Discussione:
Il prezzo del Vino
(troppo vecchio per rispondere)
Luigi
2018-10-02 13:47:18 UTC
Permalink
Produrre 1000 bottiglie di un vino piuttosto che di un altro che
differnze sostanziali di costo può avere?

Parlo di vino di buona qualità senza lavorazioni particolari e/o lunghi
invecchiamenti.

Che differenza di costi di produzione ci possono essere tra un vino da
10 euro a bottiglia e uno da 50?

Chi, come e perché stabilisce il prezzo di vendita?
Ghost Dog
2018-10-02 14:10:05 UTC
Permalink
Post by Luigi
Produrre 1000 bottiglie di un vino piuttosto che di un altro che
differnze sostanziali di costo può avere?
Parlo di vino di buona qualità senza lavorazioni particolari e/o lunghi
invecchiamenti.
Che differenza di costi di produzione ci possono essere tra un vino da
10 euro a bottiglia e uno da 50?
Il territorio (vedi i "vigneti eroici"), la varietà, la quantità, la
qualità.
Post by Luigi
Chi, come e perché stabilisce il prezzo di vendita?
Il mercato (domanda ed offerta).
GD
Giampaolo Natali
2018-10-02 14:11:49 UTC
Permalink
Post by Luigi
Produrre 1000 bottiglie di un vino piuttosto che di un altro che
differnze sostanziali di costo può avere?
In teoria nessuna, ma soltanto in teoria.

Se acquisti uva di una zona non adatta pe rla vinificazione la paghi poco,
prova ad acquistare lo stesso quantitativo di uva nella zona del Brunello.
La differenza la impari al volo.
Post by Luigi
Parlo di vino di buona qualità senza lavorazioni particolari e/o lunghi
invecchiamenti.
Che differenza di costi di produzione ci possono essere tra un vino da
10 euro a bottiglia e uno da 50?
Anche qui teoricamnete nessuna.
Post by Luigi
Chi, come e perché stabilisce il prezzo di vendita?
Il mercato, come sempre o ................quasi
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Mardot
2018-10-02 14:32:20 UTC
Permalink
Post by Luigi
Produrre 1000 bottiglie di un vino piuttosto che di un altro che
differnze sostanziali di costo può avere?
Parlando del ciclo integrale (perche' di chi compra uva e fa vino non ci
interessiamo):

Resa del vitigno
A parita' di piante di vite, ci sono piante che producono il doppio o la
meta' di altre.

Resa del terreno
Lo stesso vitigno, piantato in una zona piuttosto che in un'altra zona
cambia la resa della produzione.

Costo della lavorazione
Una vigna in forte pendenza si lavora peggio (piu' ore) che una vigna in
piano o quasi.

Struttura dell'azienda (mezzi, attrezzarure, persone, servizi, esterni,
ecc...)
Ci sono aziende a conduzione famigliare o quasi, altre quasi piu'
assimilabili alle industrie (e su questo punto si apre un mondo)

Quanto sopra, e non solo, fa parte dell'IFP (ingegneria dei fattori
produttivi), poi c'è la logica del prezzo, che dipende dalla natura del
bene. In questo caso, il vino, non segue la logica del
ricavo=costo+margine, entrano in ballo altre teorie, di cui parlaremo
nelle prossime puntate.
Xÿmox
2018-10-02 14:47:12 UTC
Permalink
Post by Mardot
Ci sono aziende a conduzione famigliare
è un mondo che conosco pochissimo, non bevo vino se non occasionalmente,
quel poco è solo perchè ho un amico che produce vino, dall'A alla Z,
il suo procedimento, che me lo ha spiegato per bene, anche se l'ho
capito fino ad un certo punto, è più complesso di quello che fanno le
normali cantine, per tutti i vini che produce (4 tipi)
Esempio nel suo lambrusco fa la fermentazione in bottiglia, in realtà è
una seconda fermentazione, ma è sicuramente più laborioso che fare il
classico lambrusco
Ecco perchè una sua bottiglia se non ricordo male costa sui 6 euro

