Discussione:
[SemiOT]Che musica ascoltare al ristorante
Aggiungi Risposta
Ghost Dog
2018-10-09 16:14:02 UTC
Rispondi
Permalink
https://tinyurl.com/yd8vy5wy

premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo, e anche io lo vario in base alla combinata
cibo/compagnia e devo dire che quando ti propinano musica dozzinale, è
vero che sarebbe meglio il silenzio.
Sto ascoltando la playlist su Spotify (chiave di ricerca "nytimes
sakamoto") e in effetti penso che sia un ottimo sottofondo per una cena
in un locale giappo/rarefatto.
GD
Jamie
2018-10-09 16:20:42 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
https://tinyurl.com/yd8vy5wy
premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo, e anche io lo vario in base alla combinata
cibo/compagnia e devo dire che quando ti propinano musica dozzinale, è
vero che sarebbe meglio il silenzio.
Sto ascoltando la playlist su Spotify (chiave di ricerca "nytimes
sakamoto") e in effetti penso che sia un ottimo sottofondo per una cena
in un locale giappo/rarefatto.
GD
Io non sono un'intenditrice di musica ma questa playlist mi piace
davvero e la trovo adattissima per una cena in un buon ristorante. Non
stonerebbe neanche per una sessione di yoga...se ne facessi una XD
Grazie per averla segnalata!
Ghost Dog
2018-10-09 16:27:53 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
https://tinyurl.com/yd8vy5wy
premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo, e anche io lo vario in base alla combinata
cibo/compagnia e devo dire che quando ti propinano musica dozzinale, è
vero che sarebbe meglio il silenzio.
Sto ascoltando la playlist su Spotify (chiave di ricerca "nytimes
sakamoto") e in effetti penso che sia un ottimo sottofondo per una
cena in un locale giappo/rarefatto.
GD
Io non sono un'intenditrice di musica ma questa playlist mi piace
davvero e la trovo adattissima per una cena in un buon ristorante. Non
stonerebbe neanche per una sessione di yoga...se ne facessi una XD
Grazie per averla segnalata!
prego.
Se ti piace lo stile spulcia nella sterminata discografia di Sakamoto,
tra le cose che trovo in assoluto migliori (alcune sono invece per me
inascoltabili)c'è la colonna sonora del Piccolo Buddha di Bertolucci e
l'album "Heartbeat ".
altro suggerimento in tema è David Sylvian, the secret of the Beehives è
stato il sottofondo di millemila cene "riflessive" e aperitivi
contemplativi.
GD
Mardot
2018-10-10 07:44:25 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo
Tendenzialmente preferisco il silenzio.

Se sono da solo, come spesso accade in trasferta, o mi porto il giornale
o mi porto un libro, sono questi i miei strumenti durante le attese.

Se sono in compagnia:

- se sono con amici, preferisco non essere distratto da musica di
sottofondo, comunque se c'e' non mi da' fastidio, a meno che non sia
musica che merita attenzione per essere ascoltata, in quel caso mi
infastidisce, perche' o dedico attenzione alla musica trascuranto i
commensali, o dedico attenzione ai commensali e non riesco ad ascoltare
la musica.

- se sono con altre persone per lavoro, il pasto spesso serve per
sviluppare "intimacy" o anche per chiarimenti, quindi la musica
preferisco non ci sia, se c'e' dev'essere molto ma molto bassa e del
tutto priva di spunti d'interesse, in maniera che non distolga la mia
attenzione da cio' che mi interessa di piu'

Comunque in generale attingerei dalla musica classica, tanto la
maggiorparte della gente conosce solamente le arie piu' note, quindi
resta un mare infinito di brani da mettere in sottofondo senza indurre
in distrazione il cliente.
Post by Ghost Dog
Sto ascoltando la playlist su Spotify
Bah, un mix di new age, fusion con qualche sconfinamento jazz, la
definirei "general purpose".

Nulla di male, a quel punto puoi anche mettere una compilation di suoni
della natura, dall'acqua che scorre mescolata col vento, foglie secche
che rotolano, ecc..... ecco Signs Of Life dei Pink Floyd dovrebbe essere
un buon riferimento, per dire.

PS: ammetto che il mio giudizia sia inficiato dal fatto che ho passato
una buona fetta della mia vita ad ascoltare musica sdraiato sul mio
letto, in perfetto ambiente musicale, con impianto stereo ad alta
fedelta' e quant'altro, questo per dire che ascolare la musica al
ristorante lo ritengo un esercizio acustico pari a mettere una sveglia
in una pentola.
Ghost Dog
2018-10-10 07:52:05 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo
Tendenzialmente preferisco il silenzio.
Se sono da solo, come spesso accade in trasferta, o mi porto il giornale
o mi porto un libro, sono questi i miei strumenti durante le attese.
 - se sono con amici, preferisco non essere distratto da musica di
sottofondo, comunque se c'e' non mi da' fastidio, a meno che non sia
musica che merita attenzione per essere ascoltata, in quel caso mi
infastidisce, perche' o dedico attenzione alla musica trascuranto i
commensali, o dedico attenzione ai commensali e non riesco ad ascoltare
la musica.
 - se sono con altre persone per lavoro, il pasto spesso serve per
sviluppare "intimacy" o anche per chiarimenti, quindi la musica
preferisco non ci sia, se c'e' dev'essere molto ma molto bassa e del
tutto priva di spunti d'interesse, in maniera che non distolga la mia
attenzione da cio' che mi interessa di piu'
Comunque in generale attingerei dalla musica classica, tanto la
maggiorparte della gente conosce solamente le arie piu' note, quindi
resta un mare infinito di brani da mettere in sottofondo senza indurre
in distrazione il cliente.
La musica al giusto volume, con un progetto dell'ambiente sonoro fatto
nel modo giusto di modo che sia "groove" e non invasiva aiuta a
mantenere l'atmosfera soft.
La classica deve essere scelta con grande attenzione, l'effetto
"poposità" èdietro l'angolo
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Sto ascoltando la playlist su Spotify
Bah, un mix di new age, fusion con qualche sconfinamento jazz, la
definirei "general purpose".
Nulla di male, a quel punto puoi anche mettere una compilation di suoni
della natura, dall'acqua che scorre mescolata col vento, foglie secche
che rotolano, ecc..... ecco Signs Of Life dei Pink Floyd dovrebbe essere
un buon riferimento, per dire.
Beh ma Sakamoto è un artista di riferimento per il cosidetto omndo
fusion, anche perchè ha spaziato dalla classica alla eletrtonica più
spinta, conincursioni memorabili nel jazz e brani di riferimento nel pop.
Insomma, è proprio quel che ti aspetti da lui
Post by Mardot
PS: ammetto che il mio giudizia sia inficiato dal fatto che ho passato
una buona fetta della mia vita ad ascoltare musica sdraiato sul mio
letto, in perfetto ambiente musicale, con impianto stereo ad alta
fedelta' e quant'altro, questo per dire che ascolare la musica al
ristorante lo ritengo un esercizio acustico pari a mettere una sveglia
in una pentola.
Io penso che ogni situazione abbia la sua mnusica, così come abbia il
suo silenzio.
GD
Mardot
2018-10-10 08:06:17 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
La musica al giusto volume, con un progetto dell'ambiente sonoro fatto
nel modo giusto di modo che sia "groove" e non invasiva aiuta a
mantenere l'atmosfera soft.
Sono d'accordo, quello che non gradisco e' che l'atmosfera "soft" sia
l'unica atmosfera plausibile per un ristorante.
Post by Ghost Dog
La classica  deve essere scelta con grande attenzione,
Senza alcun dubbio, ma e' un mare infinito da cui attingere con spunti
adatti ad ogni minima declinazione d'ambiente.
Post by Ghost Dog
l'effetto
"poposità"  èdietro l'angolo
Ammetto la mia ignoranza, cosa significa "poposita'"?
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Sto ascoltando la playlist su Spotify
Bah, un mix di new age, fusion con qualche sconfinamento jazz, la
definirei "general purpose".
Nulla di male, a quel punto puoi anche mettere una compilation di
suoni della natura, dall'acqua che scorre mescolata col vento, foglie
secche che rotolano, ecc..... ecco Signs Of Life dei Pink Floyd
dovrebbe essere un buon riferimento, per dire.
Beh ma Sakamoto è un artista di riferimento per il cosidetto omndo
fusion, anche perchè ha spaziato dalla classica alla eletrtonica più
spinta, conincursioni memorabili nel jazz e brani di riferimento nel pop.
Insomma, è proprio quel che ti aspetti da lui
Si ma infatti non era una critica, pero' in quel genere (che poi non e'
un solo genere) ci sono milioni di artisti sconosciuti di pari livello,
il problema e' che quel tipo di musica e' molto uniforme, non ha
personalita'. (il che per il ristorante va benissimo)
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
PS: ammetto che il mio giudizia sia inficiato dal fatto che ho passato
una buona fetta della mia vita ad ascoltare musica sdraiato sul mio
letto, in perfetto ambiente musicale, con impianto stereo ad alta
fedelta' e quant'altro, questo per dire che ascolare la musica al
ristorante lo ritengo un esercizio acustico pari a mettere una sveglia
in una pentola.
Io penso che ogni situazione abbia la sua mnusica, così come abbia il
suo silenzio.
Belin mettiti d'accordo con te stesso, o musica o silenzio, entrambi e'
dura! :-D

