Discussione:
La perfezione esiete....
Aggiungi Risposta
Mardot
2022-06-13 08:26:30 UTC
Rispondi
Permalink
... e a volte si manifesta in queste piccole cose.

Loading Image...

Ieri stavo legando le trombette, quelle decantate da Fulvio, quando mi è
apparsa questa immagine, che ritengo a dir poco fantastica, nella sua
semplicita' e basicita'.

L'attivita' dell'ortolano e' veramente appagante e rilassante, anche e
soprattutto per certi aspetti spesso "infinitesimali".
capsy
2022-06-13 08:55:29 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
... e a volte si manifesta in queste piccole cose.
https://i.postimg.cc/XnrjSGjQ/Clipboard00.jpg
Ieri stavo legando le trombette, quelle decantate da Fulvio, quando mi è
apparsa questa immagine, che ritengo a dir poco fantastica, nella sua
semplicita' e basicita'.
L'attivita' dell'ortolano e' veramente appagante e rilassante, anche e
soprattutto per certi aspetti spesso "infinitesimali".
bellissima
--
capsy

le mie ricette qui:
http://www.peperoncinosanremorivieradeifiori.it/ricette.php
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Jk
2022-06-13 09:01:45 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
... e a volte si manifesta in queste piccole cose.
https://i.postimg.cc/XnrjSGjQ/Clipboard00.jpg
Ieri stavo legando le trombette, quelle decantate da Fulvio, quando mi è
apparsa questa immagine, che ritengo a dir poco fantastica, nella sua
semplicita' e basicita'.
L'attivita' dell'ortolano e' veramente appagante e rilassante, anche e
soprattutto per certi aspetti spesso "infinitesimali".
la foto fa cagare.
il soggetto non è nella sezione aurea, i colori sono troppo pompati, lo
sfocato non è in grado di isolare il soggetto.














:-D
Mardot
2022-06-13 09:08:33 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
... e a volte si manifesta in queste piccole cose.
https://i.postimg.cc/XnrjSGjQ/Clipboard00.jpg
Ieri stavo legando le trombette, quelle decantate da Fulvio, quando mi
è apparsa questa immagine, che ritengo a dir poco fantastica, nella
sua semplicita' e basicita'.
L'attivita' dell'ortolano e' veramente appagante e rilassante, anche e
soprattutto per certi aspetti spesso "infinitesimali".
la foto fa cagare.
grazie :-P
Post by Jk
il soggetto non è nella sezione aurea,
esattamente come volevo restasse
Post by Jk
i colori sono troppo pompati,
la realta' era ancora piu' pompata (davvero!)
Post by Jk
lo
sfocato non è in grado di isolare il soggetto.
perche' hai l'occhio di un ciclope
Post by Jk
:-D
SUKA :-DDDDD
Jk
2022-06-13 09:25:25 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
perche' hai l'occhio di un ciclope
nel regno degli orbi, come te, io sono il Re :-)
Cmq nel caso qualcuno non lo capisse, stavo solo rompendo il cazzo per
diletto, è una foto accettabile, ma soprattutto, chissenefrega del fatto
che poteva essere ancor più bella.
Mardot
2022-06-13 09:31:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
perche' hai l'occhio di un ciclope
nel regno degli orbi, come te, io sono il Re :-)
ma alla grandissima, anche Mr. Magoo mi da' dei punti.........
Post by Jk
Cmq nel caso qualcuno non lo capisse, stavo solo rompendo il cazzo per
diletto,
lol, il fatto che ti sia sentito in obbligo di specificarlo la dice
lunga su certi elementi che circolano qui sopra.... :-D
Post by Jk
è una foto accettabile, ma soprattutto, chissenefrega del fatto
che poteva essere ancor più bella.
io non sono certo un esperto di foto, anzi sono proprio ignorante
completo, ma temo che con un telefonino e senza alcuna "posa" studiata
(ho tirato fuori il cellulare dalla tasca sudata e ho scattato quello
che vedevo) sia difficile fare foto decenti

tempo fa pero' un amico reporter mi aveva inviato un link (che
puntualmente ho perso) che mostrava solo foto di reporter fatte col
telefonino e avevano preso del premi, quindi in effetti anche con questi
arnesi si riescono a fare cose interessanti, probabilmente il manico fa
la differenza
Jk
2022-06-13 09:55:30 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
tempo fa pero' un amico reporter mi aveva inviato un link (che
puntualmente ho perso) che mostrava solo foto di reporter fatte col
telefonino e avevano preso del premi, quindi in effetti anche con questi
arnesi si riescono a fare cose interessanti, probabilmente il manico fa
la differenza
sì il manico fa molta differnza e ne ho viste anche io al corso di foto
vincitrici fatte col cellulare.
In un certo senso qui avviene il contrario che nelle discipline sportive.
mentre io con una BdC da Tour acquisto 1" all' ora per cui non mi fa
alcuna differenza, nelle foto il mezzo top ti permette di fare roba di
alta qualità anche se sei uno sfigato come me, poi al traguardo prendi
cmq delle ore dai Pro, ma invece di guadagnare 1"/ora qui guadagni tanto.
Morale quelli col manico sanno vedere l'inquadratura giusta e sopperire
ai limiti del cellulare.
questo è stato un fotografo forte, di casa mia, qui vedi la collezione
fatta con la Polaroid
https://www.archivioluigighirri.com/artworks/polaroid
(che poi a me molte non dicon nulla, onestamente)
Ghost Dog
2022-06-13 10:36:19 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
tempo fa pero' un amico reporter mi aveva inviato un link (che
puntualmente ho perso) che mostrava solo foto di reporter fatte col
telefonino e avevano preso del premi, quindi in effetti anche con
questi arnesi si riescono a fare cose interessanti, probabilmente il
manico fa la differenza
sì il manico fa molta differnza e ne ho viste anche io al corso di foto
vincitrici fatte col cellulare.
In un certo senso qui avviene il contrario che nelle discipline sportive.
mentre io con una BdC da Tour acquisto 1" all' ora per cui non mi fa
alcuna differenza, nelle foto  il mezzo top ti permette di fare roba di
alta qualità anche se sei uno sfigato come me, poi al traguardo prendi
cmq delle ore dai Pro, ma invece di guadagnare 1"/ora qui guadagni tanto.
Morale quelli col manico sanno vedere l'inquadratura giusta e sopperire
ai limiti del cellulare.
questo è stato un fotografo forte, di casa mia, qui vedi la collezione
fatta con la Polaroid
https://www.archivioluigighirri.com/artworks/polaroid
(che poi a me molte non dicon nulla, onestamente)
Da appassionato di fotografia (almeno quando ne avevo tempo) ti dico che
non è proprio così per il FCA (termine per quelli come me, i cosidetti
"fotocazzoamatori") mentre hai ragione per "quelli con il manico": il
mezzo, soprattutto adesso che c'è il digitale aiuta, ma lo "sguardo" del
fotografo fa la differenza.

Quando parlo di queste cose con non appassionati faccio sempre (come
te)l'esempio delle polaroid, nel mio caso quelle di Wim Wenders, regista
che mi piace molto.

https://www.theguardian.com/artanddesign/2017/oct/12/wim-wenders-interview-polaroids-instant-stories-photographers-gallery

