Discussione:
risotto con la rucola
Aggiungi Risposta
d***@gmail.com
2018-10-04 23:48:00 UTC
Rispondi
Permalink
Mi avanzava un bel po' di rucola che era già diventata
immangiabile come insalata, così ho provato a fare il
risotto.
Praticamente la ricetta è la stessa del risotto con il
radicchio, con la differenza che ho tritato grossolanamente
la rucola altrimenti i gambi sono un po' duri.
Molto buono.
Renato_VBI
2018-10-05 08:53:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Mi avanzava un bel po' di rucola che era già diventata
immangiabile come insalata, così ho provato a fare il
risotto.
Praticamente la ricetta è la stessa del risotto con il
radicchio, con la differenza che ho tritato grossolanamente
la rucola altrimenti i gambi sono un po' duri.
Molto buono.
Prova anche a "stufarla" in tegame a fuoco basso + moce di burro senza
altra aggiunta per poi utilizzarla come contorno per la carne alla
brace: spettacolare.
--
Ciao, Renato
Slayer99
2018-10-05 17:26:17 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
Prova anche a "stufarla" in tegame a fuoco basso + moce di burro senza
altra aggiunta per poi utilizzarla come contorno per la carne alla
brace: spettacolare.
Ma sebbene capisca questo procedimento per, che so gli spinaci, come mai
cuocere la rucola per la carne, non e' meglio mettercela fresca????
--
We were born on the night of Apocalypse...
Renato_VBI
2018-10-05 17:34:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Slayer99
Post by Renato_VBI
Prova anche a "stufarla" in tegame a fuoco basso + moce di burro senza
altra aggiunta per poi utilizzarla come contorno per la carne alla
brace: spettacolare.
Ma sebbene capisca questo procedimento per, che so gli spinaci, come mai
cuocere la rucola per la carne, non e' meglio mettercela fresca????
Se e' "troppo" cresciuta, come quella in argomento, diventa difficile da
consumare fresca.

Quella punta di piccantino tipica della rucola, appassendola, si
amplifica cosi' come la sapidita' stessa.

Per questo ho detto "senza altra aggiunta" ad esclusione di quel poco di
grasso animale (la noce di burro).

Provare per credere, non costa nulla.
--
Ciao, Renato
Renato_VBI
2018-10-07 16:34:28 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Slayer99
Post by Renato_VBI
Prova anche a "stufarla" in tegame a fuoco basso + moce di burro senza
altra aggiunta per poi utilizzarla come contorno per la carne alla
brace: spettacolare.
Ma sebbene capisca questo procedimento per, che so gli spinaci, come mai
cuocere la rucola per la carne, non e' meglio mettercela fresca????
Ritiro quello che ho detto.
Io credevo che fosse rucola di orto cresciuta troppo ma adesso l'op ha
specificato che "parlava" di rucola da sacchetto della GDO praticamente
da buttare per "oblescenza programmata".
:-)
In quel caso non c'e' ricetta che tenga e finisce nel compost per una
nuova vita.

Non mi ero accordo che si trattava di roBBa GDO, quella lavata a cloro
ed utilizzata principalmente dai cittadini.... :-)
--
Ciao, Renato
Jamie
2018-10-05 13:18:18 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Mi avanzava un bel po' di rucola che era già diventata
immangiabile come insalata,
perché?
d***@gmail.com
2018-10-07 08:54:28 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by d***@gmail.com
Mi avanzava un bel po' di rucola che era già diventata
immangiabile come insalata,
perché?
Vuoi sapere perchè mi avanzava la rucola o perchè
era diventata immangiabile?

La rucola mi era avanzata perchè ne avevo comprato una
busta da mezzo kg. e poichè sono single ma a volte
ho anche una decina di ospiti e a volte sto fuori
casa per giorni, alla fine i consumi sono molto aleatori
e spesso mi ritrovo con tanta roba che rischia di invecchiare.

Nel caso della rucola, quando perde la freschezza, diventa
"frascica" come dicono a roma e emana un aroma di pesce.
Una persona normale l'avrebbe buttata via, ma io non
sono normale e quindi faccio questi esperimenti di
riciclaggio.
Comunque penso che il risotto sarebbe venuto altrettanto
buono anche con la rucola fresca.

Spero di aver risposto alla tua domanda.
Jamie
2018-10-07 09:53:33 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Post by Jamie
Post by d***@gmail.com
Mi avanzava un bel po' di rucola che era già diventata
immangiabile come insalata,
perché?
Vuoi sapere perchè mi avanzava la rucola o perchè
era diventata immangiabile?
la seconda.
però onestamente una rucola fracica (puoi usare termini romani con
tranquillità con me!) e che puzza di pesce io non la userei in nessun
modo, nemmeno cotta :)
Slayer99
2018-10-07 17:19:26 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by d***@gmail.com
Vuoi sapere perchè mi avanzava la rucola o perchè
era diventata immangiabile?
la seconda.
però onestamente una rucola fracica (puoi usare termini romani con
tranquillità con me!) e che puzza di pesce io non la userei in nessun
modo, nemmeno cotta :)
Deve esserci una differenza sostanziale da qualche parte. Se io
"dimentico" della rucola nello specifico, o insalata in generale, nel
frigorifero, dopo un paio di settimane e' tutta secca ed ha pochissimo
sapore. Non mi diventa umida o con odori.
--
We were born on the night of Apocalypse...
Jamie
2018-10-07 19:36:58 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Slayer99
Deve esserci una differenza sostanziale da qualche parte. Se io
"dimentico" della rucola nello specifico, o insalata in generale, nel
frigorifero, dopo un paio di settimane e' tutta secca ed ha pochissimo
sapore. Non mi diventa umida o con odori.
Effettivamente non è capitato mai nemmeno a me, e penso di averla tenuta
fino a 15 giorni in frigo. Delle volte dopo più di una settimana sembra
ancora buona.
d***@gmail.com
2018-10-07 21:13:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by Slayer99
Deve esserci una differenza sostanziale da qualche parte. Se io
"dimentico" della rucola nello specifico, o insalata in generale, nel
frigorifero, dopo un paio di settimane e' tutta secca ed ha pochissimo
sapore. Non mi diventa umida o con odori.
Effettivamente non è capitato mai nemmeno a me, e penso di averla tenuta
fino a 15 giorni in frigo. Delle volte dopo più di una settimana sembra
ancora buona.
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Quella che prendo io all'iper è falciata con la mietitrebbia,
lavata e imbustata ermeticamente.
Così succede che si macera con la sua stessa umidità.
Se vi interessa vi spiego il procedimento preciso per far marcire
ogni tipo di insalata. L'ultima scoperta l'ho fatta con i ravanelli
prelavati e preaffettati dimenticati per una decina di giorni.
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.