Io penso che ci siano situazioni in cui il silenzio sia d'obbligo, no
music please (non mi riferisco al ristorante). Tante altre invece
meritano un'ottima colonna sonora, che non sempre e' facile da
selezionare, anzi...

Un piccolo aneddoto? Eccolo:

ero in camera con un'amica in situazione intima, ad un certo punto io
non mi ero accorto di essermi praticamente estraniato, lei mi ha chiesto
cosa avevo, che cosa stessi pensando, la risposta fu semplice: "scusa,
stavo ascoltando l'assolo di Blackmore", e scoppio' una risata di
entrambi; avevo 20 anni e avevo messo i Deep Purple come sottofondo, poi
pero' non ho tenuto conto che durante gli stacchi di chitarra la mia
mente avrebbe potuto deviare pericolosamente ;-)
Ghost Dog
2018-10-10 08:42:44 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
La musica al giusto volume, con un progetto dell'ambiente sonoro fatto
nel modo giusto di modo che sia "groove" e non invasiva aiuta a
mantenere l'atmosfera soft.
Sono d'accordo, quello che non gradisco e' che l'atmosfera "soft" sia
l'unica atmosfera plausibile per un ristorante.
Un groove musicale aiuta a eviatre di essere disturbati da piccoli
rumori molesti
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
La classica  deve essere scelta con grande attenzione,
Senza alcun dubbio, ma e' un mare infinito da cui attingere con spunti
adatti ad ogni minima declinazione d'ambiente.
Post by Ghost Dog
l'effetto "poposità"  èdietro l'angolo
Ammetto la mia ignoranza, cosa significa "poposita'"?
è la pomposità quando ti tieni una "m" in tasca
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Sto ascoltando la playlist su Spotify
Beh ma Sakamoto è un artista di riferimento per il cosidetto omndo
fusion, anche perchè ha spaziato dalla classica alla eletrtonica più
spinta, conincursioni memorabili nel jazz e brani di riferimento nel pop.
Insomma, è proprio quel che ti aspetti da lui
Si ma infatti non era una critica, pero' in quel genere (che poi non e'
un solo genere) ci sono milioni di artisti sconosciuti di pari livello,
il problema e' che quel tipo di musica e' molto uniforme, non ha
personalita'. (il che per il ristorante va benissimo)
C'è tanta fuffa catalogata come fusion o new age, ma gli artisti veri un
tocco magico ce l'hanno, Sakamoto (o Sylvian ma anche pochi altri) quel
tocco IMHO ce l'hanno
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
PS: ammetto che il mio giudizia sia inficiato dal fatto che ho
passato una buona fetta della mia vita ad ascoltare musica sdraiato
sul mio letto, in perfetto ambiente musicale, con impianto stereo ad
alta fedelta' e quant'altro, questo per dire che ascolare la musica
al ristorante lo ritengo un esercizio acustico pari a mettere una
sveglia in una pentola.
Io penso che ogni situazione abbia la sua mnusica, così come abbia il
suo silenzio.
Belin mettiti d'accordo con te stesso, o musica o silenzio, entrambi e'
dura! :-D
Non intendevo contemporaneamente ! :)
Post by Mardot
Io penso che ci siano situazioni in cui il silenzio sia d'obbligo, no
music please (non mi riferisco al ristorante). Tante altre invece
meritano un'ottima colonna sonora, che non sempre e' facile da
selezionare, anzi...
ero in camera con un'amica in situazione intima, ad un certo punto io
non mi ero accorto di essermi praticamente estraniato, lei mi ha chiesto
cosa avevo, che cosa stessi pensando, la risposta fu semplice: "scusa,
stavo ascoltando l'assolo di Blackmore", e scoppio' una risata di
entrambi; avevo 20 anni e avevo messo i Deep Purple come sottofondo, poi
pero' non ho tenuto conto che durante gli stacchi di chitarra la mia
mente avrebbe potuto deviare pericolosamente ;-)
La musica "ciularina" è un discorso a parte :)
DDV
2018-10-10 18:49:55 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo
Tendenzialmente preferisco il silenzio.
Se sono da solo, come spesso accade in trasferta, o mi porto il giornale
o mi porto un libro, sono questi i miei strumenti durante le attese.
- se sono con amici, preferisco non essere distratto da musica di
sottofondo, comunque se c'e' non mi da' fastidio, a meno che non sia
musica che merita attenzione per essere ascoltata, in quel caso mi
infastidisce, perche' o dedico attenzione alla musica trascuranto i
commensali, o dedico attenzione ai commensali e non riesco ad ascoltare
la musica.
- se sono con altre persone per lavoro, il pasto spesso serve per
sviluppare "intimacy" o anche per chiarimenti, quindi la musica
preferisco non ci sia, se c'e' dev'essere molto ma molto bassa e del
tutto priva di spunti d'interesse, in maniera che non distolga la mia
attenzione da cio' che mi interessa di piu'
Comunque in generale attingerei dalla musica classica, tanto la
maggiorparte della gente conosce solamente le arie piu' note, quindi
resta un mare infinito di brani da mettere in sottofondo senza indurre
in distrazione il cliente.
Post by Ghost Dog
Sto ascoltando la playlist su Spotify
Bah, un mix di new age, fusion con qualche sconfinamento jazz, la
definirei "general purpose".
Nulla di male, a quel punto puoi anche mettere una compilation di suoni
della natura, dall'acqua che scorre mescolata col vento, foglie secche
che rotolano, ecc..... ecco Signs Of Life dei Pink Floyd dovrebbe essere
un buon riferimento, per dire.
PS: ammetto che il mio giudizia sia inficiato dal fatto che ho passato
una buona fetta della mia vita ad ascoltare musica sdraiato sul mio
letto, in perfetto ambiente musicale, con impianto stereo ad alta
fedelta' e quant'altro, questo per dire che ascolare la musica al
ristorante lo ritengo un esercizio acustico pari a mettere una sveglia
in una pentola.
Figliolo mio prediletto, sono (una volta tanto) d'accordo con te assolutamente in TUTTO.