zero tecnica, del resto la polaroid è una "punta e scatta" ma la magia
è nello "sguardo".
Il problema del digitale è che le foto ormai costano zero e le persone
(io compreso) ormai scattano compulsivamente, mentre con la perllicola
le foto erano "ragionate" e le poche che facevi"punta e scatta" erqa
perchè lo richiedeva la situazione e spesso l'erorre tecnico aggingeva
pathos.
Quindi non ne faccio una questione di "poesia" del mezzo, ma
semplicemente di come e perchè arrivi allo scatto.
C'è, inoltre, un alatro problema tecnico: la foto che vedi sul
dispositivo che usi per lo scatto è ottimizzata per il suo schermo,
oltre che di piccole dimensioni, quindi sul dispositivo è molto meglio
di come la vedranno gli altri quando la condividerai, normalmente sono
ipersature, con colori sballati e a volte strane virature sulle tinte
più chiare.
GD
Jk
2022-06-13 12:26:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Da appassionato di fotografia (almeno quando ne avevo tempo) ti dico che
non è proprio così per il FCA (termine per quelli come me, i cosidetti
"fotocazzoamatori") mentre hai ragione per "quelli con il manico": il
invece è così.
Posto che lo sguardo è pressochè un dono di natura, certi scatti li puoi
fare se hai l' attrezzo, sennò ti attacchi.
Io ho avuto un collega che (ai tempi pellicola) pronti via nel giro di 1
anno (partiva da zero) ha inizato a vincere concorsi. Non era la tecnica
ma la capacità di cogliere l' attimo l' idea di fondo ecc.
Detto questo la mia macchina lavora bene fino ad iso 4000, ho 2
obiettivi, un 35eq (è una aps-c fattore 1.6) con F2.0 con cui riesco a
fare delle gran belle foto. Ma ci sono occasioni in cui mi servirebbe un
F1.x oppure un tele con una buona luminosità altrimenti la foto la fai
scura o se vuoi sfocare lo devi fare in Post-prod (ho photoshop e so usarlo)
Quindi per es sono in Chiesa poca luce c'è uno scatto che sarebbe
meraviglioso mentre il prete solleva il bimbo appena battezzato, ma con
la mia macchina NON-LO-FAI. Punto. Ci fosse stato Ghirri (eravamo
proprio nella sua parrocchia) avrebbe trovato il modo di fare un altra
foto cmq bella? Sì, certo. Ma non quella.
Coppi sarebbe andato più forte con le BdC di oggi? Sicuro.
ma io con la sua BdC non avrei mai potuto salire lo Stelvio se non a
piedi spingendola. Ho più vantaggio io (su me stesso) dalle moderne BdC
che lui. Idem con le fotografiche
Post by Ghost Dog
Quando   parlo di queste cose con  non appassionati faccio sempre (come
te)l'esempio delle polaroid, nel mio caso quelle di Wim Wenders, regista
che mi piace  molto.
https://www.theguardian.com/artanddesign/2017/oct/12/wim-wenders-interview-polaroids-instant-stories-photographers-gallery
anche qui molte non mi dicon nulla, cmq.
Post by Ghost Dog
Quindi non ne faccio una questione di "poesia" del mezzo, ma
semplicemente di come e perchè arrivi allo scatto.
guarda io a pellicola non avrei nemmeno iniziato, punto.
col digitale puoi sperimentare molto ed anche chi non ha il dono può
arrivare a fare foto belle senza spendere un patrimonio.
A pellicola no.
in 1 anno di macchina seria ho fatto 9500 foto, ovviamente il 90% non
valgon nulla, ma adesso qualcuna bellina la faccio. Ho imparato dagli
errori. Quanto mi sarebbe costato in soldi e tempo sviluppare le 9500 foto?
Post by Ghost Dog
C'è, inoltre, un alatro problema tecnico: la foto che vedi sul
dispositivo che usi per lo scatto è ottimizzata per il suo schermo,
oltre che di piccole dimensioni, quindi sul dispositivo è molto meglio
di come la vedranno gli altri quando la condividerai, normalmente sono
ipersature, con colori sballati e a volte strane virature sulle tinte
più chiare.
sì quest sono cose che ovviametne so
Ghost Dog
2022-06-13 12:48:07 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Da appassionato di fotografia (almeno quando ne avevo tempo) ti dico
che non è proprio così per il FCA (termine per quelli come me, i
cosidetti "fotocazzoamatori") mentre hai ragione per "quelli con il
manico": il
invece è così.
Posto che lo sguardo è pressochè un dono di natura, certi scatti li puoi
fare se hai l' attrezzo, sennò ti attacchi.
Io ho avuto un collega che (ai tempi pellicola) pronti via nel giro di 1
anno (partiva da zero) ha inizato a vincere concorsi. Non era la tecnica
ma la capacità di cogliere l' attimo l' idea di fondo ecc.
e fin qui stiamo dicendo la stessa cosa
Post by Jk
Detto questo la mia macchina lavora bene fino ad iso 4000,
IMHO ISO 4000 è un nonsenso, sono livelli praticamente nati con il
digitale, sopra gli 800 vado solo se voglio ottenere determinati effetti
ho 2
Post by Jk
obiettivi, un 35eq (è una aps-c fattore 1.6) con F2.0 con cui riesco a
fare delle gran belle foto. Ma ci sono occasioni in cui mi servirebbe un
F1.x oppure un tele con una buona luminosità altrimenti la foto la fai
scura o se vuoi sfocare lo devi fare in Post-prod (ho photoshop e so usarlo)
Quindi per es sono in Chiesa poca luce c'è uno scatto che sarebbe
meraviglioso mentre il prete solleva il bimbo appena battezzato, ma con
la mia macchina NON-LO-FAI. Punto. Ci fosse stato Ghirri (eravamo
proprio nella sua parrocchia) avrebbe trovato il modo di fare un altra
foto cmq bella? Sì, certo. Ma non quella.
E qui torniamo al discorso di prima, è lo "sguardo" che fa la differenza
tra una foto tecnicamente perfetta (te lo permette l'attrezzatura) ma
banale e una foto con pathos e che racconta qualcosa(te lo permette la
tua sensibilità).
E' il concetto stesso della creatività, i veri artisti sono quelli che
vanno oltre i limiti tecnici grazie al proprio talento
Post by Jk
Coppi sarebbe andato più forte con le BdC di oggi? Sicuro.
ma io con la sua BdC non avrei mai potuto salire lo Stelvio se non a
piedi spingendola. Ho più vantaggio io (su me stesso) dalle moderne BdC
che lui. Idem con le fotografiche
Post by Ghost Dog
Quando   parlo di queste cose con  non appassionati faccio sempre
(come te)l'esempio delle polaroid, nel mio caso quelle di Wim Wenders,
regista che mi piace  molto.
https://www.theguardian.com/artanddesign/2017/oct/12/wim-wenders-interview-polaroids-instant-stories-photographers-gallery
anche qui molte non mi dicon nulla, cmq.
Post by Ghost Dog
Quindi non ne faccio una questione di "poesia" del mezzo, ma
semplicemente di come e perchè arrivi allo scatto.
guarda io a pellicola non avrei nemmeno iniziato, punto.
col digitale puoi sperimentare molto ed anche chi non ha il dono può
arrivare a fare foto belle senza spendere un patrimonio.
appunto,belle.oltre non vai
Post by Jk
A pellicola no.
in 1 anno di macchina seria ho fatto 9500 foto, ovviamente il 90% non
valgon nulla, ma adesso qualcuna bellina la faccio. Ho imparato dagli
errori. Quanto mi sarebbe costato in soldi e tempo sviluppare le 9500 foto?
Tanto, ma ne avresti fatte di meno ma tutte più ragionate ed avresti
analizzato quelle secondo te sbagliate così da non ripetere gli errori.
Avresti fatto un percorso di crescita.
Con il digitale punti, scatti, cestini quello che non ti piace, tieni
quello che ti piace senza capire perchè quella è venuta bene e l'altra no.
Sicuramente con il tempo migliori, ma meno di quello che avresti fatto
con la pellicola
Post by Jk
Post by Ghost Dog
C'è, inoltre, un alatro problema tecnico: la foto che vedi sul
dispositivo che usi per lo scatto è ottimizzata per il suo schermo,
oltre che di piccole dimensioni, quindi sul dispositivo è molto meglio
di come la vedranno gli altri quando la condividerai, normalmente sono
ipersature, con colori sballati e a volte strane virature sulle tinte
più chiare.
sì quest sono cose che ovviametne so
Jk
2022-06-13 14:17:22 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
IMHO ISO 4000 è un nonsenso, sono livelli praticamente nati con il
digitale, sopra gli 800 vado solo se voglio ottenere determinati effetti
eh vabbè, che ti devo dire.
il corso di fotografia che ho fatto, 2 fotografi professionisti
ovviamente, abbiamo fatto anche le foto notturne.
Ora non è che tutto possa essere scattato con il cavalletto e posa di
15", ti pare?
Dentro le chiese spesso con 4000 se non usi un obiettivo che ti permette
aperture F<2 sei fortemente sottoesposto.
uno dei 2 fotografi mi disse che in certe condizioni in effetti c'è poco
da fare... la sua macchina lavora bene fino ad iso 21000
Lui scatta e io rinuncio alla foto.
Post by Ghost Dog
E qui torniamo al discorso di prima, è lo "sguardo" che fa la differenza
tra una foto tecnicamente perfetta (te lo permette l'attrezzatura) ma
banale e una foto con pathos e che racconta qualcosa(te lo permette la
tua sensibilità).
E' il concetto stesso della creatività, i veri artisti sono quelli che
vanno oltre i limiti tecnici grazie al proprio talento
senti te lo ripeto: il prete alza il bimbo, dietro l'abside della Chiesa
è uno sfondo magnifico, io ho la macchina pronta, obiettivo standard
(72mm eq) che mi consente F6.3
Sono in 5a fila.
Quella foto NON la faccio. Sarebbe stata bella, ma non la potevo fare.
Uno dei collaboratori aveva uno Zeiss che a 72 apriva F1.2. Alzavi
scattavi ed avevi una foto magnifica.
Io no faccio arte, non me ne frga nulla, è come per la foto di MArdot,
lui voleva la trombetta, non è che siccome non poteva sfocare bene lo
sfondo ecc ecc non la fa, se ne sbatte ceh non sia artistica.
Post by Ghost Dog
Tanto, ma ne avresti fatte di meno ma tutte più ragionate ed avresti
analizzato quelle secondo te sbagliate così da non ripetere gli errori.
no, se per caso l'avessi avuta tra le mani (di mio non ci pesno nemmeno
di avventurarmici) avrei fatto alcune foto, sarebbero venute di merda e
l' avrei scoperto solo dopo averle pagate, avrei messo la macchina in un
cassetto e fine.
Non è che mi piacciano gli errori visto che scatto gratis, eh?!
Ma posso sperimentarmi, cpire ad es che anche se scatto impostando una
zona di fuoco io e la luce valutata a spot, questa viene misurata lì
mentre se l' AF riconosce lui il viso tiene la luce nel punto centrale.
(ovviamente nl manuale non c'è scritto un caz)
Sai quanti ne conosco che hanno delle reflex e le hanno abbandonate?
Anche xkè il 99% non ha la cocciutaggine che ho io nel voler capire le
cose..
Post by Ghost Dog
Avresti fatto un percorso di crescita.
lo sto facendo, ma anche l' EXP SIM cioè (ho una mirrorless) il vedere
nel mirino l' esposizione simulata, mi aiuta parecchio ad evitare errori
specie quando sono foto a bambini che devi cogliere l' attimo.
Normalmente lì uso M tengo sulla rotella i Tempi e la Iso la definisco
prima. Al chiuso spesso vado oltre gli 800, probabilmente tu hai una
fotocamera ben più luminosa della mia (che delle APS-C è probabilmente
tra le scrause)
Post by Ghost Dog
Con il digitale punti, scatti, cestini quello che non ti piace, tieni
quello che ti piace senza capire perchè quella è venuta bene e l'altra no.
Sicuramente con il tempo migliori, ma meno di quello che avresti fatto
con la pellicola
ma proprio no. Dopo che ho speso 2 volte 50€ per foto tutte scazzate di
exp vendo la macchina di corsa!
Ghost Dog
2022-06-13 14:34:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Ghost Dog
IMHO ISO 4000 è un nonsenso, sono livelli praticamente nati con il
digitale, sopra gli 800 vado solo se voglio ottenere determinati effetti
eh vabbè, che ti devo dire.
il corso di fotografia che ho fatto, 2 fotografi professionisti
ovviamente, abbiamo fatto anche le foto notturne.
Ora non è che tutto possa essere scattato con il cavalletto e posa di
15", ti pare?
Dentro le chiese spesso con 4000 se non usi un obiettivo che ti permette
aperture F<2 sei fortemente sottoesposto.
uno dei 2 fotografi mi disse che in certe condizioni in effetti c'è poco
da fare... la sua macchina lavora bene fino ad iso 21000
Lui scatta e io rinuncio alla foto.
Sono due approcci diversi:e comunque la supermacchina va saputa usare, e
di solito richiede più mestiere delle analogiche.
Per come la vedo io , comunque, tutto parte dall'ottica, gli scatti a 1
miliardo di iso etc etc sono solo artifizi per sopperire ai limiti
dell'ottica, poi arriva quello con il "vetro" giusto e ti fa sentire un
pirla (perlomeno a me succede così)
Post by Jk
Post by Ghost Dog
E qui torniamo al discorso di prima, è lo "sguardo" che fa la
differenza tra una foto tecnicamente perfetta (te lo permette
l'attrezzatura) ma banale e una foto con pathos e che racconta
qualcosa(te lo permette la tua sensibilità).
E' il concetto stesso della creatività, i veri artisti sono quelli che
vanno oltre i limiti tecnici grazie al proprio talento
senti te lo ripeto: il prete alza il bimbo, dietro l'abside della Chiesa
è uno sfondo magnifico, io ho la macchina pronta, obiettivo standard
(72mm eq) che mi consente F6.3
Sono in 5a fila.
Quella foto NON la faccio. Sarebbe stata bella, ma non la potevo fare.
Uno dei collaboratori aveva uno Zeiss che a 72 apriva F1.2. Alzavi
scattavi ed avevi una foto magnifica.
Io no faccio arte, non me ne frga nulla, è come per la foto di MArdot,
lui voleva la trombetta, non è che siccome non poteva sfocare bene lo
sfondo ecc ecc non la fa, se ne sbatte ceh non sia artistica.
Ed è la differenza tra l'appassioanto di fotografie e chie fotografa per
documentare
In ogni caso si capisce che tu sei molto preparato, ma sei ineressato
alla fotografia dal punto di vista dell'utilità.
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Tanto, ma ne avresti fatte di meno ma tutte più ragionate ed avresti
analizzato quelle secondo te sbagliate così da non ripetere gli errori.
no, se per caso l'avessi avuta tra le mani (di mio non ci pesno nemmeno
di avventurarmici) avrei fatto alcune foto, sarebbero venute di merda e
l' avrei scoperto solo dopo averle pagate, avrei messo la macchina in un
cassetto e fine.
Non è che mi piacciano gli errori visto che scatto gratis, eh?!
Ma posso sperimentarmi, cpire ad es che anche se scatto impostando una
zona di fuoco io e la luce valutata a spot, questa viene misurata lì
mentre se l' AF riconosce lui il viso tiene la luce nel punto centrale.
(ovviamente nl manuale non c'è scritto un caz)
Rimane il fatto che le faoto in analogico ti costringono ad un percorso
mentale completamente diverso, direi più simile alla pittura che
richiede un ragionamento a priori
Post by Jk
Sai quanti ne conosco che hanno delle reflex e le hanno abbandonate?
Anche xkè il 99% non ha la cocciutaggine che ho io nel voler capire le
cose..
Ho una reflex ed una buona mirrorless.
la reflex èuna delle prime Nikon, pagata all'epoca un occhio della
testa, eppure, avendo gli obiettivi giusti, riesce a fare delle foto
IMHO conuna "pasta" eduna luce migliore della Olympus.
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Avresti fatto un percorso di crescita.
lo sto facendo, ma anche l' EXP SIM cioè (ho una mirrorless) il vedere
nel mirino l' esposizione simulata, mi aiuta parecchio ad evitare errori
specie quando sono foto a bambini che devi cogliere l' attimo.
Normalmente lì uso M tengo sulla rotella i Tempi e la Iso la definisco
prima. Al chiuso spesso vado oltre gli 800, probabilmente tu hai una
fotocamera ben più luminosa della mia (che delle APS-C è probabilmente
tra le scrause)
Post by Ghost Dog
Con il digitale punti, scatti, cestini quello che non ti piace, tieni
quello che ti piace senza capire perchè quella è venuta bene e l'altra no.
Sicuramente con il tempo migliori, ma meno di quello che avresti fatto
con la pellicola
ma proprio no. Dopo che ho speso 2 volte 50€ per foto tutte scazzate di
exp vendo la macchina di corsa!
O imnpari a fare foto più belle ...hihihi
Jk
2022-06-13 15:46:37 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Per come la vedo io , comunque, tutto parte dall'ottica, gli scatti a 1
miliardo di iso etc etc sono solo artifizi per sopperire ai limiti
dell'ottica, poi arriva quello con il "vetro" giusto e ti fa sentire un
pirla (perlomeno a me succede così)
eh ma vedi che mi dai ragione?
e cosa è la cosa che costa più di tutto nella fotografia?! LE OTTICHE!
Non sto dicendo che con ottiche spaziali sarei un mago pure io, mene
guardo bene dal pensarlo!
Però oggettivaemnte se hai un bel vetro tac! fai la foto bella anche in
Automatico. Io invece sepsso sto lì a smanetare per trovare il
compromesso tra ISO F e T e poi alla fine mi devo arrendere.
Avevo messo che in ISO automatico non andasse mai oltre a 4000, ma poi
visto che di solito lo imposto manualmente e che i miei vetri son quelli
che sono, ho cambiato e lascio che in modo automatico vada fino al suo
max che è una roba tipo 12000 ma che poi fan cagare.
Scatto cmq in RAW, ma quando non ce n'è non ce n'è!
Post by Ghost Dog
Ed è la differenza tra l'appassioanto di fotografie e chie fotografa per
documentare
In ogni caso si capisce che tu sei molto preparato, ma sei ineressato
alla fotografia dal punto di vista dell'utilità.
non nego che a volte faccio acneh qualche foto "inutile" solo xkè
bellina però sì, di regola fotografo per documentare
toh, questa
Loading Image...
uscendo dal ristorante mi son trovato sta luce, che fai non la prendi?
Avevo il 22 (35mm eq)F2 ma ci sarebbe voluto un 70 con quella
luminosità, credo. Vabbè la si ritaglia e un po' ci si mette una pezza
Post by Ghost Dog
Ho una reflex ed una buona mirrorless.
la reflex  èuna delle prime Nikon, pagata all'epoca un occhio della
testa, eppure, avendo gli obiettivi giusti, riesce a fare delle foto
IMHO conuna "pasta" eduna luce migliore della Olympus.
non ne dubito
capsy
2022-06-15 04:41:28 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Ghost Dog
Per come la vedo io , comunque, tutto parte dall'ottica, gli scatti a
1 miliardo di iso etc etc sono solo artifizi per sopperire ai limiti
dell'ottica, poi arriva quello con il "vetro" giusto e ti fa sentire
un pirla (perlomeno a me succede così)
eh ma vedi che mi dai ragione?
e cosa è la cosa che costa più di tutto nella fotografia?! LE OTTICHE!
Non sto dicendo che con ottiche spaziali sarei un mago pure io, mene
guardo bene dal pensarlo!
Però oggettivaemnte se hai un bel vetro tac! fai la foto bella anche in
Automatico. Io invece sepsso sto lì a smanetare per trovare il
compromesso tra ISO F e T e poi alla fine mi devo arrendere.
Avevo messo che in ISO automatico non andasse mai oltre a 4000, ma poi
visto che di solito lo imposto manualmente e che i miei vetri son quelli
che sono, ho cambiato e lascio che in modo automatico vada fino al suo
max che è una roba tipo 12000 ma che poi fan cagare.
Scatto cmq in RAW, ma quando non ce n'è non ce n'è!
Post by Ghost Dog
Ed è la differenza tra l'appassioanto di fotografie e chie fotografa
per documentare
In ogni caso si capisce che tu sei molto preparato, ma sei ineressato
alla fotografia dal punto di vista dell'utilità.
non nego che a volte faccio acneh qualche foto "inutile" solo xkè
bellina però sì, di regola fotografo per documentare
toh, questa
https://www.dropbox.com/s/m8rnnj26xb4xr5u/20220529_M50_9452.JPG?dl=0
uscendo dal ristorante mi son trovato sta luce, che fai non la prendi?
Avevo il 22 (35mm eq)F2 ma ci sarebbe voluto un 70 con quella
luminosità, credo. Vabbè la si ritaglia e un po' ci si mette una pezza
Post by Ghost Dog
Ho una reflex ed una buona mirrorless.
la reflex  èuna delle prime Nikon, pagata all'epoca un occhio della
testa, eppure, avendo gli obiettivi giusti, riesce a fare delle foto
IMHO conuna "pasta" eduna luce migliore della Olympus.
non ne dubito
è esattamente l'approccio con cui mi trovai a combattere quando facevo
il fotoreporter, si doveva "prendere" la foto a qualunque costo, dritta,
storta, sfocata, ecc, il contendere su questo NG sulla qualità delle
foto quando fotografiamo un piatto non dovrebbe esistere, siamo qui a
raccontarci le nostre malefatte culinarie non ad una scuola di
fotografia o su it.hobby.fotocazzuti quindi la foto è un di più che
regaliamo ai nostri amici per fargli meglio capire meglio cosa abbiamo fatto
--
capsy

le mie ricette qui:
http://www.peperoncinosanremorivieradeifiori.it/ricette.php
--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Jk
2022-06-15 06:39:09 UTC
Rispondi
Permalink
Post by capsy
è esattamente l'approccio con cui mi trovai a combattere quando facevo
il fotoreporter, si doveva "prendere" la foto a qualunque costo, dritta,
storta, sfocata, ecc, il contendere su questo NG sulla qualità delle
foto quando fotografiamo un piatto non dovrebbe esistere, siamo qui a
raccontarci le nostre malefatte culinarie non ad una scuola di
fotografia o su it.hobby.fotocazzuti quindi la foto è un di più che
regaliamo ai nostri amici per fargli meglio capire meglio cosa abbiamo fatto
ma infatti ci passa un oceano tra la foto di reportage e la foto
artistica e spesso parlando con gli appassionati di fotografia non
riesco a far capire che ci sono tante isolette in mezzo all' oceano.

Anche la stessa foto di un paesaggio, non è che io ne voglia sempre fare
una foto evocativa e soprattutto non è che ho sempre il tempo di
studiarla, mentre studio le inquadrature mi casca un figlio nel
burrone... :-)

Dopodichè io cerco di apprendere la tecnica e se posso pure l' arte, ma
siccome non son dotato, di foto veramente pregevoli probabilmente non me
ne verrà mai una!
Mardot
2022-06-13 12:53:05 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Coppi sarebbe andato più forte con le BdC di oggi? Sicuro.
ma io con la sua BdC non avrei mai potuto salire lo Stelvio se non a
piedi spingendola. Ho più vantaggio io (su me stesso) dalle moderne BdC
che lui. Idem con le fotografiche
Pero' vale anche il contrario, ad esempio io ho un'onestissima D90 e chi
e' appassionato/capace fa foto molto belle, mentre io la uso in maniera
rudimentale e faccio foto normali.