Poi c'è anche il discorso certificazione BIO o ancora più "estrema" la
certificazione BIODINAMICA, che per ottenerla ci vuole obbligatoriamente
anche quella BIO
Qui sono spese, il mio amico sta lavorando per ottenere anche la
certificazione BIODINAMICA.
Albus Dumbledore
2018-10-02 14:53:56 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
Qui sono spese, il mio amico sta lavorando per ottenere anche la
certificazione BIODINAMICA.
Digli di risparmiare i suoi soldi.
;-)
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Xÿmox
2018-10-02 14:56:07 UTC
Permalink
Post by Albus Dumbledore
Post by Xÿmox
Qui sono spese, il mio amico sta lavorando per ottenere anche la
certificazione BIODINAMICA.
Digli di risparmiare i suoi soldi.
;-)
Non so che dirti, anch'io sono un pò scettico sul discoso della
BIODINAMICA, male non fa di certo, ma ci vedo un pò troppo di esoterismo
e inoltre devi dare una % del fatturato all'ente certificatore che è
Demeter.

Personalmente mi fermerei al BIOLOGICO.

ciao
Albus Dumbledore
2018-10-02 14:59:33 UTC
Permalink
Post by Albus Dumbledore
Post by Xÿmox
Qui sono spese, il mio amico sta lavorando per ottenere anche la
certificazione BIODINAMICA.
Digli di risparmiare i suoi soldi.
;-)
Non so che dirti, anch'io sono un pò scettico sul discoso della BIODINAMICA,
male non fa di certo,
Be', far tutte quelle cose inutili e prive di senso, che sprecano tempo
e soldi, fa male, altro che.
;-)
ma ci vedo un pò troppo di esoterismo
E' solo quello, senza un minimo di base non dico scientifica, ma anche
solo logica.
e inoltre devi
dare una % del fatturato all'ente certificatore che è Demeter.
Ah, pero'...
:-O
Personalmente mi fermerei al BIOLOGICO.
O anche prima.
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Xÿmox
2018-10-03 06:34:48 UTC
Permalink
Post by Albus Dumbledore
Post by Xÿmox
Personalmente mi fermerei al BIOLOGICO.
O anche prima.
il biologico è sempre più cercato, avere una certificazione può
significare ampliare il proprio bacino di clienti

io se fossi un agricoltore la farei
f***@yahoo.it
2018-10-03 09:48:50 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
BIODINAMICA, male non fa di certo, ma ci vedo un pò troppo di esoterismo
non fate di tutta l'erba un fascio,
c'e' gente/terreni che hanno trovato giovamento da questo sistema

sara' esoterismo per gli umani, ma le piante . . . ?

pe:
macerato d'ortica, in francia ad un certo punto,
dietro la pressione della boier/miosanto fu messa
fuorilegge, adesso non so' se reintegrata


felicepago

geber
.
Claudio
2018-10-02 15:26:09 UTC
Permalink
Post by Albus Dumbledore
Post by Xÿmox
Qui sono spese, il mio amico sta lavorando per ottenere anche la
certificazione BIODINAMICA.
Digli di risparmiare i suoi soldi.
;-)
Concordo :-D
A parte che il biodinamico, per dirla alla Fantozzi, è una cagata
pazzesca. Ma a meno di non lavorare con catene e avere estensioni i
certificati non servono a niente se non a spendere. Tutta la burocrazia
è a solo vantaggio dei grossi produttori.
Fare un buon prodotto seguendo il bio e poi trovarsi i clienti diretti
che ti danno fiducia (e non tradirli) è l'unico sistema per fare utili
in agricoltura.
Xÿmox
2018-10-03 06:32:49 UTC
Permalink
Post by Claudio
Fare un buon prodotto seguendo il bio e poi trovarsi i clienti diretti
che ti danno fiducia (e non tradirli) è l'unico sistema per fare utili
in agricoltura.
concordo, ma qui la certificazione ha il suo perchè