Se sono al ristorante in compagnia, mi piace conversare con i miei commensali, e non ho bisogno della musica, fossi da sola non avrei bisogno della musica perché mi basterebbe gustare serenamente il cibo che ho nel piatto.

DDV
Mardot
2018-10-11 08:55:12 UTC
Rispondi
Permalink
Post by DDV
Figliolo mio prediletto, sono (una volta tanto) d'accordo con te assolutamente in TUTTO.
smack smack smack
Post by DDV
Se sono al ristorante in compagnia, mi piace conversare con i miei commensali, e non ho bisogno della musica, fossi da sola non avrei bisogno della musica perché mi basterebbe gustare serenamente il cibo che ho nel piatto.
Una volta ero a Cassino per un lavoro in FIAT, mi portano a mangiare in
un buon ristorante in una villa.

Sottofondo a nastro continuo a base di Carla Bruni. Mi sarei
suicidato.... ad un certo punto ho chiesto di spegnere e si sono
incazzati :-D
Ghost Dog
2018-10-11 09:58:58 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by DDV
Figliolo mio prediletto, sono (una volta tanto) d'accordo con te assolutamente in TUTTO.
smack smack smack
Post by DDV
Se sono al ristorante in compagnia, mi piace conversare con i miei
commensali, e non ho bisogno della musica, fossi da sola non avrei
bisogno della musica perché mi basterebbe gustare serenamente il cibo
che ho nel piatto.
Una volta ero a Cassino per un lavoro in FIAT, mi portano a mangiare in
un buon ristorante in una villa.
Sottofondo a nastro continuo a base di Carla Bruni. Mi sarei
suicidato.... ad un certo punto ho chiesto di spegnere e si sono
incazzati :-D
ma è proprio questo il discorso: se mi metti musica di m, è ovvio che mi
da fastidio.
Ma come si cura l'arredo, l'impiattamento, l'argenteria etc etc, anche
la mnsica dovrebbe essere studiata con attenzione
Mardot
2018-10-11 12:30:39 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
ma è proprio questo il discorso: se mi metti musica di m, è ovvio che mi
da fastidio.
quella che per te e' musica di m per me potrebbe essere aria sublime, e
viceversa
Post by Ghost Dog
Ma come si cura l'arredo, l'impiattamento, l'argenteria etc etc, anche
la mnsica dovrebbe essere studiata con attenzione
l'impiattamento, l'argenteria ecc... non sono un'arte, fanno parte del
mestiere, quando si va nell'arte ci si scontra con le preferenze
personali e a quel punto c'e' sempre una medaglia con il suo rovescio
Ghost Dog
2018-10-11 13:05:26 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
ma è proprio questo il discorso: se mi metti musica di m, è ovvio che
mi da fastidio.
quella che per te e' musica di m per me potrebbe essere aria sublime, e
viceversa
no no, la Bruni è musica di M, è un dato di fatto :).
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Ma come si cura l'arredo, l'impiattamento, l'argenteria etc etc, anche
la mnsica dovrebbe essere studiata con attenzione
l'impiattamento, l'argenteria ecc... non sono un'arte, fanno parte del
mestiere, quando si va nell'arte ci si scontra con le preferenze
personali e a quel punto c'e' sempre una medaglia con il suo rovescio
Hai tralasciato l'arredo ed altre cose. Come ho già scritto IMHO
l'esperienza è multisensoriale e non puoi decidere che una cosa è da
evitare a priori
Mardot
2018-10-11 13:32:16 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
ma è proprio questo il discorso: se mi metti musica di m, è ovvio che
mi da fastidio.
quella che per te e' musica di m per me potrebbe essere aria sublime,
e viceversa
no no, la Bruni è musica di M, è un dato di fatto :).
ti assicuro che non sono pochi quelli a cui piace tanto... :-(
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Ma come si cura l'arredo, l'impiattamento, l'argenteria etc etc,
anche la mnsica dovrebbe essere studiata con attenzione
l'impiattamento, l'argenteria ecc... non sono un'arte, fanno parte del
mestiere, quando si va nell'arte ci si scontra con le preferenze
personali e a quel punto c'e' sempre una medaglia con il suo rovescio
Hai tralasciato l'arredo ed altre cose. Come ho già scritto  IMHO
l'esperienza è multisensoriale e non puoi decidere che una cosa è da
evitare a priori
sii piu' preciso grazie :-D
il tuo "da evitare" non e' nemmeno parente del mio "in secondo piano" ;-)
Jk
2018-10-11 13:44:02 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
no no, la Bruni è musica di M, è un dato di fatto :).
ti assicuro che non sono pochi quelli a cui piace tanto... :-(
questo mi riporta alla memoria le battaglie in palestra per che musica
avere, che desse carica.
Ora passi il pugile pro che amava la musica dance da tamarro
ma il bodybuilder che per caricarsi quando si allenava metteva su EROS
RAMAZZOTTI beh questo era veramente troppo! :-D
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Mardot
2018-10-11 13:50:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
no no, la Bruni è musica di M, è un dato di fatto :).
ti assicuro che non sono pochi quelli a cui piace tanto... :-(
questo mi riporta alla memoria le battaglie in palestra per che musica
avere, che desse carica.
Ora passi il pugile pro che amava la musica dance da tamarro
ma il bodybuilder che per caricarsi quando si allenava metteva su EROS
RAMAZZOTTI beh questo era veramente troppo! :-D
beh qui apri un argomento ENORME

ti lascio immaginare le discussioni sulle playlist piu' o meno idonee a
fare gli allenamenti in bici, dove l'esercizio spazia dalle ripetute in
salita a 200 battiti cardiaci al minuti alle SFR alle sessioni di
scarico, ecc...