Ah, comunque tengo a precisare, specie per i miei ospiti che
dovessero leggermi casualmente, che questi esperimenti li
compio esclusivamente su me stesso in forma privata.
Ad ogni modo, seriamente, in realtà sono molto prudente e
schizzignoso in quello che mangio, tanto che l'unica
intossicazione che ho avuto in vita mia è stata con i
funghi di bosco preparati dalla mia cara mammina e
cortesemente forniti da Bepeto Imbriagon noto esperto
di funghi. Meglio dimenticare cosa ho passato...
Jamie
2018-10-07 22:05:07 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Quella che prendo io all'iper è falciata con la mietitrebbia,
lavata e imbustata ermeticamente.
No figurati, l'unica rucola che trovo qui è quella del super imbustata.
Normalmente però non ho mai fatto scadere una confezione senza manco
aprirla, e quando la apro la lascio sempre più o meno aperta.
a***@gmail.com
2018-10-08 07:28:31 UTC
Rispondi
Permalink
Salve. Spesso utilizzo la rucola tritandola finemente con olio, sale, succo di limone e zafferano. È ottima per condire del riso cotto in bianco, da mangiare solo (post bagordi) o in accompagnamento con della carne grigliata (ottimo l'agnello).
Renato_VBI
2018-10-08 09:14:12 UTC
Rispondi
Permalink
Post by a***@gmail.com
Salve. Spesso utilizzo la rucola tritandola finemente con olio, sale, succo di limone e zafferano. È ottima per condire del riso cotto in bianco, da mangiare solo (post bagordi) o in accompagnamento con della carne grigliata (ottimo l'agnello).
Mi piace l'abbinamento rucola con lo zafferano.
Provero' alla prima occasione utile.
--
Ciao, Renato
Ludwig
2018-10-08 08:56:24 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Post by Jamie
Post by Slayer99
Deve esserci una differenza sostanziale da qualche parte. Se io
"dimentico" della rucola nello specifico, o insalata in generale, nel
frigorifero, dopo un paio di settimane e' tutta secca ed ha pochissimo
sapore. Non mi diventa umida o con odori.
Effettivamente non è capitato mai nemmeno a me, e penso di averla tenuta
fino a 15 giorni in frigo. Delle volte dopo più di una settimana sembra
ancora buona.
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Quella che prendo io all'iper è falciata con la mietitrebbia,
lavata e imbustata ermeticamente.
Così succede che si macera con la sua stessa umidità.
Se vi interessa vi spiego il procedimento preciso per far marcire
ogni tipo di insalata. L'ultima scoperta l'ho fatta con i ravanelli
prelavati e preaffettati dimenticati per una decina di giorni.
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Ah, comunque tengo a precisare, specie per i miei ospiti che
dovessero leggermi casualmente, che questi esperimenti li
compio esclusivamente su me stesso in forma privata.
Ad ogni modo, seriamente, in realtà sono molto prudente e
schizzignoso in quello che mangio, tanto che l'unica
intossicazione che ho avuto in vita mia è stata con i
funghi di bosco preparati dalla mia cara mammina e
cortesemente forniti da Bepeto Imbriagon
rOTFL...
Il soprannome di Bepeto avrebbe dovuto indirizzarti nella strada giusta
prima di mangiare quei funghi...

Probabilmente era solito passare diverse osterie prima di andare nei
boschi.
:-)