Magari qualcosa di decente mi viene pure, ma solo perche' da ingegnere
attivo il modello "nerd" e faccio qualche giochetto con i vari parametri
tempo/iso/apertura/ecc.... pero' la fotografia secondo me non e'
tecnica, e' colpo d'occhio. Tutto cio' che e' tecnica puo' essere
replicato, tutto cio' che e' colpo d'occhio no.
Jk
2022-06-13 13:56:27 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Magari qualcosa di decente mi viene pure, ma solo perche' da ingegnere
attivo il modello "nerd" e faccio qualche giochetto con i vari parametri
tempo/iso/apertura/ecc.... pero' la fotografia secondo me non e'
tecnica, e' colpo d'occhio. Tutto cio' che e' tecnica puo' essere
replicato, tutto cio' che e' colpo d'occhio no.
ed è esatto, ma l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte
tutte le volte che scatta ti pare?
Ecco che allora tu vuoi documentare la tal cosa, prendi la macchina e
tac! scorpi che l' unico modo per fare la foto in quelle condizioni è
stare a 1" di otturatore. Di un soggetto che si muove...
viene mossa e tu la vorresti ferma.
Non me ne frega un cazzo se potrebbe essere una bella foto facendo il
dettaglio del cazzo mosso ecc ecc
io volevo prendere QUELLA foto.
e lì ti serve l' attrezzatura.
Mardot
2022-06-13 14:20:46 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte
tutte le volte che scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito

io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno, oppure
una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....

la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto che
riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi vedere
quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di tempi o di
dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non replicabili a
prescindere dal livello dell'attrezzatura

dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle attività
come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece di artistico non
hanno un cazzo di nulla

si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli altri,
e viceversa

il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli hobbysti,
sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in termini di
risultato finale
Ghost Dog
2022-06-13 14:35:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte tutte le volte che
scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno, oppure
una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto che
riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi vedere
quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di tempi o di
dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non replicabili a
prescindere dal livello dell'attrezzatura
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle attività
come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece di artistico non
hanno un cazzo di nulla
si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli altri,
e viceversa
il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli hobbysti,
sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in termini di
risultato finale
La fotografia può essere arte, cronaca, documentazione etc etc.
non è che hai solo un campo espresisvo
Mardot
2022-06-13 15:05:03 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte tutte le volte
che scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno,
oppure una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto che
riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi vedere
quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di tempi o di
dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non replicabili a
prescindere dal livello dell'attrezzatura
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle attività
come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece di artistico
non hanno un cazzo di nulla
si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli
altri, e viceversa
il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli
hobbysti, sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in
termini di risultato finale
La fotografia può essere arte, cronaca, documentazione etc etc.
non è che hai solo un campo espresisvo
allora tutto può essere arte
Ghost Dog
2022-06-13 15:18:54 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte tutte le volte
che scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno,
oppure una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto che
riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi vedere
quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di tempi o
di dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non replicabili
a prescindere dal livello dell'attrezzatura
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle attività
come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece di artistico
non hanno un cazzo di nulla
si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli
altri, e viceversa
il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli
hobbysti, sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in
termini di risultato finale
La fotografia può essere arte, cronaca, documentazione etc etc.
non è che hai solo un campo espresisvo
allora tutto può essere arte
si sono d'accordo.
Per dire, ho visto opere d'arte fatte da dei fabbri, che a "naso"
dovrebbe essere quanto di più lontano.
Mardot
2022-06-13 15:44:27 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte tutte le volte
che scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno,
oppure una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto che
riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi vedere
quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di tempi o
di dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non replicabili
a prescindere dal livello dell'attrezzatura
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle attività
come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece di artistico
non hanno un cazzo di nulla
si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli
altri, e viceversa
il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli
hobbysti, sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in
termini di risultato finale
La fotografia può essere arte, cronaca, documentazione etc etc.
non è che hai solo un campo espresisvo
allora tutto può essere arte
si sono d'accordo.
Per dire, ho visto opere d'arte fatte da dei fabbri, che a "naso"
dovrebbe essere quanto di più lontano.
ma per favore
Ghost Dog
2022-06-13 15:54:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte tutte le volte
che scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno,
oppure una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto
che riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi
vedere quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di
tempi o di dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non
replicabili a prescindere dal livello dell'attrezzatura
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle
attività come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece di
artistico non hanno un cazzo di nulla
si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli
altri, e viceversa
il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli
hobbysti, sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in
termini di risultato finale
La fotografia può essere arte, cronaca, documentazione etc etc.
non è che hai solo un campo espresisvo
allora tutto può essere arte
si sono d'accordo.
Per dire, ho visto opere d'arte fatte da dei fabbri, che a "naso"
dovrebbe essere quanto di più lontano.
ma per favore
lo sapevo che ti mandavo il sangue al naso!!!! :)
comunque lo penso davvero.
ho parlato di fabbri non a sproposito, ti consiglio una visita a Villa
Ottolenghi, ad Acqui terme e di far caso alle opere forgiate dalla
famiglia Ferrari...e poi dimmi se quella non è arte
Mardot
2022-06-14 11:58:46 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte tutte le
volte che scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno,
oppure una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto
che riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi
vedere quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di
tempi o di dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non
replicabili a prescindere dal livello dell'attrezzatura
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle
attività come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece
di artistico non hanno un cazzo di nulla
si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli
altri, e viceversa
il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli
hobbysti, sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in
termini di risultato finale
La fotografia può essere arte, cronaca, documentazione etc etc.
non è che hai solo un campo espresisvo
allora tutto può essere arte
si sono d'accordo.
Per dire, ho visto opere d'arte fatte da dei fabbri, che a "naso"
dovrebbe essere quanto di più lontano.
ma per favore
lo sapevo che ti mandavo il sangue al naso!!!! :)
figurati...
Post by Ghost Dog
comunque lo penso davvero.
questo e' molto grave, soprattutto per la laurea che hai, ancor ancora
se fossi un ing.
Post by Ghost Dog
ho parlato di fabbri non a sproposito, ti consiglio una visita a Villa
Ottolenghi, ad Acqui terme e di far caso alle opere forgiate dalla
famiglia Ferrari...e poi dimmi se quella non è arte
conosco villa Ottolenghi e conosco decine di altri capolavori di fabbri,
falegnami, ecc...... l'arte e' altra cosa
Jk
2022-06-14 12:19:09 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
conosco villa Ottolenghi e conosco decine di altri capolavori di fabbri,
falegnami, ecc...... l'arte e' altra cosa
capolavoro non necessariamente è arte, ok ci sta.
Però non ho capito come definisci tu l' "arte"?
Mardot
2022-06-14 12:51:27 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
conosco villa Ottolenghi e conosco decine di altri capolavori di
fabbri, falegnami, ecc...... l'arte e' altra cosa
capolavoro non necessariamente è arte, ok ci sta.
Però non ho capito come definisci tu l' "arte"?
mah, ognuno si definisce l'arte come preferisce, a me piace definire
arte tutto cio' che suscita emozioni in chi lo fa e chi lo apprezza e,
condizione necessaria, non e' replicabile, un artista per essere tale
deve fare qualcosa di non replicabile, tutto cio' che e' replicabile
(attenzione, suonare un pezzo non significa replicarlo) non e' arte

dopodiche', come dicevo, ognuno va in cerca dell'arte in ogni dove
Jk
2022-06-14 13:03:16 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
mah, ognuno si definisce l'arte come preferisce, a me piace definire
arte tutto cio' che suscita emozioni in chi lo fa e chi lo apprezza e,
condizione necessaria, non e' replicabile, un artista per essere tale
deve fare qualcosa di non replicabile, tutto cio' che e' replicabile
(attenzione, suonare un pezzo non significa replicarlo) non e' arte
ok un brano musicale è arte. Buona o meno, si intende.
una scultura o anche un dipinto è replicabile. Forse intendi che deve
essere qualcosa di originale.
Cmq ala fine le foto somigliano molto ai quadri, quindi non capisco xkè
non possa essere arte SE ha determinate caratteristiche quali l'
originalità, la capacità di risvegliare emozioni che trascendono il mero
contenuto dell' immagine.
Se pensi a foto da reportage, ok, quello è mestiere
Mardot
2022-06-14 13:18:00 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
mah, ognuno si definisce l'arte come preferisce, a me piace definire
arte tutto cio' che suscita emozioni in chi lo fa e chi lo apprezza e,
condizione necessaria, non e' replicabile, un artista per essere tale
deve fare qualcosa di non replicabile, tutto cio' che e' replicabile
(attenzione, suonare un pezzo non significa replicarlo) non e' arte
ok un brano musicale è arte. Buona o meno, si intende.
una scultura o anche un dipinto è replicabile.
???? LOL
Post by Jk
Forse intendi che deve
essere qualcosa di originale.
certo, come minimo, ma non e' che una crosta e' uguale all'originale, e'
proprio diversa
Post by Jk
Cmq ala fine le foto somigliano molto ai quadri, quindi non capisco xkè
non possa essere arte SE ha determinate caratteristiche quali l'
originalità, la capacità di risvegliare emozioni che trascendono il mero
contenuto dell' immagine.
Se pensi a foto da reportage, ok, quello è mestiere
te l'ho detto, ognuno si sceglie di apprezzare l'arte che preferisce,
per me le foto non sono arte, le foto che tentano di replicare la
realta' con effetti che la distorcono, sono inutili esercizi di stile
Jk
2022-06-14 13:38:17 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
te l'ho detto, ognuno si sceglie di apprezzare l'arte che preferisce,
per me le foto non sono arte, le foto che tentano di replicare la
realta' con effetti che la distorcono, sono inutili esercizi di stile
vabbè ma la pittura è arte o no?
ti sarai accorto che ad un certo punto hanno smesso di rappresentare la
realtà e persino il realistico no?
da Michelangelo a Boccioni c'è una bella differenza. Comprendi e
apprezzi anche la pittura moderna?
chesso Manlio Rho e Mario Radice (te la gioco facile)

te lo dico xkè ovviamente pure io sentivo un certo fastidio nel definire
arte la fotografia così come "capolavoro d' arte moderna" dal 1987 in
poi mi ha sempre solo fatto pensare al Sgt. Hartmann, però poi alcune
cose le ho capite.

Lo so che cmq non cambierai mai idea, trnaquillo :-)
Mardot
2022-06-14 15:46:24 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
te l'ho detto, ognuno si sceglie di apprezzare l'arte che preferisce,
per me le foto non sono arte, le foto che tentano di replicare la
realta' con effetti che la distorcono, sono inutili esercizi di stile
vabbè ma la pittura è arte o no?
ti sarai accorto che ad un certo punto hanno smesso di rappresentare la
realtà e persino il realistico no?
da Michelangelo a Boccioni c'è una bella differenza. Comprendi e
apprezzi anche la pittura moderna?
chesso Manlio Rho e Mario Radice (te la gioco facile)
te lo dico xkè ovviamente pure io sentivo un certo fastidio nel definire
arte la fotografia così come "capolavoro d' arte moderna" dal 1987 in
poi mi ha sempre solo fatto pensare al Sgt. Hartmann, però poi alcune
cose le ho capite.
Lo so che cmq non cambierai mai idea, trnaquillo :-)
la pittura come la scultura e la musica sono le arti per eccellenza, e
non e' assolutamente detto nel caso della pittura che la connessione con
il mondo reale sia un aspetto positivo, basti vedere il cubismo che (per
me) batte il realismo 6-0
Jk
2022-06-14 15:55:28 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
la pittura come la scultura e la musica sono le arti per eccellenza, e
non e' assolutamente detto nel caso della pittura che la connessione con
il mondo reale sia un aspetto positivo, basti vedere il cubismo che (per
me) batte il realismo 6-0
ok ma xkè se uno fa degli scarabocchi che saprebbe fare anche un bambino
epperò nell' insieme crea un quadro che suscita certe emozioni,
rappresenta la realtà meglio che il reale ecc, ebbene quello è un artista.
Ma se fa lo stesso tipo di cosa un fotografo è un inutili esercizi di
stile??
Mardot
2022-06-14 16:13:34 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
ok ma xkè se uno fa degli scarabocchi che saprebbe fare anche un bambino
vabbe' dai, saraì meglio che parliamo d'altro, ho la fortuna di avere in
csa un specialista di storia dell'arte che ha ben chiara la differenza
tra scarabocchi e arte
Post by Jk
Ma se fa lo stesso tipo di cosa un fotografo è un inutili esercizi di
stile??
puoi emozionarti anche dinnanzi a uno stronzo, ovviamente a quel punto
chi lo ha prodotto lo devi considerare un artista

la foto, per quanto tu ci possa pensare, alla fine premi un pulsante e
il resto lo fa la macchina, l'arte e' un'altra cosa e non e' certo su un
NG di cucina che dobbiamo scindere l'atomo per capirlo.....
freefred
2022-06-14 17:11:42 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Jk
Ma se fa lo stesso tipo di cosa un fotografo è un inutili esercizi di
stile??
puoi emozionarti anche dinnanzi a uno stronzo, ovviamente a quel punto
chi lo ha prodotto lo devi considerare un artista
la foto, per quanto tu ci possa pensare, alla fine premi un pulsante e
il resto lo fa la macchina, l'arte e' un'altra cosa e non e' certo su un
NG di cucina che dobbiamo scindere l'atomo per capirlo.....
Sinceramente mi sembri un pò troppo ostile alla fotografia come arte.
Diciamo che a livello generale è arte quello che una cultura considera tale.
E nella nostra cultura la fotografia (non tutta, come non tutta la pittura
o la musica) è considerata arte.
Dopo ci sono i gusti.

Che l'arte, sopratutto quella moderna e contemporanea, sia "manuale"
è poi tutto da dimostrare:-)

bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
Mardot
2022-06-14 20:00:46 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Post by Mardot
Post by Jk
Ma se fa lo stesso tipo di cosa un fotografo è un inutili esercizi di
stile??
puoi emozionarti anche dinnanzi a uno stronzo, ovviamente a quel punto
chi lo ha prodotto lo devi considerare un artista
la foto, per quanto tu ci possa pensare, alla fine premi un pulsante e
il resto lo fa la macchina, l'arte e' un'altra cosa e non e' certo su
un NG di cucina che dobbiamo scindere l'atomo per capirlo.....
Sinceramente mi sembri un pò troppo ostile alla fotografia come arte.
Diciamo che a livello generale è arte quello che una cultura considera tale.
E nella nostra cultura la fotografia (non tutta, come non tutta la pittura
o la musica) è considerata arte.
Dopo ci sono i gusti.
Che l'arte, sopratutto quella moderna e contemporanea, sia "manuale"
è poi tutto da dimostrare:-)
bye
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che implica
tecnica, bravura, dedizione, ma di li' a poter considerare arte un
prodotto come una foto ce ne passa, almeno per me. Poi pensa solamente
alla differenza tra il digitale di oggi e la fotografia di 50 anni fa.
Se oggi li chiami artisti, come li dovevi chiamare quelli?
Jk
2022-06-15 06:28:59 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che implica
tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
Post by Mardot
ma di li' a poter considerare arte un
prodotto come una foto ce ne passa, almeno per me. Poi pensa solamente
alla differenza tra il digitale di oggi e la fotografia di 50 anni fa.
Se oggi li chiami artisti, come li dovevi chiamare quelli?
erano dei mestieranti più bravi, no? :-D
Mardot
2022-06-15 07:03:38 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che implica
tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i parametri,
devi poi anche realizzare, mentre per la foto "realizzare" cio' che hai
pensato significa premere il pulsante
Post by Jk
Post by Mardot
ma di li' a poter considerare arte un prodotto come una foto ce ne
passa, almeno per me. Poi pensa solamente alla differenza tra il
digitale di oggi e la fotografia di 50 anni fa. Se oggi li chiami
artisti, come li dovevi chiamare quelli?
erano dei mestieranti più bravi, no? :-D
infatti, oppure se tu li consideri artisti (quelli di oggi) quelli erano
proprio fuori categoria....
Jk
2022-06-15 07:33:18 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i parametri,
devi poi anche realizzare,
ma non mi dire?!
Post by Mardot
mentre per la foto "realizzare" cio' che hai
pensato significa premere il pulsante
non è così infatti.
Poi ti ripeto: è l' idea, pensa ad un regista di un film o all'opera
teatrale, lo fanno gli attori e la cinepresa o c'è qualcosa di
fondamentale che c'han messo G.Verdi e Kubrick?
Post by Mardot
infatti, oppure se tu li consideri artisti (quelli di oggi) quelli erano
proprio fuori categoria....
se vai a vedere come facevano a fotografare quelli dei primi del '900
Mardot
2022-06-15 09:03:24 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
è l' idea, pensa ad un regista di un film o all'opera
teatrale, lo fanno gli attori e la cinepresa o c'è qualcosa di
fondamentale che c'han messo G.Verdi e Kubrick?
l'idea c'e' in ogni attività, ma non e' sufficiente

l'idea e' condizione necessaria, ma non sufficiente

ci vuole l'idea e la realizzazione per completare un'opera

se la realizzazione significa premere un pulsante, questa parte si
riduce di molto
Ghost Dog
2022-06-15 10:04:09 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
è l' idea, pensa ad un regista di un film o all'opera teatrale, lo
fanno gli attori e la cinepresa o c'è qualcosa di fondamentale che
c'han messo G.Verdi e Kubrick?
l'idea c'e' in ogni attività, ma non e' sufficiente
l'idea e' condizione necessaria, ma non sufficiente
ci vuole l'idea e la realizzazione per completare un'opera
se la realizzazione significa premere un pulsante, questa parte si
riduce di molto
Proprio tu, con il lavoro che fai, mi cadi sul discorso del pulsante?.
C'è la famosa barzelletta sul tecnico che viene chiamato perchè un
amcchinario costosissimo si è bloccato, lui arriva, apre una paio di
sportelli, da un'occhiata, schiaccia un pulsane e tutto riparte.. Quindi
gli prepara la fattura, che è di 1000 euro.
il prorpietario della fabbrica si lamenta "ma come, 1000 euro per
schiacciare un pulsante?"
E il tecnico risponde"per schiaccaire il pulsante il costo è 10 euro, i
restanti 990 li pagate perchè so QUALE pulsante schiacciare".

lo stesso discorso lo puoi fare per la fotografia: molto schiacciano
solo un pulsante, ed è una semplice foto, mentre altri sanno quali
"tasti" schiacciare per riuscire a trasmettere emozioni, e questi sono
gli artisti
Mardot
2022-06-15 10:12:30 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
è l' idea, pensa ad un regista di un film o all'opera teatrale, lo
fanno gli attori e la cinepresa o c'è qualcosa di fondamentale che
c'han messo G.Verdi e Kubrick?
l'idea c'e' in ogni attività, ma non e' sufficiente
l'idea e' condizione necessaria, ma non sufficiente
ci vuole l'idea e la realizzazione per completare un'opera
se la realizzazione significa premere un pulsante, questa parte si
riduce di molto
Proprio tu, con il lavoro che fai, mi cadi sul discorso del pulsante?.
C'è la famosa barzelletta sul tecnico che viene chiamato perchè un
amcchinario costosissimo si è bloccato, lui arriva, apre una paio di
sportelli, da un'occhiata, schiaccia un pulsane e tutto riparte.. Quindi
gli prepara la fattura, che è di  1000 euro.
il prorpietario della fabbrica si lamenta "ma come, 1000 euro per
schiacciare un pulsante?"
E il tecnico risponde"per schiaccaire il pulsante il costo è 10 euro, i
restanti 990 li pagate perchè so QUALE pulsante schiacciare".
E chi ha mai sostenuto che fare l'ingegnere sia roba da artisti?

