'atmosfera influisca molto anche sui sapori.
Quando sei in vacanza si', quando hai davanti mesi infiniti di cantiere
molto meno... ;-)
Post by EC
Detto questo
comunque l'aragosta sudafricana (Jasus lalandii), anche se non
paragonabile alla nostra (Palinurus elephas) che è addirittura un altro
genere, è buonissima se appena pescata mentre dopo diventa un sasso. La
nostra invece o le altre del mediterraneo o anche quella yucatana
(Panulirus argus) e quella americana del versante pacifico o le asiatiche
(sempre genere Panulirus) possono anche subire lunghi viaggi senza che la
carne indurisca molto. Altre aragoste che vanno mangiate subito appena
pescate sono le australiane, neozelandesi o sudamericane, insomma tutte
quelle dell'emisfero australe dove domina il genere Jasus.
Non sapevo di queste differenze, e' anche vero che non ho mai mangiato
aragoste morte, nel senso che pescate ok, ma sempre vive erano quando le
ho consumate. Concordo sulla differenza, le ricordo bene le sudafricane
ed erano semplicemente gigantesche, oltre che un po' diverse nel
carapace, nella coda e nelle antenne.
EC
2017-12-30 02:14:53 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mardot
Non sapevo di queste differenze,
Sulla costa est, dove l'acqua è più calda, ci sono diverse specie di
Panulirus ma hanno taglia inferiore a quelle che hai mangiato tu.
Recentemente i giornali di tutto il mondo hanno riportato la notizia della
scoperta di una nuova specie di aragosta dedicata a Nelson Mandela ma come
sempre, vuoi la disinformazione dei giornalisti, vuoi le traduzioni
sbagliate, non si tratta di aragosta ma di un altro tipo di crostaceo.
Post by Mardot
Concordo sulla differenza, le ricordo bene le sudafricane
ed erano semplicemente gigantesche, oltre che un po' diverse nel
carapace, nella coda e nelle antenne.
In teoria gli esemplari più grandi appartengono alle nostre, almeno quelle
pescate in oceano atlantico sembrano superare in grandezza le sudafricane.
Ma essendo animali che campano decine di anni (gli astici è documentato che
superano facilmente i 100) è difficile capire le dimensioni finali.

Ciao Enrico
Alessandro Cara
2017-12-29 20:51:42 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by EC
Post by Mardot
Indimenticabile
paragonabile alla nostra (Palinurus elephas) che è addirittura un altro
...
Post by EC
(Panulirus argus) e quella americana del versante pacifico o le asiatiche
Sempre, ovviamente, due generi diversi :-)
La Palinurus puo' essere solo /nostra/
--
ac (x=y-1)
Aborro il Killfile
(La violenza e' l'ultimo rifugio degli incapaci -Salvor Hardin-)
EC
2017-12-30 02:34:01 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Alessandro Cara
La Palinurus puo' essere solo /nostra/
A parte il nome del famoso nocchiere di Enea la nostra specie ha una
distribuzione ampia e la trovi anche nell'atlantico orientale dalle coste
del nord africa fino alla scozia ma manca nell'est mediterraneo. Poi in
mediterraneo ci sono altre specie (sempre Palinurus) come l'aragosta rosa di
profondità e quella verde.

Ciao Enrico
Loading...