o conosci perfettamente la persona e come lavora la proprio vigna,
oppure è una certificazione BIO che ti garantisce qualcosa, altrimenti
si va sulla fiducia ma con i suoi rischi

questo per dirti che alla certificazione BIO ci credo, e non solo per il
vino ovviamente, ma per l'agricoltura in generale, a quella BIODINAMICA no
Claudio
2018-10-03 18:53:19 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
questo per dirti che alla certificazione BIO ci credo, e non solo per il
vino ovviamente, ma per l'agricoltura in generale,
Con la Bio non ho avuto a che fare ma con le varie certificazioni di
qualità aziendali si....sostanzialmente è carta che lascia il tempo che
trova, non ho mai visto un consulente che paghi te rifiutarti la
certificazione. Se qualcosa non va si rimanda l'ispezione.
Ops
2018-10-04 09:01:10 UTC
Permalink
Post by Claudio
Con la Bio non ho avuto a che fare ma con le varie certificazioni di
qualità aziendali si....sostanzialmente è carta che lascia il tempo che
trova, non ho mai visto un consulente che paghi te rifiutarti la
certificazione. Se qualcosa non va si rimanda l'ispezione.
Vero, ma fino ad un certo punto.
E' molta carta, non sono così rigidi nei requisiti e come dici giustamente di gabole se ne trovano di tutti i tipi (rimandare ispezioni, cocentrarsi su ambiti "favorevoli", ecc ecc), però un pregio ce l'hanno: portano l'azienda, o perlomeno parte dell'azienda, a pensare in ottica di rispetto di quei requisiti.

Facendo un paragone, mi viene in mente quando ho fatto il corso di scuola guida: sapevo già guidare, però mi ha dato molte dritte sia per passare l'esame (e vabbeh, quelle me le sono dimenticate) sia per saper gestire per bene l'auto nel contesto giornaliero interagendo con tutto quel che ci sta intorno. Insomma ho imparato davvero qualcosa di utile.
poi si in quel caso l'esame è serio, ma il test scritto è anche molto mnemonico e a mio avviso ha valenza comunque limitata.
Elwood
2018-10-03 15:02:24 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
Poi c'è anche il discorso certificazione BIO o ancora più "estrema" la
certificazione BIODINAMICA, che per ottenerla ci vuole obbligatoriamente
anche quella BIO
Qui sono spese, il mio amico sta lavorando per ottenere anche la
certificazione BIODINAMICA.
Io farei notare che la biodinamica è una buffonata. E consiglierei di non perseguire la certificazione. Se di amico si tratta :)
--
Elwood (Peter S.)
Xÿmox
2018-10-03 15:08:57 UTC
Permalink
Post by Elwood
Io farei notare che la biodinamica è una buffonata. E consiglierei di non perseguire la certificazione. Se di amico si tratta :)
è un amico d'infanzia e produce vino da 20 anni.

Come potrei dirgli una cosa simile, io che sono "inesperto"?

Quando me ne ha parlato la prima volta sono andato a leggere qualcosa a
riguardo in internet e ho avuto la sensazione che fosse effettivamente
una cosa campata in aria, ho provato a porgli qualche domanda un pò
"critica", ma era troppo convinto della cosa, ho desistito e non ci
provo più.
adamski
2018-10-03 15:34:40 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
Post by Elwood
Io farei notare che la biodinamica è una buffonata. E consiglierei di
non perseguire la certificazione. Se di amico si tratta :)
è un amico d'infanzia e produce vino da 20 anni.
A maggior ragione
Elwood
2018-10-03 19:14:23 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
è un amico d'infanzia e produce vino da 20 anni.
Come potrei dirgli una cosa simile, io che sono "inesperto"?
Oddio, sai cosa? Forse in effetti gli converrebbe in termini di vendite, penso ci sia (purtroppo) mercato :)