Per sapere quale pulsante schiacciare ci metti un sacco di tempo di
studio ecc.... e quello ti deve essere ripagato, non il fatto che sei un
artista.
Post by Ghost Dog
lo stesso discorso lo puoi fare per la fotografia: molto schiacciano
solo un pulsante, ed è una semplice foto, mentre altri sanno quali
"tasti" schiacciare per riuscire a trasmettere emozioni, e questi sono
gli artisti
certo
Ghost Dog
2022-06-15 10:19:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
è l' idea, pensa ad un regista di un film o all'opera teatrale, lo
fanno gli attori e la cinepresa o c'è qualcosa di fondamentale che
c'han messo G.Verdi e Kubrick?
l'idea c'e' in ogni attività, ma non e' sufficiente
l'idea e' condizione necessaria, ma non sufficiente
ci vuole l'idea e la realizzazione per completare un'opera
se la realizzazione significa premere un pulsante, questa parte si
riduce di molto
Proprio tu, con il lavoro che fai, mi cadi sul discorso del pulsante?.
C'è la famosa barzelletta sul tecnico che viene chiamato perchè un
amcchinario costosissimo si è bloccato, lui arriva, apre una paio di
sportelli, da un'occhiata, schiaccia un pulsane e tutto riparte..
Quindi gli prepara la fattura, che è di  1000 euro.
il prorpietario della fabbrica si lamenta "ma come, 1000 euro per
schiacciare un pulsante?"
E il tecnico risponde"per schiaccaire il pulsante il costo è 10 euro,
i restanti 990 li pagate perchè so QUALE pulsante schiacciare".
E chi ha mai sostenuto che fare l'ingegnere sia roba da artisti?
Per sapere quale pulsante schiacciare ci metti un sacco di tempo di
studio ecc.... e quello ti deve essere ripagato, non il fatto che sei un
artista.
Anche per saper fare la foto giusta ci vuole un sacco di tempo.
Imaparare la tecnica della fotografia è la cosa più veloce, riuscire a
fare la foto giusta può richiedere anni di studio. Se la foto va oltre
il gesto tecnico e suscita emozioni, se è figlia di un processo mentale
unico, replicabile magari solo DOPO, allora è arte.
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
lo stesso discorso lo puoi fare per la fotografia: molto schiacciano
solo un pulsante, ed è una semplice foto, mentre altri sanno quali
"tasti" schiacciare per riuscire a trasmettere emozioni, e questi sono
gli artisti
certo
Mi smebra di parlare con un astemio a cui decanto quanto è delizioso un
vino pregiato.
A lui fa schifo il vino e non riesce a capire di cosa sto parlando,co
nte è uguale si capisce che laa fotografia non ti trasmette emozioni, ed
è una cosa comprensibilissima, meno compnresibile è perchè, siccome non
piace a te, debba perdere ogni dignità.
GD
Mardot
2022-06-15 11:56:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
è l' idea, pensa ad un regista di un film o all'opera teatrale, lo
fanno gli attori e la cinepresa o c'è qualcosa di fondamentale che
c'han messo G.Verdi e Kubrick?
l'idea c'e' in ogni attività, ma non e' sufficiente
l'idea e' condizione necessaria, ma non sufficiente
ci vuole l'idea e la realizzazione per completare un'opera
se la realizzazione significa premere un pulsante, questa parte si
riduce di molto
Proprio tu, con il lavoro che fai, mi cadi sul discorso del pulsante?.
C'è la famosa barzelletta sul tecnico che viene chiamato perchè un
amcchinario costosissimo si è bloccato, lui arriva, apre una paio di
sportelli, da un'occhiata, schiaccia un pulsane e tutto riparte..
Quindi gli prepara la fattura, che è di  1000 euro.
il prorpietario della fabbrica si lamenta "ma come, 1000 euro per
schiacciare un pulsante?"
E il tecnico risponde"per schiaccaire il pulsante il costo è 10 euro,
i restanti 990 li pagate perchè so QUALE pulsante schiacciare".
E chi ha mai sostenuto che fare l'ingegnere sia roba da artisti?
Per sapere quale pulsante schiacciare ci metti un sacco di tempo di
studio ecc.... e quello ti deve essere ripagato, non il fatto che sei
un artista.
Anche per saper fare la foto giusta ci vuole un sacco di tempo.
Imaparare la tecnica della fotografia è la cosa più veloce,  riuscire a
fare la foto giusta può richiedere anni di studio. Se la foto va oltre
il gesto tecnico e suscita emozioni, se è figlia di un processo mentale
unico, replicabile magari solo DOPO, allora è arte.
non saro' certo io, come ti ho gia' detto, a impedirti di pensare che
tutto puo' essere arte a tuo piacimento
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
lo stesso discorso lo puoi fare per la fotografia: molto schiacciano
solo un pulsante, ed è una semplice foto, mentre altri sanno quali
"tasti" schiacciare per riuscire a trasmettere emozioni, e questi
sono gli artisti
certo
Mi smebra di parlare con un astemio a cui decanto quanto è delizioso un
vino pregiato.
A lui fa schifo il vino e non riesce a capire di cosa sto parlando,co
nte è uguale si capisce che laa fotografia non ti trasmette emozioni, ed
è una cosa comprensibilissima,  meno compnresibile è perchè, siccome non
piace a te, debba perdere ogni dignità.
minchia, ti capita spesso di fare deduzioni a cascata libera, mica ho
mai detto che perda ogni dignita', sei tu che me lo stai mettendo in bocca

per me resta un mestiere, un'attivita', assolutamente complessa e con
molti risvolti soggettivi come tante altre attività, mi trasmette pure
emozioni, non ho mai detto che cio' sia causa della perdita di ogni dignita'
Ghost Dog
2022-06-15 16:36:00 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
è l' idea, pensa ad un regista di un film o all'opera teatrale, lo
fanno gli attori e la cinepresa o c'è qualcosa di fondamentale che
c'han messo G.Verdi e Kubrick?
l'idea c'e' in ogni attività, ma non e' sufficiente
l'idea e' condizione necessaria, ma non sufficiente
ci vuole l'idea e la realizzazione per completare un'opera
se la realizzazione significa premere un pulsante, questa parte si
riduce di molto
Proprio tu, con il lavoro che fai, mi cadi sul discorso del pulsante?.
C'è la famosa barzelletta sul tecnico che viene chiamato perchè un
amcchinario costosissimo si è bloccato, lui arriva, apre una paio di
sportelli, da un'occhiata, schiaccia un pulsane e tutto riparte..
Quindi gli prepara la fattura, che è di  1000 euro.
il prorpietario della fabbrica si lamenta "ma come, 1000 euro per
schiacciare un pulsante?"
E il tecnico risponde"per schiaccaire il pulsante il costo è 10
euro, i restanti 990 li pagate perchè so QUALE pulsante schiacciare".
E chi ha mai sostenuto che fare l'ingegnere sia roba da artisti?
Per sapere quale pulsante schiacciare ci metti un sacco di tempo di
studio ecc.... e quello ti deve essere ripagato, non il fatto che sei
un artista.
Anche per saper fare la foto giusta ci vuole un sacco di tempo.
Imaparare la tecnica della fotografia è la cosa più veloce,  riuscire
a fare la foto giusta può richiedere anni di studio. Se la foto va
oltre il gesto tecnico e suscita emozioni, se è figlia di un processo
mentale unico, replicabile magari solo DOPO, allora è arte.
non saro' certo io, come ti ho gia' detto, a impedirti di pensare che
tutto puo' essere arte a tuo piacimento
e viceversa
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
lo stesso discorso lo puoi fare per la fotografia: molto schiacciano
solo un pulsante, ed è una semplice foto, mentre altri sanno quali
"tasti" schiacciare per riuscire a trasmettere emozioni, e questi
sono gli artisti
certo
Mi smebra di parlare con un astemio a cui decanto quanto è delizioso
un vino pregiato.
A lui fa schifo il vino e non riesce a capire di cosa sto parlando,co
nte è uguale si capisce che laa fotografia non ti trasmette emozioni,
ed è una cosa comprensibilissima,  meno compnresibile è perchè,
siccome non piace a te, debba perdere ogni dignità.
minchia, ti capita spesso di fare deduzioni a cascata libera, mica ho
mai detto che perda ogni dignita', sei tu che me lo stai mettendo in bocca
per me resta un mestiere, un'attivita', assolutamente complessa e con
molti risvolti soggettivi come tante altre attività, mi trasmette pure
emozioni, non ho mai detto che cio' sia causa della perdita di ogni dignita'
Hai ragione, ho dimenticato di aggiungere "artistica" dopo dignità.
Penso che adesso sia più chiaro
freefred
2022-06-15 09:00:14 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Jk
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che implica
tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i parametri,
devi poi anche realizzare, mentre per la foto "realizzare" cio' che hai
pensato significa premere il pulsante
Non è questo il luogo in effetti ma questo discorso vale sì e no
fino al '900.
Dall'orinatoio di Duchamp ai tagli di Fontana, dalla Land Art
alle scritte al neon sui grattacieli, a tutta l'arte concettuale,
quando lo strumento dell'artista è un cutter o una ruspa, la
cosiddetta "cucina della pittura" non esiste più.
Per non parlare delle installazioni contemporanee che vengono
costruite da fabbri, falegnami, vetrai e poi montate dagli assistenti.
Non credo che Damien Hirst per le sue mucche a metà in formalina
abbia mosso un dito, se non per fare un veloce schizzo.

Poi come mi ha detto un amico pittore, negli ultimi anni
la fotografia "ha rotto il cazzo", invadendo le gallerie d'arte
con cose anche mediocri ma più commerciabili di un quadro
o una scultura, su questo probabilmente non ci piove.

bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
Mardot
2022-06-15 09:18:40 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Post by Mardot
Post by Jk
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che implica
tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i parametri,
devi poi anche realizzare, mentre per la foto "realizzare" cio' che
hai pensato significa premere il pulsante
Non è questo il luogo in effetti ma questo discorso vale sì e no
fino al '900.
Dall'orinatoio di Duchamp ai tagli di Fontana, dalla Land Art
alle scritte al neon sui grattacieli, a tutta l'arte concettuale,
quando lo strumento dell'artista è un cutter o una ruspa, la
cosiddetta "cucina della pittura" non esiste più.
Per non parlare delle installazioni contemporanee che vengono
costruite da fabbri, falegnami, vetrai e poi montate dagli assistenti.
Non credo che Damien  Hirst per le sue mucche a metà in formalina
abbia mosso un dito, se non per fare un veloce schizzo.
Poi come mi ha detto un amico pittore, negli ultimi anni
la fotografia "ha rotto il cazzo", invadendo le gallerie d'arte
con cose anche mediocri ma più commerciabili di un quadro
o una scultura, su questo probabilmente non ci piove.
Concordo sulle ultime 4 righe.

In generale nel giudicare un'opera d'arte di qualunque tipo sarebbe
opportuno avere come termine di paragone tutto il pregresso.

Un po' come giudicare un campione sportivo, mica puoi giudicarlo solo
per gli avversari che ha avuto in attività, ci vuole un termine di
paragone che possa valere anche nei confronti di chi lo ha preceduto e
con cui non e' mai stato in compatizione.

Sono ovviamente discorsi teorici e non semplici, che si prestano a punti
di vista differenti, ma del resto se si parla di arte non si sta
analizzando un record del mondo del salto con l'asta, dove il livello e'
semplicemente stabilito dal metro.

Per un'opera d'arte il giudizio non puo' prescindere dalla storia che la
precede ma, nonostante cio', ci sara' sempre quello che anche di fronte
a una creazione banale e insulsa trovera' lo spunto per definirla un
capolavoro, sta nella logica delle valutazioni soggettive.

L'arte e' piena di azioni e reazioni, cosi' come e' piena di creazioni
frutto di movimenti nati per contrastare cio' che nel loro recente
passato hanno dovuto subire, da questi meccanismi sono nati gli orinatoi
cosi' come gli escrementi d'artista di Manzoni.
Jk
2022-06-15 09:54:47 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Concordo sulle ultime 4 righe.
ecco infatti, immaginavo, è quello che ti rende così ostinato.
Anche io concordo eh, alla grande.
Questo non mi impedisce di rimanere oggettivo
Fa conto che qui da me fanno la settimana della fotografia europea.
Mai andato a vederne una.
Post by Mardot
In generale nel giudicare un'opera d'arte di qualunque tipo sarebbe
opportuno avere come termine di paragone tutto il pregresso.
cosa che tu nelle foto non hai :-)
Post by Mardot
Per un'opera d'arte il giudizio non puo' prescindere dalla storia che la
precede ma,
ma soprattutto della storia che lo SEGUE.
è il tempo a dire se quel quadro è un opera d'arte di valore o no, da un
bel po di tempo che è così eh?
Mardot
2022-06-15 10:07:27 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
Concordo sulle ultime 4 righe.
ecco infatti, immaginavo, è quello che ti rende così ostinato.
Anche io concordo eh, alla grande.
Questo non mi impedisce di rimanere oggettivo
Fa conto che qui da me fanno la settimana della fotografia europea.
Mai andato a vederne una.
bravo, continua cosi' ;-)
Post by Jk
Post by Mardot
In generale nel giudicare un'opera d'arte di qualunque tipo sarebbe
opportuno avere come termine di paragone tutto il pregresso.
cosa che tu nelle foto non hai :-)
come no, mica si fotografa da ieri, e comunque se un'arte e' nata "ieri"
rispetto ad altre, magari significa qualcosa, tipo che l'importanza
dello strumento e' molto maggio di quella dell'"artista"
Post by Jk
Post by Mardot
Per un'opera d'arte il giudizio non puo' prescindere dalla storia che
la precede ma,
ma soprattutto della storia che lo  SEGUE.
è il tempo a dire se quel quadro è un opera d'arte di valore o no, da un
bel po di tempo che è così eh?
no questo accade solo perche' tanta gente in vita e' ottusa e quando
muore per fortuna lascia spazio utile agli altri
freefred
2022-06-15 11:28:27 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
come no, mica si fotografa da ieri, e comunque se un'arte e' nata "ieri"
rispetto ad altre, magari significa qualcosa, tipo che l'importanza
dello strumento e' molto maggio di quella dell'"artista"
Questa consequenzialità io sinceramente non la vedo.
Cioè la fotografia come arte nasce prestissimo.
E' relativamente moderna perché la tecnica lo è.

Ma poi oggi come oggi a mio avviso il concetto è
proprio l'opposto: puoi fare arte, anche pittura, non conoscendo
o non usando nessuna tecnica pittorica, cosa che in fotografia
non credo tu possa fare, non è solo premere un pulsante.
E infatti della pittura moderna senti a volte dire
"Questo riesco a farlo anch'io", cosa che non senti mai dire
di una fotografia.

bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
Mardot
2022-06-15 12:16:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Post by Mardot
come no, mica si fotografa da ieri, e comunque se un'arte e' nata
"ieri" rispetto ad altre, magari significa qualcosa, tipo che
l'importanza dello strumento e' molto maggio di quella dell'"artista"
Questa consequenzialità io sinceramente non la vedo.
Cioè la fotografia come arte nasce prestissimo.
E' relativamente moderna perché la tecnica lo è.
Proviamo a immaginare la nascita della fotografia come necessita'
(soddisfatta poi con l'avvento della tecnica) di rappresentare la
realta' fissandola su un supporto non volatile. Perche' e' innegabile
che l'invenzione della macchina fotografica sia nata per questo
fabbisogno primario, fissare un ricordo, un paesaggio, una situazione.

Prima per fare cio' esisteva solamente la pittura, nelle sua varie forme
che spaziano dal disegno abbozzato all'affresco.

Poi si e' giunti alla fotografia.