Bye, Ludwig.
d***@gmail.com
2018-10-08 19:26:24 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ludwig
Post by d***@gmail.com
Post by Jamie
Post by Slayer99
Deve esserci una differenza sostanziale da qualche parte. Se io
"dimentico" della rucola nello specifico, o insalata in generale, nel
frigorifero, dopo un paio di settimane e' tutta secca ed ha pochissimo
sapore. Non mi diventa umida o con odori.
Effettivamente non è capitato mai nemmeno a me, e penso di averla tenuta
fino a 15 giorni in frigo. Delle volte dopo più di una settimana sembra
ancora buona.
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Quella che prendo io all'iper è falciata con la mietitrebbia,
lavata e imbustata ermeticamente.
Così succede che si macera con la sua stessa umidità.
Se vi interessa vi spiego il procedimento preciso per far marcire
ogni tipo di insalata. L'ultima scoperta l'ho fatta con i ravanelli
prelavati e preaffettati dimenticati per una decina di giorni.
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Ah, comunque tengo a precisare, specie per i miei ospiti che
dovessero leggermi casualmente, che questi esperimenti li
compio esclusivamente su me stesso in forma privata.
Ad ogni modo, seriamente, in realtà sono molto prudente e
schizzignoso in quello che mangio, tanto che l'unica
intossicazione che ho avuto in vita mia è stata con i
funghi di bosco preparati dalla mia cara mammina e
cortesemente forniti da Bepeto Imbriagon
rOTFL...
Il soprannome di Bepeto avrebbe dovuto indirizzarti nella strada giusta
prima di mangiare quei funghi...
Probabilmente era solito passare diverse osterie prima di andare nei
boschi.
:-)
Bepeto era un vecchio barbone piccolo di statura senza
dimora che girava libero per i colli.
Lo conoscevano tutti e più o meno tutti almeno una volta
in inverno se l'erano trovato a dormire nel fienile o nella
stalla o sotto al portico di casa. E tutti gli offrivano
qualcosa da mangiare e da bere, e bere da noi si intende
un'ombra. Lui ricambiava con quello che trovava nelle
campagne, bruscandoli, erbe selvatiche, funghi.
Mia nonna, per non umiliarlo con un'elemosina, gli comprava
spesso questi funghi ignoti che immediatamente dopo
buttava via. Visto che il commercio funzionava, Bepeto
offriva anche ad altri questi funghi e quando gli chiedevano
- Bepeto, ma sti fonghi xei boni o xei mati?
- Ma scherzelo! El ghe domande ala siora Lena che mei compra
sempre quanto boni che i xe!
E così mia nonna era diventata a sua insaputa la garanzia
della qualità dei funghi di Bepeto.
Una volta anche mia mamma si è lasciata convincere quando
ha saputo che li aveva comprati la suocera.
In realtà erano dei chiodini (Armillaria mellea) che
generalmente sono mangerecci, ma in certe condizioni sono
abbastanza tossici e io l'ho sperimentato!
Giampaolo Natali
2018-10-09 06:32:06 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Una volta anche mia mamma si è lasciata convincere quando
ha saputo che li aveva comprati la suocera.
In realtà erano dei chiodini (Armillaria mellea) che
generalmente sono mangerecci, ma in certe condizioni sono
abbastanza tossici e io l'ho sperimentato!
Semplicemente tua mamma li aveva cotti troppo poco.
Per fortuna non sono velenosi, passata una nottata sul wc a meditare sul
mondo cinico e baro :-) tutto finisce e amen.
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Jamie
2018-10-09 08:16:37 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giampaolo Natali
Semplicemente tua mamma li aveva cotti troppo poco.
Per fortuna non sono velenosi, passata una nottata sul wc a meditare sul
mondo cinico e baro :-) tutto finisce e amen.
Non sapevo questa cosa dei chiodini...vale per tutti?
Ludwig
2018-10-09 08:58:17 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by Giampaolo Natali
Semplicemente tua mamma li aveva cotti troppo poco.
Per fortuna non sono velenosi, passata una nottata sul wc a meditare sul
mondo cinico e baro :-) tutto finisce e amen.
Non sapevo questa cosa dei chiodini...vale per tutti?
I chiodini sono di per se tossici e diventano commestibili previa
cottura.

Di solito (almeno io) faccio prebollitura a secco, cioè metto i
chhiodini lavati e scolati poco direttamente sul fuoco senza aggiunta
di acqua e li porto a bollore con la loro acqua.

Poi li scolo e o li insacchetto x il freezer (se sono tanti) o li butto
in pentola con olio e aglio e li "ripasso" per una diecina di minuti
che si insaporiscano.

Alla fine sporverata di prezzemolo.

Bye, Ludwig.
Jamie
2018-10-09 09:27:14 UTC
Rispondi
Permalink
I chiodini sono di per se tossici e diventano commestibili previa cottura.
Di solito (almeno io) faccio prebollitura a secco, cioè metto i
chhiodini lavati e scolati poco direttamente sul fuoco senza aggiunta di
acqua e li porto a bollore con la loro acqua.
Quanto tempo li lasci bollire?
Tra parentesi i chiodini mi lasciano abbastanza indifferente;
ultimamente vado pazza per i funghi pleurotus fatti alla piastra e poi
conditi con evo, aglio e prezzemolo a crudo.
Ma i chiodini erano i funghi preferiti di mio babbo... quando li sento
nominare il pensiero corre sempre a lui.

Grazie.
Ludwig
2018-10-09 09:33:03 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
I chiodini sono di per se tossici e diventano commestibili previa cottura.
Di solito (almeno io) faccio prebollitura a secco, cioè metto i chhiodini
lavati e scolati poco direttamente sul fuoco senza aggiunta di acqua e li
porto a bollore con la loro acqua.
Quanto tempo li lasci bollire?
Il tempo che prendono il bollore e poi un altro minuto.

In tutto circa 5/6 minuti dall'inserimento in pentola.
L'importante è scolare tutta o quasi l'acqua che buttano che è quela
che poi contiene le tossine.
Post by Jamie
Tra parentesi i chiodini mi lasciano abbastanza indifferente; ultimamente
vado pazza per i funghi pleurotus fatti alla piastra e poi conditi con evo,
aglio e prezzemolo a crudo.
Ma i chiodini erano i funghi preferiti di mio babbo... quando li sento
nominare il pensiero corre sempre a lui.
X me il top: Una bella polenta (non molto soda, a me piace morbida)
qualche fetta di buon cotechino (di casa, non di super o macelleria) e
due belle cucchiaiate di chiodini e sono in paradiso.

POi a parte un po' di cren (rafano) e parte la ola....
:-)