il tutto ben sapendo che l'ideale e' trovare il modo di andare a tempo
tra pedalata e musica, così come tra respirazione e pedalata, ovviamente
prevedendo la possibilita' di fare da multiplexer!
Jk
2018-10-11 14:59:24 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
beh qui apri un argomento ENORME
ti lascio immaginare le discussioni sulle playlist piu' o meno idonee a
fare gli allenamenti in bici, dove l'esercizio spazia dalle ripetute in
salita a 200 battiti cardiaci al minuti alle SFR alle sessioni di
scarico, ecc...
il tutto ben sapendo che l'ideale e' trovare il modo di andare a tempo
tra pedalata e musica, così come tra respirazione e pedalata, ovviamente
prevedendo la possibilita' di fare da multiplexer!
ecco, vedi?
io manco pretendo tanto mi basta che sia roba un po' carica
"più bellaaaa cosa non c'èèèèèè più bellaaaa cosa di teeee!"
non sto manco a guardare i BPM

In pratica stai dando ragione a Ghost! :-D

io sono molto terra terra: mentre mangio solo che non ci sia un gran
casino mi va bene, per allenarmi invece a seconda del tipo di lavoro e
della condizione spazio dal rap al rock arrivando anche al HM
industriale e quant' altro.
Ma ormai al max uso dell' hair metal (Bon Jovi di solito)
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Mardot
2018-10-11 14:56:47 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
beh qui apri un argomento ENORME
ti lascio immaginare le discussioni sulle playlist piu' o meno idonee
a fare gli allenamenti in bici, dove l'esercizio spazia dalle ripetute
in salita a 200 battiti cardiaci al minuti alle SFR alle sessioni di
scarico, ecc...
il tutto ben sapendo che l'ideale e' trovare il modo di andare a tempo
tra pedalata e musica, così come tra respirazione e pedalata,
ovviamente prevedendo la possibilita' di fare da multiplexer!
ecco, vedi?
io manco pretendo tanto mi basta che sia roba un po' carica
"più bellaaaa cosa non c'èèèèèè più bellaaaa cosa di teeee!"
non sto manco a guardare i BPM
In pratica stai dando ragione a Ghost! :-D
manco morto! :-P
Post by Jk
io sono molto terra terra: mentre mangio solo che non ci sia un gran
casino mi va bene, per allenarmi invece a seconda del tipo di lavoro e
della condizione spazio dal rap al rock arrivando anche al HM
industriale e quant' altro.
Ma ormai al max uso dell' hair metal (Bon Jovi di solito)
hai travisato, magari per colpa mia, non ne facevo un problema di
qualita' della musica, ma molto piu' tecnicamente di ritmo!

prova a fare le ripetute a tempo di musica su una colonna sonora che
viaggia a 100bpm, poi spera che in cima ci sia l'ambulanza a prenderti!
Jk
2018-10-12 07:59:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Jk
In pratica stai dando ragione a Ghost! :-D
manco morto! :-P
ce l'hai la pastiglia di cianuro nel tacco della scarpa? Te tocca! ;-)
Post by Mardot
hai travisato, magari per colpa mia, non ne facevo un problema di
qualita' della musica, ma molto piu' tecnicamente di ritmo!
no avevo capito
Post by Mardot
prova a fare le ripetute a tempo di musica su una colonna sonora che
viaggia a 100bpm, poi spera che in cima ci sia l'ambulanza a prenderti!
eh, come ti ho detto se non sono in forma uso roba a bpm bassi, sennò
scoppio.
e cmq certa roba industrial mi faceva scoppiare alle ripetute al sacco
anche quando ero in forma :-)
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
carletto
2018-10-11 16:13:19 UTC
Rispondi
Permalink
Se sono al ristorante in compagnia, mi piace conversare con i miei commensali, e non ho bisogno della musica > fossi da sola non avrei bisogno della musica perché mi basterebbe
gustare serenamente il
cibo che ho nel piatto.
Ecco, questo.
Hai riassunto quello che penso.
Aggiungo che, quando il cibo e' particolarmente buono o interessante,
e/o anche se ho molta fame, tendo ad evitare pure la conversazione con i
commensali... premettendo loro di non offendersi se non rispondo o non
capisco quello che dicono, essendo totalmente rapito dal mangiare e
gustare... :-)

carletto
capsy
2018-10-11 18:18:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo
Tendenzialmente preferisco il silenzio.
+1
--
le mie ricette:
www.peperoncinosanremorivieradeifiori.it/ricette.php
capsy
2018-10-10 11:40:16 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
https://tinyurl.com/yd8vy5wy
premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo, e anche io lo vario in base alla combinata
cibo/compagnia e devo dire che quando ti propinano musica dozzinale, è
vero che sarebbe meglio il silenzio.
Sto ascoltando la playlist su Spotify (chiave di ricerca "nytimes
sakamoto") e in effetti penso che sia un ottimo sottofondo per una cena
in un locale giappo/rarefatto.
GD
come ormai sapete sono vecchio e retrogrado:
se voglio musica vado in discoteca
se voglio mangiare vado al ristorante
--
le mie ricette:
www.peperoncinosanremorivieradeifiori.it/ricette.php
Ghost Dog
2018-10-10 13:08:39 UTC
Rispondi
Permalink
Post by capsy
Post by Ghost Dog
https://tinyurl.com/yd8vy5wy
premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo, e anche io lo vario in base alla combinata
cibo/compagnia e devo dire che quando ti propinano musica dozzinale, è
vero che sarebbe meglio il silenzio.
Sto ascoltando la playlist su Spotify (chiave di ricerca "nytimes
sakamoto") e in effetti penso che sia un ottimo sottofondo per una
cena in un locale giappo/rarefatto.
GD
se voglio musica vado in discoteca
se voglio mangiare vado al ristorante
Per me un ristorante non si giudica solo dal cibo (che rimane ovviamente
la parte più importante).
Se in una osteria posso accettare certi compromessi, in un ristorante di
livello pretendo anche servizio, argenteria etc etc adeguati al prezzo.
Idem per il confort sonoro dell'ambiente: in osteria mi va bene vocio,
rumore accettabile e canti goliardici (vabbè, non esageriamo!), in un
ristorante di livello più alto traquillità e, se c'è musica, che sia
adeguata al contesto.
Mardot
2018-10-10 13:58:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by capsy
Post by Ghost Dog
https://tinyurl.com/yd8vy5wy
premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo, e anche io lo vario in base alla combinata
cibo/compagnia e devo dire che quando ti propinano musica dozzinale,
è vero che sarebbe meglio il silenzio.
Sto ascoltando la playlist su Spotify (chiave di ricerca "nytimes
sakamoto") e in effetti penso che sia un ottimo sottofondo per una
cena in un locale giappo/rarefatto.
GD
se voglio musica vado in discoteca
se voglio mangiare vado al ristorante
Per me un ristorante non si giudica solo dal cibo (che rimane ovviamente
la parte più importante).
Se in una osteria posso accettare certi compromessi, in un ristorante di
livello pretendo anche servizio, argenteria etc etc adeguati al prezzo.
Idem per il confort sonoro dell'ambiente: in osteria mi va bene vocio,
rumore accettabile e canti goliardici (vabbè, non esageriamo!), in un
ristorante  di livello più alto  traquillità e, se c'è musica, che sia
adeguata al contesto.
Il problema e' mettersi d'accordo sul concetto di "ristorante di livello".