Una volta che la tecnica si e' stabilizzata e, per quanto possibile,
standardizzata (anche considerando tutta l'evoluzione seguente fino a
oggi), oltre a continuare a soddisfare il fabbisogno primario prima
descritto, si e' iniziato a usare tale tecnica per creare immagini
diverse, alle quali si e' dato un significato diverso dal semplice
ricordo stampato. Questo ultimo aspetto viene da molti chiamato "arte",
proprio perche' tale attivita' suscita emozioni ecc.....

Ci sta, mica mi scandalizzo. Resto pero' convinto che la mancanza di
commistione tra fase concettuale (tutto cio' che ci sta prima) e fase
realizzativa (la creazione del dipinto/del brano/del poema/della
statua/la pressione del pulsante/ecc...) privi questa attività di tutti
gli aspetti che invece sono ad appannaggio delle arti maggiori.
Post by freefred
Ma poi oggi come oggi a mio avviso il concetto è
proprio l'opposto: puoi fare arte, anche pittura, non conoscendo
o non usando nessuna tecnica pittorica,
beh insomma, puoi fare arte, anche pittura, non conoscendo o non usando
nessuna tecnica pittorica e' conseguenza del fatto che l'asticella si e'
abbassata notevolmente, a mio parere
Post by freefred
cosa che in fotografia
non credo tu possa fare, non è solo premere un pulsante.
in realta' proprio nelle varie mostre fotografiche, premi, ecc....
spesso passano foto premiate, realizzate da fotografi non professionisti
che non conoscono certo le tecniche dei professionisti e usano
attrezzatura abbastanza approssimativa
Post by freefred
E infatti della pittura moderna senti a volte dire
"Questo riesco a farlo anch'io"
quello che dicevo io 30 anni fa, prima che mia moglie mi spiegasse (e mi
facesse apprezzare) tante cose... :-)
Post by freefred
, cosa che non senti mai dire
di una fotografia.
quando mi comprai una reflex, con l'aiuto di un amico FCA, l'ho detto
spessissimo! :-D
Jk
2022-06-15 13:09:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Proviamo a immaginare la nascita della fotografia come necessita'
(soddisfatta poi con l'avvento della tecnica) di rappresentare la
realta' fissandola su un supporto non volatile. Perche' e' innegabile
che l'invenzione della macchina fotografica sia nata per questo
fabbisogno primario, fissare un ricordo, un paesaggio, una situazione.
Prima per fare cio' esisteva solamente la pittura, nelle sua varie forme
che spaziano dal disegno abbozzato all'affresco.
sì ma in entrambi i casi la pura descrizione NON basta da millenni.
Post by Mardot
Poi si e' giunti alla fotografia.
Una volta che la tecnica si e' stabilizzata e, per quanto possibile,
standardizzata (anche considerando tutta l'evoluzione seguente fino a
oggi), oltre a continuare a soddisfare il fabbisogno primario prima
descritto, si e' iniziato a usare tale tecnica per creare immagini
diverse, alle quali si e' dato un significato diverso dal semplice
ricordo stampato. Questo ultimo aspetto viene da molti chiamato "arte",
proprio perche' tale attivita' suscita emozioni ecc.....
l' arte sta nel riuscire a mettere nella foto qualcosa che non può stare
in una foto. La foto ha tantissimi limiti come la pittura. Sai benissimo
che i pittori hanno usato stratagemmi per comunicare qualcosa che non
poteva stare sun un 2D realistico
Post by Mardot
Ci sta, mica mi scandalizzo. Resto pero' convinto che la mancanza di
commistione tra fase concettuale (tutto cio' che ci sta prima) e fase
realizzativa (la creazione del dipinto/del brano/del poema/della
statua/la pressione del pulsante/ecc...) privi questa attività di tutti
gli aspetti che invece sono ad appannaggio delle arti maggiori.
ok questa è una tua convinzione e te la puoi tenere, ci mancherebbe.
Post by Mardot
in realta' proprio nelle varie mostre fotografiche, premi, ecc....
spesso passano foto premiate, realizzate da fotografi non professionisti
che non conoscono certo le tecniche dei professionisti e usano
attrezzatura abbastanza approssimativa
è il concetto di arte concettuale stesso che porta aquesto.
prima dovevi essere un gran mestierante, fare il lavoro sporco per
Michelangelo e forse potevi anche emergere SE tiravi fuori qualcosa di
originale e interessante
Post by Mardot
quello che dicevo io 30 anni fa, prima che mia moglie mi spiegasse (e mi
facesse apprezzare) tante cose... :-)
ma rimane vero per moltissimi quadri, tra cui il 99% dei futuristi
comaschi come Rho e Radice.
Poi loro però sapevano anche usare le tecniche pittoriche ma quello che
ha fatto la differenza è stato lo studio il tirar fuori qualcosa di
originale e interessante
Post by Mardot
quando mi comprai una reflex, con l'aiuto di un amico FCA, l'ho detto
spessissimo! :-D
poi ti sei accorto che non era vero?
Mardot
2022-06-15 13:38:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
Proviamo a immaginare la nascita della fotografia come necessita'
(soddisfatta poi con l'avvento della tecnica) di rappresentare la
realta' fissandola su un supporto non volatile. Perche' e' innegabile
che l'invenzione della macchina fotografica sia nata per questo
fabbisogno primario, fissare un ricordo, un paesaggio, una situazione.
Prima per fare cio' esisteva solamente la pittura, nelle sua varie
forme che spaziano dal disegno abbozzato all'affresco.
sì ma in entrambi i casi la pura descrizione NON basta da millenni.
Post by Mardot
Poi si e' giunti alla fotografia.
Una volta che la tecnica si e' stabilizzata e, per quanto possibile,
standardizzata (anche considerando tutta l'evoluzione seguente fino a
oggi), oltre a continuare a soddisfare il fabbisogno primario prima
descritto, si e' iniziato a usare tale tecnica per creare immagini
diverse, alle quali si e' dato un significato diverso dal semplice
ricordo stampato. Questo ultimo aspetto viene da molti chiamato
"arte", proprio perche' tale attivita' suscita emozioni ecc.....
l' arte sta nel riuscire a mettere nella foto qualcosa che non può stare
in una foto. La foto ha tantissimi limiti come la pittura. Sai benissimo
che i pittori hanno usato stratagemmi per comunicare qualcosa che non
poteva stare sun un 2D realistico
molto di piu' e' stato aggiunto dalle piu' disparate interpretazioni,
spesso ad minchiam
Post by Jk
Post by Mardot
Ci sta, mica mi scandalizzo. Resto pero' convinto che la mancanza di
commistione tra fase concettuale (tutto cio' che ci sta prima) e fase
realizzativa (la creazione del dipinto/del brano/del poema/della
statua/la pressione del pulsante/ecc...) privi questa attività di
tutti gli aspetti che invece sono ad appannaggio delle arti maggiori.
ok questa è una tua convinzione e te la puoi tenere, ci mancherebbe.
Post by Mardot
in realta' proprio nelle varie mostre fotografiche, premi, ecc....
spesso passano foto premiate, realizzate da fotografi non
professionisti che non conoscono certo le tecniche dei professionisti
e usano attrezzatura abbastanza approssimativa
è il concetto di arte concettuale stesso che porta aquesto.
prima dovevi essere un gran mestierante, fare il lavoro sporco per
Michelangelo e forse potevi anche emergere SE tiravi fuori qualcosa di
originale e interessante
Post by Mardot
quello che dicevo io 30 anni fa, prima che mia moglie mi spiegasse (e
mi facesse apprezzare) tante cose... :-)
ma rimane vero per moltissimi quadri, tra cui il 99% dei futuristi
comaschi come Rho e Radice.
Poi loro però sapevano anche usare le tecniche pittoriche ma quello che
ha fatto la differenza è stato lo studio il tirar fuori qualcosa di
originale e interessante
Post by Mardot
quando mi comprai una reflex, con l'aiuto di un amico FCA, l'ho detto
spessissimo! :-D
poi ti sei accorto che non era vero?
al contrario, mi sono fermamente convinto che la differenza tra me e il
fotografo che voi chiamate artista sia la stessa che c'e' tra me e un
ciclista professionista, ossia il fatto che per me e' un hobby mentre
per lui una professione (non un'arte)
freefred
2022-06-15 15:23:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Proviamo a immaginare la nascita della fotografia come necessita'
(soddisfatta poi con l'avvento della tecnica) di rappresentare la
realta' fissandola su un supporto non volatile. Perche' e' innegabile
che l'invenzione della macchina fotografica sia nata per questo
fabbisogno primario, fissare un ricordo, un paesaggio, una situazione.
Prima per fare cio' esisteva solamente la pittura, nelle sua varie forme
che spaziano dal disegno abbozzato all'affresco.
Poi si e' giunti alla fotografia.
Che ha probabilmente accelerato la deviazione dell'arte figurativa
dalle varie avanguardie fino all'astrattismo, perché la fotografia
riproduceva il reale.
Ma in realtà ci si è accorti molto presto che la fotografia
era molto lontana dalla rappresentazione della realtà, con la scelta
dell'osservatore, lo sviluppo (oggi effetti grafici), ecc. era
comunque tutto tranne che oggettiva.
Post by Mardot
Ci sta, mica mi scandalizzo. Resto pero' convinto che la mancanza di
commistione tra fase concettuale (tutto cio' che ci sta prima) e fase
realizzativa (la creazione del dipinto/del brano/del poema/della
statua/la pressione del pulsante/ecc...) privi questa attività di tutti
gli aspetti che invece sono ad appannaggio delle arti maggiori.
Mi sembra che tu prenda in esame solo fotografie descrittive o da strada.
Io credo che nella fotografia artistica ci siano sia la fase concettuale
che la fase realizzativa.
Non è che i fotografi fanno una foto e via, insomma.
L'equivoco è forse che la fotografia, al contrario delle altre arti
può essere di qualità anche NON essendo arte, come un reportage, ma
può certamente diventare arte.
Poi i fotografi che fanno arte sono estremamente rari ma questo
vale anche per i pittori, i musicisti e i poeti.
Post by Mardot
Post by freefred
Ma poi oggi come oggi a mio avviso il concetto è
proprio l'opposto: puoi fare arte, anche pittura, non conoscendo
o non usando nessuna tecnica pittorica,
beh insomma, puoi fare arte, anche pittura, non conoscendo o non usando
nessuna tecnica pittorica e' conseguenza del fatto che l'asticella si e'
abbassata notevolmente, a mio parere
Beh questa è una tua opinione che mi permetto di invitarti
a riconsiderare, perché rischi di disprezzare la metà
dell'arte contemporanea e anche alcuni movimenti di quella moderna,
il primo che mi viene in mente è l'informale e/o action-painting.
Non sto dicendo che gli artisti informali non sapessero
dipingere, solo che non ne avevano bisogno, e hanno prodotto
comunque capolavori.
Avevano certamente sensibilità artistica, come credo che
anche alcuni fotografi abbiano.
Post by Mardot
Post by freefred
cosa che in fotografia
non credo tu possa fare, non è solo premere un pulsante.
in realta' proprio nelle varie mostre fotografiche, premi, ecc....
spesso passano foto premiate, realizzate da fotografi non professionisti
che non conoscono certo le tecniche dei professionisti e usano
attrezzatura abbastanza approssimativa
Gli artisti veri, come dimostrano anche i libri di storia dell'arte,
sono pochissimi.
Del 99% dei premiati nelle mostre nessuno si ricorderà tra 20 anni.
(e questo vale per tutte le arti)

bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
Mardot
2022-06-15 15:49:16 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Post by Mardot
Proviamo a immaginare la nascita della fotografia come necessita'
(soddisfatta poi con l'avvento della tecnica) di rappresentare la
realta' fissandola su un supporto non volatile. Perche' e' innegabile
che l'invenzione della macchina fotografica sia nata per questo
fabbisogno primario, fissare un ricordo, un paesaggio, una situazione.
Prima per fare cio' esisteva solamente la pittura, nelle sua varie
forme che spaziano dal disegno abbozzato all'affresco.
Poi si e' giunti alla fotografia.
Che ha probabilmente accelerato la deviazione dell'arte figurativa
dalle varie avanguardie fino all'astrattismo, perché la fotografia
riproduceva il reale.
Ma in realtà ci si è accorti molto presto che la fotografia
era molto lontana dalla rappresentazione della realtà, con la scelta
dell'osservatore, lo sviluppo (oggi effetti grafici), ecc. era
comunque tutto tranne che oggettiva.
Assolutamente d'accordo sul concetto di accelerazione e relativa
deviazione, la fotografia in tal senso e' diventata una soluzione
alternativa per proporre concetti che prima si potevano proporre solo
dipingendo/disegnando (anche scolpendo in qualche caso e anche
componendo se vogliamo)
Post by freefred
Post by Mardot
Ci sta, mica mi scandalizzo. Resto pero' convinto che la mancanza di
commistione tra fase concettuale (tutto cio' che ci sta prima) e fase
realizzativa (la creazione del dipinto/del brano/del poema/della
statua/la pressione del pulsante/ecc...) privi questa attività di
tutti gli aspetti che invece sono ad appannaggio delle arti maggiori.
Mi sembra che tu prenda in esame solo fotografie descrittive o da strada.
Io credo che nella fotografia artistica ci siano sia la fase concettuale
che la fase realizzativa.
Non è che i fotografi fanno una foto e via, insomma.
L'equivoco è forse che la fotografia, al contrario delle altre arti
può essere di qualità anche NON essendo arte, come un reportage, ma
può certamente diventare arte.
Poi i fotografi che fanno arte sono estremamente rari ma questo
vale anche per i pittori, i musicisti e i poeti.
Al contrario, stavo considerando soprattutto le foto non descrittive,
ossia quelle che sono concepite per dire qualcosa in piu' rispetto alla
semplice riproduzione di un istantanea.

In tal senso, il fotografo (sto parlando di quello bravo, l'artista per
capirci) dedica magari una marea di impegno/tempo/risorse alla fase di
predisposizione/preparazione, poi pero' nel momento in cui decide che
deve premere il pulsante, l'apparecchio realizza il suo prodotto.
Questo per un'opera d'arte "convenzionale" non accade, c'e' sempre un
tempo di realizzazione (piu' o meno lungo in base al contesto) che
lascia spazio a innumerevoli aspetti anch'essi artistici, che
addirittura possono migliorare cosi' come peggiorare cio' che l'autore
aveva predisposto durante la fase di "concept".
Basti pensare al compositore che durante la composizione cancella e
riscrive, al pittore che cambia il punto di luce (o addirittura di
fuga), ecc....
Mi pare che in tal senso la fotografia abbatta di molto la produzione
dell'opera, tagliando una fase che spesso, per le opere d'arte, e'
invece fondamentale per dar loro forma e importanza.
Post by freefred
Post by Mardot
Post by freefred
Ma poi oggi come oggi a mio avviso il concetto è
proprio l'opposto: puoi fare arte, anche pittura, non conoscendo
o non usando nessuna tecnica pittorica,
beh insomma, puoi fare arte, anche pittura, non conoscendo o non
usando nessuna tecnica pittorica e' conseguenza del fatto che
l'asticella si e' abbassata notevolmente, a mio parere
Beh questa è una tua opinione che mi permetto di invitarti
a riconsiderare, perché rischi di disprezzare la metà
dell'arte contemporanea e anche alcuni movimenti di quella moderna,
il primo che mi viene in mente è l'informale e/o action-painting.
Non sto dicendo che gli artisti informali non sapessero
dipingere, solo che non ne avevano bisogno, e hanno prodotto
comunque capolavori.
Avevano certamente sensibilità artistica, come credo che
anche alcuni fotografi abbiano.
non disprezzavo le arti contemporanea e moderna, anche se cosi' sembrava
dallo scritto, secondo me nella valutazione dell'arte contemporanea, ma
anche di quella moderna, il setaccio del tempo non ha ancora lavorato
come per il resto dei movimenti precedenti, lasciando in sospensione
ancora tanto materiale che, in realta', alla fine cadra' nel
dimenticatoio per mancanza reale di valore artistico

per questo parlavo di asticella piu' bassa, semplicemente perche' piu'
si viene avanti nel tempo, piu' materiale deve essere ancora "valutato"
dal punto di vista artistico
Post by freefred
Post by Mardot
Post by freefred
cosa che in fotografia
non credo tu possa fare, non è solo premere un pulsante.
in realta' proprio nelle varie mostre fotografiche, premi, ecc....
spesso passano foto premiate, realizzate da fotografi non
professionisti che non conoscono certo le tecniche dei professionisti
e usano attrezzatura abbastanza approssimativa
Gli artisti veri, come dimostrano anche i libri di storia dell'arte,
sono pochissimi.
beh insomma, i libri di storia dell'arte elencano tanti artisti che il
99% della gente comune manco conosce
Post by freefred
Del 99% dei premiati nelle mostre nessuno si ricorderà tra 20 anni.
(e questo vale per tutte le arti)
vero, ma il fatto che la gente dimentichi facilmente non significa che
il valore artistico sia inferiore, spesso e' solo una questione di
orecchio/occhio/pancia....

ti faccio un esempio davvero banale, per tanti anni ho fatto concerti di
musica classica, la gente praticamente ricorda sempre e solo un
centinaio di brani (e ti giuro che centinaio e' gia' un'esagerazione,
sono molti meno), a discapito della produzione classica che annovera
migliaia di brani di ogni tipo

tu volevi suonare questo e quello, e invece ti ritrovavi sempre a fare
le medesime cose che riempivano il cartellone
freefred
2022-06-15 16:23:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by freefred
Gli artisti veri, come dimostrano anche i libri di storia dell'arte,
sono pochissimi.
beh insomma, i libri di storia dell'arte elencano tanti artisti che il
99% della gente comune manco conosce
Senza dubbio ma hai mai provato a contarli anche solo vagamente?
E a rapportarli con tutte le persone che contemporaneamente
a loro hanno scritto, dipinto, suonato?
Post by Mardot
ti faccio un esempio davvero banale, per tanti anni ho fatto concerti di
musica classica, la gente praticamente ricorda sempre e solo un
centinaio di brani (e ti giuro che centinaio e' gia' un'esagerazione,
sono molti meno), a discapito della produzione classica che annovera
migliaia di brani di ogni tipo
Di musica classica confesso di non sapere molto, sono giusto
un ascoltatore, concordo sui brani, però anche lì i compositori geniali
non sono poi tanti.