Bye, Ludwig.
Giampaolo Natali
2018-10-09 08:59:41 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by Giampaolo Natali
Semplicemente tua mamma li aveva cotti troppo poco.
Per fortuna non sono velenosi, passata una nottata sul wc a meditare sul
mondo cinico e baro :-) tutto finisce e amen.
Non sapevo questa cosa dei chiodini...vale per tutti?
Sì. L'armillaria melea a crudo ha una bella dose di tossine tossiche che
però sono termolabili. Tossiche, non velenose.
Infatti non lasciano alcuna traccia nell'organismo, una volta terminato il
loro "sporco" lavoro.
L'unica precauzione da osservare è una lunga cottura. Ti cito un episodio di
una 20na di anni fa.
Proprio nel cortile di quella che ora è un ospizio per anziani
autosufficienti, raccolsi una serie di chiodini belli maturi, di dimensioni
enormi.
Attraversai la strada e ne ne misi un paio sul bancone del bar. Il più
grande aveva il cappello di 30 cm di diametro, l'altro poco meno.
Questo per far vedere che non raccontavo balle :-)
Poi ne regalai tre o quattro di dimensioni fra i 10 e i 20 cm al barista,
cercatore pure lui. Passa un po' di tempo e una sera si commentava
l'intossicazione dei miei vicini per aver mangiato delle piccole lepiote
raccolte sull'argine del canale emiliano-romagnolo e io raccontai che oltre
a conoscerli fisicamente i funghi bisogna conoscerli anche per le loro
caratteristiche specifiche. Quando dissi che, per esempio, i chiodini
vogliono ben cotti, il barista calò con violenza un pugno sul bancone e
disse: ecco perchè! (Con i più piccoli aveva preparato un ragù e aveva
condito le tagliatelle a mezzogiorno. Nessun problema! I due maggiori li
aveva "cotti" sulla piastra la sera. Sua frase letterale: "Paolo, ho passato
la notter sul water; mi pareva di pisciare per il culo". :-) :-)

Ciao
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Jamie
2018-10-09 09:24:42 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giampaolo Natali
Attraversai la strada e ne ne misi un paio sul bancone del bar. Il più
grande aveva il cappello di 30 cm di diametro, l'altro poco meno.
Questo per far vedere che non raccontavo balle :-)
Poi ne regalai tre o quattro di dimensioni fra i 10 e i 20 cm al
barista, cercatore pure lui. Passa un po' di tempo e una sera si
commentava l'intossicazione dei miei vicini per aver mangiato delle
piccole lepiote raccolte sull'argine del canale emiliano-romagnolo e io
raccontai che oltre a conoscerli fisicamente i funghi bisogna conoscerli
anche per le loro caratteristiche specifiche. Quando dissi che, per
esempio, i chiodini vogliono ben cotti, il barista calò con violenza un
pugno sul bancone e disse: ecco perchè! (Con i più piccoli aveva
preparato un ragù e aveva condito le tagliatelle a mezzogiorno. Nessun
problema! I due maggiori li aveva "cotti" sulla piastra la sera. Sua
frase letterale: "Paolo, ho passato la notter sul water; mi pareva di
pisciare per il culo". :-) :-)
rotfl, e ti è andata anche bene che quel pugno non sia finito sulla tua
faccia XD


ps. grazie per le info
Ludwig
2018-10-09 07:02:43 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Post by Ludwig
Probabilmente era solito passare diverse osterie prima di andare nei
boschi.
:-)
Bepeto era un vecchio barbone piccolo di statura senza
dimora che girava libero per i colli.
Lo conoscevano tutti e più o meno tutti almeno una volta
in inverno se l'erano trovato a dormire nel fienile o nella
stalla o sotto al portico di casa. E tutti gli offrivano
qualcosa da mangiare e da bere, e bere da noi si intende
un'ombra. Lui ricambiava con quello che trovava nelle
campagne, bruscandoli, erbe selvatiche, funghi.
Mia nonna, per non umiliarlo con un'elemosina, gli comprava
spesso questi funghi ignoti che immediatamente dopo
buttava via. Visto che il commercio funzionava, Bepeto
offriva anche ad altri questi funghi e quando gli chiedevano
- Bepeto, ma sti fonghi xei boni o xei mati?
- Ma scherzelo! El ghe domande ala siora Lena che mei compra
sempre quanto boni che i xe!
E così mia nonna era diventata a sua insaputa la garanzia
della qualità dei funghi di Bepeto.
Una volta anche mia mamma si è lasciata convincere quando
ha saputo che li aveva comprati la suocera.
In realtà erano dei chiodini (Armillaria mellea) che
generalmente sono mangerecci, ma in certe condizioni sono
abbastanza tossici e io l'ho sperimentato!
Bella storia, mi ha fatto sorridere...

E un sorriso in una giornata di mer.. non ha prezzo.

Bye, Ludwig.
Jamie
2018-10-09 08:17:59 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ludwig
Bella storia, mi ha fatto sorridere...
E un sorriso in una giornata di mer.. non ha prezzo.
+1

però...alle 9 del mattino, già è una giornata di merda? che sfiga :D
Ludwig
2018-10-09 09:00:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jamie
Post by Ludwig
Bella storia, mi ha fatto sorridere...
E un sorriso in una giornata di mer.. non ha prezzo.
+1
però...alle 9 del mattino, già è una giornata di merda? che sfiga :D
Mi sono svegliato alle 5.30 già con il pensiero del lavoro...

E quando ci si sveglia così è già da subito una giornata storta...

Tra Fatture elettroniche e ultime spedizioni di dichiarazioni in questo
periodo è uno schifo in ufficio.

Bye, Ludwig.
Mardot
2018-10-09 09:11:05 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ludwig
Post by Jamie
Post by Ludwig
Bella storia, mi ha fatto sorridere...
E un sorriso in una giornata di mer.. non ha prezzo.
+1
però...alle 9 del mattino, già è una giornata di merda? che sfiga :D
Mi sono svegliato alle 5.30 già con il pensiero del lavoro...
E quando ci si sveglia così è già da subito una giornata storta...
Tra Fatture elettroniche e ultime spedizioni di dichiarazioni in questo
periodo è uno schifo in ufficio.
Quando pensi che il tuo lavoro sia uno schifo, ricordati che alle
Olimpiadi di nuoto c'e' chi deve fare il bagnino di salvataggio. :-)))
Ludwig
2018-10-09 09:37:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ludwig
Post by Jamie
Post by Ludwig
Bella storia, mi ha fatto sorridere...
E un sorriso in una giornata di mer.. non ha prezzo.
+1
però...alle 9 del mattino, già è una giornata di merda? che sfiga :D
Mi sono svegliato alle 5.30 già con il pensiero del lavoro...
E quando ci si sveglia così è già da subito una giornata storta...
Tra Fatture elettroniche e ultime spedizioni di dichiarazioni in questo
periodo è uno schifo in ufficio.
Quando pensi che il tuo lavoro sia uno schifo, ricordati che alle Olimpiadi
di nuoto c'e' chi deve fare il bagnino di salvataggio. :-)))
Avrei "salvato" la Franziska van Almsick molto volentieri una ventina
di anni fa...