Per me le componenti per definire la mia personalissima classifica sono:
Cibo 70%
Igiene e pulizia 10%
Accoglienza umana 10%
Atmosfera 10%

E' poi chiaro (e ovvio) che molti ristoranti soddisfando la prima
componenti, automaticamente soddisfino anche le altre, visto che spesso
il gestore/proprietario sta attento a tutto.

Tuttavia, in generale, tendo a decidere dove andare a mangiare quasi
esclusivamente basandomi su cio' che mi ritrovero' nel piatto, e su
questo punto sono molto esigente, sia per qualita' che per ricercatezza.

Atmosfera, musica ecc... per me sono dettagli quasi insignificanti, se
c'e' troppo casino non ci vado piu', ma se ho mangiato davvero bene ci
torno lo stesso.

Se il cuoco o il proprietario mi stanno sul caxxo, non e' detto che non
ci torno piu', dipende sempre da cosa e da come mi fanno mangiare.
Jamie
2018-10-10 14:03:17 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Il problema e' mettersi d'accordo sul concetto di "ristorante di livello".
Cibo 70%
Igiene e pulizia 10%
Accoglienza umana 10%
Atmosfera 10%
Non ce la fai proprio a non ridurre tutto in numeri, eh? :-DDD
Mardot
2018-10-10 15:13:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by Mardot
Il problema e' mettersi d'accordo sul concetto di "ristorante di livello".
Cibo 70%
Igiene e pulizia 10%
Accoglienza umana 10%
Atmosfera 10%
Non ce la fai proprio a non ridurre tutto in numeri, eh? :-DDD
E' una missione, tipo evangelizzare il mondo :-D
Mardot
2018-10-10 15:14:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Jamie
Post by Mardot
Il problema e' mettersi d'accordo sul concetto di "ristorante di livello".
Cibo 70%
Igiene e pulizia 10%
Accoglienza umana 10%
Atmosfera 10%
Non ce la fai proprio a non ridurre tutto in numeri, eh? :-DDD
E' una missione, tipo evangelizzare il mondo :-D
E comunque ti ringrazio che hai tagliato il resto, scrivendo al volo
avevo generato delle frasi degne di un analfabeta.... :-(
DDV
2018-10-10 18:52:04 UTC
Rispondi
Permalink
Post by capsy
se voglio musica vado in discoteca
se voglio mangiare vado al ristorante
Smack, smack, smack:-!!!!!!!!!!!!!!

DDV
capsy
2018-10-12 03:37:20 UTC
Rispondi
Permalink
Post by DDV
Post by capsy
se voglio musica vado in discoteca
se voglio mangiare vado al ristorante
Smack, smack, smack:-!!!!!!!!!!!!!!
DDV
:)
--
le mie ricette:
www.peperoncinosanremorivieradeifiori.it/ricette.php
Jamie
2018-10-10 12:12:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
https://tinyurl.com/yd8vy5wy
premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Mi era sfuggito questo punto, nell'articolo: Sakamoto era in un
ristorante *giapponese vegano*.
Cosa diavolo servono in un ristorante giapponese vegano? Edamame e soja
in ogni possibile variazione?!
Oh, io sono curiosa, faccio spessissimo pranzi vegani/vegetariani, sono
stata in ristoranti vegetariani/vegani (mangiando sempre molto bene,
peraltro), ma se mi parli di cucina giapponese e gli togli il pesce, io
ti ammazzo XD
Elwood
2018-10-10 12:26:17 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Mi era sfuggito questo punto, nell'articolo: Sakamoto era in un
ristorante *giapponese vegano*.
Cosa diavolo servono in un ristorante giapponese vegano? Edamame e soja
in ogni possibile variazione?!
Adesso, io non voglio fare il paladino della cucina giapponese a tutti i costi (vegana pura, forse andrei per l'indiano dovessi scegliere), ma alla fine lo faccio lo stesso :D

I giapponesi non sono per niente di indole vegana/vegetariana, però volendo andare a cercare:
si, un sacco di soja come dici tu, tofu e compagnia bella..
poi i fermentati come il miso (base di soia, grano, ecc ecc..)
Curry vari (è molto tradizionale anche in Giappone)
Soba
Tempura vegetale

...per dirne alcuni, ma poi mi aspetto che un ristorante vegano puro non si fermi alle basi, perchè qualsiasi cucina privata di ingredienti di origine animale, dopo un po' stufa.
Post by Jamie
peraltro), ma se mi parli di cucina giapponese e gli togli il pesce, io
ti ammazzo XD
Sicuramente mangiano un sacco di pesce, ma anche un sacco di altre robe.
--
Elwood (Peter S.)
Mardot
2018-10-10 12:30:04 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Elwood
si, un sacco di soja come dici tu, tofu e compagnia bella..
poi i fermentati come il miso (base di soia, grano, ecc ecc..)
Curry vari (è molto tradizionale anche in Giappone)
Soba
Tempura vegetale
mmmmh... che bonta'
Jamie
2018-10-10 12:49:01 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Elwood
I giapponesi non sono per niente di indole vegana/vegetariana, però
si, un sacco di soja come dici tu, tofu e compagnia bella..
poi i fermentati come il miso (base di soia, grano, ecc ecc..)
Curry vari (è molto tradizionale anche in Giappone)
Soba
Tempura vegetale
mmmmh... che bonta'
Io mi aspetto, viste le rinunce che ho dovuto fare in vita (grazie
gastrite cronica di merda) che nel mio paradiso io potrò mangiare
tempura a sazietà senza mai pagarne dazio.
Jk
2018-10-10 13:00:36 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
mmmmh... che bonta'
LOL
--
ATTENZIONE: se l' ID è <***@gioia.aioe.org> son proprio io.
Altrimenti è un troll coglione (Gianluca.) che mi morpha
Elwood
2018-10-10 14:04:46 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
mmmmh... che bonta'
La frittura giapponese per me è molto meglio della verdura pastellata Italiana, per fare un esempio. Non è solo verdura, ma si parlava di quello.
Poi bon, vai a parlare di pasta al pesto all'estero, e vedi come la considerano: se pasto di ripiego, o leccornia.
--
Elwood (Peter S.)
Mardot
2018-10-10 15:20:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Elwood
Post by Mardot
mmmmh... che bonta'
La frittura giapponese per me è molto meglio della verdura pastellata Italiana, per fare un esempio. Non è solo verdura, ma si parlava di quello.
frittura giapponese, sarebbe?
Post by Elwood
Poi bon, vai a parlare di pasta al pesto all'estero, e vedi come la considerano: se pasto di ripiego, o leccornia.
L'esperienza che ho di stranieri portati al ristorante e' molto vasta,
soprattutto di stranieri portati _per_la_prima_volta_ al ristorante
italiano.

La percentuale di chi non ha gradito il pasto e' abbondantemente sotto
al 5%.