Come non detto :)
--
Elwood (Peter S.)
Xÿmox
2018-10-04 07:04:31 UTC
Permalink
Post by Elwood
Post by Xÿmox
è un amico d'infanzia e produce vino da 20 anni.
Come potrei dirgli una cosa simile, io che sono "inesperto"?
Oddio, sai cosa? Forse in effetti gli converrebbe in termini di vendite, penso ci sia (purtroppo) mercato :)
Come non detto :)
infatti mi diceva che la certificazione Biodinamica è riconosciuta in
tutto il mondo, lui vende anche all'estero.

In questo devo ammettere che ha di pro l'ente certificatore, che è solo
uno per tutto il mondo, DEMETER

Mentre per quella Biologica ce ne sono tantissimi che tra l'altro mi
hanno riferito che non lavorano in modo uguale.
Claudio
2018-10-02 14:45:26 UTC
Permalink
Post by Luigi
Chi, come e perché stabilisce il prezzo di vendita?
Il mercato e il marketing fanno il 90% del prezzo .....poi tra produrre
in un posto o in un altro qualcosina cambia, ma non grosse cifre.
Xÿmox
2018-10-02 14:49:25 UTC
Permalink
poi tra produrre in un posto o in un altro qualcosina cambia, ma non
grosse cifre.
sicuro?

da fare un vino dalle nosrte parti (emilia) e farlo nelle Langhe credo
cambi parecchio, così come il prezzo della terra.

sono nubbio nel campo del vino, parlo per sentito dire è per questo che
ti chiedo se ne sei sicuro

ciao
Claudio
2018-10-02 15:22:16 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
da fare un vino dalle nosrte parti (emilia) e farlo nelle Langhe credo
cambi parecchio, così come il prezzo della terra.
Il prezzo della terra è sempre una questione di mercato. ed è tanto più
alto quanto più alto è il prezzo del vino che vi si produce.

La produttività della vite cambia ma il tempo uomo da dedicargli è
pressoche lo stesso e il grosso dei costi industriali sono il lavoro e
l'energia.
In altre parole se fai vino su un terreno di tuo nonno (quindi non
considerando l'investimento iniziale) la differenza di fatica non è 1 a
10 tra l'emilia e le colline delle langhe o di Montalcino.
Ghost Dog
2018-10-02 15:31:16 UTC
Permalink
Post by Claudio
Post by Xÿmox
da fare un vino dalle nosrte parti (emilia) e farlo nelle Langhe credo
cambi parecchio, così come il prezzo della terra.
Il prezzo della terra è sempre una questione di mercato. ed è tanto più
alto quanto più alto è il prezzo del vino che vi si produce.
 La produttività della vite cambia ma il tempo uomo da dedicargli è
pressoche lo stesso e il grosso dei costi industriali sono il lavoro e
l'energia.
In altre parole se fai vino su un terreno di tuo nonno (quindi non
considerando l'investimento iniziale) la differenza di fatica non è 1 a
10 tra l'emilia e le colline delle langhe o di Montalcino.
Eh si, perchè vendemmiare con una vendemmiatrice che affitti con il
terzista che la manovra costa come vendemmiare a mano, in un vigneto a
forte pendenza, magari solo parzialmente trattorabile.
idem per i costi di lavorazione e manutenzione della vigna, e di
stoccaggio e trasporto a centro logistico di distribuzione.
Per favore, dai, le condizoioni locali incidno molto.
Poi se vuoi sostenere che il costo del vino travalica il costo di
produzione ti do ragione, ma non si può fare di tutta un'erba un fascio.
Aggiungo una ultima cosa: se consideri il rischio di impresa (se
grandina non raccogli, se gela al momento sbagliato non raccogli, se
piove troppo raccogli poco o raccogli poco buono) ti rendi conto che una
bottiglia di vino, comprensivo di costi di produzione, IVA, tasse sul
guadagno e trasporto, a 6 euro è regalata.
E la cosa tragica è che a 6 euro il consumatore medio pretende ed
ottiene già della qualità.
GD
Claudio
2018-10-02 16:01:44 UTC
Permalink
Post by Ghost Dog
Poi se vuoi sostenere che il costo del vino travalica il costo di
produzione ti do ragione, ma non si può fare di tutta un'erba un fascio.
Se preferisci metterla così, mettila così. :-)