Questo per dire che di fotografi che fanno arte (considerato
che la fotografia ha anche altri scopi che assorbono una parte dei
fotografi), magari ne nascono 10 ogni secolo..

bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
Mardot
2022-06-15 22:40:31 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Post by Mardot
Post by freefred
Gli artisti veri, come dimostrano anche i libri di storia dell'arte,
sono pochissimi.
beh insomma, i libri di storia dell'arte elencano tanti artisti che il
99% della gente comune manco conosce
Senza dubbio ma hai mai provato a contarli anche solo vagamente?
E a rapportarli con tutte le persone che contemporaneamente
a loro hanno scritto, dipinto, suonato?
senza dubbio il rapporto tra artisti e praticanti e' infinitesimo, ma
infatti anche nelle attivita' piu' comunemente denominate "artistiche"
mica tutti sono artisti, semmai il contrario, il 90% sono al pari di un
normale dilettante
Post by freefred
Post by Mardot
ti faccio un esempio davvero banale, per tanti anni ho fatto concerti
di musica classica, la gente praticamente ricorda sempre e solo un
centinaio di brani (e ti giuro che centinaio e' gia' un'esagerazione,
sono molti meno), a discapito della produzione classica che annovera
migliaia di brani di ogni tipo
Di musica classica confesso di non sapere molto, sono giusto
un ascoltatore, concordo sui brani, però anche lì i compositori geniali
non sono poi tanti.
"geniale" a parer mio (non solo nella musica) e' ancora una categoria
superiore all'artista

artisti comunque ce ne sono stati tantissimi, ovviamente comprendendo
tutte le diverse sfumature che vanno da chi realmene è stato un pioniere
a chi ha avuto bisogno di un piccolo spunto per tirar fuori qualcosa di
bello
Post by freefred
Questo per dire che di fotografi che fanno arte (considerato
che la fotografia ha anche altri scopi che assorbono una parte dei
fotografi), magari ne nascono 10 ogni secolo..
l'argomento come avrai capito mi interessa alquanto (a discapito di
qualche battuta pesante con gli amici Jk e Ghost), siccome di foto sono
io ad essere ignorante, mi sai indicare alcuni nomi di fotografi (magari
linkando qualche foto) che fanno fotografia artistica e, altrettanti
fotografi professionisti, che fanno foto da reportage di livello
eccelso? giusto per farmi un'idea della differenza (ammesso che riesca a
percepirla)
freefred
2022-06-16 10:09:50 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
l'argomento come avrai capito mi interessa alquanto (a discapito di
qualche battuta pesante con gli amici Jk e Ghost), siccome di foto sono
io ad essere ignorante, mi sai indicare alcuni nomi di fotografi (magari
linkando qualche foto) che fanno fotografia artistica e, altrettanti
fotografi professionisti, che fanno foto da reportage di livello
eccelso? giusto per farmi un'idea della differenza (ammesso che riesca a
percepirla)
No, non sono assolutamente in grado.
Conosco la storia della pittura ma molto meno quella della
fotografia.
Posso citarti i fotografi classici o che piacciono a me,
da Man Ray a Capa, Fontana, Ghirri, Salgado.

Ma se vai per esempio qui, un'idea te la fai
https://fotografiaartistica.it/maestri-della-fotografia/

Io di arte ce ne vedo, eccome.

Tra l'altro manca (insieme a molti altri immagino) secondo
me Tano D'Amico, grande fotografo che documentava
il movimento del'77 e non solo.

Posso trovare un pò provocatoria l'idea che tu non
riesca a percepire la differenza tra arte e reportage?
Davvero non vedresti la differenza tra un pene gigante
di Mapplethorpe e la famosa foto della bambina vietnamita in lacrime?:-)

bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
Mardot
2022-06-16 13:19:21 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Post by Mardot
l'argomento come avrai capito mi interessa alquanto (a discapito di
qualche battuta pesante con gli amici Jk e Ghost), siccome di foto
sono io ad essere ignorante, mi sai indicare alcuni nomi di fotografi
(magari linkando qualche foto) che fanno fotografia artistica e,
altrettanti fotografi professionisti, che fanno foto da reportage di
livello eccelso? giusto per farmi un'idea della differenza (ammesso
che riesca a percepirla)
No, non sono assolutamente in grado.
Conosco la storia della pittura ma molto meno quella della
fotografia.
Posso citarti i fotografi classici o che piacciono a me,
da Man Ray a Capa, Fontana, Ghirri, Salgado.
Ma se vai  per esempio qui, un'idea te la fai
https://fotografiaartistica.it/maestri-della-fotografia/
Io di arte ce ne vedo, eccome.
grazie, me lo sfoglio appena ho tempo
Post by freefred
Tra l'altro manca (insieme a molti altri immagino) secondo
me Tano D'Amico, grande fotografo che documentava
il movimento del'77 e non solo.
Posso trovare un pò provocatoria l'idea che tu non
riesca a percepire la differenza tra arte e reportage?
no non e' provocatoria, la differenza tra reportage e non reportage la
vedo eccome, e' l'arte all'interno della foto non da reportage che non
riesco proprio a vederla

magari vedo la capacità di cogliere un evento, quella di regolare i
parametri in un certo modo, come ho gia' detto apprezzo il risultato
finale, ma non riesco a vederci qualcosa di veramente artistico
Post by freefred
Davvero non vedresti la differenza tra un pene gigante
di Mapplethorpe e la famosa foto della bambina vietnamita in lacrime?:-)
come dicevo, la differenza la vedo eccome ;-) ho sfogliato diverse volte
le directory del premio Pulitzer, molto meno interesse invece provo per
foto fatte per provocazione o a puro fine a se stesse
freefred
2022-06-16 16:27:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
no non e' provocatoria, la differenza tra reportage e non reportage la
vedo eccome, e' l'arte all'interno della foto non da reportage che non
riesco proprio a vederla
Sì sì è chiaro, non voglio convincerti, la percezione dell'arte
è d'altronde quasi sempre molto personale.
Poi se per te l'arte per essere tale necessita di tre passaggi:
progettazione - realizzazione con tecnica appresa - correzione o
perfezionamento, probabilmente l'arte in una foto non la vedrai mai.
Però come ho già detto, secondo me questa necessità porta
inevitabilmente a non considerare arte anche troppi altri casi.
Nei tagli di Fontana c'è solo la progettazione, nei
quadri di Pollock non c'è nemmeno quella, per esempio.

Ma si fa appunto per parlare eh.
Tra l'altro trovo molto strano difendere così la fotografia,
che pur considerandola arte, ho detestato per anni insieme
alla stampa e alle incisioni quando avevo la fissa dell'opera unica:-)

bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
DDV
2022-06-16 17:49:20 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Ma si fa appunto per parlare eh.
Tra l'altro trovo molto strano difendere così la fotografia,
che pur considerandola arte, ho detestato per anni insieme
alla stampa e alle incisioni quando avevo la fissa dell'opera unica:-)
https://www.gqitalia.it/show/article/ritratto-marilyn-monroe-andy-warhol-dipinto-20-secolo-piu-costoso

Vero verissimo, la percezione dell'arte è quasi sempre molto personale.
La bellezza straordinaria di codesto ritratto di marilyn monroe fatto da andy warhol IO, per esempio, non l'ho mai recepita e mi ci sono impegnata, eh...

DDV

Jk
2022-06-15 13:02:12 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
bravo, continua cosi' ;-)
credo proprio che sarà così, xkè inmezzo a poca arte ci sono tante
*pretese* di essere arte
Quando però prendo in mano un libro di fotografia a volte trovo foto che
sono arte.
Post by Mardot
no questo accade solo perche' tanta gente in vita e' ottusa e quando
muore per fortuna lascia spazio utile agli altri
io veramente mi stavo riferendo a quei tantissimi artisti che sono stati
capiti ed apprezzati solo dopo la loro morte.
Mardot
2022-06-15 13:40:07 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
no questo accade solo perche' tanta gente in vita e' ottusa e quando
muore per fortuna lascia spazio utile agli altri
io veramente mi stavo riferendo a quei tantissimi artisti che sono stati
capiti ed apprezzati solo dopo la loro morte.
ed il motivo e' esattamente perche' durante la loro vita hanno
incontrato solamente della gente ottusa, non e' il loro valore ad essere
cresciuto nel tempo, loro sono sempre stati grandi, ma la gente non li
capiva
Ghost Dog
2022-06-15 10:08:59 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by freefred
Post by Mardot
Post by Jk
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che implica
tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i
parametri, devi poi anche realizzare, mentre per la foto "realizzare"
cio' che hai pensato significa premere il pulsante
Non è questo il luogo in effetti ma questo discorso vale sì e no
fino al '900.
Dall'orinatoio di Duchamp ai tagli di Fontana, dalla Land Art
alle scritte al neon sui grattacieli, a tutta l'arte concettuale,
quando lo strumento dell'artista è un cutter o una ruspa, la
cosiddetta "cucina della pittura" non esiste più.
Per non parlare delle installazioni contemporanee che vengono
costruite da fabbri, falegnami, vetrai e poi montate dagli assistenti.
Non credo che Damien  Hirst per le sue mucche a metà in formalina
abbia mosso un dito, se non per fare un veloce schizzo.
Poi come mi ha detto un amico pittore, negli ultimi anni
la fotografia "ha rotto il cazzo", invadendo le gallerie d'arte
con cose anche mediocri ma più commerciabili di un quadro
o una scultura, su questo probabilmente non ci piove.
Concordo sulle ultime 4 righe.
In generale nel giudicare un'opera d'arte di qualunque tipo sarebbe
opportuno avere come termine di paragone tutto il pregresso.
Un po' come giudicare un campione sportivo, mica puoi giudicarlo solo
per gli avversari che ha avuto in attività, ci vuole un termine di
paragone che possa valere anche nei confronti di chi lo ha preceduto e
con cui non e' mai stato in compatizione.
Sono ovviamente discorsi teorici e non semplici, che si prestano a punti
di vista differenti, ma del resto se si parla di arte non si sta
analizzando un record del mondo del salto con l'asta, dove il livello e'
semplicemente stabilito dal metro.
Non sono d'accordo.
non puoi paragonare,ad esmepio, Senna a Fangio,la tecnica degli
automezzi era diversa, ma anche Bubka, nel salto con l'asta, ha avuto
accesso a materiali ben diversi dal bambù che usavano fino al dopoguerra
Post by Mardot
Per un'opera d'arte il giudizio non puo' prescindere dalla storia che la
precede ma, nonostante cio', ci sara' sempre quello che anche di fronte
a una creazione banale e insulsa trovera' lo spunto per definirla un
capolavoro, sta nella logica delle valutazioni soggettive.
L'arte e' piena di azioni e reazioni, cosi' come e' piena di creazioni
frutto di movimenti nati per contrastare cio' che nel loro recente
passato hanno dovuto subire, da questi meccanismi sono nati gli orinatoi
cosi' come gli escrementi d'artista di Manzoni.
Guarda che un sacco di quella che oggi consideriamo arte classica erano
oggeti di uso quotidiano, tipo vasi, ciotole, arazzi etc prodotti per
l'uso e ove la decorazione era secondaria.
Ma anche nel campo della lirica, ad esempio, le grandi opere erano
prodotti pop, studiati per l'intrattenimento senza particolari velleità
artistiche
Mardot
2022-06-15 10:17:56 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by freefred
Post by Mardot
Post by Jk
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che
implica tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i
parametri, devi poi anche realizzare, mentre per la foto
"realizzare" cio' che hai pensato significa premere il pulsante
Non è questo il luogo in effetti ma questo discorso vale sì e no
fino al '900.
Dall'orinatoio di Duchamp ai tagli di Fontana, dalla Land Art
alle scritte al neon sui grattacieli, a tutta l'arte concettuale,
quando lo strumento dell'artista è un cutter o una ruspa, la
cosiddetta "cucina della pittura" non esiste più.
Per non parlare delle installazioni contemporanee che vengono
costruite da fabbri, falegnami, vetrai e poi montate dagli assistenti.
Non credo che Damien  Hirst per le sue mucche a metà in formalina
abbia mosso un dito, se non per fare un veloce schizzo.
Poi come mi ha detto un amico pittore, negli ultimi anni
la fotografia "ha rotto il cazzo", invadendo le gallerie d'arte
con cose anche mediocri ma più commerciabili di un quadro
o una scultura, su questo probabilmente non ci piove.
Concordo sulle ultime 4 righe.
In generale nel giudicare un'opera d'arte di qualunque tipo sarebbe
opportuno avere come termine di paragone tutto il pregresso.
Un po' come giudicare un campione sportivo, mica puoi giudicarlo solo
per gli avversari che ha avuto in attività, ci vuole un termine di
paragone che possa valere anche nei confronti di chi lo ha preceduto e
con cui non e' mai stato in compatizione.
Sono ovviamente discorsi teorici e non semplici, che si prestano a
punti di vista differenti, ma del resto se si parla di arte non si sta
analizzando un record del mondo del salto con l'asta, dove il livello
e' semplicemente stabilito dal metro.
Non sono d'accordo.
non puoi paragonare,ad esmepio,  Senna a Fangio,la tecnica degli
automezzi era diversa, ma anche Bubka, nel salto con l'asta, ha avuto
accesso a materiali  ben diversi dal bambù che usavano  fino al dopoguerra
I materiali hanno sempre la loro importanza.
Negli sport motoristi poi non parliamone, visto che se hai il culo
sull'auto piu' forte gli altri possono essere degli "artisti" del
volante che perdono.
I materiali devi anche imparare ad usarli, e questo e' un altro aspetto
che spesso la gente trascura.
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Per un'opera d'arte il giudizio non puo' prescindere dalla storia che
la precede ma, nonostante cio', ci sara' sempre quello che anche di
fronte a una creazione banale e insulsa trovera' lo spunto per
definirla un capolavoro, sta nella logica delle valutazioni soggettive.
L'arte e' piena di azioni e reazioni, cosi' come e' piena di creazioni
frutto di movimenti nati per contrastare cio' che nel loro recente
passato hanno dovuto subire, da questi meccanismi sono nati gli
orinatoi cosi' come gli escrementi d'artista di Manzoni.
Guarda che un sacco di quella che oggi consideriamo arte classica erano
oggeti di uso quotidiano, tipo vasi, ciotole, arazzi etc prodotti per
l'uso e ove la decorazione era secondaria.
Quelli li chiamiamo reperti archeologici, non apere d'arte.
Post by Ghost Dog
Ma anche nel campo della lirica, ad esempio, le grandi opere erano
prodotti pop, studiati per l'intrattenimento senza particolari velleità
artistiche
Questo e' irrilevante, il loro valore prescindere dallo scopo per cui
erano prodotte.
Ghost Dog
2022-06-15 10:26:15 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by freefred
Post by Mardot
Post by Jk
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che
implica tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i
parametri, devi poi anche realizzare, mentre per la foto
"realizzare" cio' che hai pensato significa premere il pulsante
Non è questo il luogo in effetti ma questo discorso vale sì e no
fino al '900.
Dall'orinatoio di Duchamp ai tagli di Fontana, dalla Land Art
alle scritte al neon sui grattacieli, a tutta l'arte concettuale,
quando lo strumento dell'artista è un cutter o una ruspa, la
cosiddetta "cucina della pittura" non esiste più.
Per non parlare delle installazioni contemporanee che vengono
costruite da fabbri, falegnami, vetrai e poi montate dagli assistenti.
Non credo che Damien  Hirst per le sue mucche a metà in formalina
abbia mosso un dito, se non per fare un veloce schizzo.
Poi come mi ha detto un amico pittore, negli ultimi anni
la fotografia "ha rotto il cazzo", invadendo le gallerie d'arte
con cose anche mediocri ma più commerciabili di un quadro
o una scultura, su questo probabilmente non ci piove.
Concordo sulle ultime 4 righe.
In generale nel giudicare un'opera d'arte di qualunque tipo sarebbe
opportuno avere come termine di paragone tutto il pregresso.
Un po' come giudicare un campione sportivo, mica puoi giudicarlo solo
per gli avversari che ha avuto in attività, ci vuole un termine di
paragone che possa valere anche nei confronti di chi lo ha preceduto
e con cui non e' mai stato in compatizione.
Sono ovviamente discorsi teorici e non semplici, che si prestano a
punti di vista differenti, ma del resto se si parla di arte non si
sta analizzando un record del mondo del salto con l'asta, dove il
livello e' semplicemente stabilito dal metro.
Non sono d'accordo.
non puoi paragonare,ad esmepio,  Senna a Fangio,la tecnica degli
automezzi era diversa, ma anche Bubka, nel salto con l'asta, ha avuto
accesso a materiali  ben diversi dal bambù che usavano  fino al dopoguerra
I materiali hanno sempre la loro importanza.
Negli sport motoristi poi non parliamone, visto che se hai il culo
sull'auto piu' forte gli altri possono essere degli "artisti" del
volante che perdono.
I materiali devi anche imparare ad usarli, e questo e' un altro aspetto
che spesso la gente trascura.
cambia tutto con gli anni, dalla dieta che cambia le proprozioni fisiche
degli atleti ai materiali ai trainig di allenamento.
la regola n.1 dello sport è che non si pososon confrontare le
prestazioni di generazioni troppo lontane tra loro.
E questo in qualunque sport
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Per un'opera d'arte il giudizio non puo' prescindere dalla storia che
la precede ma, nonostante cio', ci sara' sempre quello che anche di
fronte a una creazione banale e insulsa trovera' lo spunto per
definirla un capolavoro, sta nella logica delle valutazioni soggettive.
L'arte e' piena di azioni e reazioni, cosi' come e' piena di
creazioni frutto di movimenti nati per contrastare cio' che nel loro
recente passato hanno dovuto subire, da questi meccanismi sono nati
gli orinatoi cosi' come gli escrementi d'artista di Manzoni.
Guarda che un sacco di quella che oggi consideriamo arte classica
erano oggeti di uso quotidiano, tipo vasi, ciotole, arazzi etc
prodotti per l'uso e ove la decorazione era secondaria.
Quelli li chiamiamo reperti archeologici, non apere d'arte.
Assolutamente no.
I vasi greci, ad esempio,in virtù delle loro decorazioni, sono
catalogate come opere d'arte a tutti gli effetti, hai detto che tua
moglie è molto preparata nel campo, sono sicuro che te lo confermerà
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Ma anche nel campo della lirica, ad esempio, le grandi opere erano
prodotti pop, studiati per l'intrattenimento senza particolari
velleità artistiche
Questo e' irrilevante, il loro valore prescindere dallo scopo per cui
erano prodotte.
Esattamente come per la fotografia, quindi mi stai dando ragione :)
Mardot
2022-06-15 12:24:49 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by freefred
Post by Mardot
Post by Jk
Post by Mardot
Ma non sono ostile, e' oggettivamente una cosa diversa, che
implica tecnica, bravura, dedizione,
come la pittura...
non sai di cosa parli evidentemente, le arti come la pittura, la
scultura, vanno oltre, non basta pensare e impostare bene i
parametri, devi poi anche realizzare, mentre per la foto
"realizzare" cio' che hai pensato significa premere il pulsante
Non è questo il luogo in effetti ma questo discorso vale sì e no
fino al '900.
Dall'orinatoio di Duchamp ai tagli di Fontana, dalla Land Art
alle scritte al neon sui grattacieli, a tutta l'arte concettuale,
quando lo strumento dell'artista è un cutter o una ruspa, la
cosiddetta "cucina della pittura" non esiste più.
Per non parlare delle installazioni contemporanee che vengono
costruite da fabbri, falegnami, vetrai e poi montate dagli assistenti.
Non credo che Damien  Hirst per le sue mucche a metà in formalina
abbia mosso un dito, se non per fare un veloce schizzo.
Poi come mi ha detto un amico pittore, negli ultimi anni
la fotografia "ha rotto il cazzo", invadendo le gallerie d'arte
con cose anche mediocri ma più commerciabili di un quadro
o una scultura, su questo probabilmente non ci piove.
Concordo sulle ultime 4 righe.
In generale nel giudicare un'opera d'arte di qualunque tipo sarebbe
opportuno avere come termine di paragone tutto il pregresso.
Un po' come giudicare un campione sportivo, mica puoi giudicarlo
solo per gli avversari che ha avuto in attività, ci vuole un termine
di paragone che possa valere anche nei confronti di chi lo ha
preceduto e con cui non e' mai stato in compatizione.
Sono ovviamente discorsi teorici e non semplici, che si prestano a
punti di vista differenti, ma del resto se si parla di arte non si
sta analizzando un record del mondo del salto con l'asta, dove il
livello e' semplicemente stabilito dal metro.
Non sono d'accordo.
non puoi paragonare,ad esmepio,  Senna a Fangio,la tecnica degli
automezzi era diversa, ma anche Bubka, nel salto con l'asta, ha avuto
accesso a materiali  ben diversi dal bambù che usavano  fino al dopoguerra
I materiali hanno sempre la loro importanza.
Negli sport motoristi poi non parliamone, visto che se hai il culo
sull'auto piu' forte gli altri possono essere degli "artisti" del
volante che perdono.
I materiali devi anche imparare ad usarli, e questo e' un altro
aspetto che spesso la gente trascura.
cambia tutto con gli anni, dalla dieta che cambia le proprozioni fisiche
 degli atleti ai materiali ai trainig di allenamento.
la regola n.1 dello sport è che non si pososon confrontare le
prestazioni di generazioni troppo lontane tra loro.
E questo in qualunque sport
ma infatti se fai confronti tra sportivi di epoche diverse non sono
certo le loro performance che possono essere confrontate