La percentuale di chi si e' letteralmente innamorato del nostro cibo
direi al di sopra del 70%, abbondantemente.
Elwood
2018-10-10 18:58:04 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
frittura giapponese, sarebbe?
La tempura intendevo dire, che è il modo di pastellare e friggere tipico della cucina giapponese.
Post by Mardot
La percentuale di chi si e' letteralmente innamorato del nostro cibo
direi al di sopra del 70%, abbondantemente.
Beh, con te fanno tutti la ola, a casa o al ristorante ;-)
A parte gli scherzi, ça va sans dire che la pasta col pesto fatto a modino è ottima. Parlavo della percezione che possono averne all'estero.
--
Elwood (Peter S.)
Mardot
2018-10-11 08:52:37 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Elwood
Post by Mardot
frittura giapponese, sarebbe?
La tempura intendevo dire, che è il modo di pastellare e friggere tipico della cucina giapponese.
Post by Mardot
La percentuale di chi si e' letteralmente innamorato del nostro cibo
direi al di sopra del 70%, abbondantemente.
Beh, con te fanno tutti la ola, a casa o al ristorante ;-)
:-P
Post by Elwood
A parte gli scherzi, ça va sans dire che la pasta col pesto fatto a modino è ottima. Parlavo della percezione che possono averne all'estero.
Ok, ma la percezione un conto e' se e' basata sul sentito dire, un conto
se e' basata su esperienze (buone o cattive che siano) dirette.

Questo intendevo, la gente straniera che prova il cibo italiano non
rimane mediamente delusa.
Jamie
2018-10-10 12:56:41 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Elwood
Adesso, io non voglio fare il paladino della cucina giapponese a tutti i costi (vegana pura, forse andrei per l'indiano dovessi scegliere), ma alla fine lo faccio lo stesso :D
si, un sacco di soja come dici tu, tofu e compagnia bella..
poi i fermentati come il miso (base di soia, grano, ecc ecc..)
Curry vari (è molto tradizionale anche in Giappone)
Soba
Tempura vegetale
...per dirne alcuni, ma poi mi aspetto che un ristorante vegano puro non si fermi alle basi, perchè qualsiasi cucina privata di ingredienti di origine animale, dopo un po' stufa.
Di sicuro: infatti come ho detto ho mangiato molto bene in ristoranti
vegani/veg e fondamentalmente perché hanno una cucina molto varia e
sfiziosa, mancando gli ingredienti di origine animale per compensare
devono sforzarsi un po' di più con la creatività. Dote che a me piace
molto, in cucina (e non solo).
Post by Elwood
Sicuramente mangiano un sacco di pesce, ma anche un sacco di altre robe.
Ma certo, non volevo sicuramente negarlo. Tanto per fare un esempio a
Bologna ha finalmente aperto da qualche anno un "vero" ristorante
giappo, gestito da due signore giapponesi che hanno improntato il tutto
ad uno stile molto "casalingo"... nella loro cucina c'è il sushi ma solo
occasionalmente ed occupa un posto quasi marginale. Ci sono molti piatti
di carne, zuppe, etc.
Tra parentesi, si chiama Yuzuya ed io non sono ancora riuscita ad
andarci :( il locale è molto piccolo, non accetta prenotazioni ed in
pratica trovare posto è molto difficile.
Ghost Dog
2018-10-10 13:10:42 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by Ghost Dog
https://tinyurl.com/yd8vy5wy
premetto che adoro talmente Sakamoto che lo perdono di essere vegano
(cosa che peraltro non mi stupisce, conoscendo il personaggio)
Mi era sfuggito questo punto, nell'articolo: Sakamoto era in un
ristorante *giapponese vegano*.
Cosa diavolo servono in un ristorante giapponese vegano? Edamame e soja
in ogni possibile variazione?!
Oh, io sono curiosa, faccio spessissimo pranzi vegani/vegetariani, sono
stata in ristoranti vegetariani/vegani (mangiando sempre molto bene,
peraltro), ma se mi parli di cucina giapponese e gli togli il pesce, io
ti ammazzo XD
La stessa perplessità che ho avuto anche io, allora sono andato sul sito
del ristorante
http://www.kajitsunyc.com/
e ho guardato il menù, e ti dico:ci andrei a provare, perchè mi ha
incuriosito molto
Jamie
2018-10-10 14:37:50 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
La stessa perplessità che ho avuto anche io, allora sono andato sul sito
del ristorante
http://www.kajitsunyc.com/
e ho guardato il menù, e ti dico:ci andrei a provare, perchè mi ha
incuriosito molto
La zuppa coi crisantemi :-O

Sì, lo proverei anche io, onestamente.
carletto
2018-10-10 16:32:06 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
Somministrare musica mentre si mangia, specie ad un certo volume, e'
solo mancanza di idee e rispetto, per il cibo, per gli avventori e
soprattutto per la musica stessa. La musica si ascolta nei luoghi, nelle
occasioni e nei tempi dedicati, non e' un generico riempitivo per la
paura del silenzio e l'horror vacui imperante.
E lo dico da musicista di professione.