Rimane il fatto che a far passare da 0,5€/l a svariate decine di e/l
non è la posizione ma fattori legati al mercato.
Ghost Dog
2018-10-03 07:44:54 UTC
Permalink
Post by Ghost Dog
Poi se vuoi sostenere che il costo del vino travalica il costo di
produzione ti do ragione, ma non si può fare di tutta un'erba un fascio.
Se preferisci metterla così, mettila così.  :-)
Rimane il fatto che a far passare da 0,5€/l  a svariate decine di e/l
non è la posizione ma fattori legati al mercato.
Se parliamo di vini europei, la stortura non è il vino a svariate decine
di €/l, ma quello a 0,5 €/l
DGE
2018-10-03 07:52:26 UTC
Permalink
Post by Ghost Dog
Post by Ghost Dog
Poi se vuoi sostenere che il costo del vino travalica il costo di
produzione ti do ragione, ma non si può fare di tutta un'erba un fascio.
Se preferisci metterla così, mettila così.  :-)
Rimane il fatto che a far passare da 0,5€/l  a svariate decine di e/l
non è la posizione ma fattori legati al mercato.
Se parliamo di vini europei, la stortura non è il vino a svariate decine
di €/l, ma quello a 0,5 €/l
E ANCHE che molte volte in offerta sulle enoteche online lo trovi a meno
(consegnato a casa gratis con 100 euro di spesa o meno), che andarlo a
prendere in cantina a po km da casa
DGE
f***@yahoo.it
2018-10-03 09:39:44 UTC
Permalink
Post by Ghost Dog
Se parliamo di vini europei, la stortura non è il vino a svariate decine
di €/l, ma quello a 0,5 €/l
scusate dove lo vedete il vino a 0.5 E/l ?
manco il cartone da 5L all'eurospin sta' a quel prezzo.

ah ecco parlate di prezzo al commerciante,
grosso commerciante -> gdo


felicepago

albana
.
f***@yahoo.it
2018-10-03 09:42:20 UTC
Permalink
Post by Claudio
Post by Ghost Dog
Poi se vuoi sostenere che il costo del vino travalica il costo di
produzione ti do ragione, ma non si può fare di tutta un'erba un fascio.
Se preferisci metterla così, mettila così. :-)
Rimane il fatto che a far passare da 0,5€/l a svariate decine di e/l
non è la posizione ma fattori legati al mercato.
quando si arriva a queste affermazioni, sistematicamente
il mio pensiero va' alla sasso caio, che il giorno dopo
che usci' un articolo su nyt, forse, il suo prezzo passo da
10.000 a 100.000 lire la bottiglia

e non si tratta manco di annata diversa :)