:-))

Bye, Ludwig.
Jamie
2018-10-09 10:37:22 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ludwig
Mi sono svegliato alle 5.30 già con il pensiero del lavoro...
E quando ci si sveglia così è già da subito una giornata storta...
Tra Fatture elettroniche e ultime spedizioni di dichiarazioni in questo
periodo è uno schifo in ufficio.
Capisco la fonte della tua angoscia... fai un mestiere che oggi come
oggi non farei nemmeno sotto tortura...nonostante sia pure compatibile
coi miei studi.

Renato_VBI
2018-10-08 09:12:58 UTC
Rispondi
Permalink
Il 07/10/2018 23:13, ***@gmail.com ha scritto:

[CUT]
Post by d***@gmail.com
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Io la raccolgo nel mio orticello al momento dell'utilizzo ( ed e' per
quello che talvolta e' decisamente "duretta" ma e' un'erba che cresce
facilmente anche in un vaso sul balcone.
Post by d***@gmail.com
Quella che prendo io all'iper è falciata con la mietitrebbia,
lavata e imbustata ermeticamente.
OK
Post by d***@gmail.com
Così succede che si macera con la sua stessa umidità.
Toglierla dalla "busta" e metterla a suo agio in un contenitore +
carta assorbente nel comparto verdura del freezer allunga sicuramente il
periodo di utilizzo.
Post by d***@gmail.com
Se vi interessa vi spiego il procedimento preciso per far marcire
ogni tipo di insalata. L'ultima scoperta l'ho fatta con i ravanelli
prelavati e preaffettati dimenticati per una decina di giorni.
Passo.
Post by d***@gmail.com
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Puoi "tradure" pantegano dato che neppure mister googlie aiuta?
--
Ciao, Renato
Giampaolo Natali
2018-10-08 09:24:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
[CUT]
Post by d***@gmail.com
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Io la raccolgo nel mio orticello al momento dell'utilizzo ( ed e' per
quello che talvolta e' decisamente "duretta" ma e' un'erba che cresce
facilmente anche in un vaso sul balcone.
Post by d***@gmail.com
Quella che prendo io all'iper è falciata con la mietitrebbia,
lavata e imbustata ermeticamente.
OK
Post by d***@gmail.com
Così succede che si macera con la sua stessa umidità.
Toglierla dalla "busta" e metterla a suo agio in un contenitore +
carta assorbente nel comparto verdura del freezer allunga sicuramente il
periodo di utilizzo.
Post by d***@gmail.com
Se vi interessa vi spiego il procedimento preciso per far marcire
ogni tipo di insalata. L'ultima scoperta l'ho fatta con i ravanelli
prelavati e preaffettati dimenticati per una decina di giorni.
Passo.
Post by d***@gmail.com
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Puoi "tradure" pantegano dato che neppure mister googlie aiuta?
Un topo di fogna piccolo. Se fosse grande sarebbe una pantegana :-) :-)
Origine veneta, I suppose

Ciao
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Renato_VBI
2018-10-08 11:08:22 UTC
Rispondi
Permalink
Il 08/10/2018 11:24, Giampaolo Natali ha scritto:

[CUT]
Post by Giampaolo Natali
Post by Renato_VBI
Post by d***@gmail.com
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Puoi "tradure" pantegano dato che neppure mister googlie aiuta?
Un topo di fogna piccolo. Se fosse grande sarebbe una pantegana :-) :-)
Origine veneta, I suppose
Trovato, grazie.
Post by Giampaolo Natali
http://www.treccani.it/vocabolario/pantegana/<
Vedo che e' s.f. e non esiste con articolo maschile.

Qui in italiano corrente e' chiamato ratto o topo di fogna ed
abitualmente non si trova nelle abitazioni ma il mondo e' paese....
:-)



Grazie per la spiegazione
--
Ciao, Renato
Giampaolo Natali
2018-10-08 11:43:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
[CUT]
Post by Giampaolo Natali
Post by Renato_VBI
Post by d***@gmail.com
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Puoi "tradure" pantegano dato che neppure mister googlie aiuta?
Un topo di fogna piccolo. Se fosse grande sarebbe una pantegana :-) :-)
Origine veneta, I suppose
Trovato, grazie.
Post by Giampaolo Natali
http://www.treccani.it/vocabolario/pantegana/<
Vedo che e' s.f. e non esiste con articolo maschile.
Qui in italiano corrente e' chiamato ratto o topo di fogna ed
abitualmente non si trova nelle abitazioni ma il mondo e' paese....
:-)
Grazie per la spiegazione
A Venezia e dintorni la pantegana è l'appellativo dato a i topi, di
qualunque razza siano.

P.S. - Un conto è la Treccani, ben altro conto la lingua comunemente
parlata.
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Renato_VBI
2018-10-08 11:58:37 UTC
Rispondi
Permalink
Il 08/10/2018 13:43, Giampaolo Natali ha scritto:

[CUT]
Post by Giampaolo Natali
Post by Renato_VBI
Post by Giampaolo Natali
Un topo di fogna piccolo. Se fosse grande sarebbe una pantegana :-) :-)
Origine veneta, I suppose
Trovato, grazie.
Post by Giampaolo Natali
http://www.treccani.it/vocabolario/pantegana/<
Vedo che e' s.f. e non esiste con articolo maschile.
Qui in italiano corrente e' chiamato ratto o topo di fogna ed
abitualmente non si trova nelle abitazioni ma il mondo e' paese....
:-)
Grazie per la spiegazione
A Venezia e dintorni la pantegana è l'appellativo dato a i topi, di
qualunque razza siano.
P.S. - Un conto è la Treccani, ben altro conto la lingua comunemente
parlata.
Che la lingua parlata possa avere tantissime sfumature concordo
perfettamente con te.
Una lingua scritta (se vogliamo considerarla lingua) ha significato
solamente se codificata altrimenti e' solo un gran casino.
Se poi si parla di dialetti locali.... Siamo in italia, a causa di
influenze piu' o meno evidenti dei popoli che l'hanno sempre colonizzata
nei secoli, decisamente nella "cacca".