carletto
Ghost Dog
2018-10-11 07:19:51 UTC
Rispondi
Permalink
Post by carletto
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
Somministrare musica mentre si mangia, specie ad un certo volume, e'
solo mancanza di idee e rispetto, per il cibo, per gli avventori e
soprattutto per la musica stessa. La musica si ascolta nei luoghi, nelle
occasioni e nei tempi dedicati, non e' un generico riempitivo per la
paura del silenzio e l'horror vacui imperante.
E lo dico da musicista di professione.
carletto
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Quindi niente musica in auto...in spiaggia...al ristorante.... che
tristezza.
Ascolto musica da sempre, per alcuni anni è stata una delle mie passioni
maggiori, vivevo di concerti, di qualunque tipo, nella stessa settimana
mi è capitato di andare ad un concerto dei Nirvana e ad ascoltare la
serata di classica del venerdi al conservatorio di Milano, fermandomi
pure per la dodecafonica.
Per me la musica si può ascoltare sempre, perchè a volte rimane
sedimentata li, come una madeleine proustiana, pronta a saltare fuori
dopo anni ed a riportarti a quel momnento, in quel luogo, perchè per me
la musica e il cibo sono così strettamente connessi, sopratutto nella
sfera del ricordo...
Quindi quando mi capita di ascoltare "Bring on the Night" mi sento la
Quilmes frizzare in bocca come quella notte alle 5 del mattino a Buenos
Aires, in taxi, dopo una notte di quelle da ricordare davvero, con
Sting che sembrava parlasse direttamente a me e il taxista contento che
conoscessi quella particolare canzone, quando sento un pezzo di Salsa
non posso non ricordare i concerti di Manolito, el medico della salsa, a
Santiago de Cuba e Rhum Mulata Anejo 7 anni e le patatine fritte e
salate mangiate a playa daiquiri, quando mi capita di ascoltare un pezzo
di Axè brasiliano mi ricordo di Ivete Sangalo, e la moqueca de camarao o
la carne de sol tira gostos mangiata a Salvador de Bahia, ma basta un
"estate sta finendo" dei righeira per farmi salivare al ricordo del
gusto delle schiacciate mangiate in spiaggia, a Messina, quando ero
adolescente.
E viceversa, quando mangio uno diquesti cibi o beve uno di queste
bevande, le note di queste canzoni mi suonano potenti in testa
E tutte queste canzoni si sono sedimentate nei miei ricordi anche se
ascoltate,a volte per caso, in ristoranti, bar, auto, da impianti
scassati, magari un po' gracchianti, mangiando, bevmndo e ridendo,
l'essenza del vivere il cibo con convivialità e gioia
Per me la nusica, come il cibo, sono pura sfera emozionale, e quasi
sempre sono intimamente legati, e mi spiace per chi si priva di una
così potente sinestesia.
Xÿmox
2018-10-11 09:06:24 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Quindi niente musica in auto...in spiaggia...al ristorante.... che
tristezza.
di queste che hai elencato, solo al ristorante non mi convince.
Diciamo che potrebbe passare una musica molto ma molto bassa e di un
genere molto soft, tipo ambient
Post by Ghost Dog
Ascolto musica da sempre
idem
Ghost Dog
2018-10-11 09:13:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Xÿmox
Post by Ghost Dog
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Quindi niente musica in auto...in spiaggia...al ristorante.... che
tristezza.
di queste che hai elencato, solo al ristorante non mi convince.
Diciamo che potrebbe passare una musica molto ma molto bassa e di un
genere molto soft, tipo ambient
ci va la musica giusta, questo è ovvio, e non deve essere invadente, e
dipende dal tipo di ristorante: un ristorante su una spiaggia tropicale
può permettersi quello che uno stellato non potrà mai, ma il mangiare in
religioso silenzio, con attteggiamento serio e compunto, va contro ogni
mia idea di convivialità.
Xÿmox
2018-10-11 09:57:02 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Xÿmox
Post by Ghost Dog
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Quindi niente musica in auto...in spiaggia...al ristorante.... che
tristezza.
di queste che hai elencato, solo al ristorante non mi convince.
Diciamo che potrebbe passare una musica molto ma molto bassa e di un
genere molto soft, tipo ambient
ci va la musica giusta, questo è ovvio, e non deve essere invadente, e
dipende dal tipo di ristorante: un ristorante su una spiaggia
tropicale può permettersi quello che uno stellato non potrà mai
esatto
sulla spiaggia tropicale ve bene tutto ;-)
Ghost Dog
2018-10-11 10:00:44 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Xÿmox
Post by Ghost Dog
Post by Xÿmox
Post by Ghost Dog
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Quindi niente musica in auto...in spiaggia...al ristorante.... che
tristezza.
di queste che hai elencato, solo al ristorante non mi convince.
Diciamo che potrebbe passare una musica molto ma molto bassa e di un
genere molto soft, tipo ambient
ci va la musica giusta, questo è ovvio, e non deve essere invadente, e
dipende dal tipo di ristorante: un ristorante su una spiaggia
tropicale può permettersi quello che uno stellato non potrà mai
esatto
sulla spiaggia tropicale ve bene tutto ;-)
Lo dico da addetto ai lavori:è un problema culturale (non in senso
dispregiativo, puntualizzo). In Italia non c'è ancora l'attenzione per
certi dettagli.
Mardot
2018-10-11 09:23:30 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by carletto
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
Somministrare musica mentre si mangia, specie ad un certo volume, e'
solo mancanza di idee e rispetto, per il cibo, per gli avventori e
soprattutto per la musica stessa. La musica si ascolta nei luoghi,
nelle occasioni e nei tempi dedicati, non e' un generico riempitivo
per la paura del silenzio e l'horror vacui imperante.
E lo dico da musicista di professione.
carletto
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Per me il miglior ristorante e' quello che ha un tavolo per due sotto a
un enorme albero, in mezzo a un campo. SOle battente nel campo, ombra su
di noi, arietta leggera, tovaglia svolazzante, l'omino che mi serve il
cibo e se ne va scomparendo.

Io e mia moglie.
Ghost Dog
2018-10-11 09:57:30 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by carletto
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
Somministrare musica mentre si mangia, specie ad un certo volume, e'
solo mancanza di idee e rispetto, per il cibo, per gli avventori e
soprattutto per la musica stessa. La musica si ascolta nei luoghi,
nelle occasioni e nei tempi dedicati, non e' un generico riempitivo
per la paura del silenzio e l'horror vacui imperante.
E lo dico da musicista di professione.
carletto
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Per me il miglior ristorante e' quello che ha un tavolo per due sotto a
un enorme albero, in mezzo a un campo. SOle battente nel campo, ombra su
di noi, arietta leggera, tovaglia svolazzante, l'omino che mi serve il
cibo e se ne va scomparendo.
Io e mia moglie.
per me no.
Ci sono certi ristoranti che hanno una magia tutta loro, che siano
all'ultimo piano di un grattacielo o su una spiaggia, in mezzo ad un
campo o in un edificio storico, o magari sotto una lamiera di ferro in
mezzo al nulla, l'importante èche si un posto che mi da delle vibrazioni
positive garzie al mix di cibo+atmosfera+quelnonsochè.
Alla fine è quel che i romani definivano "genius loci": un ristorantecon
un buon cibo e un "genius loci" non potrà che farti vivere una
esperienza positiva, ma un posto sgradevole, di sicuro, inficierà anche
la tua esperienza gastronomica
Mangiare in un ristorante è una esperienza emozionale che va al di la
del solo cibo, perchè coinvolge tutti e 5 i sensi, se ci si concentra
solo sul cibo, IMHO l'esperienza è riduttiva.
GD
Mardot
2018-10-11 12:50:16 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by carletto
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
Somministrare musica mentre si mangia, specie ad un certo volume, e'
solo mancanza di idee e rispetto, per il cibo, per gli avventori e
soprattutto per la musica stessa. La musica si ascolta nei luoghi,
nelle occasioni e nei tempi dedicati, non e' un generico riempitivo
per la paura del silenzio e l'horror vacui imperante.
E lo dico da musicista di professione.
carletto
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Per me il miglior ristorante e' quello che ha un tavolo per due sotto
a un enorme albero, in mezzo a un campo. SOle battente nel campo,
ombra su di noi, arietta leggera, tovaglia svolazzante, l'omino che mi
serve il cibo e se ne va scomparendo.
Io e mia moglie.
per me no.
non avevo dubbi
Post by Ghost Dog
Ci sono certi ristoranti che hanno una magia tutta loro, che siano
all'ultimo piano di un grattacielo o su una spiaggia, in mezzo ad un
campo o in un edificio storico, o magari sotto una lamiera di ferro in
mezzo al nulla, l'importante èche si un posto che mi da delle vibrazioni
positive garzie al mix di cibo+atmosfera+quelnonsochè.
Alla fine è quel che i romani definivano "genius loci": un ristorantecon
un buon cibo e un "genius loci" non potrà che farti vivere una
esperienza positiva, ma un posto sgradevole, di sicuro, inficierà anche
la tua esperienza gastronomica
Mangiare in un ristorante è una esperienza emozionale che va al di la
del solo cibo, perchè coinvolge tutti e 5 i sensi, se ci si concentra
solo sul cibo, IMHO l'esperienza  è riduttiva.
quel che mi dici non mi sorprende per nulla e, dal tuo punto di vista lo
approvo, del resto sei un Architetto (come lo e' mia moglie), la vostra
attenzione alla forma, che prevarica la sostanza al punto da metterla in
secondo piano rispetto alla prima, e' proverbiale

nulla di negativo, in fondo ognuno gode con cio' che vuole, ci
mancherebbe, un po' come dire che io preferisco una bella gnocca quarta
di reggiseno e curve al posto giusto, mentre per te e' piu' importante
che il letto sia di ferro battuto e la guêpière di pizzo