detto questo, poi ci sono anche i metodi (oggettivi) per attualizzare le
performance e tentare un minimo di confronto

ad esempio il record di Coppi sull'Alpe d'Huez e' stato definito un
record assoluto, benche' sia stato poi battuto, e cio' e' stato
possibile dopo un'analisi approfondita della prestazione e delle
condizioni al contorno
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Per un'opera d'arte il giudizio non puo' prescindere dalla storia
che la precede ma, nonostante cio', ci sara' sempre quello che anche
di fronte a una creazione banale e insulsa trovera' lo spunto per
definirla un capolavoro, sta nella logica delle valutazioni soggettive.
L'arte e' piena di azioni e reazioni, cosi' come e' piena di
creazioni frutto di movimenti nati per contrastare cio' che nel loro
recente passato hanno dovuto subire, da questi meccanismi sono nati
gli orinatoi cosi' come gli escrementi d'artista di Manzoni.
Guarda che un sacco di quella che oggi consideriamo arte classica
erano oggeti di uso quotidiano, tipo vasi, ciotole, arazzi etc
prodotti per l'uso e ove la decorazione era secondaria.
Quelli li chiamiamo reperti archeologici, non apere d'arte.
Assolutamente no.
I vasi greci, ad esempio,in virtù delle loro decorazioni, sono
catalogate come opere d'arte a tutti gli effetti, hai detto che tua
moglie è molto preparata nel campo, sono sicuro che te lo confermerà
I vasi di cui parli, ti faccio un esempio che tutti conoscono come il
Cratere di Eufronio, erano affidati a persone gia' considerate "artisti"
dell'epoca; non erano semplici artigiani. Esattamente come per altre
cose chiamavano a corte Leonardo oppure Mozart, non un fabbro qualunque
o un menestrello.
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Ma anche nel campo della lirica, ad esempio, le grandi opere erano
prodotti pop, studiati per l'intrattenimento senza particolari
velleità artistiche
Questo e' irrilevante, il loro valore prescindere dallo scopo per cui
erano prodotte.
Esattamente come per la fotografia, quindi  mi stai dando ragione :)
Due rette non parallele si incontrano almeno in un punto......
Mardot
2022-06-15 07:06:32 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
vabbe' dai, saraì meglio che parliamo d'altro, ho la fortuna di avere
in csa un specialista di storia dell'arte che ha ben chiara la
differenza tra scarabocchi e arte
certo ma avrai anche tu ben chiaro che  a livello tecnico  granparte
dell' arte pittorica moderna è tecnicamente banale.
questo perche' siamo in un'epoca che potrebbe essere definito
"neodecadentismo", accentuato dalla banalizzazione e dal facile accesso
alla tecnologia, la fotografia ne e' l'esempio lampante
Non è la difficoltà tecnica che fa di Guernica un capolavoro, no?
Non è SOLAMENTE la difficoltà tecnica che fa di Guernica un capolavoro
Post by Mardot
la foto, per quanto tu ci possa pensare, alla fine premi un pulsante e
il resto lo fa la macchina,
eh infatti come immaginavo, tu credi questo ma è molto lontano dalla
realtà. Posto che cmq è la composizione della scena, l' idea che porta
via il 99% del lavoro del fotografo artista. Tu stai pensando
probabilmente a foto di reportage e cmq quando ti trovi davanti una foto
capolavoro tenti a pensare che sia poco più che aggiustare qualche
parametro rispetto alla mod. Auto della tua. Non è così.
no no, io sto pensando al processo (completo) di realizzazione di una
foto, per tutto cio' che tu possa fare prima di premere il pulsante, una
volta che lo hai fatto, premi, stop

e' proprio una differente "macchina a stati" quella che fa una foto e
quella che fa un quadro
Jk
2022-06-15 07:38:51 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
questo perche' siamo in un'epoca che potrebbe essere definito
"neodecadentismo", accentuato dalla banalizzazione e dal facile accesso
alla tecnologia, la fotografia ne e' l'esempio lampante
c'è un fotografo che ha fatto una serie di opere, una mostra stampando
le foto che ogni giorno vengon caricate su (non ricordo più) tipo Google
foto o un altro "social" di foto, le stampa ne fa una mucchia
impressionante, di solito dentro a Chiese o altri luoghi storici.
Siete piuttosto d'accordo direi!
Post by Mardot
Non è SOLAMENTE la difficoltà tecnica che fa di Guernica un capolavoro
la difficoltà tecnica in Guernica è sostanzialmente irrilevante.
Post by Mardot
no no, io sto pensando al processo (completo) di realizzazione di una
foto, per tutto cio' che tu possa fare prima di premere il pulsante, una
volta che lo hai fatto, premi, stop
e' proprio una differente "macchina a stati" quella che fa una foto e
quella che fa un quadro
ah ho capito. Per te se la finalizzazine dell' oggetto è troppo rapida
ed automatizzata allora non è arte.
Come dire che la Divina commedia è arte xkè c'ha messo 30anni mentre L'
Infinito di Leopardi no xkè l'ha scritta in un gionro.
Adesso mi è un poì più chira la tua posizine, grazie
Mardot
2022-06-15 09:09:32 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
questo perche' siamo in un'epoca che potrebbe essere definito
"neodecadentismo", accentuato dalla banalizzazione e dal facile
accesso alla tecnologia, la fotografia ne e' l'esempio lampante
c'è un fotografo che ha fatto una serie di opere, una mostra stampando
le foto che ogni giorno vengon caricate su (non ricordo più) tipo Google
foto o un altro "social" di foto, le stampa ne fa una mucchia
impressionante, di solito dentro a Chiese o altri luoghi storici.
Siete piuttosto d'accordo direi!
Post by Mardot
Non è SOLAMENTE la difficoltà tecnica che fa di Guernica un capolavoro
la difficoltà tecnica in Guernica è sostanzialmente irrilevante.
e tu chi sei e che preparazione artistica hai per affermare cio'?

saresti in grado di riprodurre il Guernica senza averlo davanti?
Post by Jk
Post by Mardot
no no, io sto pensando al processo (completo) di realizzazione di una
foto, per tutto cio' che tu possa fare prima di premere il pulsante,
una volta che lo hai fatto, premi, stop
e' proprio una differente "macchina a stati" quella che fa una foto e
quella che fa un quadro
ah ho capito. Per te se la finalizzazine dell' oggetto è troppo rapida
ed automatizzata allora non è arte.
finalizzazione non e' realizzazione, io parlo di realizzazione
Post by Jk
Come dire che la Divina commedia è arte xkè c'ha messo 30anni mentre L'
Infinito di Leopardi no xkè l'ha scritta in un gionro.
Adesso mi è un poì più chira la tua posizine, grazie
probabilmente non sai del tempo che i poeti ci mettono a realizzare,
rivedere e completare una poesia, anche di pochi versi

e comunque non e' una questione di tempi, ma di fasi realizzative, per
la foto la fase realizzativa si riduce alla pressione di un pulsante,
per le arti la fase realizzativa e' un complesso di meccanismi mentali e
tecnici il cui mix puo' trasformare l'idea (magari pure geniale) in una
merda assurda oppure in un capolavoro
Jk
2022-06-15 09:50:43 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
e tu chi sei e che preparazione artistica hai per affermare cio'?
saresti in grado di riprodurre il Guernica senza averlo davanti?
se corri i 100m in 15" che sei lento te lo può dire anche un paraplegico.
Non conta cosa so fare io conta cosa sanno fare i pittori. E sì
qualsiasi pittore sarebbe capace di farla. Il fatto è che l' idea
originale ce l'ha avuta Picasso e giustametne se adessouno la fa simile,
per certi tratti magari pure meglio, noi la giudicheremo inferiore.
E' nell' idea che Picasso ha fatto la differenza la realizzazione è
semplice per qualsiasi pittore amatore.
Post by Mardot
probabilmente non sai del tempo che i poeti ci mettono a realizzare,
rivedere e completare una poesia, anche di pochi versi
sicuramente ti sbagli! So benissimo che è così, di solito. Non sempre
però e non ricordo se sia davvero l' infinito ma è una roba di questa
portata cmq.
Post by Mardot
e comunque non e' una questione di tempi, ma di fasi realizzative, per
la foto la fase realizzativa si riduce alla pressione di un pulsante,
il punto è che tu credi che sia così, ma non è vero. Se provi a fare
delle foto con un gruppo di lavoro di fotografi ti rendi conto che il
momento dello scatto è il meno e lo puoi fare anche tu o io, ma è tutto
il resto che ha saputo ideare e realizzare il fotografo che fanno la
differenza
Mardot
2022-06-15 10:10:33 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
e tu chi sei e che preparazione artistica hai per affermare cio'?
saresti in grado di riprodurre il Guernica senza averlo davanti?
se corri i 100m in 15" che sei lento te lo può dire anche un paraplegico.
questo perche' il sistema di valutazione dei velocisti e' il cronometro