Ho preso la Treccani come riferimento per la lingua italiana come per
quella tedesca prenderei il Duden.
Se hai qualcosa di piu' preciso/attuale/idoneo da consigliarmi sono
tutto orecchi.
:-)
--
Ciao, Renato
Giampaolo Natali
2018-10-08 15:14:20 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
[CUT]
Post by Giampaolo Natali
Post by Renato_VBI
Post by Giampaolo Natali
Un topo di fogna piccolo. Se fosse grande sarebbe una pantegana :-) :-)
Origine veneta, I suppose
Trovato, grazie.
Post by Giampaolo Natali
http://www.treccani.it/vocabolario/pantegana/<
Vedo che e' s.f. e non esiste con articolo maschile.
Qui in italiano corrente e' chiamato ratto o topo di fogna ed
abitualmente non si trova nelle abitazioni ma il mondo e' paese....
:-)
Grazie per la spiegazione
A Venezia e dintorni la pantegana è l'appellativo dato a i topi, di
qualunque razza siano.
P.S. - Un conto è la Treccani, ben altro conto la lingua comunemente
parlata.
Che la lingua parlata possa avere tantissime sfumature concordo
perfettamente con te.
Una lingua scritta (se vogliamo considerarla lingua) ha significato
solamente se codificata altrimenti e' solo un gran casino.
Se poi si parla di dialetti locali.... Siamo in italia, a causa di
influenze piu' o meno evidenti dei popoli che l'hanno sempre colonizzata
nei secoli, decisamente nella "cacca".
Ho preso la Treccani come riferimento per la lingua italiana come per
quella tedesca prenderei il Duden.
Se hai qualcosa di piu' preciso/attuale/idoneo da consigliarmi sono
tutto orecchi.
:-)
No, no, non sono tanto letterato e/o appassionato studioso della lingua.
(diciamo che su questo aspetto sono molto ignorante: sempre apprezzato le
materie tecniche così come ignorate le materie umanistiche-culturali.
Credo che il Treccani sia il massimo in Italia. Poi dipende da cosa si cerca
sul dizionario:
per uso umanistico dicono sia meglio il Zanichelli, per uso prettamente
tecnico il De Mauro, ecc, ecc,
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Albus Dumbledore
2018-10-08 14:16:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
Qui in italiano corrente e' chiamato
FERMO LI'!!!!

Come diavolo si chiama, in italiano, il brotklee?
:-(
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Renato_VBI
2018-10-08 20:46:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Albus Dumbledore
Post by Renato_VBI
Qui in italiano corrente e' chiamato
FERMO LI'!!!!
Come diavolo si chiama, in italiano, il brotklee?
:-(
E' la Trigonella.... Usatissima in Alto Adige e specialmente in Val
Venosta per l'impasto dei Vinschger Paarl.
Gnam gnam
--
Ciao, Renato
Albus Dumbledore
2018-10-09 06:12:53 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
Post by Albus Dumbledore
Come diavolo si chiama, in italiano, il brotklee?
:-(
E' la Trigonella....
Ahhhhhh...
Perfetto, grazie mille.
Post by Renato_VBI
Usatissima in Alto Adige e specialmente in Val Venosta
per l'impasto dei Vinschger Paarl.
Che e'?
:-O

Io ho imparato ad usarla per il pane in un maso a Tiso, ma la sto
finendo e non so dove andarla a recuperare.
Ora so cosa cercare.

Grazie infinite.
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Renato_VBI
2018-10-09 06:37:14 UTC
Rispondi
Permalink
Il 09/10/2018 08:12, Albus Dumbledore ha scritto:

[CUT]
Post by Albus Dumbledore
Usatissima in Alto Adige e specialmente in Val Venosta per l'impasto
dei Vinschger Paarl.
Che e'?
:-O
https://www.suedtirol.info/it/esperienze/enogastronomia/ricette-altoatesine/Pagnotte-venostane-in-coppia-Ricetta-tradizionale-dell-Alto-Adige_recipe_51906<
E' emblematico vedere che nella ricetta ufficiale "tradotta" in italiano
non vi e' menzione della trigonella mentre se cambi lingua (cliccando in
alto a dx) nella ricetta otiginale viene menzionata anche se ome
ingrediente facoltativo (forse per la difficolta' di reperimento nella GDO).
Post by Albus Dumbledore
Io ho imparato ad usarla per il pane in un maso a Tiso, ma la sto
finendo e non so dove andarla a recuperare.
Ero a Tiso ieri.... :)
Post by Albus Dumbledore
Ora so cosa cercare.
Se hai difficolta' fammelo sapere.
--
Ciao, Renato
Albus Dumbledore
2018-10-09 06:48:32 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Albus Dumbledore
Post by Albus Dumbledore
Usatissima in Alto Adige e specialmente in Val Venosta per l'impasto dei
Vinschger Paarl.
Che e'?
:-O
https://www.suedtirol.info/it/esperienze/enogastronomia/ricette-altoatesine/Pagnotte-venostane-in-coppia-Ricetta-tradizionale-dell-Alto-Adige_recipe_51906<
E' emblematico vedere che nella ricetta ufficiale "tradotta" in italiano non
vi e' menzione della trigonella mentre se cambi lingua (cliccando in alto a
dx) nella ricetta otiginale viene menzionata anche se ome ingrediente
facoltativo (forse per la difficolta' di reperimento nella GDO).
Azz...
Ma e' quello che faccio io!
Ne ho giusto qui una pagnotella per il pranzo di oggi.
Post by Albus Dumbledore
Post by Albus Dumbledore
Io ho imparato ad usarla per il pane in un maso a Tiso, ma la sto finendo e
non so dove andarla a recuperare.
Ero a Tiso ieri.... :)
Beato te, mondo cane!
sob
Post by Albus Dumbledore
Post by Albus Dumbledore
Ora so cosa cercare.
Se hai difficolta' fammelo sapere.
OK, grazie mille.
Sarai il mio agente all'Avana.
;-)
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Albus Dumbledore
2018-10-09 06:49:45 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Albus Dumbledore
Azz...
Ma e' quello che faccio io!
Ne ho giusto qui una pagnotella per il pranzo di oggi.
In realta', per motivi di tempo, la biga l'hanno saltata.
Me lo segno e provo, la prossima volta.
Ancora grazie.
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Renato_VBI
2018-10-09 07:36:36 UTC
Rispondi
Permalink
Il 09/10/2018 08:48, Albus Dumbledore ha scritto:

[CUT]
Post by Albus Dumbledore
Azz...
Ma e' quello che faccio io!
Ne ho giusto qui una pagnotella per il pranzo di oggi.
Si, e' un classico centenario.
La particolarita' di quello della Val Venosta, oltre ad un leggero
differente dosaggio delle spezie, e' quella della forma gemella, da cui
il nome.
Post by Albus Dumbledore
OK, grazie mille.
Sarai il mio agente all'Avana.
;-)
Domenica ero alla festa del pane in quel di Bressanone (dovevo
festeggiare un compleanno) ed ho avuto il piacere di vedere i primi
risultati "reali ed estesi" del progetto "Regiograno" partito nel 2013
con l'aiuto di fondi Europei.
Post by Albus Dumbledore
https://tis.bz.it/it/cluster/alimentari/projekte/regiokorn/das-projekt-regiokorn<
E devo dire che non e' male, anzi....
:-)
--
Ciao, Renato
Albus Dumbledore
2018-10-09 07:44:11 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
Post by Albus Dumbledore
Azz...
Ma e' quello che faccio io!
Ne ho giusto qui una pagnotella per il pranzo di oggi.
Si, e' un classico centenario.
La particolarita' di quello della Val Venosta, oltre ad un leggero differente
dosaggio delle spezie, e' quella della forma gemella, da cui il nome.
Gia'.
La prossima volta, lo copio.
Mi piace.
Post by Renato_VBI
Post by Albus Dumbledore
OK, grazie mille.
Sarai il mio agente all'Avana.
;-)
Domenica ero alla festa del pane in quel di Bressanone (dovevo festeggiare un
compleanno) ed ho avuto il piacere di vedere i primi risultati "reali ed
estesi" del progetto "Regiograno" partito nel 2013 con l'aiuto di fondi
Europei.
https://tis.bz.it/it/cluster/alimentari/projekte/regiokorn/das-projekt-regiokorn<
E devo dire che non e' male, anzi....
:-)
Interessante.
Quest'anno mi sa che non ce la faccio, ma l'anno prossimo un saltino da
quelle parti lo metto in programma.

Ancora grazie.
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
DDV
2018-10-08 19:33:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Giampaolo Natali
Post by Renato_VBI
[CUT]
Post by d***@gmail.com
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Io la raccolgo nel mio orticello al momento dell'utilizzo ( ed e' per
quello che talvolta e' decisamente "duretta" ma e' un'erba che cresce
facilmente anche in un vaso sul balcone.
Post by d***@gmail.com
Quella che prendo io all'iper è falciata con la mietitrebbia,
lavata e imbustata ermeticamente.
OK
Post by d***@gmail.com
Così succede che si macera con la sua stessa umidità.
Toglierla dalla "busta" e metterla a suo agio in un contenitore +
carta assorbente nel comparto verdura del freezer allunga sicuramente il
periodo di utilizzo.
Post by d***@gmail.com
Se vi interessa vi spiego il procedimento preciso per far marcire
ogni tipo di insalata. L'ultima scoperta l'ho fatta con i ravanelli
prelavati e preaffettati dimenticati per una decina di giorni.
Passo.
Post by d***@gmail.com
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Puoi "tradure" pantegano dato che neppure mister googlie aiuta?
Ehm, non ti aiuta perché il "pantegano" NON esiste, esiste LA pantegana, che è un ratto di fogna, sostantivo sing. femm....
Post by Giampaolo Natali
Un topo di fogna piccolo. Se fosse grande sarebbe una pantegana :-) :-)
Origine veneta, I suppose
Naa, le pantegane si chiamano così anche in liguria, di pantegani nessuna traccia:-D

DDV
d***@gmail.com
2018-10-08 19:26:01 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Renato_VBI
[CUT]
Post by d***@gmail.com
Perchè voi, probabilmente, comprate la rucola dalle contadinelle
al mercato che l'hanno raccolta all'alba nel loro orticello.
Io la raccolgo nel mio orticello al momento dell'utilizzo ( ed e' per
quello che talvolta e' decisamente "duretta" ma e' un'erba che cresce
facilmente anche in un vaso sul balcone.
Io purtroppo non ho tempo e sinceramente nemmeno tanta
voglia di tenere un'orto. Al massimo butto per terra qualche
seme di basilico, aneto, pomodoro e raccolgo quello che
cresce da solo.
Anni fa avevo buttatto nel prato dei semi di rucola gigante,
sono cresciute centinaia di piante alte un metro senza nessuna
cura che davano foglie per mesi, ottima ma poi ho perso la
semenza.
Post by Renato_VBI
Toglierla dalla "busta" e metterla a suo agio in un contenitore +
carta assorbente nel comparto verdura del freezer allunga sicuramente il
periodo di utilizzo.
Scusa ma nel freezer non penso che vada bene, forse volevi dire
figorifero. Di solito apro la busta appena la porto a casa
in modo che esca l'umidità, ma a volte no.
Post by Renato_VBI
Post by d***@gmail.com
Se vi interessa vi spiego il procedimento preciso per far marcire
ogni tipo di insalata. L'ultima scoperta l'ho fatta con i ravanelli
prelavati e preaffettati dimenticati per una decina di giorni.
Passo.
Post by d***@gmail.com
Uno stupefacente aroma di carogna filtrava dal frigo chiuso.
La mia colf era convinta che ci fosse un pantegano morto sotto
a qualche mobile.
Puoi "tradure" pantegano dato che neppure mister googlie aiuta?
Allora, nel padovano i topi hanno vari nomi. Per esempio,
quelli che mi ricordo in ordine crescente di dimensione,
moreieta, moreia, sorze, pantegan.
Il pantegano sarebbe il pantegan italianizzato.
Poi so che a Venezia, città prediletta da questi animali,
li chiamano pantegane. A proposito, ci sono voci che
raccontano che queste pantegane siano commestibili e quando
sono cotte in umido con pomodorini e aromi vari vengono
spacciate per filetti di pesce pregiato in qualche
trattoria tipica di Venezia.
Renato_VBI
2018-10-08 20:42:19 UTC
Rispondi
Permalink
Il 08/10/2018 21:26, ***@gmail.com ha scritto:

[CUT]
Post by d***@gmail.com
Post by Renato_VBI
Toglierla dalla "busta" e metterla a suo agio in un contenitore +
carta assorbente nel comparto verdura del freezer allunga sicuramente il
periodo di utilizzo.
Scusa ma nel freezer non penso che vada bene, forse volevi dire
figorifero. Di solito apro la busta appena la porto a casa
in modo che esca l'umidità, ma a volte no.
Si, intendevo frigorifero ma nel tradurlo in testa mi e' uscito freezer.
Chiedo venia.

]SNIP]
Post by d***@gmail.com
Post by Renato_VBI
Puoi "tradure" pantegano dato che neppure mister googlie aiuta?
Allora, nel padovano i topi hanno vari nomi. Per esempio,
quelli che mi ricordo in ordine crescente di dimensione,
moreieta, moreia, sorze, pantegan.
Il pantegano sarebbe il pantegan italianizzato.
Grazie mille per l'ulteriore spiegazione.
--
Ciao, Renato
Slayer99
2018-10-05 17:25:10 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Praticamente la ricetta è la stessa del risotto con il
radicchio, con la differenza che ho tritato grossolanamente
la rucola altrimenti i gambi sono un po' duri.
Mi viene l'acquolina in bocca a pensarci ed ho appena bevuto il primo
caffe' della giornata.

Potresti spiegare come fai il risotto con il radicchio in modo da capire
per estensione la ricetta per quello alla rucola?
--
We were born on the night of Apocalypse...
d***@gmail.com
2018-10-07 08:56:32 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Slayer99
Post by d***@gmail.com
Praticamente la ricetta è la stessa del risotto con il
radicchio, con la differenza che ho tritato grossolanamente
la rucola altrimenti i gambi sono un po' duri.
Mi viene l'acquolina in bocca a pensarci ed ho appena bevuto il primo
caffe' della giornata.
Potresti spiegare come fai il risotto con il radicchio in modo da capire
per estensione la ricetta per quello alla rucola?
--
We were born on the night of Apocalypse...
Cipolla tritata stufata semisoffritta in olio di oliva
extravergine biologico spremuto a freddo di produzione
personale.
Aggiungo il radicchio tardivo di treviso a pezzettoni,
compreso quel pezzo di torsolo duro affettato
sottilmente che diventerà tenero durante la cottura del riso.
Aggiungo il riso, lascio che assorba il sugo per un minuto
(trovo improprio il termine "tostatura"), vino bianco,
altro minuto, e poi via col brodo. Ovviamente mescolare.
Alla fine mantecatura con burro, formaggio grana e pepe.
Spesso nel soffritto iniziale ci metto anche prosciutto,
salsiccia, nduja, pancetta o quello che capita.
Eventualmente alla fine qualche goccia di aceto balsamico
o salsa Worcester o vino rosso.
Slayer99
2018-10-07 17:17:35 UTC
Rispondi
Permalink
Post by d***@gmail.com
Post by Slayer99
Potresti spiegare come fai il risotto con il radicchio in modo da capire
per estensione la ricetta per quello alla rucola?
Cipolla tritata stufata semisoffritta in olio di oliva
extravergine biologico spremuto a freddo di produzione
personale.
Vabbe' solo perche' hai fatto tutta questa specifica: questo e' uno dei
casi in cui un decente olio EVO commerciale andrebbe bene lo stesso,
sarei sorpreso di riuscire a sentire la differenza (parlo per me
chiaramente). Detto questo, tipicamente userei il burro. Verrebbe da
chiedere cos'e' esattamente una cipolla "stufata semisoffritta" ma penso
di essere in grado di gestire un po' di soffritto pel risotto.
Post by d***@gmail.com
Aggiungo il radicchio tardivo di treviso a pezzettoni,
compreso quel pezzo di torsolo duro affettato
sottilmente che diventerà tenero durante la cottura del riso.
Eh magari riuscissi a trovare qualcosa di simile.
Post by d***@gmail.com
Aggiungo il riso, lascio che assorba il sugo per un minuto
(trovo improprio il termine "tostatura")
Anche perche' non sarebbe tostatura, nei casi in cui scegli di tostare
il riso (io lo faccio nella maggior parte dei casi) e' molto difficile
(oserei dire impossibile, per definizione) farlo con dei grassi e degli
altri prodotti delicati
Post by d***@gmail.com
, vino bianco,
Anche se non metti ingredienti grassi aggiuntivi?
Post by d***@gmail.com
Eventualmente alla fine qualche goccia di aceto balsamico
o salsa Worcester o vino rosso.
Molto interessante, un tocco di umami per finire
--
We were born on the night of Apocalypse...
Loading...