:-D
Ghost Dog
2018-10-11 14:12:10 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by carletto
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
Somministrare musica mentre si mangia, specie ad un certo volume,
e' solo mancanza di idee e rispetto, per il cibo, per gli avventori
e soprattutto per la musica stessa. La musica si ascolta nei
luoghi, nelle occasioni e nei tempi dedicati, non e' un generico
riempitivo per la paura del silenzio e l'horror vacui imperante.
E lo dico da musicista di professione.
carletto
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Per me il miglior ristorante e' quello che ha un tavolo per due sotto
a un enorme albero, in mezzo a un campo. SOle battente nel campo,
ombra su di noi, arietta leggera, tovaglia svolazzante, l'omino che
mi serve il cibo e se ne va scomparendo.
Io e mia moglie.
per me no.
non avevo dubbi
quel che mi dici non mi sorprende per nulla e, dal tuo punto di vista lo
approvo, del resto sei un Architetto (come lo e' mia moglie), la vostra
attenzione alla forma, che prevarica la sostanza al punto da metterla in
secondo piano rispetto alla prima, e' proverbiale
Non intendo che la forma prevarica la sostanza, ma lì'atto stesso di
andare al ristorante è un atto formale, prerchè trascende il semplice
bisogno nutrizionale.
E' questo che intendo per esperienza multisensoriale, perchè il cibo
sarà il 70% delle spinta motivazionale, ma il restante 30% può renderla
ua esperienza spiacevole
Post by Mardot
nulla di negativo, in fondo ognuno gode con cio' che vuole, ci
mancherebbe, un po' come dire che io preferisco una bella gnocca quarta
di reggiseno e curve al posto giusto, mentre per te e' piu' importante
che il letto sia di ferro battuto e la guêpière di pizzo
:-D
prova a trombarti la tua quarta di reggiseno su un letto di chiodi, e
poi vedrai che sarai più attento ai dettagli
:)
Mardot
2018-10-11 14:54:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by carletto
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
Somministrare musica mentre si mangia, specie ad un certo volume,
e' solo mancanza di idee e rispetto, per il cibo, per gli
avventori e soprattutto per la musica stessa. La musica si ascolta
nei luoghi, nelle occasioni e nei tempi dedicati, non e' un
generico riempitivo per la paura del silenzio e l'horror vacui
imperante.
E lo dico da musicista di professione.
carletto
Mamma mia, che pesanti che siete :)
Per me il miglior ristorante e' quello che ha un tavolo per due
sotto a un enorme albero, in mezzo a un campo. SOle battente nel
campo, ombra su di noi, arietta leggera, tovaglia svolazzante,
l'omino che mi serve il cibo e se ne va scomparendo.
Io e mia moglie.
per me no.
non avevo dubbi
quel che mi dici non mi sorprende per nulla e, dal tuo punto di vista
lo approvo, del resto sei un Architetto (come lo e' mia moglie), la
vostra attenzione alla forma, che prevarica la sostanza al punto da
metterla in secondo piano rispetto alla prima, e' proverbiale
Non intendo che la forma prevarica la sostanza, ma lì'atto stesso di
andare al ristorante è un atto formale, prerchè trascende il semplice
bisogno nutrizionale.
E' questo che intendo per esperienza multisensoriale, perchè il cibo
sarà il 70% delle spinta motivazionale, ma il restante 30% può renderla
ua esperienza spiacevole
sul fatto che il restante 30% possa rendere l'esperienza spiacevole
concordo assolutamente

cio' che per me diventa difficile, e' che il restante 30% possa
contribuire a rendere l'esperienza indimenticabile

e' questa la sostanziale differenza, IMHO
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
nulla di negativo, in fondo ognuno gode con cio' che vuole, ci
mancherebbe, un po' come dire che io preferisco una bella gnocca
quarta di reggiseno e curve al posto giusto, mentre per te e' piu'
importante che il letto sia di ferro battuto e la guêpière di pizzo
:-D
prova a trombarti la tua quarta di reggiseno su un letto di chiodi, e
poi vedrai che sarai più attento ai dettagli
:)
ah, non te l'avevo detto?
adoro il letto di chiodi! :-DDDD
Ghost Dog
2018-10-11 15:02:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
sul fatto che il restante 30% possa rendere l'esperienza spiacevole
concordo assolutamente
cio' che per me diventa difficile, e' che il restante 30% possa
contribuire a rendere l'esperienza indimenticabile
e' questa la sostanziale differenza, IMHO
Su questo sono perfettamente d'accordo, e non penso di aver mai
sostenuto il contrario.
Se il cibo fa schifo, fa schifo, senza se e senza ma, ed anzi se tutto
il resto è spettacolare mi incazzo ancora di più!
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
nulla di negativo, in fondo ognuno gode con cio' che vuole, ci
mancherebbe, un po' come dire che io preferisco una bella gnocca
quarta di reggiseno e curve al posto giusto, mentre per te e' piu'
importante che il letto sia di ferro battuto e la guêpière di pizzo
:-D
prova a trombarti la tua quarta di reggiseno su un letto di chiodi, e
poi vedrai che sarai più attento ai dettagli
:)
ah, non te l'avevo detto?
adoro il letto di chiodi! :-DDDD
Allora ti consiglio questo
https://tinyurl.com/y97ujoke
Mardot
2018-10-11 15:17:10 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
sul fatto che il restante 30% possa rendere l'esperienza spiacevole
concordo assolutamente
cio' che per me diventa difficile, e' che il restante 30% possa
contribuire a rendere l'esperienza indimenticabile
e' questa la sostanziale differenza, IMHO
Su questo sono perfettamente d'accordo, e non penso di aver mai
sostenuto il contrario.
Se il cibo fa schifo, fa schifo, senza se e senza ma, ed anzi se tutto
il resto è spettacolare mi incazzo ancora di più!
Ma non c'e' bisogno che faccia schifo, a me se il cibo non garba al 100%
(quindi non c'e' bisogno che faccia schifo) puoi mettermi tutta
l'argenteria che vuoi che l'esperienza resta negativa senza appello.
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
nulla di negativo, in fondo ognuno gode con cio' che vuole, ci
mancherebbe, un po' come dire che io preferisco una bella gnocca
quarta di reggiseno e curve al posto giusto, mentre per te e' piu'
importante che il letto sia di ferro battuto e la guêpière di pizzo
:-D
prova a trombarti la tua quarta di reggiseno su un letto di chiodi, e
poi vedrai che sarai più attento ai dettagli
:)
ah, non te l'avevo detto?
adoro il letto di chiodi! :-DDDD
Allora ti consiglio questo
https://tinyurl.com/y97ujoke
Si' ma mettici anche il restante 70%
Xÿmox
2018-10-11 09:03:55 UTC
Rispondi
Permalink
Post by carletto
Post by Ghost Dog
Personalmente penso che il sottofondo musicale, quando mangi, sia
importantissimo,
Io penso di no. Anzi, il silenzio e' preferibile.
+1
Loading...