felicepago

diogene
.
Ghost Dog
2018-10-03 09:44:25 UTC
Permalink
Post by f***@yahoo.it
Post by Claudio
Post by Ghost Dog
Poi se vuoi sostenere che il costo del vino travalica il costo di
produzione ti do ragione, ma non si può fare di tutta un'erba un fascio.
Se preferisci metterla così, mettila così. :-)
Rimane il fatto che a far passare da 0,5€/l a svariate decine di e/l
non è la posizione ma fattori legati al mercato.
quando si arriva a queste affermazioni, sistematicamente
il mio pensiero va' alla sasso caio, che il giorno dopo
che usci' un articolo su nyt, forse, il suo prezzo passo da
10.000 a 100.000 lire la bottiglia
e non si tratta manco di annata diversa :)
successe perchè, probabilmente, quel giorno decine di importatori
chiamarono per averne da vendere.
Domanda e offerta.
GD
Claudio
2018-10-03 18:45:35 UTC
Permalink
Post by f***@yahoo.it
quando si arriva a queste affermazioni, sistematicamente
il mio pensiero va' alla sasso caio, che il giorno dopo
che usci' un articolo su nyt, forse, il suo prezzo passo da
10.000 a 100.000 lire la bottiglia
e non si tratta manco di annata diversa:)
Esiste un bel documentario di una decina di anni fa (Mondovino) che
spiega quanto apparire su certe testate e prendere certi enologi faccia
lievitare il prezzo. :-)
PMF
2018-10-03 09:32:16 UTC
Permalink
Post by Xÿmox
poi tra produrre in un posto o in un altro qualcosina cambia, ma non
grosse cifre.
sicuro?
da fare un vino dalle nosrte parti (emilia) e farlo nelle Langhe credo cambi
parecchio, così come il prezzo della terra.
sono nubbio nel campo del vino, parlo per sentito dire è per questo che ti
chiedo se ne sei sicuro
E' così.
Parti, come ti hanno detto, dalla materia prima: la vendemmia del glera
è stata così abbondante, che le cantine non ritirano più il vino per fare
prosecco.
Su subito.it hanno messo in vendita alcuni quintali di uva per prosecco a
0,60€/kg. Dall'altra parte ci sono uve che superano i 5€/kg. Di
conseguenza, processi di produzione più raffinati e attenti, per ottenere
vini di pregio, che spunteranno prezzi moooolto più elevati sul mercato

Paolo
Ludwig
2018-10-03 12:29:56 UTC
Permalink
Post by PMF
Post by Xÿmox
poi tra produrre in un posto o in un altro qualcosina cambia, ma non
grosse cifre.
sicuro?
da fare un vino dalle nosrte parti (emilia) e farlo nelle Langhe credo
cambi parecchio, così come il prezzo della terra.
sono nubbio nel campo del vino, parlo per sentito dire è per questo che ti
chiedo se ne sei sicuro
E' così.
Parti, come ti hanno detto, dalla materia prima: la vendemmia del glera è
stata così abbondante, che le cantine non ritirano più il vino per fare
prosecco.
Su subito.it hanno messo in vendita alcuni quintali di uva per prosecco a
0,60€/kg. Dall'altra parte ci sono uve che superano i 5€/kg. Di
conseguenza, processi di produzione più raffinati e attenti, per ottenere
vini di pregio, che spunteranno prezzi moooolto più elevati sul mercato
Paolo
Tieni conto che il prosecco ha una resa ettaro fino a 180q.li (x il
doc, x il docg 135q.li) mentre per esempio il sagrantino di Montefalco
va a 80q.li

Da qui una prima differenza di prezzo...

Cmq l'annuncio su subito.it era di un produttore di glera che era fuori
dalla zona doc o docg e quindi cercava di spacciare l'uva x quello che
non era.

Voleva vendere uva da prosecco doc ma era uva da vino da spina
frizzantino.

Bye, Ludwig.
Albus Dumbledore
2018-10-03 13:57:52 UTC
Permalink
Cmq l'annuncio su subito.it era di un produttore di glera che era fuori dalla
zona doc o docg e quindi cercava di spacciare l'uva x quello che non era.
Voleva vendere uva da prosecco doc ma era uva da vino da spina frizzantino.
Infatti, parlando col tipo di Villa Sandi, mi ha detto chiaramente che
raccogliere l'uva eccedente sarebbe venuto a costare troppo, per cui la
lasceranno sulle viti.
Quella che riusciranno a stoccare, bene; l'eccedenza, saluti.
--
Se negli header appare "Message-ID: <p....$...$***@dont-email.me>", sono
io. Altrimenti è un coglione che mi morpha.
Albus Dumbledore
Loading...