per il Guernica TU affermi certe cose, ma non sei in grado di misurarle
e non trovi tantissimi che dicano quello che tu stai sostenendo, salvo
qualcuno che ha tanta capacita' artistica come la tua....
Post by Jk
Non conta cosa so fare io conta cosa sanno fare i pittori. E sì
qualsiasi pittore sarebbe capace di farla. Il fatto è che l' idea
originale ce l'ha avuta Picasso e giustametne se adessouno la fa simile,
per certi tratti magari pure meglio, noi la giudicheremo inferiore.
E' nell' idea che Picasso ha fatto la differenza la realizzazione è
semplice per qualsiasi pittore amatore.
si si semplicissimo
Post by Jk
Post by Mardot
probabilmente non sai del tempo che i poeti ci mettono a realizzare,
rivedere e completare una poesia, anche di pochi versi
sicuramente ti sbagli! So benissimo che è così, di solito. Non sempre
però e non ricordo se sia davvero l' infinito ma è una roba di questa
portata cmq.
Post by Mardot
e comunque non e' una questione di tempi, ma di fasi realizzative, per
la foto la fase realizzativa si riduce alla pressione di un pulsante,
il punto è che tu credi che sia così, ma non è vero. Se provi a fare
delle foto con un gruppo di lavoro di fotografi ti rendi conto che il
momento dello scatto è il meno e lo puoi fare anche tu o io, ma è tutto
il resto che ha saputo ideare e realizzare il fotografo che fanno la
differenza
non stento a crederlo che il momento dello scatto sia il meno, del resto
da quel momento fa tutto la macchina
Jk
2022-06-15 13:12:46 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
non stento a crederlo che il momento dello scatto sia il meno, del resto
da quel momento fa tutto la macchina
LOL
sei il solito savonese ciuccio!
oh Mardot quando scatti il pulsante la macchina non fa un cazzo alza e
abbassa un otturatore ma se viene tutta bianca o tutta nera dipende da
come ha impostato il tutto l' uomo
è come dire che fa tutto il fucile di precisione quando un cecchino
colpisce un bersaglio a 2km
ah certo quando tiri il grilletto fa tutto da solo...
sei tremendo! :-D
Mardot
2022-06-15 13:43:38 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
non stento a crederlo che il momento dello scatto sia il meno, del
resto da quel momento fa tutto la macchina
LOL
sei il solito savonese ciuccio!
non so quanti savonesi tu conosca, ma di ciucci ne abbiamo pochi direi
nessumo ;-)
Post by Jk
oh Mardot quando scatti il pulsante la macchina non fa un cazzo alza e
abbassa un otturatore ma se viene tutta bianca o tutta nera dipende da
come ha impostato il tutto l' uomo
è come dire che fa tutto il fucile di precisione quando un cecchino
colpisce un bersaglio a 2km
ah certo quando tiri il grilletto fa tutto da solo...
sei tremendo! :-D
intanto se la macchina e' digitale non e' vero che essa si limita ad
aprire e chiudere un otturatore

detto questo, mi stai dando ragione, banalizzando ancor piu' la fase
realizzativa

per quanto tu possa inccionire la faase concettuale, una volta che hai
studiato tutto e premi, stop

invece per l'artista che compone, dipinge, scolpisce, scrive, non e' mai
cosi', e non e' certo solo un aspetto tecnico questo, visto cio' che
comporta il continuo reworking che ci sta dietro la fase realizzativa
Jk
2022-06-15 14:26:55 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
intanto se la macchina e' digitale non e' vero che essa si limita ad
aprire e chiudere un otturatore
invece è così. E' che tu la usi in automatico e allora sì decide lei
varie cose. In Manuale decido io. Tutto.
Post by Mardot
per quanto tu possa inccionire la faase concettuale, una volta che hai
studiato tutto e premi, stop
certo, come il cecchino. Valutata la curvatura, il vento, e altre 10
variabili decide il puntamento e poi preme solo il grilletto.
Facile no?
Post by Mardot
invece per l'artista che compone, dipinge, scolpisce, scrive, non e' mai
cosi', e non e' certo solo un aspetto tecnico questo, visto cio' che
comporta il continuo reworking che ci sta dietro la fase realizzativa
anche nelle foto non è che gli venga tutto bene al 1° scatto cmq come
t'ho già detto 6000msg fa, ci sta che per te la mancanza di questo
squalifichi ma è una cosa tua
Mardot
2022-06-15 15:01:52 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
intanto se la macchina e' digitale non e' vero che essa si limita ad
aprire e chiudere un otturatore
invece è così. E' che tu la usi in automatico e allora sì decide lei
varie cose. In Manuale decido io. Tutto.
anche io uso il manuale
anche in quel modo l'apparecchio non apre/chiude solamente, c'e' tutta
la fase funzionale realizzata dall'elettronica di acquisizione e
successiva codifica del segnale analogico/salvataggio dell'immagine
digitale dopo
Post by Jk
Post by Mardot
per quanto tu possa inccionire la faase concettuale, una volta che hai
studiato tutto e premi, stop
certo, come il cecchino. Valutata la curvatura, il vento, e altre 10
variabili decide il puntamento e poi preme solo il grilletto.
Facile no?
non ho detto che la fase pre realizzazione sia facile, ho detto che la
fase di realizzazione e' facile, nell'arte sono difficili entrambe le
fasi, quella pre e quella di realizzazione
Post by Jk
Post by Mardot
invece per l'artista che compone, dipinge, scolpisce, scrive, non e'
mai cosi', e non e' certo solo un aspetto tecnico questo, visto cio'
che comporta il continuo reworking che ci sta dietro la fase realizzativa
anche nelle foto non è che gli venga tutto bene al 1° scatto cmq come
t'ho già detto 6000msg fa, ci sta che per te la mancanza di questo
squalifichi ma è una cosa tua
non squalifica, semplicemente la pone al di sotto delle attivita'
artistiche che invece comportano difficolta' (e non solo) su ogni fase
della loro vita a partire dal concepimento fino alla fine della loro
realizzazione
Jk
2022-06-15 15:36:38 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
anche io uso il manuale
anche in quel modo l'apparecchio non apre/chiude solamente, c'e' tutta
la fase funzionale realizzata dall'elettronica di acquisizione e
successiva codifica del segnale analogico/salvataggio dell'immagine
digitale dopo
prendi una reflex a pellicola di ultima generazione. Ok son vecchie di
boh 15 anni? Cmq avevano già tutti i processori che ci sono nelle attuali.
Se le metti in M e MF il processore è taglaito fuori, del tutto.
Ovviametne nelle digitali rimane la trasduzione del segnale luminoso in
elettrico e poi in un dato bitmap, ma è l' equivalemtne della vecchia
pellicola. Non capisco cosa credi che faccia la macchina se metti tutto
in manuale, fa solo quello che ho scritto qui
Post by Mardot
non ho detto che la fase pre realizzazione sia facile, ho detto che la
fase di realizzazione e' facile, nell'arte sono difficili entrambe le
fasi, quella pre e quella di realizzazione
sì certo
Post by Mardot
non squalifica, semplicemente la pone al di sotto delle attivita'
eh no tu hai detto che non è arte ma mestiere. Quindi la squalifica da
arte a mestiere.
Se mi dici "per me l' arte pittorica è 3 spanne sopra a quella
fotografica" allora non sprechiamo bit, son d'accordo pure io.
Mardot
2022-06-15 15:52:29 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Jk
Post by Mardot
anche io uso il manuale
anche in quel modo l'apparecchio non apre/chiude solamente, c'e' tutta
la fase funzionale realizzata dall'elettronica di acquisizione e
successiva codifica del segnale analogico/salvataggio dell'immagine
digitale dopo
prendi una reflex a pellicola di ultima generazione. Ok son vecchie di
boh 15 anni? Cmq avevano già tutti i processori che ci sono nelle attuali.
Se le metti in M e MF il processore è taglaito fuori, del tutto.
se usi una digitale come una analogica, mi pare ovvio
Post by Jk
Ovviametne nelle digitali rimane la trasduzione del segnale luminoso in
elettrico e poi in un dato bitmap, ma è l' equivalemtne della vecchia
pellicola.
non proprio
Post by Jk
Non capisco cosa credi che faccia la macchina se metti tutto
in manuale, fa solo quello che ho scritto qui
fa tutto quello che un pittore farebbe in molto piu' tempo :-D
Post by Jk
Post by Mardot
non ho detto che la fase pre realizzazione sia facile, ho detto che la
fase di realizzazione e' facile, nell'arte sono difficili entrambe le
fasi, quella pre e quella di realizzazione
sì certo
Post by Mardot
non squalifica, semplicemente la pone al di sotto delle attivita'
eh no tu hai detto che non è arte ma mestiere. Quindi la squalifica da
arte a mestiere.
ah ok, se per te significa squalificare, allora si confermo
Post by Jk
Se mi dici "per me l' arte pittorica è 3 spanne sopra a quella
fotografica" allora non sprechiamo bit, son d'accordo pure io.
senza ombra di dubbio, 3 spanne e' riduttivo considerando l'arte
pittorica nel suo complesso
Jk
2022-06-16 05:53:39 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
se usi una digitale come una analogica, mi pare ovvio
ma anche le analogiche avevano già processori per la MF ecc
Difficile che chi fotografa con fini artistici usi la macchina in modo
automatico.
Post by Mardot
fa tutto quello che un pittore farebbe in molto piu' tempo :-D
certo ma su questo non ci piove
Post by Mardot
ah ok, se per te significa squalificare, allora si confermo
se questo la butta fuori dalle arti,è ovvio che sia uno squalificare,
toglier una qualifica.
Post by Mardot
senza ombra di dubbio, 3 spanne e' riduttivo considerando l'arte
pittorica nel suo complesso
ma su quello non ho mai avuto da ridire. Anche per me un arte che
richiede anche molto lavoro realizzativo è superiore. Solo per me non è
cond. necessaria per essre arte, per me la cond. necessaria è la
trascendenza.
freefred
2022-06-15 15:49:46 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
non ho detto che la fase pre realizzazione sia facile, ho detto che la
fase di realizzazione e' facile, nell'arte sono difficili entrambe le
fasi, quella pre e quella di realizzazione
Post by Mardot
invece per l'artista che compone, dipinge, scolpisce, scrive, non e'
mai cosi', e non e' certo solo un aspetto tecnico questo, visto cio'
che comporta il continuo reworking che ci sta dietro la fase
realizzativa
Divagando a più non posso:
della pittura informale parlo nell'altro msg, e la vedo
come arte tra l'altro in cui la fase concettuale quasi non c'è, e
quella realizzativa è talvolta semplicemente gestuale, senza
nessun reworking o ripensamento.

Ma pensandola così poi non rischi di non considerare arte
nemmeno l'improvvisazione, quindi per esempio una buona parte del jazz
o Paganini?


bye
--
"S'io m'intuassi, come tu t'inmii." - Dante - Paradiso IX,81
Mardot
2022-06-15 15:55:23 UTC
Rispondi
Permalink
Post by freefred
Post by Mardot
non ho detto che la fase pre realizzazione sia facile, ho detto che la
fase di realizzazione e' facile, nell'arte sono difficili entrambe le
fasi, quella pre e quella di realizzazione
Post by Mardot
invece per l'artista che compone, dipinge, scolpisce, scrive, non e'
mai cosi', e non e' certo solo un aspetto tecnico questo, visto cio'
che comporta il continuo reworking che ci sta dietro la fase realizzativa
della pittura informale parlo nell'altro msg, e la vedo
come arte tra l'altro in cui la fase concettuale quasi non c'è, e
quella realizzativa è talvolta semplicemente gestuale, senza
nessun reworking o ripensamento.
Ma pensandola così poi non rischi di non considerare arte
nemmeno l'improvvisazione, quindi per esempio una buona parte del jazz
o Paganini?
Non direi (conosco pochissimo di jazz, Paganini invece tutti i capricci
e i divertimenti).

L'improvvisazione infatti e' certamente un'arte, spesso ma non sempre
pero' si concretizza solo a posteriori e, comunque, sempre proposta da
chi (ved. Paganini) artista lo e' davvero con comprovato curriculum di
produzione.....
Ghost Dog
2022-06-14 17:00:04 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
Post by Mardot
l'uomo comune non è che vuoole fare un opera d'arte tutte le
volte che scatta ti pare?
questo e' un discorso che onestamente non ho mai capito
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno,
oppure una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto
che riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi
vedere quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini
di tempi o di dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri,
non replicabili a prescindere dal livello dell'attrezzatura
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle
attività come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece
di artistico non hanno un cazzo di nulla
si chiamano arti e mestieri, proprio perche' gli uni non sono gli
altri, e viceversa
il cuoco, il fotografo e tanti altri sono mestieri, dove fior di
professionisti fanno la differenza rispetto agli amatori, agli
hobbysti, sia in termini di mezzi tecnici a disposizione sia in
termini di risultato finale
La fotografia può essere arte, cronaca, documentazione etc etc.
non è che hai solo un campo espresisvo
allora tutto può essere arte
si sono d'accordo.
Per dire, ho visto opere d'arte fatte da dei fabbri, che a "naso"
dovrebbe essere quanto di più lontano.
ma per favore
lo sapevo che ti mandavo il sangue al naso!!!! :)
figurati...
Post by Ghost Dog
comunque lo penso davvero.
questo e' molto grave, soprattutto per la laurea che hai, ancor ancora
se fossi un ing.
Voi Ing avete la fissa delle catalogazioni, cosa che l'arte tende a rifugere
Post by Mardot
Post by Ghost Dog
ho parlato di fabbri non a sproposito, ti consiglio una visita a Villa
Ottolenghi, ad Acqui terme e di far caso alle opere forgiate dalla
famiglia Ferrari...e poi dimmi se quella non è arte
conosco villa Ottolenghi e conosco decine di altri capolavori di fabbri,
falegnami, ecc...... l'arte e' altra cosa
I ferrari mettevano la tecnica al servizio della creatività creando
oggetti unici.
Se non è arte questa
Jk
2022-06-13 15:43:43 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
io se voglio ammirare un'opera d'arte, guardo un dipinto/disegno, oppure
una scultura, oppure ascolto un brano musicale, ecc....
beh oddio anche G.Verdi considerava il suo un mestiere...
Post by Mardot
la macchina fotografica ha un obiettivo e, come tale, mi aspetto che
riproduca quello che vede quell'obiettivo, magari facendomi vedere
quello che il mio occhio non riesce a vedere (in termini di tempi o di
dettaglio), ma per l'arte i parametri sono altri, non replicabili a
prescindere dal livello dell'attrezzatura
beh guarda io nn mi avventuro nel definire cosa è e cosa non è arte,
però diciamo che anche la pietà di Michelangelo è solo un pezzo di marmo
tecnicametne cesellato bene.
diciamo che è arte quando riesce ad esprimere qualcosa, quando il
messaggio che riesce a portare trascende la sostanza.
In questo una fotografia può essere arte e benchè teoricamente del tutto
replicabile, è il fatto stesso di averla fatta tu per primo a renderla arte.
Oggi potremmo replicare la Pietà ma questa la rende meno artistica?
Quella originale dico.
Post by Mardot
dal XIX secolo in avanti si e' giunti a definire arti delle attività
come la cucina, la fotografia e tanto altro, che invece di artistico non
hanno un cazzo di nulla
oddio sulla cucina posso anche essere con te al 100%, la fotografia non
è invece molto diversa dalla pittura e difatti i primi grandi fotografi
erano anche pittori o cmq molto vicini alla pittura.
Detto questo ripeto, non è che ogni volta che voglio immortalare
qualcosa io stia a cercare di rendere unica irripetibile ed originale la
mia foto, però sì, cerchi con una foto di trasmettere qualcosa.
Quadno guardi una foto di un evento a cui non eri presente ed il
fotografo è bravo, riesce a farti vivere il momento
Fatina_degli_Elfi
2022-06-14 12:05:22 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Mardot
Ieri stavo legando le trombette, quelle decantate da Fulvio, quando mi è
apparsa questa immagine, che ritengo a dir poco fantastica, nella sua
semplicita' e basicita'.
L'attivita' dell'ortolano e' veramente appagante e rilassante, anche e
soprattutto per certi aspetti spesso "infinitesimali".
Bellissimo, una curiosità: come li cucini?
esistono piatti regionali a base di fiori di zucca?
Solitamente si fanno fritti, con ogni possibile variante, ma sono
curiosa di conoscere altri modi golosi per mangiarli.
Grazie :-)
Mardot
2022-06-14 12:21:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Fatina_degli_Elfi
Post by Mardot
Ieri stavo legando le trombette, quelle decantate da Fulvio, quando mi
è apparsa questa immagine, che ritengo a dir poco fantastica, nella
sua semplicita' e basicita'.
L'attivita' dell'ortolano e' veramente appagante e rilassante, anche e
soprattutto per certi aspetti spesso "infinitesimali".
Bellissimo, una curiosità: come li cucini?
esistono piatti regionali a base di fiori di zucca?
Solitamente si fanno fritti, con ogni possibile variante, ma sono
curiosa di conoscere altri modi golosi per mangiarli.
Grazie :-)
Questo in foto e' il fiore delle trombette, e' molto adatto ad essere
ripieno.

Per il ripieno a me piace che sia a base di verde tipo bietole, pane,
formaggio ecc.....

Quelli delle zucchine invece mi piacciono impanati doppi, quindi
uovo-pane-uovo-pane e poi fritti in padella
Loading...